elicriso.it - rivista sull'ambiente e sulla natura
sabato 23 agosto 2014
  Skip Navigation Links
   Elicriso offerto in  
Testo normale Testo grande Testo molto grande
Rubriche sulle piante
Come coltivare e curare le piante
Le amiche silenziose
Cure per le vacanze
Rinvaso
Abutilon
Acacia
Acalypha
Acanthus
Achimenes
Acorus
Actaea
Adiantum
Adromischus
Aeonium
Aechmea
Aeschynanthus
Agapanthus
Agave
Ageratum
Aglaonema
Albizia
Allamanda
Alocasia
Aloe
Alpinia
Alsobia
Amaryllis
Ananas
Anthurium
Antirrhinum
Aphelandra
Aporocactus
Aquilegia
Araucaria
Ardisia
Areca
Arisaema
Aristolochia
Asarum
Asparagus
Aspidistra
Asplenium
Aucuba
Azalea (Rhododendron)
Babiana
Bambù (subtribù Bambusine)
Bauhinia
Beaucarnea
Begonia
Beloperone
Bessera
Billbergia
Blechnum
Bouganville
Bouvardia
Bowiea
Bromeliaceae
Browallia
Brunfelsia
Caladium
Calatea (Calathea)
Calceolaria
Calendula
Calla (Zantedeschia)
Callisia
Callistemon
Camelia
Campanula
Campsis
Canna
Capelvenere
Casuarina
Catharanthus
Celosia
Cereus
Ceropegia
Chamaedorea
Chamaerops
Chlorophytum
Ciclamino (Cyclamen)
Cissus
Clerodendrum
Clivia
Clusia
Codonanthe
Coffea
Coleus
Columnea
Conophytum
Cordyline
Cotyledon
Crassula
Crossandra
Croton
Cryptanthus
Ctenanthe
Curcuma
Cycas
Cyrtomium
Cytisus
Davallia
Dieffenbachia
Dimorphotheca
Dionaea
Dipladenia
Dizygotheca
Doryanthes
Dracena (Dracaena)
Echeveria
Echinopsis
Echinocactus
Epiphyllum
Episcia
Erica
Eustoma
Exacum
Fatshedera
Fatsia
Felci
Fico d'india
Ficus
Filodendro (Philodendron)
Fittonia
Fucsia
Gardenia
Gelsomino
Geranio (Pelargonium)
Gerbera
Gloriosa
Grevillea
Gunnera
Guzmania
Gynura
Hardenbergia
Haworthia
Hedera
Hedychium
Helxine
Hemerocallis
Ibisco (Hibiscus)
Hippeastrum (Amarillo)
Hoffmannia
Hosta
Hoya
Hypoestes
Impatiens
Ipomoea
Iresine
Ixora
Jacaranda
Jacobinia
Kalanchoe
Kentia
Kohleria
Lampranthus
Lapageria
Leptospermum
Lithops
Lobelia
Mammillaria
Maranta
Medinilla
Murraya
Musa
Neoregelia
Nephrolepsis
Nertera
Nidularium
Oleandro (Nerium)
Orchidea
Ortensia (Hidrangea)
Pachira
Pachypodium
Pachystachys
Pandanus
Papiro (Cyperus)
Passiflora
Pellaea
Pellionia
Peperomia
Pereskia
Pervinca (Vinca)
Philesia
Piante grasse
Pitcairnia
Pilea
Pittosporo (Pittosporum)
Platycerium
Plectranthus
Plumbago
Plumeria
Polianthes
Polypodium
Polyscias
Polystichum
Pothos (Scindapsus)
Primula
Pteris
Quesnelia
Ravenea
Rebutia
Rechsteineria
Rhapis
Rhoeo
Rhoicissus
Ricino
Rose
Ruellia
Russelia
Sanchezia
Sansevieria
Saxifraga
Schefflera
Sedum
Selaginella
Senecio
Setcreasea
Skimmia
Sinningia
Solanum
Sparmannia
Spathiphyllum
Stapelia
Stella di Natale
Stephanotis
Strelitzia
Streptocarpus
Streptosolen
Stromanthe
Syngonium
Tagetes
Tetrastigma
Thunbergia
Tillandsia
Tolmiea
Trachycarpus
Tradescantia
Tropaeolum
Urceolina
Vallota
Veltheimia
Tibouchina
Violetta africana (Saintpaulia)
Vriesea
Woodwardia
Xanthosoma
Yucca
Zamia
Zamioculcas
Le nostre amiche orchidee
Piante medicinali
Piante aromatiche
Conoscere le piante: come vivono e come sono fatte
I fiori di Bach
Il linguaggio dei fiori e delle piante
Come le donne famose della storia si facevano belle con le piante
Piante carnivore
Piante allucinogene
Piante tonificanti e afrodisiache
I principali nemici delle nostre piante
L'agronomo risponde
Epoca di raccolta e vendita della frutta italiana
Dizionario botanico
Rubriche sugli animali
Mammiferi
Uccelli
Rettili
Anfibi
Pesci
Echinodermi
Cefalopodi
Suoni emessi dagli animali
Altre rubriche
News ambientali
Geologia e ambiente
Clima e ambiente
Mitologia e ambiente
Agricoltura e ambiente
Geologia e biologia marina
Quando l'uomo diventerà un essere umano?
Energie rinnovabili
Diritto ambientale
Directory
La natura in cucina
Conservazione delle specie e dell'ambiente
Natura, usi, costumi del sud America
Arte e ambiente
Aree protette
Musica e ambiente
Tutto ciò che dobbiamo sapere sugli incendi
Quattro risate in compagnia ed altro
L'angolo della Sardina
Le nostre vignette
Video
Foto natura
Recensioni
Spazio aperto ai lettori
Pubblicazione foto dei nostri amici animali
Racconti di viaggio
Gli articoli dei lettori
Vecchi siti geologici
Forum
Il regno delle Orchidee
Toru Iwaya
COME COLTIVARE E CURARE LE PIANTE
CYCAS



Le Cycas, sono considerate "fossili viventi" il cui studio ha permesso di poter capire le piante oramai estinte.

Pagine

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9

Articolo pianta di Cycas
In questo articolo:
Classificazione botanica Caratteristiche generali Principali specie Tecnica colturale Annaffiatura Tipo di terreno - rinvaso Concimazione Fioritura Potatura Moltiplicazione Parassiti e malattie Curiosità Commenti dei lettori
CLASSIFICAZIONE BOTANICA

Famiglia: Cycadaceae
Genere: Cycas
Specie: vedere il paragrafo "Principali specie"

CARATTERISTICHE GENERALI

Il genere Cycas appartiene alla famiglia delle Cycadaceae e comprende piante molto antiche che hanno conservato le loro caratteristiche nel tempo. Sono originarie dell'Asia tropicale, della Polinesia, dell'Africa orientale e dell'Australia.

L'aspetto e la forma sono caratteristici e che ricordano le palme: sono formate da un tronco centrale alla cui sommità si trova un ciuffo di foglie pennate formate da numerose foglioline. Le singole foglie di ogni fronda si formano da una costa centrale assumendo sia le foglie che la costa una forma più o meno incurvata verso il basso a seconda della specie.

La particolarità di tutte le specie del genere Cycas è che sono specie dioiche vale a dire che esistono "piante maschili" e "piante femminili" vale a dire piante che portano solo fiori femminili e piante che portano solo fiori maschili.

Eccetto che dal fiore è impossibile, guardando semplicemente la pianta, sapere se è una "Cycas maschio" o una "Cycas femmina" .

I fiori maschili, chiamati microsporofilli, sono inseriti a spirale su un asse allungato, formante uno strobilio con i singoli microsporofilli di solito squamiformi che portano le sacche polliniche (microsporangi) sparsi o riuniti in gruppi chiamati sori.

I fiori si formano al centro del ciuffo di foglie.

Infiorescenza

I fiori femminili sono chiamati macrosporofilli e sono riuniti anche loro in strobili terminali che compaiono alla sommità del fusto come dei densi aggregati di foglie dove gli ovuli si formano ai margini (macrosporangi).

Infiorescenza di Cycas

Dettaglio Infiorescenza di Cycas

In natura sono impollinate ad opera del vento o degli insetti. Nelle coltivazioni di solito si preleva il cono maschile una volta giunto a maturazione (oltre che dall'aspetto si comprende che sono maturi anche dal fatto che emanano un profumo molto fragrante) e si scuote sopra lo strobilio femminile più volte per diversi giorni fino a quando non si vede che i fiori femminili si chiudono (come nella foto sopra).

Il frutto è una falsa drupa che porta un grosso seme di colore rosso-bruno che si sviluppa lentamente durante l'estate e viene raccolto all'incirca a gennaio - marzo dell'anno successivo quando diventerà da giallo pallido ad arancio-rosso.

Frutto Cycas Dettaglio frutto di Cycas

La Cycas riesce a crescere in appartamento ma in casa non fiorisce.

Sono tutte a crescita molto lenta.

PRINCIPALI SPECIE

Esistono diverse specie di Cycas tra le quali ricordiamo:

CYCAS REVOLUTA

La Cycas revoluta è originaria dell'Indonesia, della Cina e del Giappone e rispecchia tutte le caratteristiche tipiche del genere: crescita lenta, splendide fronde verde intenso che hanno un portamento ripiegato verso il basso.

In genere nei nostri climi non superano i 3 m di altezza se coltivate all'aperto e in casa il metro e mezzo.

E' la specie più coltivata in Italia e sono quasi tutti individui femminili.

Pianta di Cycas

TECNICA COLTURALE

Le Cycas sono di facile coltivazione perchè non richiedono accorgimenti particolari.

Vivono bene a temperature comprese tra i -10°C ed i 40°C.

Possono essere coltivate sia in appartamento che all'aperto nelle regioni a clima temperato. Crescono tranquillamente al sole ma si adattano abbastanza facilmente a diverse situazioni, basta che la luce non sia troppo scarsa che rischierebbe di far sfilare (allungamento eccessivo) la pianta a scapito del suo portamento.

Non amano le correnti d'aria anche se è importante garantire, in tutte le stagioni dell'anno, un buon ricambio della stessa.

Se è possibile a partire dal mese di giugno e fino a settembre, se allevate in appartamento, portarle all'aperto in posizione riparata dai raggi diretti del sole se in casa non sono state tenute al sole diretto.

In ogni caso nella cura di questa pianta tenete conto che sono a crescita molto lenta: mediamente se coltivata all'aperto il tronco cresce di circa 3 cm all'anno in altezza mettendo 3 nuove foglie. La situazione è più ridotta se si alleva in appartamento: solo una nuova foglia e la crescita del fusto è abbastanza irrilevante in un anno. Per questo motivo sono molto apprezzate ed utilizzate la realizzazione dei bonsai.

Una buona norma sarebbe, se non interessa ottenere il seme per un'eventuale moltiplicazione della pianta, eliminare il fiore (specialmente nelle piante femminili) prima che arrivi a maturazione. In questo modo tutte le energie che la pianta devia alla produzione del frutto e del seme sarebbero utilizzate per la sua crescita e non andrebbero disperse.

ANNAFFIATURA

La Cycas è una pianta che va annaffiata ogni qual volta il terreno si asciuga. La frequenza dipenderà dalla temperatura e dall'esposizione della pianta: in una pianta esposta in pieno sole il terreno si asciugherà molto rapidamente quindi va annaffiata più spesso.

Attenzione a che non rimanga acqua nel sottovaso in quanto non tollerano in alcun modo i ristagni idrici.

TIPO DI TERRENO - RINVASO

Il rinvaso nella Cycas, essendo a crescita molto lenta, si effettua ogni 3-4 anni quando le radici hanno oramai occupato tutto lo spazio a loro disposizione, in primavera o in estate.

Quando procedete al rinvaso ricordatevi di non usare vasi di grandi dimensioni ma solo un po' più grandi del precedente. Un vaso di grandi dimensioni favorirebbe un maggior sviluppo delle radici a scapito della parte aerea.

Non sono particolarmente esigenti in fatto di terreni. Crescono un po' ovunque l'importante è che sia fertile e ben drenante in quanto non tollerano in alcun modo i ristagni idrici. Ad esempio un buon terriccio può essere costituito da terriccio fertile, torba, sabbia o perlite.

E' importante sistemare sul fondo del vaso dei pezzi di coccio che favoriscono lo sgrondo delle acque in eccesso o se coltivata in piena terra che non sia piantata in una depressione del terreno dove l'acqua potrebbe ristagnare.

CONCIMAZIONE

Sempre in considerazione del fatto che le Cycas sono a crescita molto lenta le concimazioni si effettuano ogni 6-8 settimane a partire dalla primavera e per tutta l'estate. Durante gli altri periodi vanno sospese.

Si usa un concime liquido, opportunamente diluito nell'acqua d'irrigazione che sia ben bilanciato vale a dire che contenga sia i cosiddetti "macroelementi" quali Azoto (N), Fosforo (P) e Potassio (K) che i "microelementi" quali il Ferro (Fe), il Manganese (Mn), il Rame (Cu), lo Zinco (Zn), il Boro (B), il Molibdeno (Mo), tutti importanti per una corretta ed equilibrata crescita della pianta.

FIORITURA

Per poter fiorire la pianta deve avere almeno quindici anni (vale a dire che avrete una pianta più o meno alta 2 m e con un tronco di 30 cm) e fiorisce nella tarda primavera e non tutti gli anni. Di solito, nelle condizioni ottimali di coltivazione, ogni 2-3 anni.

POTATURA

Periodicamente controllare la pianta (specialmente se si trova all'aperto) ed eliminare le foglie più vecchie (quelle che si trovano più in basso) se danneggiate o ingiallite tagliandole il più possibile vicino al tronco. La pratica di eliminare subito le foglie danneggiata è molto importante sia perchè possono essere portatrici di malattie sia perchè la loro eliminazione stimola la pianta a produrre nuove foglie.

Per eliminare le foglie potete semplicemente afferrarle e tirare verso il basso. In questo modo la foglia verrà via intera ed avrete il tronco sempre pulito.

MOLTIPLICAZIONE

La pianta di Cycas si propaga per seme o per polloni.

Nel spiegare le diverse tecniche di propagazione della Cycas cercherò di essere il più esauriente possibile, al limite della pedanteria in quanto, essendo a crescita molto lenta e a germinazione ancora più lenta, sarebbe un peccato non riuscire ad ottenere la nostra piantina per banali errori di coltivazione.

MOLTIPLICAZIONE PER SEME

Il periodo migliore per piantare i semi di Cycas è tra marzo e maggio.

Per prima cosa dovete metterli in una bacinella con dell'acqua tiepida (il seme deve andare a fondo; se galleggia vuol dire che non è stato impollinato per cui non perdete tempo e buttatelo via). Questa è una tecnica chiamata "scarificazione" che serve per rendere la parte esterna del seme meno dura e permettergli quindi di germinare più rapidamente. Ci sono altre tecniche quale ad esempio l'incisione manuale del seme ma è più rischiosa se non si è Moltiplicazione pianta di Cycasesperti per cui è meglio usare la tecnica dell'immersione in acqua tiepida.

Lasciateli in immersione per 3 gg, cambiando l'acqua tutti i giorni dopo di che, eliminate la pellicola rosso-aranciata esterna e lasciateli asciugare per 1-2 giorni. Se la pellicetta rossa non dovesse staccarsi agevolmente non forzatela. Vuol dire che non è stato lasciato sulla pianta ad asciugare sufficientemente. Piantatelo con tutta la pellicola.

Formate un terriccio costituito per metà da sabbia o perlite e per metà da torba in modo da creare un terreno molto soffice e poroso di spessore di circa 12-15 cm (a seconda delle dimensioni del seme).

Il seme va interrato nel modo come rappresentato in figura. Un modo empirico ma molto pratico peMoltiplicazione per semir sapere quale lato interrare è quello di simulare la sua caduta dall'albero: fate cadere il seme su una superficie piana e morbida e guardata come si sistema. Ecco, sistematelo in quel modo, non potete sbagliare.

Occorre annaffiare quando il terreno in superficie è asciutto. Fate in questo modo: prima annaffiate per bene il terreno e lasciate sgrondare l'acqua in eccesso, poi annaffiate subito una seconda volta in modo da essere sicuri che il terreno sia completamente bagnato.

Fatto tutto questa occorre ora armarsi di tanta pazienza in quanto il seme impiegherà dai 3 ai 9 mesi per germinare vale a dire prima che si vedano spuntare le radici e le prime foglioline. Quando ciò avverrà, fatemi un favore personale, mandatemi una foto che la pubblicherò in questa pagina.

Moltiplicazione pianta di Cycas

(immagini di semi di Cycas inviate da Michele, piantati a settembre che hanno iniziato a germinare a giugno)

Moltiplicazione Cycas

(immagini di semi di Cycas inviate da Michele, piantati a settembre che hanno iniziato a germinare a giugno)

Quando la piantina sarà grande all'incirca 10 cm (dopo qualche mese) trapiantatela con lo stesso tipo di terriccio in vasetti di 10 cm di diametro prelevandola molto delicatamente con tutto il pane di terra e semplicemente aggiungendone dell'altra (se germoglia a luglio mediamente si travasa a gennaio dell'anno seguente). Entro il secondo anno andranno trapiantati in vasi da 15 cm e così via.

MOLTIPLICAZIONE PER POLLONI

La moltiplicazione per polloni si può effettuare in qualunque periodo dell'anno prendendo i germogli basali che si formano alla base della pianta o lungo il tronco. I pollini appena prelevati vanno lasciati asciugare per circa una settimana, tempo necessario a che la ferita si cicatrizzi.

Moltiplicazione per polloni Moltiplicazione per polloni

In genere si raccolgono alla fine dell'inverno o in primavera e si trapiantano quasi subito.

Moltiplicazione per polloni cycasI polloni vanno piantati in una composta formata per metà da sabbia o perlite e per metà da torba e vanno sistemati nel terreno per la metà della loro lunghezza. Se piantati troppo in profondità rischiano di marcire, se troppo in superficie le radici hanno poca superficie per svilupparsi.

Usare dei vasi di poco più grandi della dimensione del germoglio: ad esempio se il germoglio è di 5 cm usare dei vasi di 10 cm. La ragione di questo è che troppo terriccio comporta un ambiente che rimane umido troppo a lungo cosa che non deve avvenire se si vogliono far sviluppare le radici.

Regolare le annaffiature in modo che il terriccio sia quasi asciutto tra un'irrigazione ed un'altra. Dopo diversi mesi inizieranno a comparire le radici e a quel punto si inizia ad annaffiare molto più abbondantemente.



Annaffiatura cycasAspettare che siano comparse anche le prime foglie (2 o più a seconda delle dimensione del pollone) e si siano un pochino sviluppate prima di fare qualunque concimazione.

A quel punto potete trapiantarle in vasi un pochino più grandi del precedente (mai usare vasi grandi) in quanto in vaso grandi la parte aerea si sviluppa più lentamente.

Non tenere la nuova nata in posizione troppo luminosa che favorirebbe la formazione di foglie corte e non disturbarla durante questo periodo. L'unica cosa che dovete avere l'accortezza di fare è girare ogni giorno la pianta di 1/4 di giro verso la fonte luminosa in modo che le foglie crescano uniformi.

Le nuove foglie che nascono sono molto tenere e bisogna lasciare che si irrobustiscano per bene.

PARASSITI E MALATTIE

Foglie che si coprono di piccole macchie brune: questo sintomo è indice, se d'estate di poche annaffiature, se d'inverno di temperature troppo basse.
Rimedi: regolarsi di conseguenza.

Foglie che diventano gialle: questo sintomo può essere indice sia di eccessive annaffiature che di troppo fertilizzante.
Rimedi: regolarsi di conseguenza ed eliminare le foglie danneggiate.

Macchie brune sulla pagina inferiore delle foglie della pianta

Macchie sulla pagina inferiore delle foglie potrebbero significare la presenza della Cocciniglia ed in particolare della Cocciniglia bruna oppure della Cocciniglia farinosa. Per essere certi, usate una lente di ingrandimento e confrontatele con la foto al lato: sono caratteristiche, non potete sbagliare. Inoltre se provate a toglierle con un'unghia, vengono via facilmente.
Rimedi: toglietele con un batuffolo di cotone imbevuto di alcool o se la pianta è grande ed in vaso, potete lavarla con un acqua e sapone neutro strofinando delicatamente con una spugna per rimuovere i parassiti, dopo di che la pianta va risciacquata per eliminare tutto il sapone. Per quelle più grandi e all'aperto, potete usare degli antiparassitari specifici.

Parassiti che possono infestare la cycas
Cocciniglia farinosa
Parassiti che possono infestare la cycas
Cocciniglia bruna

CURIOSITA'

Le Cycas sono piante molto antiche: fossili di Cycas si sono ritrovati nel Trias superiore (circa 250 milioni di anni fa). Nel Cretaceo (da 66 a 140 milioni di anni fa) ebbero un enorme sviluppo riducendosi gradatamente nel terziario.

Le Cycas che sono arrivate ai nostri giorni, possiamo a tutti gli effetti considerarle dei "fossili viventi" il cui studio ha permesso di poter capire fossili di altre piante oramai estinte, vissute nel passato. Personalmente ritengo che sia straordinario pensare come siano sopravvissute ai cataclismi geologici ma soprattutto che sopravvivano ancora, adattandosi, anche ai disastri provocati dall'uomo!

Sono molto longeve: nei giardini di Huntington a San Marino in California c'è una splendida Cycas quasi centenaria alta 5 m e con un diametro del tronco di 4 m.

Le Cycas sono spesso confuse con la "Palma da sago" che appartiene però al genere Metroxilon ed in particolare Metroxylon sagu della famiglia delle Palme (foto al lato). E' da quest'ultima che si ricava il sago e non dalla Cycas che in alcuna sua parte è commestibile.

La Metroxylon sagu è originaria della Papuasia e della Nuova Guinea ed è diffusa oramai in tutti i paesi tropicali.

Nella zona di Sepik nella parte settentrionale della Nuova Guinea ed anche tra i popoli del Borneo, questa palma è un alimento base della popolazione locale. Utilizzano il tronco, tagliato prima della fioritura dal quale ricavano un amido usato per preparare numerose pietanze.

Tra l'altro sono molto apprezzate anche le larve del Tonchio (coleotteri della famiglia dei Curculionidae) che crescono all'interno di queste palme.

Di questa pianta comunque non si butta via nulla in quanto le fronde sono utilizzate per costruire le capanne, stuoie e cestini.

Pianta

Pagina 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9

Vendita opere di Toru Iwaya
Dedicato a Pio Petrocchi
Contatti Perchè Elicriso Links Redazione Privacy
Copyright© 2000-2014 Elicriso.it - Note legali