Home => Piante e fiori => Cura e bellezza => Piante medicinali => Cardo mariano
PIANTE MEDICINALI
CARDO MARIANO
Silybum marianum
(famiglia
Asteraceae
)
Cardo mariano proprietà terapeutiche
CARATTERISTICHE GENERALI

Il cardo mariano, Silybum marianum Gaertn., appartiene alla famiglia delle Asteraceae (ex Compositae) ed é una pianta tipica delle zone centro meridionali del mediterraneo dove si ritrova nelle zone incolte, nei prati, tra le macerie, ecc.

E' una pianta erbacea annuale o biennale provvista di radice fittonante, con fusto eretto e robusto alto fino a 1,5 m e molto ramificato. Le foglie sono molto grandi, di un bel colore verde intenso, lucenti, screziate di bianco lungo le nervature e con i bordi provvisti di spine giallastre e ondulati. I fiori sono di colore violacei-rossi, tubolari, riuniti in capolini emisferici e solitari, circondati da brattee spinose. Fiorisce tra luglio e agosto.

Fiori di cardo mariano
Semi di cardo mariano

I frutti sono degli acheni neri o screziati di giallo, lucidi e provvisti di pappo (insieme di peli che si trovano all'apice dei frutti) biancastro.

PROPRIETA'

Il cardo mariano contiene: tannino, sostanze amare, amido e mucillaggine.

Le sue proprietà sono: colagogo (aumentare la quantità di bile che defluisce nell'intestino), coleretico (stimola il fegato a produrre la bile), diuretico, ipertensivo, tonico.

PARTI UTILIZZATE DELLA PIANTA

Del cardo mariano si utilizzano le foglie raccolte in primavera ed essiccate in luoghi ben ventilati e bui.

Le radici raccolte in primavere o in autunno ed essiccate allo stesso modo.

I semi che vengono raccolti per scuotimento del capolino essiccato ed i fiori.

Cardo mariano pianta medicinale
COME SI UTILIZZA

Le radici, le foglie ed i semi si utilizzano come decotto per l'ipotensione.

In cucina il suo uso è pari a quello del carciofo: si utilizzano i germogli e le foglie più giovani ad insalata con un gusto amarognolo che ricorda il cardo; le radici ed i fiori si cucinano in acqua come qualsiasi verdura.

Viene anche utilizzato per la preparazione di liquori. Lasciando in infusione la radice nel vino si ottiene un ottimo aperitivo.

CURIOSITA'

Questa pianta è anche conosciuta come cardo asinino, cardo di santa Maria, cardo di Maria o cardo della Madonna questi ultimi dovuti probabilmente ad una leggenda che attribuisce le macchie bianche delle foglie al latte della Madonna mentre nascondeva Gesù dai soldati di Erode.

AVVERTENZE

I semi di cardo mariano sono ricchi di principi attivi che pur non essendo tossici, vanno somministrati sotto controllo medico.

LINGUAGGIO DEI FIORI E DELLE PIANTE

Vedi: Cardo mariano - Il linguaggio dei fiori e delle piante.

Trovapiante