Home => Animali del mondo => Spazio ai lettori => Gli articoli dei lettori => Nel Regno delle farfalle
GLI ARTICOLI DEI NOSTRI LETTORI
Nel regno delle farfalle
Nel Regno delle Farfalle Museo Entomologico ONLUS Schio (Vicenza)
Nel Regno delle Farfalle Museo Entomologico ONLUS Schio (Vicenza)
UN NUOVO GRANDE MUSEO NATURALISTICO ALL’INTERNO DELLA PIU’ ESTESA ZONA INDUSTRIALE DELL’ALTO VICENTINO

Egregio Direttore, Spett.le Redazione,

siamo una giovane famiglia tutti appassionati di farfalle e che in tanti anni ne abbiamo raccolte più di Diecimila. A gennaio 2005 abbiamo costituito una Associazione Onlus "nel Regno delle Farfalle" con sede a 36015 Schio (VI). Per oltre dieci anni abbiamo ricercato tutte le specie di farfalle che popolano il territorio nazionale, dalle Alpi agli Appennini, dai ghiacciai al mare e le abbiamo classificate per specie, sottospecie, sesso e forma. Abbiamo a nostre spese costruito un Museo Entomologico che il primo di aprile 2006 è stato inaugurato , testimonial il Dott. Federico Fazzuoli storico giornalista Rai.

Nel Regno delle Farfalle si viene trasportati in un viaggio fantastico per l'Italia seguendo un tracciato di cinque percorsi itineranti : temporale, ambientale, geografico, scientifico ed ecologico distribuiti in uno spazio espositivo coperto di 2000 mq.

Nel Regno delle Farfalle Museo Entomologico ONLUS Schio (Vicenza)
Nel Regno delle Farfalle Museo Entomologico ONLUS Schio (Vicenza)

Protagoniste sono tutte le 250 specie di farfalle diurne d'Italia a tutt'oggi conosciute, inserite nel contesto dei loro ambienti naturali in particolari esposizioni arricchite di poster gigantografici e luci automatiche che rendono la visita una "full-immersion" nel mondo della natura. Oltre 150 chiare didascalie indicanti ad esempio Farfalle dei prati fioriti o dei prati montani, Farfalle dei prati alpini o dei ghiacciai, arricchite di richiami storico, culturali e paesaggistici stimolano un susseguirsi di emozioni.

Nel Regno delle Farfalle Museo Entomologico ONLUS Schio (Vicenza)

Le Farfalle della notte, le Farfalle del mondo, gli Insetti Amici & Nemici delle Farfalle e la contestuale presenza della mia famiglia con Roberta, i figli Simone di anni 19, Alice di anni 16, Susanna di anni 13 e la cagnolina Lilla ripresi nei momenti di intimita' durante le escursioni naturalistiche toccano anche i sentimenti rendendo la visita a questo Museo oltretutto indimenticabile.

Con questo Museo “nel regno delle Farfalle” Onlus , ci proponiamo ora alla collettività per diffondere quanto piu’ approfonditamente sulla vita delle farfalle, sulle loro popolazioni, sulle leggi che le tutelano e su tutto quanto è indispensabile mettere in atto per la salvaguardia degli ambienti che ancora le ospitano.

Nel Regno delle Farfalle Museo Entomologico ONLUS Schio (Vicenza)

Il Museo da noi condotto familiarmente è visitabile tutti i giorni dalle ore 09.00 alle 12.30 e dalle 14.00 alle 20.00 con la nostra presenza come guida.

Certi di trovare anche in Voi disponibili interlocutori che ci aiutino a trovare quella giusta visibilità che merita questa NUOVA REALTA' CULTURALE UNICA NEL SUO GENERE PER FATTISPECIE e particolarmente adatta sia per BAMBINI CHE STUDENTI, FAMIGLIE CHE ANZIANI, restiamo a disposizione per quanto Vi possa servire al caso.

RingraziandoVi anticipatamente, vogliate gradire i ns. piu’ Cordiali Saluti

fam. Giancarlo Paglia

“Nel Regno delle Farfalle” Museo Entomologico ONLUS
Via Lago di Alleghe, 33 Z.I.2 - 36015 Schio (Vicenza)
Tel. e Fax 0445 576457 Cell.333.9998227 p.i. c.f. 03210090241
info@nelregnodellefarfalle.it www.nelregnodellefarfalle.it

Nel Regno delle Farfalle Museo Entomologico ONLUS Schio (Vicenza)
Recentemente ha parlato di noi un quotidiano locale: IL GIORNALE DI VICENZA

Lunedì 26 Giugno 2006 speciali Pagina 17

A Schio il museo delle farfalle. Diecimila esemplari esposti in un percorso didattico di 48 spazi di Marco Sessa

Schio. Impressionante! È il primo aggettivo che viene alla mente, dopo aver visitato il museo “Nel regno delle farfalle”. Un museo unico nel suo genere in Italia, allestito in zona industriale grazie al lavoro di una singola famiglia, quella di Giancarlo Paglia.

Paglia, artigiano cinquantenne appassionato di farfalle e insetti fin dall’infanzia, non ha tralasciato la passione della sua vita neppure dopo aver messo in piedi un’avviata azienda di tecnologie elettroniche. Anzi, ha utilizzato il pianoterra della ditta, e gran parte dei suoi proventi, per realizzare un sogno. Il sogno della sua vita: il museo delle farfalle.

“Contagiati” dalla sua passione, prima la moglie Roberta, poi i figli Alice, Susanna e Simone, tutti i componenti della famiglia hanno seguito le orme del capostipite. Con anni e anni di ricerche, di studi, che ancora continuano. Sino all’allestimento finale di questa opera immane.

Impressionante, si diceva. Nel senso migliore del termine, ovviamente. Il museo che Giancarlo Paglia e i suoi famigliari hanno allestito (da soli!) ha dell’incredibile. Su una superficie di oltre 2000 metri quadri, sono state realizzate ben 48 “stazioni”, attraverso un percorso didattico di eccezionale rigore scientifico.

Ancora. Due “box” con gli amici e nemici delle farfalle, quattro con le farfalle della notte, altrettante con significativi esempi di farfalle dei diversi continenti. Sono oltre 10 mila farfalle, con tutte le 250 specie diurne dell’Italia e centinaia di sottospecie.

Nel Regno delle Farfalle Museo Entomologico ONLUS Schio (Vicenza)

Tutte le “stazioni” hanno per sfondo una serie grandiosa di gigantografie con gli ambienti naturali in cui le farfalle vivono e sono state raccolte (tutte da Giancarlo e dai suoi famigliari). Le teche, anch’esse realizzate dalla famiglia Paglia, sono dotate di tutte le spiegazioni scientifiche; che comunque sono fornite in “viva voce” ai visitatori dai proprietari di questo incredibile museo. Che, va ricordato, è una “onlus”, un’iniziativa senza scopo di lucro.

Se il percorso scientifico di questo museo unico è di un rigore tale da lasciare a bocca aperta anche il più pignolo degli studiosi, la visita suscita soprattutto inusitate e impreviste emozioni. Una visita che rimane impressa prima nell’animo che negli occhi.

Attraverso le migliaia di farfalle (già solo la loro visione lascia stupiti ), si entra in contatto diretto con la natura, con i luoghi più suggestivi o inaccessibili di questa nostra Italia che presenta scorci di incredibile bellezza. Non solo farfalle, quindi, ma anche il loro habitat; la natura nel senso più concreto.

E tutto, anche i particolari più strettamente scientifici, è raccontato con la semplicità di chi è sempre vissuto a contatto con la natura, anche quando ha saputo penetrare i segreti dell’elettronica. Una natura cui si sente l’appartenenza, in simbiosi con tutti i suoi componenti.

Perché c’è, sì, l’uomo, ma non è isolato. Anzi, si sente che è sempre più in contatto con il regno animale, con il regno vegetale, con il regno minerale. Perchè tutti sono la natura. E non mancano neppure le rappresentazioni delle ferite che l’uomo può infliggere alla natura stessa.

Se uno non conoscesse Giancarlo Paglia, non riuscirebbe a credere che il museo “Nel regno delle farfalle” sia stato realizzato solo da lui, da sua moglie e dai suoi figli. Senza l’aiuto di alcuno. Effettuando questo “percorso” si comprende che l’opera per la sua realizzazione è stata titanica; con un lavoro di anni. Che però non sarebbe stato sufficiente, se non fosse stato sorretto da una passione totalizzante.

Scrive Alice Paglia, anni 16, Liceo G. Zanella Schio (VI), classe I^ LICEO CLASSICO - figlia di Giancarlo

Quando si parla di farfalle si parla sempre di vita. Osservando anche per pochi secondi queste minute creature colorate, ci si rende conto che in fondo la vita è fragile come rugiada e leggera come il vento : si nasce, si cresce, si vive e si muore, cercando di superare, ancor meglio evitare, ogni ostacolo. E in fondo, cosa fa la farfalla? La larva si nutre, si muta in crisalide, dalla quale poi esce la farfalla, che vive intensamente la sua breve vita fino a che non arriva il giorno in cui deve lasciare questo mondo. Ma la sua storia non è finita, anzi, continua in un ciclo interminabile, perché in natura nulla si crea e nulla si distrugge, tutto si trasforma. Quindi la farfalla è metafora di vita.

Siamo una famiglia del Nord-Est d'Italia, tutti appassionati di farfalle. La leggerezza e la grazia di quest' ultime ci ha talmente affascinati che abbiamo deciso insieme di costruire un Museo che non contenesse solamente la nostra collezione, ma fosse anche emblema della nostra famiglia.

La nostra passione viene da lontano, quando papà Giancarlo era ancora un adolescente. Allora passava il tempo ad osservare la natura, le piante, i fiori e gli insetti. In modo particolare custodiva ogni informazione dettatagli dal suo maestro dell' elementari, e cercava di applicare ogni concetto e ogni teoria affinché riuscisse a capire non solo le azioni in sé, ma anche le cause e le conseguenze.

L’osservare le mosche che morivano d'asfissia sulla soglia delle finestre e il loro naturale mantenimento, gli fece intuire le tecniche per la conservazione delle varie famiglie di insetti che perfezionò fino ad applicarle alla famiglia delle farfalle. All'età di 18 anni possedeva già una pregevole collezione, che lui esponeva allo sguardo di tutti approfittando delle feste paesane o di qualsiasi fiera. Proprio in una occasione simile, conobbe mamma Roberta che lasciò in offerta al mio papà cinquecento lire, colpita dalla sua collezione e dalla sua tenace volontà. Fu così dunque che mio papà vide la farfalla dell'amore. Da quel matrimonio nacque mio fratello Simone, io, Alice, e infine mia sorella Susanna. La passione di mio papà, quasi fosse un fatto genetico, è stata trasmessa ad ogni membro della nostra famiglia.

Nel Regno delle Farfalle Museo Entomologico ONLUS Schio (Vicenza)

È così, dunque, che ora sono qui a parlarvi del nostro Museo “nel Regno delle Farfalle”.

Inaugurato il primo Aprile 2006, padrino d'eccezione il dottor Federico Fazzuoli, storico giornalista Rai, il nostro Museo “nel Regno delle Farfalle” richiama molte persone anche da lontano. La collezione è frutto di una costante ricerca di tutti noi per molti anni. Paradossalmente il museo è situato nella zona industriale di Schio a Vicenza, come per far comprendere a tutte le persone che a volte le apparenze ingannano, che anche in un campo di grano possiamo trovare un papavero rosso. Dopo l'inaugurazione si sono interessati di noi diverse TV locali e diversi quotidiani anche nazionali. Questo ci ha proiettati direttamente ai vertici dei media, richiamando l'attenzione di TV RAI 2 con la diretta di venerdì 2 Giugno 2006, ospiti del noto programma “Piazza Grande” condotto dal signor Giancarlo Magalli, che ha invitato tutti a visitare questo grande e meraviglioso Museo. Per tutta la nostra famiglia è stata un'occasione indimenticabile dove abbiamo avuto la possibilità di far conoscere a tutti gli italiani la nostra ineguagliabile iniziativa.

Un servizio TV Rai 3 Tg Regionale Veneto alle ore 14:00 di sabato 10 Giugno 2006 conferma l’interessamento dei media per questa realtà culturale unica nella sua fattispecie.

COSA CI HA INDOTTO A SEGUIRE E RENDERE REALTA' IL NOSTRO SOGNO

Si sa che oramai il nostro pianeta è in grave pericolo: l’inquinamento sta soffocando ogni essere vivente in una morsa serrata, l’effetto serra toglie il respiro alla terra , i ghiacci si stanno sciogliendo e di conseguenza il livello marino si alza , le specie di animali in via d’estinzione sono sempre più copiose. Insomma, il pianeta terra ha già iniziato un lungo cammino di deterioramento, un cammino così lento che all’occhio umano non appare. Siamo infatti troppo impegnati nel lavoro, vincolati in cose futili e concentrati nei nostri affari, quando fuori dalla nostra finestra c’è qualcuno che ha davvero bisogno dell’ingegno umano: la natura.

Molte colonie di farfalle stanno col tempo definitivamente scomparendo, non solo per cause naturali come spostamenti crostali, catastrofi , sbalzi di temperatura, estinzioni di piante o scompensi nell’ecosistema, ma anche e soprattutto per cause artificiali dovute all'attività umana. Prendiamo come il più banale degli esempi la figura dell’ “uomo che sfalcia, che diserba o che incendia”: non ci si immagina neanche quante farfalle si sopprimono, ancor prima che abbiano sfoggiato le proprie ali alla luce del sole, eliminando quelle erbe che reggono migliaia di uova e bruchi, dai quali un giorno sarebbe nata una bellissima e coloratissima creatura. Lo scopo principale del nostro Museo , dunque, è quello di espandere le nostre conoscenze, affinché tutti possano almeno in parte cominciare a risolvere il problema della nostra terra, partendo appunto dalla salvaguardia di qualcosa di piccolo e fragile come una farfalla.

Rendendo poi fruibile le nostre esperienze ad ogni individuo, diamo la possibilità a chiunque di conoscere di più, e a chi è particolarmente appassionato di confrontare i suoi saperi con i nostri, raggiungendo quindi i piani più elevati della scienza e della cultura.

“Nel Regno delle Farfalle” Museo Entomologico ONLUS
Via Lago di Alleghe, 33 Z.I.2 - 36015 Schio (Vicenza)
Tel. e Fax 0445 576457 Cell.333.9998227 p.i. c.f. 03210090241
info@nelregnodellefarfalle.it www.nelregnodellefarfalle.it

Aperto tutti i giorni, dal Lunedi’ alla Domenica con orario 09.00-12.30 e 14.00-20.00
Se desideri pubblicare un articolo invialo a scrivi@elicriso.it

Nota
Questo articolo è state inviato da un nostro lettore. Se pensi che questo violi il Diritto d'autore o la Proprietà intellettuale o il Copyright preghiamo di avvisarci immediatamente scrivendo all'indirizzo scrivi@elicriso.it . Grazie

Trovapiante