Home => Piante e fiori => Piante d'appartamento e da giardino => Begonia cura e fioritura
COME COLTIVARE E CURARE LE NOSTRE PIANTE

Begonia: cura e fioritura

Consigli su come coltivare la nostra pianta di begonia e come mantenerla fiorita sia in casa che in giardino.

Begonia guida alla coltivazione
B. elatior
CONTENUTI DELL'ARTICOLO
CLASSIFICAZIONE BOTANICA E DIFFUSIONE DELLE BEGONIE NEL MONDO

Il genere Begonia appartiene alla grande famiglia delle Begoniaceae e all'ordine delle Cucurbitales. La famiglia è formata da circa 900 specie annuali e perenni, erbacee, arbustive o rampicanti comprese alcune piante grasse. Oltre a queste c'è da aggiungere una grandissima quantità di ibridi e cultivars.
Sono diffuse nelle regioni tropicali e subtropicali tra 15° Nord e 15° Sud rispetto all'equatore.

CONSIGLI PRATICI PER LA CURA DELLA BEGONIA

Il genere Begonia viene suddiviso in tre grandi categorie, a seconda del tipo di radice, importante per sapere la tecnica di coltivazione più idonea da adottare. Vediamole:

  1. Begonia con radice rizomatosa;
  2. Begonia con radice tuberosa;
  3. Begonia con radice fascicolata.

La begonia con radice rizomatosa è sempreverde e al posto delle radici ha un rizoma (fusto sotterraneo che funziona come organo di riserva) dal quale parte un fusto strisciante con foglie di vari colori e fiori poco vistosi. Ritroviamo in questo gruppo: Begonia masoniana; Begonia rex; Begonia versicolor; Begonia elatior.
La temperatura ottimale di coltivazione per queste piante è intorno ai 15°C per tutti i periodi dell'anno. Hanno bisogno di una buona illuminazione ma mai devono prendere sole diretto. Durante il periodo invernale le temperature non devono scendere al di sotto dei 13°C.
Le begonie rizomatose si moltiplicano utilizzando porzioni di foglie.

La begonia con radice tuberosa al posto della normale radice ha un tubero nerastro la cui funzione è quella di immagazzinare acqua e sostanze nutritive durante il periodo invernale di dormienza della pianta. Sono per lo più piante annuali (con alcuni casi di piante perenni) con fiori molto grandi e molto colorati, semplici o doppi.
In questo gruppo ritroviamo le specie: Begonia clarkei; Begonia pearcei; Begonia socotrana; Begonia pendula.
Hanno necessità di molta luce ma mai sole diretto. Quando le foglie iniziano a cadere e la pianta si spoglia, in autunno/inverno, il tubero può essere lasciato in un vaso asciutto oppure può essere tolto dal vaso e conservato in un luogo fresco e asciutto a circa 10°C, al buio, sotto uno strato di torba o sabbia. In primavera il tubero si mette a dimora in un terreno formato da torba e terra d'erica (in modo da essere leggermente acido) e si pianta con la parte concava rivolta verso l'alto in modo da lasciare scoperte le gemme. Questa tecnica si usa anche per moltiplicare la pianta (divisione dei tuberi).

Semina di un tubero di begonia

La temperatura deve essere di almeno 15 °C.
I vasi si tengono al buio per qualche giorno dopo di che si portano gradatamente alla luce, fino ad arrivare alla luce intensa (ma mai sole diretto). Una volta che nascono i primi germogli, le piantine si travasano in vasi con terriccio torboso. In questo modo fioriranno a fine giugno fino a settembre.

Le begonie con radice fascicolata sono sempreverdi e le loro radici sono fascicolate o affastellate. Alcune sono arbustive altre sono striscianti con un portamento erbaceo. Tutte producono fiori a pannocchia. Abbiamo le specie: Begonia metallica; Begonia semperflorens.
Hanno necessità di temperature intorno ai 15°C tutto l'anno e non meno di 10°C. Necessitano di luce intensa ma non sole diretto. Amano l'aria fresca. Hanno bisogno d'avere umidità intorno a loro per cui riponete il vaso su uno strato di ghiaia dove sarà sempre dell'acqua e nebulizzate la pianta senza bagnare i fiori che altrimenti potrebbero macchiarsi.
Si moltiplicano per seme.

PRINCIPALI SPECIE DI BEGONIA

Vediamo adesso le caratteristiche delle specie che abbiamo riportato nel paragrafo precedente tutte importanti come piante ornamentali e quindi importanti economicamente.

Begonia semperflorens

Le caratteristiche della Begonia semperflorens (foto sotto) sono:

Begonia semperflorens
Begonia elatior

Le caratteristiche della Begonia semperflorens (foto sotto) sono:

Begonia elatior
Begonia rex

Le caratteristiche della Begonia rex (foto sotto), la più coltivata e conosciuta sono:

Begonia rex
Begonia rex
Begonia versicolor

La Begonia versicolor ha le seguenti caratteristiche:

Begonia versicolor
Begonia metallica

Le caratteristiche della Begonia metallica sono:

Begonia metallica
Begonia pendula

Le particolarità della Begonia pendula sono:

Begonia metallica
Nota 1
Begonia masoniana

Le caratteristiche della Begonia masoniana sono:

LA FIORITURA DELLA BEGONIA

Per sapere l'epoca di fioritura occorre vedere le singole specie riportate più sopra perchè le epoche sono diverse.
Una caratteristica comune è che sono piante monoiche cioè i fiori femminili e i fiori maschili sono sulla stessa pianta ma sono diversi tra loro:

COME E QUANDO CONCIMARE LA BEGONIA

Per tutti i tipi di begonia la concimazione è una pratica molto importante che deve essere eseguita con attenzione.
Per le tre tipologie di begonia, valgono le stesse regole per quanto riguarda la frequenza delle concimazioni:

Quindi quando comprate un concime accertatevi che nella sua composizione contenga oltre azoto (N), fosforo (P) e potassio (K) e che tra questi il potassio sia in maggiore quantità, abbia anche ferro (Fe), manganese (Mn), rame (Cu), zinco (Zn), boro (B), molibdeno (Mo), microelementi necessari in minima quantità, ma pur sempre molto importanti.

PARASSITI E MALATTIE CHE POSSONO DANNEGGIARE LA BEGONIA

La Begonia non è una pianta facilmente soggetta all'attacco dei parassiti. In genere le malattie sono dovute a cattive tecniche di coltivazione, soprattutto un eccesso di acqua, le concimazioni non adeguate così come l'esposizione.
I funghi quali il mal bianco e la muffa grigia sono dovuti alle eccessive annaffiature perchè con una vegetazione troppo fitta si crea facilmente un microclima troppo umido se si eccede con le irrigazioni. Entrambe le malattie vanno prevenute consentendo una buona circolazione dell'aria tra le foglie e non eccedendo con le annaffiature.
Un altro aspetto è la bruciature delle foglie dovuta a esposizione ai raggi diretti del sole. Inoltre, afidi e acari possono colpire la pianta soprattutto le giovani foglie più tenere e i boccioli o i fiori appena sbocciati.

SIGNIFICATO DEL FIORE DI BEGONIA

Regalare una begonia significa cordialità e ospitalità. Nell'America meridionale invece la associano alla ricchezza.
Nell'ottocento aveva invece un significato negativo in quanto associata all'ipocrisia.

NOTIZIE CURIOSE

Il nome Begonia è stato dato da Charles Plumier un frate francescano che ha introdotto per primo la pianta in Europa, in onore di Michel Begon, governatore delle Antille.
Diversi studi attestano che la begonia purifichi l'ambiente nel quale si trova.

Note
1. Immagine concessa sotto licenza e Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0 Unported.
Trovapiante