elicriso.it - rivista sull'ambiente e sulla natura
giovedì 2 ottobre 2014
  Skip Navigation Links
   Elicriso offerto in  
Testo normale Testo grande Testo molto grande
Rubriche sulle piante
Come coltivare e curare le piante
Le amiche silenziose
Cure per le vacanze
Rinvaso
Abutilon
Acacia
Acalypha
Acanthus
Achimenes
Acorus
Actaea
Adiantum
Adromischus
Aeonium
Aechmea
Aeschynanthus
Agapanthus
Agave
Ageratum
Aglaonema
Albizia
Allamanda
Alocasia
Aloe
Alpinia
Alsobia
Amaryllis
Ananas
Anthurium
Antirrhinum
Aphelandra
Aporocactus
Aquilegia
Araucaria
Ardisia
Areca
Arisaema
Aristolochia
Asarum
Asparagus
Aspidistra
Asplenium
Aucuba
Azalea (Rhododendron)
Babiana
Bambù (subtribù Bambusine)
Bauhinia
Beaucarnea
Begonia
Beloperone
Bessera
Billbergia
Blechnum
Bouganville
Bouvardia
Bowiea
Bromeliaceae
Browallia
Brunfelsia
Caladium
Calatea (Calathea)
Calceolaria
Calendula
Calla (Zantedeschia)
Callisia
Callistemon
Camelia
Campanula
Campsis
Canna
Capelvenere
Casuarina
Catharanthus
Celosia
Cereus
Ceropegia
Chamaedorea
Chamaerops
Chlorophytum
Ciclamino (Cyclamen)
Cissus
Clerodendrum
Clivia
Clusia
Codonanthe
Coffea
Coleus
Columnea
Conophytum
Cordyline
Cotyledon
Crassula
Crossandra
Croton
Cryptanthus
Ctenanthe
Curcuma
Cycas
Cyrtomium
Cytisus
Davallia
Dieffenbachia
Dimorphotheca
Dionaea
Dipladenia
Dizygotheca
Doryanthes
Dracena (Dracaena)
Echeveria
Echinopsis
Echinocactus
Epiphyllum
Episcia
Erica
Eustoma
Exacum
Fatshedera
Fatsia
Felci
Fico d'india
Ficus
Filodendro (Philodendron)
Fittonia
Fucsia
Gardenia
Gelsomino
Geranio (Pelargonium)
Gerbera
Gloriosa
Grevillea
Gunnera
Guzmania
Gynura
Hardenbergia
Haworthia
Hedera
Hedychium
Helxine
Hemerocallis
Ibisco (Hibiscus)
Hippeastrum (Amarillo)
Hoffmannia
Hosta
Hoya
Hypoestes
Impatiens
Ipomoea
Iresine
Ixora
Jacaranda
Jacobinia
Kalanchoe
Kentia
Kohleria
Lampranthus
Lapageria
Leptospermum
Lithops
Lobelia
Mammillaria
Maranta
Medinilla
Murraya
Musa
Neoregelia
Nephrolepsis
Nertera
Nidularium
Oleandro (Nerium)
Orchidea
Ortensia (Hidrangea)
Pachira
Pachypodium
Pachystachys
Pandanus
Papiro (Cyperus)
Passiflora
Pellaea
Pellionia
Peperomia
Pereskia
Pervinca (Vinca)
Philesia
Piante grasse
Pitcairnia
Pilea
Pittosporo (Pittosporum)
Platycerium
Plectranthus
Plumbago
Plumeria
Polianthes
Polypodium
Polyscias
Polystichum
Pothos (Scindapsus)
Primula
Pteris
Quesnelia
Ravenea
Rebutia
Rechsteineria
Rhapis
Rhoeo
Rhoicissus
Ricino
Rose
Ruellia
Russelia
Sanchezia
Sansevieria
Saxifraga
Schefflera
Sedum
Selaginella
Senecio
Setcreasea
Skimmia
Sinningia
Solanum
Sparmannia
Spathiphyllum
Stapelia
Stella di Natale
Stephanotis
Strelitzia
Streptocarpus
Streptosolen
Stromanthe
Syngonium
Tagetes
Tetrastigma
Thunbergia
Tillandsia
Tolmiea
Trachycarpus
Tradescantia
Tropaeolum
Urceolina
Vallota
Veltheimia
Tibouchina
Violetta africana (Saintpaulia)
Vriesea
Woodwardia
Xanthosoma
Yucca
Zamia
Zamioculcas
Le nostre amiche orchidee
Piante medicinali
Piante aromatiche
Conoscere le piante: come vivono e come sono fatte
I fiori di Bach
Il linguaggio dei fiori e delle piante
Come le donne famose della storia si facevano belle con le piante
Piante carnivore
Piante allucinogene
Piante tonificanti e afrodisiache
I principali nemici delle nostre piante
L'agronomo risponde
Epoca di raccolta e vendita della frutta italiana
Dizionario botanico
Rubriche sugli animali
Mammiferi
Uccelli
Rettili
Anfibi
Pesci
Echinodermi
Cefalopodi
Suoni emessi dagli animali
Altre rubriche
News ambientali
Geologia e ambiente
Clima e ambiente
Mitologia e ambiente
Agricoltura e ambiente
Geologia e biologia marina
Quando l'uomo diventerà un essere umano?
Energie rinnovabili
Diritto ambientale
Directory
La natura in cucina
Conservazione delle specie e dell'ambiente
Natura, usi, costumi del sud America
Arte e ambiente
Aree protette
Musica e ambiente
Tutto ciò che dobbiamo sapere sugli incendi
Quattro risate in compagnia ed altro
L'angolo della Sardina
Le nostre vignette
Video
Foto natura
Recensioni
Spazio aperto ai lettori
Pubblicazione foto dei nostri amici animali
Racconti di viaggio
Gli articoli dei lettori
Vecchi siti geologici
Forum
Il regno delle Orchidee
Il regno delle Orchidee
COME COLTIVARE E CURARE LE PIANTE
PIANTE GRASSE o
SUCCULENTE
Piante grasse

CARATTERISTICHE GENERALI

Normalmente si parla di piante grasse facendo di tutta un erba un fascio. In realtà questo termine è inappropriato da un punto di vista botanico ma nel linguaggio corrente è quello maggiormente utilizzato quelle piante che hanno la capacità di accumulare liquidi nei loro tessuti.

Piante succulente è un termine che meglio le identifica e comprende piante con caratteristiche simili ma che, nella denominazione più strettamente scientifica, identificano specie appartenenti a diverse famiglie botaniche.

Sono piante abbastanza misteriose in quanto sinora non è stato possibile tracciarne una storia in quanto non sono stati ritrovati fossili per cui non si sa quando sono apparse sulla terra e nè si sa con precisione il loro numero in quanto ogni anno vengono scoperte nuove specie.

La maggior parte delle piante grasse in natura si ritrova nelle zone comprese tra il 30° di latitudine nord e 30° di latitudine sud nel deserto del Sahara e del Gobi (Asia); nei pendii delle Ande cilene e peruviane, tutte zone caratterizzate da estrema scarsità di piovosità ma con molta nebbia che provoca una elevata umidità, fondamentale per la vita di queste piante; nel deserto della Namibia dove è abbondante la rugiada e nel deserto del Messico.

PRINCIPALI FAMIGLIE BOTANICHE DOVE RITROVIAMO LE PIANTE GRASSE

Le principali famiglie nelle quali ritroviamo le piante grasse sono:

Riportiamo i diversi generi suddivisi per famiglia botanica con schede monografiche di coltivazione ricche di foto e video.

Famiglia AGAVACEAE

Nella famiglia delle Agavaceae ritroviamo il famosissimo genere:

Piante grasse: Agave

Famiglia AIZOACEAE

In questa famiglia ritroviamo alcuni generi che si caratterizzano per particolari trasformazioni del loro apparato vegetativo atte a farle definire succulente o piante grasse. Ritroviamo i generi:

Piante grasse: Conophytum
Piante grasse: lithops
Piante grasse: Lampranthus

Famiglia ALOACEAE

All'interno di questa famiglia ritroviamo uno dei generi più conosciuti:

Piante grasse: Aloe

Famiglia APOCYNACEAE

All'interno di questa famiglia ritroviamo il genere:

Piante succulente: Pachypodium

Famiglia ASCLEPIADACEAE

Grande famiglia con circa 1700 specie di piante erbacee e spesso lianose molto più raramente a portamento arboreo o arbustivo. Sono piante per lo più originarie dell'Africa e solo poche specie sono europee. Tra le piante succulente appartenenti a questa famiglia ricordiamo il genere:

Piante grasse: Ceropegia
Piante grasse: Stapelia

Famiglia ASTERACEAE In questa grandissima famiglia ritroviamo alcune specie che, contrarimanete a quello che ci si può aspettare, sono delle vere e proprie succulente e che mai avremo detto appartenere a quella che comunemente chiamiamo "la famiglia delle margherire".

caratteristiche piante grasse

Famiglia CACTACEAE la cui principale caratteristica è l'apparato radicale particolarmente profondo in quanto sono piante che crescono in zone particolarmente aride per cui le radici "vanno alla ricerca dell'acqua". Sono quasi tutte prive di foglie così come siamo abituati a vederle e la fotosintesi clorofilliana avviene grazie al fusto che assume forme e dimensioni molto differenti a seconda del genere e della specie.

Il termine generico di "cactus" con il quale spesso sono erroneamente identificate queste piante deriva dal greco "Kaktos = pianta spinosa" in riferimento al fatto che la pianta è ricoperta di spine più o meno lunghe e che in realtà sono le foglie trasformate.

Una caratteristica di tutte le cactaceae è che possono rimpicciolirsi e quasi "scomparire" in quanto si infossano nel terreno per sfuggire ai predatori. Svolgono la fotosintesi durante la notte in modo da evitare le perdite d'acqua dovuta all'apertura degli stomi. Tutte hanno fiori solitari, sessile, dai colori molto sgargianti, ermafroditi, caratterizzati da numerosissimi stami ed un solo stilo e rimangono fioriti per pochissimi tempo (un giorno o anche una sola notte). L'impollinazione avviene ad opera di farfalle notturne o diurne oppure ad opera dei colibrì. Il frutto è sempre carnose di dimensioni assai variabili: da pochi millimetri a diversi centimetri come nel caso dell'Opuntia e possono essere o non essere ricoperti di spine e ognuno porta numerosi semi (in alcune specie anche duemila) immersi sempre in una sostanza zuccherina.

I generi più conosciuti sono:

caratteristiche piante grasse
specie piante grasse
caratteristiche piante grasse
Piante grasse: Echinocactus
Piante grasse: opuntia
coltivazione Piante grasse
Piante grasse: Mammillaria
Piante grasse: Pereskia
Piante grasse caratteristiche

Famiglia CRASSULACEAE

Sicuramente è la famiglia più ricca di specie (oltre 3000) di piante grasse diffuse in tutto il mondo (ad eccezione dell'Australia e della Polinesia), apprezzate per la loro bellezza come piante ornamentali e per la loro semplicità di coltivazione. Tutti i generi sono adattati a vivere in condizioni xerofile, con stomi scarsi e molto infossati e con una epidermide molto spessa e ricoperta da rivestimenti cerosi. I generi maggiormente diffusi e coltivati sono:

Piante grasse: Adromischus
Piante grasse: Cotyledon
Piante grasse: Crassula
Piante grasse: Echeveria
Piante grasse: Kalanchoe
Piante grasse: Sedum

Famiglia EUPHORBIACEAE

Grande e cosmopolita famiglia che presenta diverse peculiarità di cui sicuramente il fatto di essere succulenta è una delle tante. I generi annoverati in questa famiglia sono diversi e le piante possono essere legnose, erbacee o di aspetto cactiforme. Il genere più conosciuto è:

Piante grasse: Ricinus

Famiglia LILIACEAE

Nella grande ed importante famiglia delle Liliaceae, dove ritroviamo piante molto conosciute sia come ornamentali che come piante aromatiche e medicinali, abbiamo anche alcuni generi di piante grasse, tra i quali ricordiamo:

Piante grasse: Haworthia
Vendita opere di Toru Iwaya
Dedicato a Pio Petrocchi
Contatti Perchè Elicriso Links Redazione Privacy
Copyright© 2000-2014 Elicriso.it - Note legali