Home => Piante e fiori => Piante d'appartamento e da giardino => Aporocactus
COME COLTIVARE E CURARE LE NOSTRE PIANTE
APOROCACTUS
Coltivazione Aporocactus

L'Aporocactus è una deliziosa pianta succulente della grande famiglia delle cactaceae molto amata per il suo portamento ricadente e per i suoi grandi fiori dai colori vivaci.

CLASSIFICAZIONE BOTANICA


Regno
:
Plantae

Clado
: Angiosperme
Clado
: Eudicotiledoni
Ordine
:
Caryophyllales

Famiglia
:
Cactaceae

Genere
:
Aporocactus

Specie
: vedere il paragrafo «Principali specie»
CARATTERISTICHE GENERALI

Il genere Aporocactus appartenente alla famiglia delle Cactaceae, comprende poche specie tutte originarie del centro America e in particolare del Messico, anche se ormai è diffusa in tutte le zone a clima temperato. Sono piante conosciute anche con i nomi comuni di coda di volpe o coda di topo.

Si tratta di una pianta perenne, caratterizzata da fusti lunghi anche fino a un metro, carnosi e pendenti e ricoperti da piccoli areole dove si formano gruppi di piccole spine, molto sottili e corte.

I fiori sbocciano nel periodo primaverile e la fioritura si proprae per diversi mesi producendo fiori a forma di trombetta sfrangiata, con i petali dai colori che variano dal rosa al rosso vivo.

Il nome Aporocactus deriva dal greco áporos «impenetrabile» a causa dell'intricato groviglio dei rami che caratterizzano le piante di questo genere.

PRINCIPALI SPECIE

Il genere Aporocactus comprende poche specie ma numerosi ibridi molti dei quali ottenuti incrociando il genere Aporocactus x Epiphyllum ottenendo quelli che sono anche chiamati Aporophylluym.

Ricordiamo le specie:

APOROCACTUS FLAGELLIFORMIS

L'Aporocactus flagelliformis (foto sotto) presenta fusti striscianti lunghi anche mezzo metro ma che possono anche arrivare a un metro.

Fiorisce in primavera (aprile - maggio) producendo dei fiori grandi, che durano parecchi giorni e compaiono in successione.

Aporocactus flagelliformis
APOROCACTUS MALLISONII

L'Aporocactus mallisonii (foto sotto) è una specie molto fiorifera con fiori di colore rosso vivo lunghi fino a 7 cm.

Aporocactus mallisonii
APOROCACTUS CONZATTI

L'Aporocactus conzatti ha dei fusti di colore verde molto intenso, molto lunghi e produce fiori di colore rosso - bruno che durano solo pochi giorni.

APOROCACTUS MARTIANUS

L'Aporocactus martianus è una specie caratterizzata da fusti eretti o striscianti, grossi e carnosi, ricoperti di spine e costoluti che arrivano a crescere fino a un metro di lunghezza. I fiori, caratterizzati da una grande corolla, sono lunghi anche 10 cm e larghi 6 cm e sbocciano nel periodo primaverile e sono di colore che va dal rosa più o meno intenso al rosso brillante.

APOROCACTUS FLAGRIFORMIS

L'Aporocactus flagriformis ha delle fioritura nel periodo primaverile producendo fiori di colore giallo-rosso, penduli.

TECNICA COLTURALE

L'Aporocactus è una pianta succulenta di facile coltivazione. Il modo migliore come allevarla è crescerla all'interno di panieri sospesi in considerazione del fatto che i fusti sono molto lunghi per cui rimangono ricadenti.

Sono piante che amano la luce, anche il sole diretto, eccetto durante il periodo estivo più caldo e comunque mai filtrato attraverso i vetri.

Non hanno grossi problemi con le temperature massime che sono ben tollerate ma hanno problemi con le temperature minime che non devono scendere al di sotto dei 0-5°C.

E' preferibile allevare queste piante in panieri sospesi in modo che i fusti siano ricadenti donando uno straordinario effetto estetico.

E' una pianta che più di ogni altra entra in riposo vegetativo durante il periodo autunno-invernale pertanto durante questi mesi, tutte le attività devono essere ridotte al minimo e la pianta va lasciata tranquilla, ma alla luce.

ANNAFFIATURA

L'Aporocactus durante tutto il periodo primaverile - estivo va annaffiata in modo da lasciare il terreno sempre umido. Prima di procedere con la successiva irrigazione occorre lasciare asciugare leggermente il terreno in superficie senza mai però lasciare asciugare del tutto il terriccio. Durante gli altri periodi la pianta va solo appena appena inumidita.

Abbiate l'accortezza di non lasciare mai acqua nel sottovaso in quanto è una pianta che non tollera i ristagni idrici.

TIPO DI TERRENO - RINVASO

L' Aporocactus si rinvasa ogni anno all'inizio della primavera in considerazione del fatto che è una pianta a rapido accrescimento. Curiosamente per questa pianta è necessario rinvasarla non perchè il vaso non è più in grado di contenerla ma solo per rinnovare il terreno di coltivazione in quanto esaurisce molto rapidamente i nutrimenti del terreno.

Il periodo ottimale è alla fine del riposo vegetativo invernale vale a dire all'inizio della primavera.

Per il rinvaso usate un buon terriccio per cactacee al quale si aggiunge della sabbia grossolana per favorire il drenaggio dell'acqua di annaffiatura oppure potete usare un mix formato da 40% di perlite, 50% torba e 10% sabbia grossolana.

Il pH ottimale di coltivazione e tra 5,0 - 6,0 quindi tendenzialmente acido.

Raccomando sempre di usare dei vasi di terracotta in quanto, essendo porosi, consentono alla terra di respirare.

CONCIMAZIONE

Da quando iniziano a comparire i boccioli fiorali e per tutta la fioritura occorre concimare con un buon concime liquido una volta al mese diluendo il fertilizzante nell'acqua di annafiatura per favorire lo sviluppo della pianta e avere abbondanti fioriture.

FIORITURA

L'Aporocactus fiorisce a partire dall'inizio della primavera e le fioriture possono durare anche due mesi e più.

La fioritura avviene sugli steli dell'anno precedente.
Particolare di Fiore di Aporocactus
POTATURA

L'Aporocatus non si pota. Vanno semplicemente eliminate le parti che si seccano o si danneggiano per evitare che diventino veicolo di malattie parassitarie.

Ricordate sempre di avere cura di lavare e disinfettare (preferibilmente con la fiamma) l'attrezzo che usate per il taglio per evitare di infettare i tessuti.

MOLTIPLICAZIONE

La moltiplicazione può avvenire per seme oppure più semplicemente e velocemente per talea.

MOLTIPLICAZIONE PER TALEA

Le talee si ottengono tagliando 1-2 fusti della pianta che vanno ulteriormente tagliati in pezzetti da circa 7 cm ciascuno. Usate una lama pulita e disinfettata per effettuare i tagli e dopo aver ottenuto le diverse porzioni si sistemano in un luogo asciutto e arieggiato e si lasciano per 7-10 giorni per favorire la cicatrizzazione della ferita.

Moltiplicazione per talea
Moltiplicazione per talea

Si trattano le superficie tagliate con un fungicida in polvere a base di zolfo e si piantano le singole porzioni rispettando la direzione di crescita (vale a dire con la parte "che cresce" rivolta verso l'alto) in un terriccio così come indicato per le piante adulte, per circa 2 cm in profondità.

Si posizionano i vasi in un luogo caldo (circa 21°C), aerato e luminoso (ma non al sole diretto), con il terriccio sempre appena umido. Se le talee durante il periodo di radicazione tendono ad afflosciarsi, sistemate un bastoncino a fianco in modo da sorreggerle.

Occorreranno circa tre settimane per la radicazione. Dopo tale periodo le talee possono essere rimosse con il loro pane di terra e rinvasate nel vaso definitivo e si trattano come le piante adulte.

PARASSITI E MALATTIE
Marciume dei fusti e delle radici

Se notiamo che i fusti e conseguentemente le radici iniziano a marcire vuol dire abbiamo esagerato con le annaffiature.
Rimedi: per prima cosa occorre togliere la pianta dal vaso ed eliminare tutte le parti di radici danneggiate. Dopo di che le parti di radice tagliate vanno trattate con un fungicida in polvere ad ampio spettro. Quindi si fa asciugare per bene la terra, si rimette la pianta nel vaso e si aspetta almeno una settimana prima di annaffiare per dare il tempo, alle superfici tagliate, di cicatrizzarsi. Stessa cosa per le parti di fusto danneggiate che vanno anche loro asportate e trattate allo stesso modo. Per il futuro, regolare meglio le irrigazioni.

Macchie sulla pagina inferiore delle foglie

Macchie sulla pagina inferiore delle foglie potrebbero significare che siete in presenza di Cocciniglia e in particolare della Cocciniglia farinosa. Per essere certi, si consiglia di fare uso di una lente di ingrandimento e si osservano. Confrontatele con la foto al lato. Sono caratteristiche, non ci si può sbagliare. Inoltre se provate a toglierle con un'unghia, vengono via facilmente.

Cocciniglia farinosa

Rimedi: eliminatele utilizzando un antiparassitario specifico reperibile da un buon vivaista.

Trovapiante