Home => Piante e fiori => Piante d'appartamento e da giardino => Polianthes
COME COLTIVARE E CURARE LE NOSTRE PIANTE
POLIANTHES
Polianthes, scheda di coltivazione

La bellezza della Polianthes deriva dalla soavità dei suoi fiori, caratterizzati da una fragranza inconfondibile che riempie i giardini del suo ricco profumo, quasi inebriante.

CLASSIFICAZIONE BOTANICA


Regno
:
Plantae

Clado
: Angiosperme
Clado
: Monocotiledoni
Ordine
:
Asparagales

Famiglia
:
Agavaceae

Genere
:
Polianthes

Specie
:
Polianthes tuberosa
CARATTERISTICHE GENERALI
Il genere Polianthes appartenente alla famiglia delle Agavaceae comprende circa tredici specie ma quella più conosciuta e normalmente coltivata è la Polianthes tuberosa originaria del Messico.
polianthes, pianta

Si tratta di una pianta erbacea perenne, tuberosa, che raggiunge il metro di altezza, caratterizzata da foglie nastriformi che crescono alla base della pianta, arcuate verso l'esterno, di colore verde brillante e lunghe circa 30-60 cm e larghe 1 - 1,5 cm.

I fiori sono imbutiformi, di colore bianco e raccolti in infiorescenze a spiga la cui particolarità è il profumo dolce e intenso, che non ha eguali nel regno vegetale. Esiste una varietà a fiori semidoppi, la Polianthes tuberosa ‘The Pearl’ che produce circa venti fiori per spiga.

TECNICA COLTURALE

Le Polianthes non sono piante di difficile coltivazione e l'unico limite è rappresentato dalle temperature infatti possono essere allevate all'aperto solo nelle zone a clima mite diversamente, nelle regioni dove le temperature si mantengono basse, vanno allevate in luoghi riparati.

Alla fine della stagione di crescita, in autunno, quando le foglie iniziano a ingiallire e a seccarsi, tutti i tuberi vanno rimossi dal terreno (il tubero madre e i numerosi tuberi che si sono formati tutto intorno) in quanto da una parte il tubero madre non fiorirà più per cui se la coltivazione viene fatta per ottenere i fiori, non è opportuno ripiantarlo, gli altri vanno invece riposti all'asciutto a esempio nella torba o nella vermiculite e lasciati tranquilli per tutto l'inverno per essere poi trapiantati la primavera successiva.

La distanza tra bulbo e bulbo, lungo la fila quindi, deve essere intorno ai 15 cm mentre la distanza tra le file deve essere di circa 60 cm. A seconda della temperatura tra il momento dell'impianto e la fioritura passano dai 70 ai 100 giorni.

Sono piante che devono essere allevate in pieno sole.

Ogni tubero produce 2-3 fiori e una volta che ha fiorito può essere eliminato perchè non fiorirà una seconda volta.

ANNAFFIATURA

Durante tutto il periodo primaverile - estivo le Polianthes vanno annaffiate regolarmente con maggiore frequenza durante la fioritura mentre ntre durante gli altri periodi vanno sensibilmente ridotte, giusto il tanto da non fare seccare il terreno.

TIPO DI TERRENO - RINVASO

La Polianthes non è particolarmente esigente in fatto di terreno. Un buon terreno potrebbe essere formato da sostanza organica, terra da giardino e un po' di sabbia per favorire il drenaggio dell'acqua di annaffiatura in quanto non tollera i ristagni idrici.

CONCIMAZIONE

Durante il periodo di crescita (primavera-estate) somministrare con l'acqua di annaffiatura un concime liquido equamente bilanciato ogni due settimane.

POTATURA

Non parliamo per le Polianthes di vere potature ma semplicemente di eliminare le parti della pianta che via via si seccano per evitare che possano veicolare malattie parassitarie.

FIORITURA

Sono piante a fioritura estiva. E' opportuno raccogliere i fiori la mattina presto, recidendoli alla base e lasciando le foglie nella pianta. Questa pratica si rende necessaria in quanto la Polianthes deve completare il suo ciclo, cioè far maturare i nuovi tuberi che in genere vengono prelevati all'inizio della stagione avversa.

MOLTIPLICAZIONE

La moltiplicazione della Polianthes avviene per mezzo dei tuberi che si formano attorno al tubero principale che vanno asportati in autunno, quando le parti verdi iniziano a seccarsi per essere trapiantati in primavera.

PARASSITI E MALATTIE
Afidi sulla pianta

Se notate dei piccoli insetti mobili di colore bianco-giallastro-verdastri siete quasi sicuramente in presenza di afidi o come comunemente sono chiamati pidocchi.

Afidi delle piante

Rimedi: trattare la pianta con antiparassitari specifici facilmente reperibili da un buon vivaista. Si tratta in genere di prodotti sistemici, vale a dire che entrano nel circolo linfatico della pianta e quindi sono assorbiti durante la nutrizione degli insetti.

Foglie che iniziano a ingiallire, appaiono macchiettate di giallo e marrone

Se le foglie iniziano a ingiallire e successivamente a queste manifestazioni si accartocciano, assumono un aspetto quasi polverulento e cadono molto probabilmente in presenza di un attacco di ragnetto rosso, un acaro molto fastidioso. Osservando attentamente si notano anche delle sottili ragnatele soprattutto nella pagina inferiore delle foglie.

Acari delle piante

Rimedi: usare un prodotto acaricida facilmente reperibile da un buon vivaista.

CURIOSITA'

La Polianthes tuberosa è una specie che riveste un grande interesse economico in quanto molto coltivata per ottenere fiori recisi e per l'estrazione degli oli essenziali molto usati in tutto il mondo nell'industria dei profumi.

Le Polianthes sono state tra le prime piante importate dall'America in Europa dagli spagnoli e molto usate come piante ornamentali nei giardini.

In Messico sono piante diffusissime e sono chiamate Nardo e Vara de San José.

Il genere Polianthes fu descritto per la prima volta da Linneo nel 1737 nella sua Genera plantarum e lo stesso Linneo ci tramanda che il nome Polianthes deriva dal greco πόλις (polis) «città» e da ανθος (anthos) «fiore» cioè «fiore che fa ornamento delle città» perchè associava la bellezza del fiore e il suo soave profumo ai giardini delle città.

Trovapiante