Home => L'agronomo risponde => Problemi agrumi => La mia pianta di limone si trova in pessime condizioni a causa del freddo - Pagina 1 => Pagina 2
L'AGRONOMO RISPONDE SU COME COLTIVARE E CURARE LE PIANTE
DOMANDA SUL LIMONE:
LA MIA PIANTA DI LIMONE E' IN PESSIME CONDIZIONI A CAUSA DEL FREDDO
Pagina 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6
ALESSANDRO


Egr. Dott.ssa M.G. Davoli,

innanzitutto vorrei ringraziarLa per la rapidità con cui mi ha esaustivamente e gentilmente risposto, in secondo luogo mi sono permesso di inviarLe alcuni scatti fotografici relativi alla pianta di limone in oggetto. Ho effettuato la prova di cui Lei mi parlava nella precedente risposta, scorticando una zona "sana" di un ramo colpito vicino alla parte secca, e Le ho allegato le foto anche del colore dei tessuti.
Come vede le condizioni della mia povera pianta di limone sono piuttosto precarie. I limoni quindi dovrei rimuoverli completamente giusto?



Ora che ha modo di vedere anche la pianta, cosa ne pensa?

Spero si possa ancora fare qualcosa.

Nel ringraziarLa nuovamente, rimango in attesa di un Suo gentile e tempestivo riscontro.

Cordiali saluti.

Alessandro (10 marzo)
AGRONOMO RISPONDE


Ciao Alessandro,

per prima cosa ti confermo il mio primo consiglio: elimina subito i due limoni dalla pianta. Rifletti su questo: la pianta non fa i frutti per nostro diletto o perchè non sa che cosa fare ma solo ed esclusivamente per perpetuare la sua specie e in questo compito è molto ligia e scrupolosa ed è disposta a dare la vita pur di riuscire nel suo scopo. Questo compito però è per lei un lavoro enorme perchè tutte le sue energie sono finalizzate a questo scopo e tutte le sostanze nutritive sono veicolate nei frutti e quindi nei semi. In una pianta in questo stato di salute non ha alcun senso farle sprecare tutta questa energia per portare a termine la formazione dei semi. E' come se a una persona con la febbre alta che doveva correre la maratona tu le dica di mettersi comunque le scarpette e fare la corsa... il paragone è lo stesso.

Dalle foto dei tagli per controllare l'eventuale presenza di mal secco, vedo con piacere che la pianta è sana: è una buona notizia. Ora, dato che vedo che hai fatto parecchi tagli, è opportuno che li protegga con del mastice che potrai procurati da un buon vivaista (o presso un Consorzio agrario) che in ogni caso ti servirà anche quando dovrai potare, sempre per sigillare i tagli.

L'essudato che vedi è sicuramente gomma ed è una reazione normale in una pianta che ha subito uno stress da freddo. Anche i frutti manifestano i classici danni da freddo.

Mi rendo conto che rinvasare una pianta di quelle dimensioni è sicuramente una gran fatica e anche il costo del vaso e della terra non è indifferente per cui puoi optare tra queste due soluzioni: o non fare assolutamente nulla solo aspettare che il tempo si stabilizzi e le temperature si alzino quindi procedere a eliminare le parti danneggiate con una potatura (e sperare che le radici non siano danneggiate) oppure puoi in questo momento rinvasare per controllare le radici e quindi aspettare sempre che il tempo migliori per poi procedere a eliminare le parti aeree danneggiate. Se opti per questa soluzione, ti consiglierei anche di aggiungere del terriccio nuovo, togliendone un po' del vecchio. E' molto tempo che non cambi (o aggiungi) terreno fresco?

Il mio primo consiglio resta sempre che devi verificare lo stato di salute delle radici del limone perchè se ci sono radici marce o morte le devi asportare subito perchè altrimenti potrebbero infettare anche quelle sane. Un po' come quando una persona ha un'infezione: devi pulire la ferita eliminando l'infezione e disinfettare per bene se non vuoi che l'infezione si propaghi anche ai tessuti sani.

Io sono ottimista. I tessuti sono sani. Per cui se anche le radici non sono danneggiate, la pianta dovrebbe riprendersi.

Tienimi informata.

Dott.ssa M.G. Davoli

P.S. Dato che dalle foto vedo che l'acqua dalle tue parti è abbastanza calcarea (il bianco che si vede nel fondo del sottovaso e intorno al tronco), ogni tanto le dai dei chelati di ferro? Non ora, per carità, ma fra un po' di mesi, quando la pianta si sarà ripresa.

Pagina 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6
Trovapiante