Home => Piante e fiori => Cura e bellezza => Piante medicinali => Anice verde
PIANTE MEDICINALI
ANICE VERDE
Pimpinella anisum
(famiglia
Apiaceae
)
Anice verde proprietà terapeutiche
CARATTERISTICHE GENERALI

L'anice verde, nome scientifico Pimpinella anisum appartenente alla famiglia delle Apiaceae è originario del Medio Oriente anche se è oramai così diffuso da potersi considerare originario delle nostre terre.

E' una pianta che ha un fusto che può raggiungere il metro di altezza, cavo nel suo interno.

Anice verde fiori

Le foglie sono differenti a seconda della posizione che hanno nella pianta: quelle poste più in basso sono ovali, provviste di un lungo picciolo guainante mentre quelle poste più in alto lungo lo stelo, hanno un picciolo molto più breve e sono profondamente incise.

I fiori sono piccoli, disposti in ombrelle e di colore biancastro. Fiorisce durante tutta l'estate.

Il frutto è un achenio che matura in agosto-settembre.

PROPRIETA'

L'anice verde è ricco di oli essenziali e proteine.

Le sue proprietà sono: antispamasmodico, carminativo, espettorante, galattogogo, stimolante e ottimo digestivo.

Come antispasmodico è ottimo per i disturbi nervosi leggeri anche quando si manifestano a livello gastrointestinale e all'apparato respiratorio.

PARTI UTILIZZATE DELLA PIANTA

Si utilizzano solo i frutti (chiamati impropriamente semi), raccolti assieme alle ombrelle a fine estate ed essicate in luoghi ventilati e bui e poi battute per estrarne i semi.

Frutti di anice verde
COME SI UTILIZZA

I semi di anice verde sono distillati a vapore per estrarre gli oli essenziali dall'aroma caratteristico.

I semi e l'essenza sono utilizzati in cucina per aromatizzare i cibi.

CURIOSITA'

L'origine dell'anice verde è abbastanza oscura. Si pensa che sia stato introdotto dall'Asia ma non si conosce il luogo dove cresce spontaneo da sempre.

Dato il suo forte sapore viene spesso utilizzato nell'industria farmaceutica per mascherare il gusto dei farmaci dal sapore particolarmente sgradevole.

Caterina Sforza, signora di Forlì, realizzava un tonico distillando tre volte diverse piante (rosmarino, salvia, basilico, garofano, menta, noce moscata, sambuco, ginepro, cannella, rose bianche e rose rosse e incenso) con l'anice per ottenere quella che lei chiamava "Acqua celeste".

Esiste anche un altro tipo di anice, l'anice pepato, nome scientifico Xanthoxylum piperitium appartiene alla famiglia delle Rutaceae. E' originaria dell'Estremo Oriente ed è molto utilizzato nei paesi asiatici mentre in Europa è poco diffuso e poco conosciuto.

AVVERTENZE

L'essenza di anice verde a forti dosi può essere tossica soprattutto se non è stata conservata in maniera adeguata vale a dire in recipienti ermeticamente chiusi e al buio.

Trovapiante