Home => Piante e fiori => Piante d'appartamento e da giardino => Tulipano
COME COLTIVARE E CURARE LE NOSTRE PIANTE
TULIPANO
Tulipano coltivazione e cura

Il tulipano, grazie ai suoi colori vivi e molto vari, alla sua facilità di coltivazione e alla sua incredibile bellezza è utilizzato per realizzare aiuole e bordure di mille colori, in tutto il mondo.

Pagine 1 - 2
INDICE DEI CONTENUTI DELL'ARTICOLO
CLASSIFICAZIONE BOTANICA


Regno
:
Plantae

Clado
: Angiosperme
Clado
: Monocotiledoni
Ordine
:
Liliales

Famiglia
:
Liliaceae

Genere
:
Tulipa

Specie
: vedere il paragrafo «Principali specie»
CARATTERISTICHE GENERALI

Il genere Tulipa conosciuto comunemente come tulipano, appartiene alla famiglia delle Liliaceae ed è originario del Caucaso e dell'Himalaya, nelle zone montuose, fino a 4000 m di altezza. Si tratta di zone dove durante il periodo estivo c'è un clima caldo e asciutto mentre durante il periodo invernale è freddo e molto umido.

E' una delle piante più riconoscibili del giardino e sicuramente tra le più amate.

Il tulipano è una pianta bulbosa, vale a dire che al posto delle radici ha un bulbo. In questo particolare caso si tratta di un bulbo tunicato cioè un bulbo avvolto da una pellicola di colore marrone che ricorda una grossa castagna, misurando 5-6 cm di diametro. La sua caratteristiche è che muore al termine del suo ciclo vegetativo, cioè una volta che muore la parte aerea e al suo posto nasce un nuovo bulbo circondato da numerosi bulbi più piccoli (bulbilli). Questi bulbilli per poter dare una nuova pianta di tulipano devono crescere ingrossandosi fino a raggiungere 10-11 cm di diametro. Questo processo dura circa 1/2 anni.

Schema di un fiore di tulipano

I bulbi possono essere tondi o piatti ma quelli rotondi, da un punto di vista produttivo, sono migliori.

Dal bulbo si sviluppa un lungo stelo con due o tre lunghe foglie, sprovviste di picciolo e ricoperte alle volte da una leggera pruina cerosa. Sono lunghe lineari o largamente ovoidali, rigide, di colore verde medio o grigio-verdi. In genere spuntano alla base della pianta ma alle volte si possono trovare alternate lungo lo stelo.

Il fiore si sviluppa alla sommità dello stelo. E' grande e a forma di coppa, formato da 6 tepali rivolti verso l'alto variamente colorati. Il fiore è provvisto di 6 stami mentre lo stilo manca. Lo stigma è sessile e diviso in tre parti. Il loro colore è molto vario da unico a variegato, a screziato. Spesso la variegatura è provocata da una virosi anche se ritroviamo screziature anche nei tulipani sani.

I fiori possono essere di diverso tipo: con i petali dai bordi sfrangiati; fiori dal colore non omogeneo con numerose sfumature di grande impatto visivo; semplici a colore unico colori; oppure con la forma del fiore a calice o anche stellato o con i tepali lunghi e sottili. Normalmente ritroviamo un solo fiore per stelo anche se esistono varietà con fiori doppi o più e in questo caso hanno la forma di campana rovesciata.

La pianta diventa alta dai 20 ai 50 cm, a seconda delle specie e dell'ibrido.

La fioritura è primaverile.

PRINCIPALI SPECIE

Le specie del genere Tulipa sono un centinaio e sono tutte bulbose. Botanicamente il genere Tulipa è stato suddiviso in 15 gruppi, stabiliti soprattutto in base alle caratteristiche del fiore. Non riportiamo tale suddivisione in quantoin commercio si usano solo gli ibridi, che sono circa 5000, ottenuti soprattutto in Olanda dove  oltre 10.000 ettari di terreno sono coltivati a tulipano ogni anno.

L'unico ibrido che non è stato ancora trovato è un tulipano di colore blu, anche se sono riusciti a ottenerlo di colore nero.

Le specie selvatiche, dalle quali derivano i moderni tulipani, provenivano dalle regioni montuose dell'Asia centrale, ma la loro popolarità è partita dalla Turchia e da li sono arrivati in Europa, soprattutto nei Paesi Bassi, da dove si sono diffusi in tutto il mondo.

Ricordiamo alcune specie di tulipani selvatici:


TULIPA CLUSIANA

Il tulipa clusiana ha la particolarità che i suoi fiori che sbocciano in primavera, nascono a coppa larga, poi in seguito diventano a stella, larghi fino a 10 cm.

TULIPA CLUSIANA

I fiori sono bianchi con strisce rosa scuro all'esterno e stami di colore rosso.

TULIPA TURKESTANICA

Il tulipa turkestanica all'inizio e a metà della primavera produce fino a 12 fiori a forma di stella, di colore bianco, larghi 3-5 cm, sfumati di grigio-verde o rosa-verde all'esterno e di colore giallo o arancione nella parte centrale.

TULIPA TURKESTANICA

Gli stami hanno le antere di colore vario dal giallo, al marron, al rosso.

Emanano un odore poco gradevole.

TECNICA COLTURALE

I tulipani non sono piante che necessitano di cure particolari e sono molto semplici da coltivare.

Possono essere coltivati sia in vaso che in piena terra e alcune varietà possono essere lasciate nel terreno per diversi anni.

Una delle poche accortezze che occorre avere nella cura del tulipano è tenerli al riparo dal vento e dalle correnti d'aria.

I colori vivi e molto vari, fanno si che queste splendide piante siamo molto usate per decorare aiuole e bordure. Esistono anche specie piccole come i Tulipa kaufmanniana e Tulipa tarda (alto solo 12/15 cm) che grazie alla loro dimensione ridotta, sono adatti per i giardini rocciosi.

Tulipa kaufmanniana
Tulipa kaufmanniana (nota 1)
Tulipa tarda
Tulipa tarda (nota 2)

I fiori recisi sono molto usati per realizzare bouquets.

CICLO DI VITA DEL TULIPANO

Il ciclo vegetativo del tulipano è breve:

In autunno si piantano i bulbi (nei mesi di ottobre-novembre). E' fondamentale aspettare che le temperature si siano abbassate altrimenti si corre il rischio di vedere fiorire la pianta. Ovviamente va evitato che il terreno sia gelato o troppo bagnato in quanto non gradiscono i ristagni idrici che possono danneggiare il bulbo.

All'inizio della primavera i bulbi iniziano a germogliare e nella tarda primavera fioriscono.

Con l'arrivo dell'estate la parte aerea si secca e si recuperano i bulbi. Attenzione a non prelevare i bulbi prima che la parte aerea si sia seccata. Infatti in questo modo impedirete che tutte le sostanze nutritive contenute nelle foglie, vengano riassorbite dai bulbi e quindi vadano perse.

Sono pertanto piante poco impegnative perchè richiedono cure per pochi mesi all'anno tanto che possono essere considerate annuali se si esclude il fatto che, quando si secca la parte aerea, alla fine del periodo estivo, si recuperano i bulbi dal terreno e si conservano in un luogo buio, fresco e asciutto. L'autunno successivo, possono essere nuovamente interrati.

COME PIANTARE I BULBI DI TULIPANO

I bulbi vanno interrati, in giardino o in vaso a una profondità circa il doppio del diametro del loro diametro, in modo da essere protetti dal freddo invernale e dal caldo estivo e posti a una distanzadi circa 5 cm tra loro.

Occorre valutare quali bulbi conservare dato che la pianta ha la tendenza a formare anche dei bulbi di piccole dimensioni (bulbilli). La logica da seguire è: i bulbi più grandi, gonfi perfettamente circondati dalle tuniche protettive, saranno quelli che daranno le piante più grandi e i fiori più belli. I bulbi rovinati vanno buttati via. I bulbi piccoli (bulbilli), se interrati, difficilmente fioriranno l'anno seguente. Occorre lasciarli uno o due anni a ingrossarsi e poi utilizzarli.

Molte varietà si prestano a essere lasciate nel terreno per molti anni, senza rimuovere il bulbo dal terreno.

Se si lasciano i bulbi troppo a lungo in un vaso o in uno spazio ristretto occorre fare attenzione perchè i tulipani sono molto prolifici e producono molti bulbi. Pertanto rapidamente possono occupare tutto lo spazio che hanno a disposizione esaurendo le riserve nutritive del terreno e tendendo a fiorire sempre meno.

Se si ha a disposizione un bel pezzo di terreno che viene curato anche come concimazione, i bulbi possono essere lasciati svariati anni e ogni anno avremo delle fioriture sempre più copiose.

Tulipani in fiore

COLTIVAZIONE IN PIENA TERRA

Se i tulipani sono coltivati in piena terra una volta messi a dimora i bulbi, è sufficiente aspettare la primavera successiva per vedere nascere le nuove piante.

COLTIVAZIONE IN VASO

Nella coltivazione in vaso del tulipano valgono le stesse regole della messa a dimora in piena terra. L'unica accortezza è non esagerare con il numero dei bulbi che saranno ospitati nel vaso. Tenete infatti sempre conto che i bulbi andranno piantati a non meno di 5 cm di distanza tra loro. Pertanto, regolatevi di conseguenza.

TEMPERATURA DI COLTIVAZIONE

Il tulipano ama le buone temperature. Per fiorire ha necessità di temperatura tra i 15-18°C.

ESPOSIZIONE

L'esposizione ideale per il tulipano è sia il pieno sole che la mezz'ombra.

E' sconsigliato piantarli all'ombra in quanto, se il terreno è umido, farebbero fatica ad asciugarsi e questo provocherebbe pericolosi ristagni idrici che farebbero marcire i bulbi.

Tulipano
ANNAFFIATURA

Il tulipano si annaffia solo quando il terreno è asciutto e solo quando è presente la parte aerea.

Non apprezzano l'aria troppo secca.

TIPO DI TERRENO E RINVASO

Il tulipano ha necessità di un terreno fresco e abbastanza profondo. Un buon terreno è a reazione alcalina con una miscela di sabbia grossolana e terra da giardino.

Se avete un terreno acido, prima di piantare i tulipani, assicuratevi di aggiungere un poco di calce.

Non amano i ristagni idrici pertanto occorre che sia ben drenante in modo da favorire lo sgrondo delle acque di annaffiatura che potrebbero far insorgere pericolosi marciumi ai bulbi. Per questa ragione si aggiunge al terreno della sabbia grossolana.

CONCIMAZIONE

Il tulipano si concima non appena iniziano a comparire le prime foglie con un concime ricco in potassio per favorire la fioritura.

FIORITURA DEL TULIPANO

Il tulipano, nelle sue diverse specie e ibridi, fiorisce in primavera.

Dopo la fioritura è bene non tagliare immediatamente lo stelo con le foglie ma aspettare che appassisca. Questo da infatti il tempo alla pianta di assorbire tutte le sostanze nutritive e i liquidi dello stelo e delle foglie che serviranno ai bulbi per mantenersi vitali e ingrossarsi. Certo, non è piacevole vedere il proprio giardino con queste piante che via via avvizziscono ma se le tagliate prima che si secchino, dopo qualche anno la pianta smetterà di fiorire.

Tulipani in fiore
POTATURA

Il tulipano non si pota dato il suo ciclo vitale.

Pagine 1 - 2

Note
1. Concesso sotto licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal Public Domain Dedication
2. Concesso sotto licenza Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0 Unported
3. Immagine tratta dal sito ResearchGate

Trovapiante