Home => L'agronomo risponde => Problemi ficus => Macchie giallastre sulle foglie del mio ficus
L'AGRONOMO RISPONDE SU COME COLTIVARE E CURARE LE PIANTE
DOMANDA SUL FICUS
Macchie giallastre sulle foglie del mio ficus
Cocciniglia su Ficus
QUESITO DI RAFFAELLA

Buonasera,
Le scrivo perché speranzosa del suo prezioso aiuto.
Il mio Ficus ha ormai 14 anni. Da un paio di anni sono comparse sulle foglie delle macchioline color giallastro. Questa caratteristica non è presente alla nascita delle nuove foglie, ma quando queste hanno ormai qualche giorno.

Cocciniglia su Ficus
Cocciniglia su Ficus
Cocciniglia su Ficus
Cocciniglia su Ficus

Il Ficus viene tenuto in casa durante l’inverno, mentre a metà primavera viene spostato in balcone (viviamo a Milano). La ringrazio se potrà rispondere. Le allego delle foto che spero possano aiutare.

Cordiali saluti, Raffaella

AGRONOMO RISPONDE

Salve Raffaella,

voglio essere onesta: sono rimasta senza parole quando ho visto le foto che mi hai inviato tanto che ho pensato che fosse uno scherzo. Hai uno splendido Ficus che sta soffrendo da due anni e non ti sei mai accorta che c'era qualcosa che non andava? Non hai mai passato un dito sopra una foglia dove c'erano quelle "Macchioline color giallastro" come le hai definite, e percepito la presenza di corpi estranei? Non hai mai sentito le foglie appiccicose?

A ogni modo, vediamo di rimettere in salute questa splendida pianta.

Il tuo Ficus ha un poderoso attacco di cocciniglia bruna (ho fatto un cerchietto giallo in una foto), ed è presente sulla pianta in tutti i suoi stati di sviluppo. Nella scheda di coltivazione del Ficus e ancor meglio nella pagina dedicata alla cocciniglia trovi delle foto molto esaustive e se dai una rapida lettura capirai che questo parassita non è da sottovalutare in quanto può portare la pianta alla morte. Infatti la cocciniglia infila i suoi stiletti boccali nei vasi della pianta per succhiare la linfa della quale si nutre. Oltre ciò, ti sarai sicuramente accorta che le foglie risultano appiccicose. Questo è dovuto alla melata che altro non è che gli escrementi della cocciniglia, della quale le formiche sono molto ghiotte (ed è facile trovarle nelle piante infestate da questo parassita).

Vediamo il da farsi. Le operazioni che ti consiglio di fare sono, in ordine:

  1. fare una potatura della pianta in modo da eliminare le parti più danneggiate e colpite;
  2. eliminare la cocciniglia dalle parti di pianta rimaste, con un batuffolo di cotone imbevuto di alcool denaturato. Il cotone va passato delicatamente sulle foglie dove vedi i parassiti. Verranno via facilmente. In questo modo fai una grossa prima pulizia della pianta;
  3. dopo di che, dato che questo trattamento non sarà risolutivo vista la gravità dell'infestazione, trova un angolo tranquillo della casa dove non trafficano nè bambini, nè animali (sarebbe meglio nel terrazzo se il tempo lo permette) e fai un trattamento con olio bianco, un olio minerale che potrai trovare facilmente in un buon vivaio. Spruzzalo per bene su tutte le parti della pianta, nelle foglie (pagina superiore e pagina inferiore), nei rami e nel fusto. Il prodotto forma sulla pianta una pellicola che ricopre le cocciniglie che muoiono per soffocamento. Comprendi pertanto come è necessario che ricopri per bene tutte le parti della pianta. Segui le indicazioni e i tempi riportati nella confezione del prodotto;
  4. passato il periodo di tempo indicato (in genere 15 gg), prima di fare qualunque altra cosa, ti consiglio di lavare per bene la pianta con acqua e sapone di marsiglia facendo attenzione a non far andare l'acqua saponata nel vaso (avvolgilo con la pellicola trasparente o con una qualunque busta di plastica). In questo modo toglierai i cadaveri delle cocciniglie che sono rimasti sulla pianta;
  5. fatto tutto questo, valuterai se il parassita è ancora presente e se è il caso di fare un secondo trattamento.

Con pazienza e tanto amore per questa povera pianta, riuscirai a recuperarla.

Per il futuro, una volta eliminata, ti consiglio di mantenere intorno alla pianta un ambiente umido in quanto il caldo e il secco favoriscono la sua proliferazione. Puoi anche sistemare sotto il vaso un sottovaso con della ghiaia dove terrai un poco d'acqua che evaporando, garantirà un ambiente umido. Ora che hai imparato a conoscerli, potrai tenerli tranquillamente sotto controllo.

Se una volta risanata mi manderai una foto ne sarò lieta.

In bocca al lupo per tutto.

dott.ssa Maria Giovanna Davoli

Trovapiante