Home => Piante e fiori => Le nostre orchidee => Principali specie => Cattleya
LE NOSTRE AMICHE ORCHIDEE
CATTLEYA
Tecniche di coltivazione
Cattleya coltivazione e cura
Pagine 1 - 2
CLASSIFICAZIONE BOTANICA


Regno
:
Plantae

Clado
: Angiosperme
Clado
: Monocotiledoni
Ordine
:
Asparagales

Famiglia
:
Orchidaceae

Genere
:
Cattleya

Specie
: vedere pagina 2
CARATTERISTICHE GENERALI

Al genere Cattleya appartengono piante originarie delle zone tropicali del centro e del sud America. Il genere comprende circa 60 specie per lo più EPIFITE e in piccola parte LITOFITE a sviluppo SIMPODIALE , con pseudobulbi di lunghezza variabile da pochi centimetri al metro che portano alla loro estremità una o due foglie sessili, di consistenza cuoiosa e spesse.

Gli steli (pseudobulbi) sorgono uno dopo l'altro da un fusto rizomatoso a portamento orizzontale.

Le infiorescenze sono, in quasi tutte le specie (con qualche rara eccezione), terminali e sono costituite da 2 a 10 fiori peduncolati che si sviluppano all'apice dello stelo.

Il fiore è grande e i petali e i sepali sono generalmente dello stesso colore mentre il labello, molto sviluppato, ha i bordi ondulati, sfrangiati e ornato di vistose macchie con colori spesso molto diversi dal resto del fiore.

Il fiore, come in tutte le orchidee, ha una sola antera che contiene degli organi di forma ovale/tondeggiante che contengono il polline riunito in masserrelle dette pollinodi che nella Cattleya sono otto di cui quattro sterili (per maggiori dettagli vedere l'articolo: Anatomia delle orchidee).

Le diverse specie sono spesso molto diverse tra loro e hanno pertanto generato non pochi problemi nella loro classificazione fino a quando non si è deciso di classificarle semplicemente in monofoliate e le bifoliate:

Le Cattleya sono piante molto rustiche e non hanno esigenze particolari in fatto di coltivazione.

CICLO VEGETATIVO

Le Cattleya hanno un fusto rizomatoso che si sviluppa in orizzontale con delle grosse radici carnose che si infilano nel substrato, arrivano all'orlo del vaso e oltrepassandolo, aderiscono alle pareti esterne.

Il fusto emette al suo apice una grossa gemma vegetativa dalla quale si sviluppa uno stelo pseudobulboso al cui vertice si formano una o due/tre foglie.

Lo stelo pseudobulboso si forma durante un ciclo vegetativo della pianta la cui durata è inferiore a un anno. A ogni inizio di un periodo vegetativo si ha l'emissione di un nuovo stelo pseudobulboso che si forma a pochi centimetri davanti al precedente in quanto il fusto rizomatoso nel frattempo si è allungato di qualche centimetro. Con il passare del tempo si avrà una fila più o meno lunga di pseudobulbi dei quali l'ultimo è il più giovane. Per cui nella stessa pianta si ritrovano: un pseudobulbo, l'ultimo, che sta crescendo; il penultimo in fiore; il terzultimo avendo fiorito l'anno precedente rimane nella pianta con le foglie ma non fiorirà più; il quartultimo con le foglie ingiallite; il quintultimo è lì privo di foglie ormai secco o in via di estinzione.

La Cattleya è pertanto una pianta che cammina con il suo fusto orizzontale e si sposta dal centro del vaso verso l'esterno e alla fine potrà risultare in posizione così eccentrica rispetto al centro del vaso da richiedere la rinvasatura.

Può anche capitare che si formino altre gemme vegetative o l'emissione di una gemma laterale nel fusto. In questo modo la pianta procederà per due o più direzioni diverse.

Le Cattleya sono piante che hanno necessità di un periodo di riposo all'incirca tra ottobre - aprile, leggermente differenziato in alcune specie dove può essere più breve. Durante questo periodo si devono sospendere le spruzzature (ottobre) ma si continuano le annaffiature per quelle piante che manifestano chiaramente che stanno ancora vegetando e si sospendono le annaffiature mano mano che completano la vegetazione. In ogni caso entro ottobre tutte saranno a riposo e da allora, niente acqua ma tanta luce e tanta aria. Verso aprile, per stimolare la ripresa vegetativa si fa la prima annaffiatura immergendo il vaso in acqua e lasciando impregnare per bene il substrato, dopo di che si lascia sgrondare l'acqua in eccesso e si coltiva come sempre riprendendo le spruzzature e le concimazioni.

TEMPERATURE E VENTILAZIONE

Le Cattleya hanno bisogno di temperature, durante l'inverno, intorno ai 13-15°C come temperature minime e 22-23°C come temperatura massima. D'estate, le temperature non dovrebbero superare i i 30-32°C.

Importante che lo sbalzo termico tra giorno e notte non sia superiore ai 5-6 °C.

Fondamentale adeguare la temperatura alla luce. Se c'è molto caldo e la luce è scarsa si possono creare degli scompensi nel suo metabolismo.

Le Cattleya amano l'aria pertanto è importante che ci sia una buona ventilazione ma senza correnti d'aria che sono mal tollerate.

(Per maggiori chiarimenti sulla temperatura e la ventilazione delle orchidee consulta l'articolo: Temperatura e ventilazione delle orchidee).

LUCE

La Cattleya essendo originaria delle zone tropicali, ama la luce che è la sua prima necessità. Un'esposizione abbondante al sole al mattino, è molto gradita, mai nelle ore centrali della giornata. Coltivandola in casa la collocazione ideale è in una finestra esposta a est o a ovest; a Sud potrebbe andare bene se si ha l'accortezza di proteggerla dall'eccessiva insolazione. Esporla a nord è decisamente sconsigliato in quanto la quantità di luce è decisamente troppo poca.

(Per maggiori chiarimenti sulla luce delle orchidee consulta l'articolo: Esigenze di luce delle orchidee).
ANNAFFIATURE E UMIDITA'

La Cattleya ha necessità di annaffiature regolari che vanno effettuate non appena vi accorgete che il substrato è quasi asciutto. La frequenza varia a seconda delle dimensioni del vaso (un vaso piccolo asciugherà prima di un vaso grande che viceversa impiegherà più tempo ad asciugarsi). Un metodo è quello di soppesare il vaso. Se è leggero allora bisogna annaffiare, viceversa se è pesante.

Mantenere un ambiente umido intorno alla pianta è fondamentale. Ora, nelle nostre case non sempre è semplice riuscire a simulare un angolo di foresta tropicale. Per riuscire ad avvicinarsi a questo possiamo posare il vaso che contiene la pianta su un sottovaso (o altro recipiente) nel quale avrete sistemato dell'argilla espansa o della ghiaia nel quale terrete sempre un po' d'acqua. In questo modo le radici dell'orchidea non entreranno a contatto con l'acqua che evaporando garantirà un ambiente umido intorno a essa così come spruzzare una volta al giorno le foglie.


Teniamo presente che l'umidità ottimale per questa orchidea non è comunque particolarmente elevata in quanto si aggira intorno al 70%. Ovviamente tutto ciò è in proporzione alla temperatura: temperature elevate richiederanno maggiore umidità ma in questo caso è fondamentale garantire alla pianta una buona ventilazione per evitare dei pericolosi ristagni idrici che potrebbero provocare l'insorgenza di pericolose patologie.

E' buona norma, per la salute di tutte le nostre piante, dotare i termosifoni di umidificatore per non permettere all'aria della stanza di diventare troppo secca.

Ricordiamo inoltre che una mancanza d'acqua provoca una concentrazione nel substrato degli elementi nutritivi che avete via via somministrato, diventando estremamente dannosi per la pianta.

(Per maggiori chiarimenti sull'annaffiatura delle orchidee consulta l'articolo: Annaffiatura e umidità delle orchidee).
CONCIMAZIONE

La Cattleya va concimata ogni 15-20 giorni con un concime bilanciato e variando il loro rapporto tra N:P:K (azoto: fosforo: potassio) a seconda dello stadio di sviluppo della pianta.

La logica da seguire nella somministrazione dei fertilizzanti è la seguente: per favorire la ripresa vegetativa della pianta, si somministra all'orchidea una maggiore quantità di azoto (N) e cioè si usa la formula 30:10:10 (N:P:K) che vuol dire: 30 parti di azoto, 10 parti di fosforo (P) e 10 parti di potassio (K).

Quando arriva il periodo della fioritura si diminuisce l'azoto e si aumenta il potassio e si usa pertanto la formula 10:30:20 .

Durante gli altri periodi si usa la formula bilanciata 20:20:20.

I concimi vanno sciolti nell'acqua di irrigazione in percentuale molto bassa, 0,5% se usati frequentemente (due volte alla settimana) o dell'1% se usati una volta alla settimana. In ogni caso non superare mai 1 gr per litro d'acqua. Ovviamente queste indicazioni sono pertinenti a substrati inerti, vale a dire che non apportano alcun elemento nutritivo alla pianta (a tal proposito vedi la voce: Tipo di substrato e rinvaso). Le dosi andranno diminuite qualora si utilizzi un substrato non inerte.

E' fondamentale che le concimazioni siano effettuate con il substrato bagnato per evitare pericolose concentrazioni di sali minerali che potrebbero danneggiare le radici .

E' importante non lasciare mai asciugare completamente il substrato in quanto si avrebbe una eccessiva concentrazione dei sali minerali. Sarebbe opportuno che dopo un certo numero di concimazioni (4 o 5) si proceda a una innaffiatura senza concime in modo da risciacquare il substrato e abbassare la concentrazione salina.

(Per maggiori chiarimenti sulle concimazioni delle orchidee puoi consultare l'articolo: Concimazione delle orchidee).
TIPO DI TERRENO - RINVASO

La Cattleya si rinvasa quando il substrato è deteriorato oppure quando oramai la pianta fuoriesce dal vaso o le radici non trovano più alcun sostegno.

Il periodo ottimale per effettuare il rinvaso è la ripresa vegetativa cioè quando la pianta emette nuove radici. E' importante però aspettare che queste abbiano raggiunto una lunghezza di almeno 3-4 cm prima di rinvasare.

Ovviamente la sistemazione migliore, come piante epifite, sarebbe la possibilità di lasciare libere le radici di abbarbicarsi su di un ramo o un tronco. Ma al di là di queste sistemazioni decisamente complesse da fare dentro casa, sceglieremo un contenitore adatto (in commercio ne esistono di tanti tipi ma se volete risparmiare anche un contenitore del gelato opportunamente forato va bene) ma avremo particolare cura nella scelta del substrato la cui prima caratteristica deve essere di essere ben drenante, che consenta una buona aerazione delle radici e che abbia la capacità di trattenere l'umidità.

In merito a ciò è consacrata l'Osmunda, molto difficile da reperire e in sua sostituzione potrete usare il bark di pezzatura tra i 2 e i 3 cm con l'aggiunta di un po' di torba di sfagno o carbonella e materiali inerti vari quali a esempio polistirolo.


Prima di procedere al rinvaso, lavare per bene il bark lasciandolo in immersione per alcuni giorni in acqua in modo da eliminare la polvere presente, togliere le impurità presenti che vanno a finire sul fondo del recipiente e assicurare così una loro perfetta idratazione.

Se le radici al momento della svasatura aderiscono troppo tenacemente al vaso, è opportuno immergere il vaso per circa 30 minuti in acqua appena tiepida. Se questa tecnica non dovesse funzionare, allora tagliate il vaso. Non forzate le radici che potrebbero danneggiarsi.

Il rizoma lo dovrete sistemare orizzontalmente, quasi all'altezza del bordo del vaso facendo in modo di sistemare il bark attorno alle radici.

Abbiate cura che ci sia un po' di spazio tra i bordi del vaso e le radici per evitare che la stessa situazione si ripresenti l'anno successivo.

Per avere una pianta ordinata, considerando che le Cattleya spesso vanno per i fatti loro, potete seguire i pseudobulbi mano mano che crescono e assicurarli a un tutore.

Subito dopo la rinvasatura aspettate due-tre settimane prima di annaffiare per consentire alle radici di adattarsi al nuovo vaso.

(Per maggiori chiarimenti sul rinvaso delle orchidee puoi consultare l'articolo: Tipo di substrato e rinvaso delle orchidee).

PARASSITI E MALATTIE

Per quanto riguarda le malattie della Cattleya si rimanda al capitolo: Malattie e cure delle orchidee.

CURIOSITA'

Il genere Cattleya fu scoperto il 1924 dal botanico John Lindley. Accadde che William Cattley di Barnet, un ricco coltivatore inglese e appassionato collezionista di piante esotiche, trovò tra le piante speditegli delle foglie di consistenza carnosa che servivano come imballaggio. Incuriosito ne coltivò alcune e una di queste fiorì. Poichè non sapeva di cosa si trattasse, la fece studiare da John Lindley che la classificò come nuovo genere e gli diede appunto il nome di Cattleya dal suo scopritore.

La Cattleya è il fiore nazionale di alcuni paesi: la Cattleya Trianae della Columbia, la Cattleya Mossiae del Venezuela, la Cattleya Skinnery del Costa Rica.

LINGUAGGIO DEI FIORI E DELLE PIANTE

Vedi: Le orchidee - Il linguaggio dei fiori e delle piante.

Pagine 1 - 2
Trovapiante