Home => Piante e fiori => Piante d'appartamento e da giardino => Gynura
COME COLTIVARE E CURARE LE NOSTRE PIANTE
GYNURA
Gynura, scheda di coltivazione

Le Gynura sono delle piccole piante molto apprezzate per la bellezza delle loro foglie vellutate.

CLASSIFICAZIONE BOTANICA


Regno
:
Plantae

Clado
: Angiosperme
Clado
: Eudicotiledoni
Clado
: Asteride
Ordine
:
Asterales

Famiglia
:
Asteraceae (Compositae)

Tribu
:
Helenieae

Subfamiglia
:
Asteroideae

Genere
:
Gynura

Specie
: vedere il paragrafo «Principali specie»
CARATTERISTICHE GENERALI

Il genere Gynura della famiglia delle Asteraceae comprende piante sempreverdi, originarie delle zone tropicali dell'Africa e dell'Asia, diffuse e coltivate per adornare le case in quanto molto decorative e facili da allevare.

Sono piante caratterizzate da foglie vellutate ricoperte da una leggera peluria rossastra che in contrasto con il colore verde delle foglie conferisce alla foglia un colore violetto. A seconda della specie di Gynura possono avere portamento eretto oppure ricadente e quindi adatte a essere allevate in cesti sospesi oppure rampicanti.

Producono dei piccoli fiori arancioni o gialli molto poco decorativi e di odore non gradevole riuniti in infiorescenze all'apice dei rami.

PRINCIPALI SPECIE


Nel genere Gynura ritroviamo una cinquantina di specie ma quelle maggiormente utilizzate a scopo ornamentale sono le seguenti.
GYNURA AURANTIACA (GYNURA SARMENTOSA)

La Gynura aurantiaca è una pianta originaria dell'India e dell'Africa occidentale ed è caratterizzata da lunghi fusti striscianti che le conferiscono un portamento espanso. Le foglie sono carnose con i margini lievemente dentellati, di colore verde intenso e tutta la pianta è ricoperta da una peluria rossastra.

Gynura aurantiaca o Gynura sarmentosa

Fiorisce all'inizio della primavera producendo numerosi fiori simili alle margherite ma che si consiglia di eliminare in quanto poco appariscenti e farebbero deperire troppo la pianta conferendogli un aspetto sgraziato.

Può essere allevata sia come pianta rampicante che in panieri sospesi.

Molto diffusa è la cultivar G. aurantiaca ‘Purple Passion’ (sinonimo della G. sarmetosa) rampicante o strisciante con steli di colore rosso ricoperti da peluria e foglie lanceolate densamente ricoperte da peli di colore rosso porpora nella pagina inferiore, più leggermente in quella superiore.

GYNURA BICOLOR

La Gynura bicolor è originaria dell'Indonesia. Le foglie sono lanceolate di colore verde nella pagina superiore della foglia e rosso nella pagina inferiore. I fiori sono di colore aranciato.

Gynura bicolor

La pianta è molto popolare nella cucina vegetariana di Taiwan. Si usano le foglie tenere e i germogli consumati bolliti o saltati in padella o aggiunti agli stufati e alle zuppe. Così come le radici sono usate bollite per fare il tè.

TECNICA COLTURALE

Le Gynura sono piante molto facili da coltivare.

E' una pianta che ama la luce ma è da evitare l'esposizione alla luce diretta del sole soprattutto nelle ore più calde della giornata.

Le temperature ideali di coltivazione sono intorno ai 18-21°C e non devono scendere al di sotto dei 10°C.

Nell'allevare la pianta di Gynura occorre tenere presente che durante il periodo autunno - invernale la pianta entra in riposo vegetativo per cui tutte le attività sono sospese.

ANNAFFIATURA

Le Gynura sono piante che richiedono molta acqua pertanto durante il periodo estivo va annaffiata con grande generosità mentre durante l'autunno e l'inverno si annaffia giusto il tanto da non fare seccare il terriccio.

Amano gli ambienti umidi pertanto è opportuno nebulizzare le foglie, preferibilmente la mattina presto, perchè se si aspetta che il sole diventi troppo caldo si potrebbero formare delle piccole vesciche scure.

TIPO DI TERRENO - RINVASO

La Gynura si rinvasa ogni due anni in primavera usando un substrato formato da terra fertile, torba, terriccio di foglie ben decomposte e sabbia grossolana per favorire il drenaggio dell'acqua di irrigazione.

CONCIMAZIONE

Durante tutto il periodo primaverile - estivo si somministra all'acqua di irrigazione della pianta un buon concime liquido ogni 3-4 settimane. Durante gli periodi dell'anno le concimazioni vanno sospese.

FIORITURA

All'inizio della primavera la pianta fiorisce producendo dei piccoli fiori di colore giallo-aranciato e del tutto insignificanti che si consiglia di togliere non appena si formano sia per non far sprecare inutili energie alla pianta sia perchè hanno un odore poco gradevole.

POTATURA

La potatura della Gynura si rende necessaria quando la pianta cresce in maniera disordinata. In questo caso in primavera, prima della ripresa vegetativa, le si da una forma più compatta con una buona potatura.

MOLTIPLICAZIONE

La moltiplicazione della pianta di Gynura avviene per talea.

MOLTIPLICAZIONE PER TALEA

In primavera (aprile) si prelevano delle talee lunghe circa 8-12 cm dall'apice dei fusti più robusti. La talea si taglia immediatamente sotto un nodo e si eliminano le foglie poste più in basso.Il taglio va fatto con una lametta o con un coltello affilato per evitare di sfilacciare i tessuti e dopo aver pulito e disinfettato (preferibilmente alla fiamma) per bene gli attrezzi per evitare che possano di infettare i tessuti.

Moltiplicazione per talea: taglio della talea sotto il nodo
Moltiplicazione per talea - eliminazione foglie 
poste più  in basso
Moltiplicazione per talea: fare dei buchi nel terreno per la sistemazione delle talee
Moltiplicazione per talea: busta messa a cappuccio nel vaso per mantenere una temperatura costante e evitare l'eccessiva perdita di umidità

Le talee così preparate si piantano in un miscuglio di torba e sabbia in parti uguali e si chiude il tutto con un foglio di plastica trasparente (vedere foto al lato). Questo accorgimento consente al terreno di non seccarsi troppo rapidamente e contemporaneamente mantenere una temperatura costante.

Per evitare che la plastica entri a contatto con le parti verdi della talea, sistemate dei bastoncini di legno dove appoggerete la plastica.

Collocate il vaso in una zona della casa dove le temperature siano intorno ai 18-21°C. Ogni giorno togliete la plastica sia per controllare l'umidità del terreno (deve essere sempre umido) sia per togliere la condensa che sicuramente si sarà formata sulla plastica. Una volta che iniziano a comparire i primi germogli vuol dire che la talea ha radicato. A questo punto potete trapiantare la talea nel vaso definitivo e trattare la nuova pianta come se fosse adulta.

PARASSITI E MALATTIE
Le foglie imbruniscono rapidamente

Questo sintomo indica che la pianta è stata lasciata senz'acqua.
Rimedi: provvedere di conseguenza.

Le foglie della pianta perdono il loro colore vivace

Questo sintomo è indice di una illuminazione insufficiente.
Rimedi: spostare subito la pianta in un luogo più luminoso ma non al sole diretto.

Piccoli insetti biancastri sulla pianta

Piccoli insetti mobili di colore bianco-giallastro sulla pianta sono sicuramente afidi comunemente conosciuti come pidocchi, i parassiti più comuni delle piante.

Afidi delle piante

Rimedi: occorre intervenire con insetticidi specifici facilmente reperibili nei centri specializzati in giardinaggio.

CURIOSITA'

Il nome Gynura deriva dal greco ghynè «femmina» e ourà «coda» per via degli stigmi molto allungati.

Trovapiante