Home => Piante e fiori => Piante d'appartamento e da giardino => Impatiens
COME COLTIVARE E CURARE LE NOSTRE PIANTE
IMPATIENS
Impatiens, coltivazione e cura

Le Impatiens sono delle deliziose piantine molto apprezzate sia la bellezza e l'abbondanza dei loro fiori ma anche perché sono di facile coltivazione, di rapido accrescimento e non molto soggette a malattie

CLASSIFICAZIONE BOTANICA


Regno
:
Plantae

Clado
: Angiosperme
Clado
: Eudicotiledoni
Clado
: Asteride
Ordine
:
Ericales

Famiglia
:
Balsaminaceae

Genere
:
Impatiens

Specie
: vedere il paragrafo «Principali specie»
CARATTERISTICHE GENERALI

Il genere Impatiens comprende più di 500 specie di deliziose piantine annuali o perenni, che tutti noi abbiamo posseduto almeno una volta. Appartengono alla famiglia delle Balsaminaceae e il loro nome deriva dal latino impatiens «impazienza» dovuto al fatto che i frutti una volta maturi si aprono lanciando, anche lontano, i semi al minino tocco.

Sono piante originarie dell'Africa orientale tropicale e sono particolarmente apprezzate non solo per la varietà, la bellezza e l'abbondanza dei loro fiori ma anche perché sono di facile coltivazione, di rapido accrescimento e non molto soggette a malattie.

Sono piante annuali i perenni a seconda della specie

Possiedono dei fusti per lo più carnosi. I fiori, possono essere tondi, appiattiti o provvisti di sperone, solitari, doppi, riuniti in pannocchie o racemi. I colori possono essere tra i più vari: a tinta unita, variamente screziati o ricchi di sfumature.

I frutti sono delle capsule che al minimo tocca si aprono effettuando dei veri e propri lanci. Infatti, quando i semi sono maturi, la capsula si asciuga, le relative cinque valve in cui è suddiviso si allungano come un elastico che al minimo tocco "esplode" scagliando i semi lontano

Impatiens
PRINCIPALI SPECIE

Le Impatiens che ritroviamo in commercio sono veramente tante, di forma e colori tra i più diversi dovuti alle numerosissime cultivars e varietà che via via sono state selezionate e quasi tutte derivate dalla Impatiens walleriana e sono trattate come annuali.

IMPATIENS WALLERIANA (IMPATIENS HOLSTII o IMPATIENS SULTANII)

La Impatiens walleriana (in onore a Horace Waller, un missionario britannico) o Impatiens holstii o Impatiens sultanii (in omaggio al sultano di Zanzibar).

 Impatiens walleriana

E' una pianta perenne erbacea caratterizzata da foglie lungamente picciolate di un bel verde intenso tendente al bronzeo, con fusti carnosi e screziati di rosso. Raggiunge un'altezza di non più di 45-50 cm.

Esistono numerosissime varietà e ibridi di questa specie che fanno si che la possiamo ritrovare di forma, dimensioni, colore tra i più svariati.

IMPATIENS REPENS
Impatiens repens

La Impatiens repens è una specie strisciante adatta per i cestini sospesi con dei deliziosi fiori di colore giallo - oro.

IMPATIENS BALFOURII

L'Impatiens balfourii è una specie perenne ma viene coltivata come annuale per le difficoltà che si hanno nel farle superare la stagione fredda se non in ambiente protetto.

Presenta foglie lanceolate a margini dentati e fiori di colore variabile dal rosa, al violetto, al rosso, al bianco. E' una pianta che cresce fino a raggiungere un'altezza di 1 m.

IMPATIENS FLACCIDA

L'Impatiens flaccida presenta fusti eretti che raggiungono i 40 cm di altezza e fiori di colore violaceo. Di questa specie esistono diverse varietà a fiori bianchi.

TECNICA COLTURALE

L' Impatiens richiede temperature intorno ai 18°C ma sopporta anche temperature più elevate. Anche d'inverno sarebbe preferibile che la temperatura si mantenesse intorno a questi valori; in questo modo la pianta continuerà a fiorire anche durante l'inverno. Temperature sotto i 13° non sono tollerate.

Non tollera le correnti d'aria fredda e il gelo che è la causa prima della loro morte quando sopraggiunge la stagione fredda.

Di fatto non è una pianta difficile da coltivare. Devono essere protette dall'esposizione del sole diretto. Vivono molto bene con il sole filtrato o parzialmente filtrato e lo tollerano solo se hanno acqua a sufficienza e una buona umidità ambientale.

ANNAFFIATURA

Nel periodo primaverile-estivo le annaffiature devono essere abbondanti e frequenti, in modo che il substrato sia sempre umido (ma non zuppo!) e facendo attenzione a che l'acqua non ristagni nel sottovaso. Durante il periodo autunno - invernale le innaffiature vanno sensibilmente diminuite in funzione della temperatura ambientale.

Non è consigliabile per questa pianta nebulizzare la chioma in quanto un'eccessiva umidità fogliare può favorire lo sviluppo di muffe e parassiti ma tenere la pianta su un sottovaso dove avrete sistemato dell'argilla espansa dove sarà costantemente presente un filo d'acqua che garantirà un microclima umido senza danneggiare la nostra Impatiens.

TIPO DI TERRENO - RINVASO

L'Impatiens si rinvasano in primavera ma solo se realmente necessario vale a dire se le radici hanno occupato tutto lo spazio a loro disposizione. Non si devono utilizzare vasi di grandi dimensioni ma poco più grandi del precedente in quanto diversamente svilupperebbero di più l'apparato radicale a discapito della parte aerea.

Si utilizza un terriccio fertile mischiato con torba e sabbia per garantire un buon drenaggio.

CONCIMAZIONE

Nel periodo primaverile-estivo è opportuno concimare la nostra Impatiens una volta alla settimana aggiungendo un concime liquido all'acqua d'irrigazione. Durante gli altri periodi le concimazioni vanno ridotte o sospese se le temperature sono inferiori ai 18°C.

Usate dei concimi completi che oltre i cosiddetti macroelementi quali azoto (N), fosforo (P), potassio (K) contengano anche i cosiddetti microelementi, vale a dire quei composti di cui la pianta ha bisogno in minima quantità (ma ne ha pur sempre bisogno) quali il magnesio (Mg), il ferro (Fe), il manganese (Mn), il rame (Cu), lo zinco (Zn), il boro (B), il molibdeno (Mo), tutti importanti per una corretta ed equilibrata crescita della pianta.

Ridurre leggermente le dosi rispetto a quanto riportato sulla confezione.

FIORITURA

Le Impatiens nei loro luoghi di origine fioriscono praticamente tutto l'anno. Nei nostri climi inizia a fiorire a maggio e per tutta l'estate.

POTATURA

Durante la crescita della nostra Impatiens è opportuno procedere con la cimatura degli apici vegetativi per stimolare la ramificazione.

Abbiate cura che l'attrezzo che usate per il taglio sia pulito e disinfettato (preferibilmente alla fiamma) per evitare di infettare i tessuti.

MOLTIPLICAZIONE

Le Impatiens si propagano per talea o per seme.

Nel scegliere la tecnica da adottare occorre tenere presente che la moltiplicazione per seme ha con se lo svantaggio che, subentrando la variabilità genetica, non si è certi che si avranno delle piante uguali alle piante madri, nel qual caso qualora si voglia ottenere una Impatiens ben precisa o non si è certi della qualità del seme che si sta utilizzando, è bene fare la moltiplicazione per talea.

MOLTIPLICAZIONE PER TALEA

In qualsiasi momento da aprile a ottobre possono essere prelevate delle talee dai rami laterali lunghe circa 10-15 cm.

Moltiplicazione per talea: taglio della talea sotto il nodo
Si raccomanda di tagliare con una lametta o con un coltello affilato per evitare le sfilacciature dei tessuti. Abbiate cura che l'attrezzo che usate per il taglio sia pulito e disinfettato (preferibilmente alla fiamma) per evitare di infettare i tessuti.

Dopo aver eliminato le foglie poste più in basso, si immerge la parte tagliata in un bicchiere d'acqua e si lascia radicare. In pratica si prende un bicchiere d'acqua che si riempie quasi fino all'orlo e si sistema sopra un pezzo di alluminio. Nell'alluminio si fanno dei buchetti tanti quante sono le talee e in ciascun foro si sistemano le talee in modo che arrivino all'acqua.

Le radici si formano in pochi giorni. A quel punto si sistemano in singoli vasi in una composta formata di torba e sabbia e si tengono in un luogo non troppo illuminato, mantenendo il terriccio costantemente umido. Questo per circa 1-2 settimane fino a quando le radici non avranno per bene attecchito, manifestato dal fatto che inizieranno a comparire i primi germogli. A quel punto la piantina può essere spostata in una zona più luminosa (non al sole diretto) e trattata come le piante adulte.

Per quanto riguarda la MOLTIPLICAZIONE PER SEMI si effettua all'inizio della primavera distribuendo i semi il più uniformemente possibile date le piccole dimensioni, in file parallele su un terriccio per semi. Dato che i semi sono piccoli, per interrarli leggermente, spingeteli sotto il terriccio usando un pezzo di legno piatto.

Sarebbe buona norma, per prevenire eventuali attacchi di funghi, somministrare con l'acqua di irrigazione anche un fungicida ad ampio spettro, nelle dosi indicate nella confezione.

Moltiplicazione per seme: 
disposizione dei semi nel terreno
Moltiplicazione per seme: uso di un nebulizzatore per inumidire il terreno
Moltiplicazione per seme: uso di un foglio di plastica trasparente per evitare che il terreno si secchi troppo rapidamente e per mantenere una umidità costante

Il vassoio che contiene i semi va tenuto all'ombra, a una temperatura intorno ai 20 - 23°C e costantemente umido (usate uno spruzzatore per inumidire totalmente il terriccio) fino al momento della germinazione. Il vassoio va ricoperto con un foglio di plastica trasparente che garantirà una buona temperatura ed eviterà un disseccamento troppo rapido del terriccio.

Una volta che i semi hanno germogliato, si toglie il telo di plastica, e mano a mano che le piantine crescono, si aumenta la quantità di luce (mai il sole diretto) e si assicura una buona ventilazione. Tra tutte le piantine nate, sicuramente ci saranno quelle meno vigorose rispetto ad altre. Individuatele ed eliminatele in questo modo garantirete più spazio alle piantine di Impatiens più robuste.

Quando saranno sufficientemente grandi da poter essere manipolate, le trapianterete facendo in ogni caso molta attenzione a non rovinare alcuna parte della pianta (sarebbe preferibile usare una forchetta per queste operazioni che infilerete al di sotto del terreno per prendere la piantina intera e metterla nel nuovo vaso) in un terriccio così come indicato per le piante adulte e le trattate come tali.

PARASSITI E MALATTIE
Foglie che avvizziscono, ingialliscono e cadono

Questa sintomatologia è indice di temperature troppo basse o che la pianta è esposta a correnti d'aria fredda.
Rimedi: regolatevi di conseguenza.

Foglie che iniziano a ingiallire, appaiono macchiettate di giallo e marrone

Se le foglie iniziano a ingiallire e successivamente a queste manifestazioni si accartocciano, assumono un aspetto quasi polverulento e cadono. Osservando attentamente si notano anche delle sottili ragnatele soprattutto nella pagina inferiore delle foglie. Con questa sintomatologia siamo molto probalbilmente in presenza di un attacco di ragnetto rosso, un acaro molto fastidioso e dannoso.

Acari delle piante

Rimedi: aumentare la frequenza delle nebulizzazioni alla chioma (la mancanza di umidità favorisce la loro prolificazione) ed eventualmente, solo nel caso di infestazioni particolarmente gravi, usare un insetticida specifico. Se la pianta non è particolarmente grande, si può anche provare a pulire le foglie per eliminare meccanicamente il parassita usando un batuffolo di cotone bagnato e insaponato. Dopo di che la pianta va risciacquata molto bene per eliminare tutto il sapone.

Presenza di piccoli animaletti biancastri sulla pianta

Se notate dei piccoli insettini mobili di colore bianco-giallastro-verdastri siete quasi sicuramente in presenza di afidi o come comunemente sono chiamati pidocchi. Osservateli con una lente di ingrandimento e confrontateli con la foto a lato, sono inconfondibili, non ci si può sbagliare.

Afidi delle piante

Rimedi: trattare la pianta con antiparassitari specifici facilmente reperibili da un buon vivaista.

PROPRIETA' TERAPEUTICHE

Fra le diverse Impatiens, la Impatiens balsamina, come dice il nome stesso, ha diverse proprietà terapeutiche: cura le bruciature da fuoco o da acqua e assottiglia le cicatrici. Inoltre ha proprietà diuretiche ed è emetica. Possiede inoltre proprietà antibiotiche contro certi funghi e batteri patogeni.

Entra nella composizione dei Fiori di Bach. Recita E. Bach circa questa pianta: «Per coloro che sono veloci nel pensiero e nell'azione e che vogliono che ogni cosa sia fatta senza esitazione o ritardo. Quando sono malati sono ansiosi di ristabilirsi alla svelta. Trovano molto difficile essere pazienti con le persone lente, perché pensano che ciò sia un errore e una perdita di tempo, e tentano in tutti i modi di rendere queste persone più veloci. Spesso preferiscono lavorare e pensare da soli, così da poter fare ogni cosa alla loro velocità».

L'Impatiens balsamina (foto sopra) è conosciuta anche come balsamina o begliuomini. E' una specie semirustica che cresce fino a 80 cm d'altezza, con foglie lanceolate a margini dentati di un bel colore verde brillante. Produce fiori di colore rosa-violetto che spuntano all'ascella delle foglie.

CURIOSITA'

Simile alla Impatiens balsamina è la Impatiens glandulifera (Impatiens roylei), originaria dell'Himalaya che viene considerata una specie infestante in quanto tende a diffondersi molto rapidamente, essendo a rapida crescita, e soppianta la flora indigena.


Impatiens glandulifera
LINGUAGGIO DEI FIORI E DELLE PIANTE

Vedi: «Impatiens - Il linguaggio dei fiori e delle piante».

Trovapiante