Home => Ambiente e natura => Vecchi siti geologici => Le tagghjate: itinerario turistico => ... pag. 13
PARLIAMO DEI VECCHI SITI GEOLOGICI PER CONSERVARNE LA MEMORIA
IL CONTESTO TERRITORIALE DELLE TAGGHJATE

IL COMPRENSORIO DI MONTE BELVEDERE-SANT'ELIA-MONTEDORO NEI COMUNI DI SAN GIORGIO JONICO, ROCCAFORZATA E FAGGIANO


(a cura di: Prof. G.nni Carafa)
Pagine: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14
I DINTORNI COMUNALI
LE MASSERIE
San Giovanni

Lungo l’asse viario per Taranto (ex SS. 7 Appia), a circa 2 km dal paese, in Contrada S. Giovanni è l’omonima antica masseria, ora trasformata in un confortevole e lussuoso Villaggio agrituristico. Qui i segni di un sistematico laborioso passato sono in ogniddove, e, in special modo nei superbi ambienti architettonici che contemperavano istanze economico-sociali con esigenze residenziali anche padronali. Non mancano vestigia di realtà ancor più in là nel tempo (fonte battesimale ipogea, forse paleocristiana).

La disponibilità dell’ex fattore potrà, ivi, dar ragione di quanto or ora affermato. Ancora una volta lasciamo spazio alla libera iniziativa di scoperta personale.

Montefusco

Tornando sulla ex SS.7., verso Taranto, e svoltando a sinistra, adiacentemente al vecchio acquedotto della Marina Militare, nell’entroterra è un'altra caratteristica presenza, la cosiddetta Tenuta Montefusco (dall’omonima ex masseria). Anche qui, il confort ricettivo si sposa con i segni di una passata permanenza padronale palesata nell’ampio e articolato vistoso architettonico.

Feudo

Facendo ritorno in paese e percorrendo la vecchia strada provinciale nr. 111 per Roccaforzata - a poco più di un centinaio di metri dall'ultimo caseggiato, proprio di fronte alla dismessa Stazione Radio MM (ora, struttura ristorativa) – v'è, ai piedi del Monte Belvedere, l'antica masseria Feudo (in gergo dialettale, “Fièvu”) – proprietà De Finis -. L’antico viale di accesso orlato d’oleandri apre all’immancabile aia antistante. Ad un’attenta osservazione il possibile strappato fugace di un cortese invito ad una visita esterna può rivelare qualche romantico particolare architettonico di gusto spagnoleggiante (archi, scalinate, loggiati) oggetto di ricorrenti scatti nuziali.

Il ricordo dei circostanti immensi dorati campi di grano che carezzavano il lieve ondulare campestre restano anche qui un nostalgico struggente recondito.

IL MONTE “BELVEDERE”

Dalla stradina che conduce alla dismessa Stazione radio della MM., ma anche dall'attiguo tratturo, è possibile, a piedi, raggiungere brevemente la sommità del Monte Belvedere (135 m.s.l.m.) (Foto nn. 80-81-82). Qui, pur nello scempio ambientale perpetrato, discariche abusive, presenza invasiva di complessi architettonico- industriali (leggasi, depositi AQP - Acquedotto Pugliese -), cave a tutto fronte, ecc., è ancora possibile, superato il pianoro – vero balcone naturale sul golfo di Taranto (Foto nr. 83) - e appena intrapreso il declivio ovest, godere di un’incantevole ampia veduta paesaggistica, ritmicamente variegata dal sostenuto geometrismo degli appezzamenti di colture stagionali (Foto nn. 84-85).

SP  111 per Roccaforzata, Ex Stazione Radio MM.
Foto nr. 80 - SP 111 per Roccaforzata, Ex Stazione Radio MM
SP 111 per Roccaforzata, tratturo per Monte Belvedere
Foto nr. 81 - SP 111 per Roccaforzata, tratturo per Monte Belvedere
SP 111 per Roccaforzata, Monte Belvedere, versante orientale
Foto nr. 82 - SP 111 per Roccaforzata, Monte Belvedere, versante orientale
Monte Belvedere, versante ovest, veduta del Golfo di Taranto, Mar Piccolo
Foto nr. 83 - Monte Belvedere, versante ovest, veduta del Golfo di Taranto, Mar Piccolo
Monte Belvedere, versante ovest, veduta della piana di Taranto
Foto nr. 84 - Monte Belvedere, versante ovest, veduta della piana di Taranto
Monte Belvedere, versante ovest, Taranto all'orizzonte
Foto nr. 85 - Monte Belvedere, versante ovest, Taranto all'orizzonte

Sul pianoro gli antichi mandorleti e ficheti, i muretti a secco e le sparute coltivazioni domestiche lasciano ora spazio all’incuria di un’economia dimenticata perché non più confacente alle esigenze dell’uomo moderno. Ciò nonostante, è ancora possibile rinvenire parte dell’antico tratturo che dalla vicina Roccaforzata attraversando l’intero solingo Belvedere e costeggiandolo gradatamente in discesa guadagnava la scorciatoia verso il vicino capoluogo.

E’ proprio in questo versante ovest del Monte, che, giù, a valle, lungo la strada provinciale nr. 109 per Pulsano, scorgiamo la vera ragione d’essere della presente, le Tagghjàte (Foto nr. 86).

Le Tagghjate, paesaggio interno, Mura di Tebe
Foto nr. 86 - Le Tagghjate, paesaggio interno, Mura di Tebe

E allora, parliamone pure, presentiamole, viviamole.

LE TAGGHJATE

Rimando qui l'illustrazione alla dettagliatissimo pagina online: Le tagghjate: proposta di progetto di intervento di valorizzazione-promozione turistica del bene culturale e ambientale.

Pagine: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14
Se desideri essere aggiornato e saperne di più sulle tagghjate, leggi anche gli articoli:
Trovapiante