Home => Piante e fiori => Piante d'appartamento e da giardino => Edera
COME COLTIVARE E CURARE LE NOSTRE PIANTE
EDERA

Edera coltivazione e cura
Chi non conosce l'edera alla quale sono legati tanti miti e tante leggende? E' quella che per tutti rappresenta la passione che spinge gli innamorati ad avvolgersi l'uno all'altra come fa l'edera sui tronchi degli alberi tanto che in India è considerata il simbolo della concupiscenza.
CLASSIFICAZIONE BOTANICA


Regno
:
Plantae

Clado
: Angiosperme
Clado
: Eudicotiledoni
Clado
: Asteride
Ordine
:
Apiales

Famiglia
:
Apiaceae

Genere
:
Hedera

Specie
: vedere il paragrafo «Principali specie»
CARATTERISTICHE GENERALI

Il genere Hedera della famiglia delle Apiaceae comprende numerose specie sempreverdi, rampicanti, molto apprezzate per il loro grande effetto decorativo. Sono piante che si ritrovano spontanee un po' ovunque nelle regioni a clima temperato, abbarbicate ai muretti, alle rocce, nelle facciate dei palazzi, sui tronchi degli alberi o semplicemente che corrono lungo il terreno formando un tappeto lucido e verde là dove l'erba non cresce perchè la luce è troppo scarsa.

Le piante di 'edera sono molto rustiche e di facile coltivazione resistenti alle più disparate condizioni pedoclimatiche cosa che le rende molto diffuse. Sono caratterizzate da fusti che producono numerosissime radici aeree avventizie che aderiscono senza difficoltà alle diverse superfici permettendo in questo modo alla pianta di poter vivere nei luoghi più disparati. Nella parte opposta del fusto dove si sviluppano le radici si formano le foglie, provviste di un lungo picciolo.

Fiori della pianta di edera

Alla sommità della pianta, in genere nelle zone più luminose, si formano invece dei rami sprovvisti di radici aree avventizie (che sono quelli che devono essere utilizzati quando si fanno delle talee), con foglie intere a margini ondulati sui quali si producono i fiori e quindi i frutti.

Le foglie possono avere forme e dimensioni diverse a seconda della specie e della varietà ma anche a seconda delle condizioni che vivono nella pianta. Nell'edera si parla infatti di dimorfismo fogliare in quanto le foglie che rimangono in ombra mantengono una forma lobata mentre quelle esposte alla luce o che si trovano sui rami fioriferi sono intere.

I fiori, riuniti in infiorescenze a ombrella, sono di colore giallino e i frutti, che ricordano dei piselli, sono delle bacche di colore viola scuro o nero, a volte giallo e raramente rossastri, carnosi e molti appetiti dagli uccelli.

In genere sono piante che vivono bene all'aperto ma esistono specie e varietà selezionate per adattarsi alla vita d'appartamento, allevate in cesti sospesi o ancorate a graticci o supporti di vario genere.

PRINCIPALI SPECIE

Esistono 15 specie nel genere Hedera ciascuna delle quali con numerose varietà tra le quali ricordiamo:

HEDERA HELIX

L'Hedera helix è la specie più diffusa ed è la comune edera che vediamo per le strade delle nostre città, a crescita molto rapida che può raggiungere i 30 m di altezza. E' caratterizzata da foglie di colore verde intenso, lucide spesso con macchie argentate lungo le nervature. I fiori maturano in autunno e le bacche maturano l'anno successivo la fioritura, verso aprile e maggio. Nell'edera infatti la fioritura e la fruttificazione si verificano in anni differenti.

Edera a foglie variegate, Hedera helix
Edera a foglie verdi, Hedera helix

La particolarità di questa specie è che sono stati creati una infinità di ibridi, adattati alle diverse situazioni pedoclimatiche, sia per vivere in interni che in esterni (casa o giardino) che differiscono tra loro per le dimensioni, la forma, il colore e la screziatura delle foglie.

HEDERA HIMALAICA O HEDERA NEPALENSIS

L'Hedera nepalensis o Hedera himalaica è una specie originaria del sud est asiatico che nei suoi luoghi di origine cresce tra i 1000-3000 m sul livello del mare. Sono piante che possono crescere fino a 30 m di altezza caratterizzate da foglie semplici non più lunghe di 15 cm di lunghezza e producono fiori di colore giallo.

Hedera nepalensis
Nota 1
HEDERA CANARIENSIS

L'Hedera canariensis è una specie originaria delle Canarie e del nord Africa ed è caratterizzata da foglie cuoiose, lobate con il colore che varia a seconda della stagione: d'estate assumono una colorazione verde intensa mentre durante il periodo invernale diventano un delizioso verde -bronzo con screziature chiare fino ad avere qualche foglia completamente bianca. E' una specie non particolarmente rustica in quanto non sopporta il gelo se non per brevissimi periodi e non ama i luoghi troppo caldi e non tollera il sole diretto. Inoltre le piante più giovani hanno difficoltà a ramificare e sono prive di radici aeree che crescono solo con la maturità della pianta, alla lignificazione del fusto.

In commercio esistono numerose varietà che si differenziano per il colore delle foglie e dei fusti. E' nota l'Hedera canariensis variegata con foglie screziate di bianco.

HEDERA COLCHICA

La specie Hedera colchica è una pianta originaria dell'Iran. Presenta foglie molto grandi, le più grandi del genere, lunghe fino a 25 cm e larghe fino a 20 cm, ovali, cuoriformi, di colore verde molto intenso. E' una specie molto vigorosa e rustica. In commercio esistono numerose varietà tra le quali ricordiamo: Hedera colchica dentata caratterizzata da foglie sottili con il margine dentato e di colore verde molto scuro sfumate di rosso; Hedera colchica variegata con foglie di colore verde chiaro e con i margini color crema.

HEDERA CRISOCARPA

La specie Hedera crisocarpa è caratterizzata da frutti di colore giallo oro. E' poco diffusa in Italia.

TECNICA COLTURALE EDERA

L'edera è una pianta molto facile da coltivare che non richiede accorgimenti particolari.

Le temperature ottimali di coltivazioni per il periodo estivo sono tra i 15-18°C mentre le minime invernali non dovrebbero scendere sotto i 7°C. In ogni caso se le temperature estive salgono oltre questi valori, occorre garantire alla pianta un ambiente umido.

Sono piante che richiedono una buona illuminazione anche se questo dipende molto dalle specie di edera: quelle a foglie di colore verde scuro sopportano anche gli ambienti più bui mentre quelle a foglie screziate hanno necessità di una maggiore illuminazione. Per le specie a foglie variegate è opportuna anche una certa esposizione ai raggi diretti del sole, non nelle ore più calde della giornata.

Una volta al mese la pianta si avvantaggerà di una buona doccia in modo da pulire le foglie. Ricordate di proteggere la terra del vaso con un foglio di plastica per evitare di inzuppare il terreno.

ANNAFFIATURA

L'edera va annaffiata regolarmente lasciando asciugare in superficie il terreno tra una annaffiatura e un'altra.

Se le temperature ambientali sono particolarmente alte e l'ambiente secco è opportuno aiutare la pianta con frequenti nebulizzazioni alla chioma.

TIPO DI TERRENO - RINVASO

L'edera si rinvasa ogni due - tre anni, in primavera, utilizzando un vaso leggermente più grande del precedente. Si utilizza un buon terriccio fertile al quale si aggiungerà della sabbia grossolana per favorire il drenaggio dell'acqua di irrigazione. Negli anni in cui non si effettua il rinvaso è opportuno rinnovare i primi 5 cm di terreno con del terriccio fresco.

CONCIMAZIONE EDERA

Le concimazioni si effettuano ogni due settimane, a partire dalla primavera e per tutta l'estate, diluendo il fertilizzante nell'acqua di annaffiatura e dimezzando le dosi rispetto a quanto riportato nella confezione. Durante il periodo autunno- invernale non si concima.

E' oppotuno usare un concime che oltre ad avere i macroelementi quali azoto (N), fosforo (P) e potassio (K) abbia anche i microelementi quali il quali il ferro (Fe), il manganese (Mn), il rame (Cu), lo zinco (Zn), il boro (B), il molibdeno (Mo), tutti importanti per una corretta ed equilibrata crescita della pianta.

POTATURA

L'edera, essendo una pianta a crescita rapida richiede di essere potata all'inizio della primavera sia per contenerne la crescita che per darle una forma più armonioso in quanto tende a crescere in modo disordinato.

Per le piante che si trovano all'esterno la potatura si esegue a febbraio-marzo e in estate per mantenere la crescita contenuta.

MOLTIPLICAZIONE EDERA

La moltiplicazione avviene per talea o per margotta.

MOLTIPLICAZIONE PER TALEA DI FUSTO RADICATA IN TERRA

Si prelevano delle talee lunghe circa 10 cm dai rami fiorireri durante l'estate tagliandole immediatamente sopra un abbozzo fogliare. Sceglietele da piante robuste e in buona salute. Si raccomanda di tagliare in senso obliquo in quanto ciò permette d'avere una maggiore superficie per la radicazione ed evita l'accumulo di acqua su questa superficie.

Usate una lama affilata per evitare le sfilacciature dei tessuti e abbiate cura che l'attrezzo che usate per il taglio sia pulito e disinfettato (preferibilmente alla fiamma) per evitare di infettare i tessuti e disinfettatela a ogni taglio. Dopo aver eliminato le foglie poste più in basso si sistemano in una composta formata da una parte di torba e una di sabbia fine facendo dei buchi con una matita, tanti quante sono le talee da sistemare. La cassetta o il vaso si ricopre quindi con un foglio di plastica trasparente (o un sacchetto messo a cappuccio) e si sistema in una zona non troppo illuminata e a una temperatura intorno ai 15-18°C avendo cura di tenere il terriccio sempre leggermente umido, annaffiando senza bagnare le talee in radicazione con acqua a temperatura ambiente e possibilmente non calcarea.
Moltiplicazione per talea: taglio della talea sotto il nodo
Moltiplicazione per talea - eliminazione foglie 
poste più  in basso
Moltiplicazione per talea: fare dei buchi nel terreno per la sistemazione delle talee
Moltiplicazione per talea: busta messa a cappuccio nel vaso per mantenere una temperatura costante e evitare l'eccessiva perdita di umidità

Ogni giorno si toglie la plastica per controllate l'umidità del terreno ed eliminare dalla plastica la condensa che si sarà sicuramente formata. Una volta che iniziano a comparire i primi germogli (dopo circa 2/3 settimane) vuol dire che le talee hanno radicato. A quel punto si toglie la plastica e si sistema il vaso in una zona più luminosa e si aspetta che le talee si irrobustiscano. Una volta che sono sufficientemente grandi, si trapiantano nel vaso definitivo e si trattano come le piante adulte.

MOLTIPLICAZIONE PER TALEA DI FUSTO RADICATA IN ACQUA

La talea può anche essere messa a radicare in acqua. Vanno sempre prelevate delle talee apicale di fusto fiorifero e si sistemano in una tazza con dell'acqua. Quando la talea avrà radicato, si rinvasa delicatamente in un vaso di piccole dimensioni con il terriccio indicato per le piante adulte (foto sotto: talea di pothos).

Talea di edera radicata in acqua
PARASSITI E MALATTIE EDERA
La pianta cresce in modo stentato ed è poco fitta creandosi anche dei vuoti tra il fogliame

Si tratta di un chiaro sintomo di carenza di luce: la pianta si trova in una zona con scarsa illuminazione.
Rimedi: spostare subito la pianta in posizione più luminosa.

Le foglie perdono la loro screziatura

Se le foglie perdono la loro screziatura vuol dire che ricevono poca luce.
Rimedi: spostare subito la pianta in una zona della casa più luminosa.

Le foglie si seccano senza apparente ragione

Questo sintomo è da attribuire a un ambiente troppo secco e caldo.
Rimedi: aumentare le nebulizzazione e l'umidità ambientale a esempio posizionando vicino alla pianta delle ciotole contente dell'acqua che evaporando garantiranno un microclima umido.

Presenza di piccoli animaletti di colore chiaro sulla pianta

Se notate dei piccoli insetti mobili di colore bianco-giallastro-verdastri siete sicuramente in presenza di afidi o come comunemente sono chiamati pidocchi.

Afidi delle piante

Rimedi: trattare la pianta con antiparassitari specifici facilmente reperibili da un buon vivaista. Si tratta in genere di prodotti sistemici, vale a dire che entrano nel circolo linfatico della pianta e quindi sono assorbiti durante la nutrizione degli insetti.

Foglie che iniziano a ingiallire, appaiono macchiettate di giallo e marrone

Se le foglie iniziano a ingiallire e successivamente a queste manifestazioni si accartocciano, assumono un aspetto quasi polverulento e cadono. Osservando attentamente si notano anche delle sottili ragnatele soprattutto nella pagina inferiore delle foglie. Con questa sintomatologia siamo molto probabilmente in presenza di un attacco di ragnetto rosso, un acaro molto fastidioso e dannoso.

Acari delle piante

Rimedi: aumentare la frequenza delle nebulizzazioni alla chioma in quanto un ambiente asciutto favorisce la loro prolificazione ed eventualmente, solo nel caso di infestazioni particolarmente gravi, usare un insetticida specifico. Se la pianta non è grande, si può anche provare a pulire le foglie per eliminare meccanicamente il parassita usando del cotone bagnato e insaponato. Dopo di che la pianta va risciacquata per eliminare il sapone.

Macchie brune sulle foglie

Macchie brune sulle foglie soprattutto nella pagina inferiore potrebbero significare che siete in presenza di cocciniglie, cocciniglia bruna o cocciniglia farinosa. Per essere certi, si consiglia di fare uso di una lente di ingrandimento e osservarle. Confrontatele con le foto riportate, sono caratteristiche, non ci si può sbagliare. Inoltre se provate a toglierle con un'unghia, vengono via facilmente.

Cocciniglia bruna e cocciniglia farinosa sulla pianta

Rimedi: toglietele con un batuffolo di cotone imbevuto di alcool o se la pianta è grande potete lavarla con acqua e sapone neutro strofinando molto delicatamente con una spugna per rimuovere i parassiti, dopo di che la pianta va risciacquata molto bene per eliminare tutto il sapone. Per le piante più grandi e piantate all'aperto, dovete usare degli antiparassitari specifici reperibili da un buon vivaista.

CURIOSITA'

L'Hedera helix, la specie che comunemente si trova nelle nostre strade grazie alla sua rusticità è molto longeva e si dice che ci siano esemplari di centinaia di anni con il fusto del diametro di un metro.

E' una specie molto importante da un punto di vista apistico grazie al fatto che la sua fioritura avviene tardivamente e quindi è per le api, l'ultima occasione, prima della pausa invernale, di raccogliere polline. Il miele che si ottiene non é velenoso.

E' una pianta che può provocare dermatite da contatto. Oltre ciò tutte le sue parti contengono diverse sostanza tossiche (saponina triterpenica ederacoside A, il glicoside flavonoide rutina nonché un fitoestrogeno). In particolare i suoi frutti neri sono velenosi infatti la loro ingestione produce inizialmente nausea e vomito fino a evolversi in uno stato comatoso e creare problemi respiratori.

Il loro legno spesso era usato dagli intagliatori al posto del legno di bosso.

L'industria farmaceutica utilizza alcuni derivati estratti dalle foglie per ricavarne medicinali.

Secondo studi della NASA l'Hedera helix ha notevoli capacità di captare e neutralizzare il 90%, del benzene e oltre il 10% del tricloroetilene presente nell'aria, quindi hanno una grande capacità di depurare l'aria.

LINGUAGGIO DEI FIORI E DELLE PIANTE

Vedi: «Il linguaggio dei fiori e delle piante: l'edera».

Note
(1) Immagine non soggetta a copyright per gentile concessione di Daderot

Fonti bibliografiche online
Le piante ornamentali. Pericolo misconosciuto per la salute. Schede illustrative

Trovapiante