Home => Animali del mondo => Mammiferi => Cammello
ANIMALI
CAMMELLO
Cammello, Camelus bactrianus, famiglia Camelidae
CLASSIFICAZIONE SCIENTIFICA


Regno
:
Animalia

Phylum
:
Chordata

Subphylum
:
Vertebrata

Classe
:
Mammalia

Ordine
:
Artiodactyla

Famiglia
:
Camelidae

Genere
:
Camelus

Specie
:
Camelus bactrianus

Nome comune
: Cammello
DATI GENERALI


HABITAT E DISTRIBUZIONE GEOGRAFICA

Il cammello, nome scientifico Camelus bactrianus della famiglia Camelidae, è un mammifero diffuso in Asia e nell nord dell'Hilamaya. Il suo habitat naturale sono le regioni aride, dal deserto del Gobi alle steppe siberiane.

Oramai, a parte piccoli gruppi che vivono allo stato selvatico, è un animale completamente addomesticato

CARATTERISTICHE FISICHE

Il cammello è sicuramente un animale che ha un fisico eccezionale senza il quale non riuscirebbe a sopravvivere alle condizioni estreme alle quali è sottoposto: temperature estive che raggiungono anche i 60°C e che scendono a livelli polari durante l'inverno (tali sono le temperature delle zone dove vive). Ha un corpo che gli consente di immagazzinare calore durante il giorno e di cederlo poi durante la notte.

Il corpo è ricoperto da un mantello di colore beige più o meno scuro che è particolarmente folto e lanoso durante il periodo invernale mentre durante il periodo estivo rimane quasi nudo.

Ha la capacità di trasportare carichi fino a 450 kg e può percorrere fino a 50 km al giorno senza mai fermarsi anche se a una velocità ridotta (4 km/h).

Ha la capacità di chiudere le narici e la bocca qualora ce ne sia la necessità (cosa importante durante le tempeste di sabbia).

All'altezza delle articolazioni delle zampe e sul petto il cammello presenta fin dalla nascita delle zone callose che gli consentono di appoggiarsi al suolo senza farsi male durante il riposo. Un'altra particolarità è la sua andatura ad "ambio" vale a dire portare avanti contemporaneamente le zampe di uno stesso lato che gli fa assumere la tipica andatura altalenante.

Sono presenti due gobbe sul dorso che erroneamente si pensa che siano delle riserve di acqua. In realtà esse sono una riserva di grasso per quando il cibo scarseggia. Ogni gobba contiene circa 36 kg di grasso e questo permette di stare per molti giorni senza mangiare. Infatti delle gobbe molli e di piccole dimensioni fanno comprendere che l'animale è da diversi giorni senza nutrirsi in quanto la loro grandezza è direttamente proporzionale alla quantità di energia spesa.

Cammello, Camelus bactrianus, famiglia Camelidae
Nota (2)

La capacità di riuscire a resistere per lungi periodi senza bere è legata al fatto ha la capacità di ridurre al minimo le perdite d'acqua sia producendo delle urine molto concentrate che riducendo la traspirazione. Tutto ciò porta con se che il dispendio di liquidi è minimo. Inoltre riesce a sopportare una perdita di liquidi dal proprio organismo pari al 25% senza nessun danno. Non appena trova una disponibilità di acqua riesce a bere e a immagazzinarne fino a 100 l.

CARATTERE, COMPORTAMENTO E VITA SOCIALE

Il cammello è un animale diurno e vive di solito in gruppi formati da pochi o al massimo da 30 individui.

Sono animali sempre il movimento alla ricerca di cibo.

ABITUDINI ALIMENTARI

E' un animale erbivoro ed è in grado di mangiare qualunque tipo di pianta anche irta di spine. Quando non sono disponibili vegetali, può mangiare ossa, pelle di altri animali o anche carne. In situazioni estreme può anche mangiare corde, scarpe, tessuti. Questa capacità di adattarsi a mangiare qualunque cosa, se si presenta la necessità, fa meglio comprendere come sia un animale capace di sopravvivere alle condizioni più estreme e come la sua anatomia e fisiologia sia atta a sopportare tutto questo senza alcun danno.

E' un ruminante pertanto il cibo, viene ingerito non completamente masticato e finisce nello stomaco e solo in un secondo tempo viene riportato in bocca per essere masticato.

Le gobbe non sono delle riserve di acqua ma delle riserve di grasso che consentono all'animale di resistere senza mangiare per parecchio tempo, infatti la loro grandezza è direttamente proporzionale alla quantità di energia spesa dall'animale.

Riesce a sopperire alla mancanza di acqua riducendo al minimo le perdite di liquidi: urine molto concentrate e traspirazione ridotta al minimo.

RIPRODUZIONE E CRESCITA DEL PICCOLI

La stagione riproduttiva è l'autunno e i maschi, quando le femmine entrano in calore, diventano particolarmente aggressivi.

Una volta avvenuto l'accoppiamento la gravidanza dura mediamente 13 mesi (all'incirca le nascite avvengono tra marzo e aprile) al termine della quale possono nascere da uno a due cuccioli che peseranno circa 36 kg.

I piccoli dopo poche ore dalla nascita sono in grado di camminare e sono allattati dalla madre per circa un anno e mezzo.

La maturità sessuale viene raggiunta intorno ai 3-5 anni periodo in cui lasciano la madre per fare vita autonoma.

In genere i cammelli si riproducono ogni due anni.

STATO DELLA POPOLAZIONE

Il cammello è classificato nella Red list dell'IUNC (3) tra gli animali in pericolo critico di estinzione in natura (allo stato selvatico): CRITICALLY ENDANGERED (CR).

Un tempo si pensava che fosse estinto in natura e presente solo la forma addomesticata. In realtà si sono scoperte delle popolazioni molto piccole in Mongolia, nel deserto del Gobi (350 esemplari, dato 2004) e in Cina (600 esemplari, dato 2004) che rispetto ai cammelli domestici hanno le gobbe più piccole, i piedi più piccoli, i peli più corti e un corpo in genere più esile. Di questa esigua popolazione è stata stimata una riduzione dell'80% entro le prossime tre generazioni (45 - 50 anni) a causa sia delle sistematiche uccisioni da parte delle popolazione locali per sussistenza, sia perchè i cammelli vengono uccisi dai lupi a causa del degrado e dell'impoverimento del loro habitat, sia a causa della distruzione di sempre maggiori aree grazie all'avanzare della "civiltà".

IMPORTANZA SOCIALE, ECONOMICA E NELL'ECOSISTEMA

E' un animale molto importante tanto che in alcuni paesi è considerato un indice di ricchezza.

Nel corso dei secoli i cammelli sono stati addomesticati per aiutare l'uomo non solo nei lavori pesanti, grazie alla loro forza ma anche per attraversare lunghe distese aride trasportando anche pesi di diversa entità. Oltre ciò è importante per i prodotti che direttamente può fornire: carne, latte, il grasso delle gobbe, lo sterco usato come combustibile per il riscaldamento, il pelo per fare coperte, cordame, tappeti, oltre che pregiati tessuti molto caldi e leggeri e la pelle per fare scarpe e prodotti vari.

Note

  1. Garrese: regione del corpo dei quadrupedi che si trova tra il collo e le scapole, considerata la zona più alta del dorso dove si misura l'altezza;
  2. iImmagine non soggetta a copyright: per gentile concessione della U.S. Fish & Wildlife Service;
  3. c'è da precisare che la IUNC considera le specie Camelus ferus come la specie selvatica, mentre la specie Camelus bactrianus la specie addomesticata. Noi non consideriamo questa distinzione ma una sola specie, la Camelus bactrianus.
Trovapiante