elicriso.it - rivista sull'ambiente e sulla natura
mercoledì 30 luglio 2014
  Skip Navigation Links
   Elicriso offerto in  
Testo normale Testo grande Testo molto grande
Rubriche sulle piante
Come coltivare e curare le piante
Le amiche silenziose
Cure per le vacanze
Rinvaso
Abutilon
Acacia
Acalypha
Acanthus
Achimenes
Acorus
Actaea
Adiantum
Adromischus
Aeonium
Aechmea
Aeschynanthus
Agapanthus
Agave
Ageratum
Aglaonema
Albizia
Allamanda
Alocasia
Aloe
Alpinia
Alsobia
Amaryllis
Ananas
Anthurium
Antirrhinum
Aphelandra
Aporocactus
Aquilegia
Araucaria
Ardisia
Areca
Arisaema
Aristolochia
Asarum
Asparagus
Aspidistra
Asplenium
Aucuba
Azalea (Rhododendron)
Babiana
Bambù (subtribù Bambusine)
Bauhinia
Beaucarnea
Begonia
Beloperone
Bessera
Billbergia
Blechnum
Bouganville
Bouvardia
Bowiea
Bromeliaceae
Browallia
Brunfelsia
Caladium
Calatea (Calathea)
Calceolaria
Calendula
Calla (Zantedeschia)
Callisia
Callistemon
Camelia
Campanula
Campsis
Canna
Capelvenere
Casuarina
Catharanthus
Celosia
Cereus
Ceropegia
Chamaedorea
Chamaerops
Chlorophytum
Ciclamino (Cyclamen)
Cissus
Clerodendrum
Clivia
Clusia
Codonanthe
Coffea
Coleus
Columnea
Conophytum
Cordyline
Cotyledon
Crassula
Crossandra
Croton
Cryptanthus
Ctenanthe
Curcuma
Cycas
Cyrtomium
Cytisus
Davallia
Dieffenbachia
Dimorphotheca
Dionaea
Dipladenia
Dizygotheca
Doryanthes
Dracena (Dracaena)
Echeveria
Echinopsis
Echinocactus
Epiphyllum
Episcia
Erica
Eustoma
Exacum
Fatshedera
Fatsia
Felci
Fico d'india
Ficus
Filodendro (Philodendron)
Fittonia
Fucsia
Gardenia
Gelsomino
Geranio (Pelargonium)
Gerbera
Gloriosa
Grevillea
Gunnera
Guzmania
Gynura
Hardenbergia
Haworthia
Hedera
Hedychium
Helxine
Hemerocallis
Ibisco (Hibiscus)
Hippeastrum (Amarillo)
Hoffmannia
Hosta
Hoya
Hypoestes
Impatiens
Ipomoea
Iresine
Ixora
Jacaranda
Jacobinia
Kalanchoe
Kentia
Kohleria
Lampranthus
Lapageria
Leptospermum
Lithops
Lobelia
Mammillaria
Maranta
Medinilla
Murraya
Musa
Neoregelia
Nephrolepsis
Nertera
Nidularium
Oleandro (Nerium)
Orchidea
Ortensia (Hidrangea)
Pachira
Pachypodium
Pachystachys
Pandanus
Papiro (Cyperus)
Passiflora
Pellaea
Pellionia
Peperomia
Pereskia
Pervinca (Vinca)
Philesia
Piante grasse
Pitcairnia
Pilea
Pittosporo (Pittosporum)
Platycerium
Plectranthus
Plumbago
Plumeria
Polianthes
Polypodium
Polyscias
Polystichum
Pothos (Scindapsus)
Primula
Pteris
Quesnelia
Ravenea
Rebutia
Rechsteineria
Rhapis
Rhoeo
Rhoicissus
Ricino
Rose
Ruellia
Russelia
Sanchezia
Sansevieria
Saxifraga
Schefflera
Sedum
Selaginella
Senecio
Setcreasea
Skimmia
Sinningia
Solanum
Sparmannia
Spathiphyllum
Stapelia
Stella di Natale
Stephanotis
Strelitzia
Streptocarpus
Streptosolen
Stromanthe
Syngonium
Tagetes
Tetrastigma
Thunbergia
Tillandsia
Tolmiea
Trachycarpus
Tradescantia
Tropaeolum
Urceolina
Vallota
Veltheimia
Tibouchina
Violetta africana (Saintpaulia)
Vriesea
Woodwardia
Xanthosoma
Yucca
Zamia
Zamioculcas
Le nostre amiche orchidee
Piante medicinali
Piante aromatiche
Conoscere le piante: come vivono e come sono fatte
I fiori di Bach
Il linguaggio dei fiori e delle piante
Come le donne famose della storia si facevano belle con le piante
Piante carnivore
Piante allucinogene
Piante tonificanti e afrodisiache
I principali nemici delle nostre piante
L'agronomo risponde
Epoca di raccolta e vendita della frutta italiana
Dizionario botanico
Rubriche sugli animali
Mammiferi
Uccelli
Rettili
Anfibi
Pesci
Echinodermi
Cefalopodi
Suoni emessi dagli animali
Altre rubriche
News ambientali
Geologia e ambiente
Clima e ambiente
Mitologia e ambiente
Agricoltura e ambiente
Geologia e biologia marina
Quando l'uomo diventerà un essere umano?
Energie rinnovabili
Diritto ambientale
Directory
La natura in cucina
Conservazione delle specie e dell'ambiente
Natura, usi, costumi del sud America
Arte e ambiente
Aree protette
Musica e ambiente
Tutto ciò che dobbiamo sapere sugli incendi
Quattro risate in compagnia ed altro
L'angolo della Sardina
Le nostre vignette
Video
Foto natura
Recensioni
Spazio aperto ai lettori
Pubblicazione foto dei nostri amici animali
Racconti di viaggio
Gli articoli dei lettori
Vecchi siti geologici
Forum
Toru Iwaya
Il regno delle Orchidee
COME COLTIVARE E CURARE LE PIANTE
HYDRANGEA

ovvero

ORTENSIA



Con il nome di "Ortensia" si comprendono specie sia arbustive che rampicanti legnose originarie e particolarmente diffuse nelle regioni orientali dell'Asia e dell'Himalaya, ma anche nelle Americhe.
Hydrangea ovvero ortensia a fiori globosi
In questo articolo:
Classificazione botanica Caratteristiche generali Principali specie Tecnica colturale Annaffiatura Concimazione Fioritura Potatura Colore dei fiori - terreno Moltiplicazione Parassiti e malattie Curiosità
CLASSIFICAZIONE BOTANICA

Regno: Plantae
Subregno: Tracheobionta (piante vascolari)
Divisione: Magnoliophyta (ex Angiospermae)
Classe: Magnoliopsida (ex Dicotyledones)
Subclasse: Rosidae
Ordine: Rosales
Famiglia: Hydrangeaceae
Genere: Hydrangea
Specie: vedere il paragrafo "Principali specie"

CARATTERISTICHE GENERALI

Con il nome di "Ortensia" si comprendono tutte le piante appartenenti al genere Hydrangea e alla famiglia delle Hydrangeaceae, che comprende specie sia arbustive che rampicanti legnose originarie e particolarmente diffuse nelle regioni orientali dell'Asia e dell'Himalaya, ma anche nelle Americhe.

Possiedono dei fusti robusti con foglie dentate o lobate; le foglie nella maggior parte delle specie sono opposte e tre per ogni nodo.

I fiori, riuniti in infiorescenze più o meno sferiche, dette corimbi o pannocchie, portano fiori per lo più sterili soprattutto quelli esterni, per cui sono sostituiti dai sepali, grandi e petaliformi, mentre le altre parti fiorali sono abortite. Le infiorescenze delle ortensie possono essere di diversi colori, che vanno dal bianco a diverse sfumature di rosso, rosa, malva, azzurro e violetto. I colori sono in parte determinati dal patrimonio genetico della pianta (alcune varietà sono esclusivamente rosse o rosa) ed in parte dipendono dal tipo di terreno su cui crescono: nei terreni a reazione acida assumono una colorazione azzurro-violetta, mentre nei terreni alcalini diventano rosa o lillà.

PRINCIPALI SPECIE

Esistono circa 40 specie di Hydrangea tra le quali ricordiamo

HYDRANGEA HORTENSIS chiamata anche HYDRANGEA MACROPHYLLA o HYDRANGEA OPULOIDES

L'Hydrangea ortensis è la specie maggiormente coltivata come pianta d'appartamento. E' una pianta semiarbustiva con foglie caduche, grandi e con i margini dentati. Da questa specie sono state ottenute numerosissime varietà con fiori di diverse sfumature dal rosso, al rosa, al blu, al bianco che sbocciano dalla primavera all'estate.

I fiori sono riuniti in infiorescenze ma sono sterili ed insignificanti con al contrario il calice con grandi sepali variamente colorati.

Le varietà di questo genere sono divise in due gruppi:

Gruppo Hortensia: con grandi infiorescenze (corimbi) globosi, molto appariscenti e di diametro anche di 20 cm;

Come coltivare la pianta di Ortensia

Gruppo Lace Caps: con infiorescenze (corimbi) un po' piatti formati da un gruppo centrale di boccioli non schiusi circondati da fiori ben formati.

Hydrangea hortensia
Hydrangea paniculata
HYDRANGEA PANICULATA

L'Hydrangea paniculata è una specie arbustiva, rustica, medio-alta con fiori bianchi o rosa e foglie acuminate con i margini dentati.

Fiorisce a partire dal mese di luglio producendo delle infiorescenze a pannocchia di forma quasi piramidale.

E' un arbusto che può raggiungere anche i 6 metri d'altezza.

HYDRANGEA QUERCIFOLIA

L'Hydrangea quercifolia è un arbusto di poco più di un metro di altezza con foglie vellutate e rossastre nella pagina inferiore.

I fiori, riuniti in pannocchie, sono inizialmente di colore bianco e diventano di colore rosato - rosso con la maturità.

Hydrangea quercifolia
Hydrangea sargentiana HYDRANGEA SARGENTIANA

L'Hydrangea sargentiana è un arbusto a portamento eretto che può raggiungere i tre metri d'altezza.

E' una specie che fiorisce d'estate producendo delle infiorescenze a corimbo piatte, con fiori fertili di colore lillà e fiori sterili di colore bianco.

Le foglie sono di un bel verde scuro nella pagina superiore e verde chiaro nella pagina inferiore. Sia le foglie che i rami sono ricoperti da una fitta peluria.

HYDRANGEA ARBORESCENS

L'Hydrangea arborescens è un arbusto con grandi foglie ovate-lanceolate.

Produce delle grandi infiorescenze di colore bianco a partire dal mese di luglio.

Hydrangea arborescens

TECNICA COLTURALE

L'ortensia è un arbusto perenne che si spoglia in inverno e riprende a vegetare in primavera, ai primi di marzo. Fiorisce in aprile e in appartamento la sua fioritura può durare anche 6-8 settimane, purchè venga collocata in un luogo abbastanza luminoso (ma non esposta direttamente ai raggi solari), fresco (la temperatura non deve mai superare i 16-18 °C perchè la fioritura si arresta) e allo stesso tempo venga abbondantemente innaffiata, in modo che il terriccio rimanga sempre umido.

Nonostante questi accorgimenti è molto difficile far rifiorire la pianta di ortensia per più anni consecutivi se la teniamo nel nostro appartamento. La soluzione migliore è quella di trapiantarla in giardino o in una grande fioriera in terrazzo, quando la nostra ortensia inizierà a sfiorire, cosa che normalmente avviene dopo 2-3 settimane, se non vengono rispettate le condizioni ottimali di temperature e umidità.

ANNAFFIATURA

Nel periodo primaverile-estivo le annaffiature delle ortensie devono essere abbondanti e frequenti, in modo che il substrato sia sempre umido (ma non zuppo!).

E' inoltre consigliabile nebulizzare spesso la chioma (con acqua non calcarea) per creare un ambiente umido congeniale alla pianta, stando però attenti al fatto che un'eccessiva umidità può favorire lo sviluppo di muffe e parassiti.

CONCIMAZIONE

Nel periodo primaverile-estivo è opportuno concimare la nostra ortensia una volta alla settimana aggiungendo un concime liquido all'acqua d'irrigazione.

L'ortensia è una pianta che asporta una grande quantità di Potassio. Si è calcolato che in media il rapporto di asportazione annuo di N:P.K (Azoto:Fosforo:Potassio) è di 1 : 0,7 : 2,3 pertanto è consigliabile distribuire un concime che segua questa regola, vale a dire un titolo alto in Potassio.

Fiore di ortensia Pianta di ortensia
FIORITURA

L'epoca di fioritura delle ortensie varia da specie a specie ed avviene sempre tra la primavera e l'estate.

POTATURA

La potatura è un'operazione molto delicata per l'ortensia.

Per le piante che stanno all'aperto, nei climi freddi è bene potare a fine inverno in modo che i rami, le foglie e tutte le altre parti secche della pianta che poi andranno tagliati, proteggano dal freddo i rami più giovani; mentre nelle regioni a climi più miti, si può potare subito dopo la fioritura per permettere alla pianta di emettere delle gemme laterali che forniranno l'anno successivo.

Per le piante di ortensie che stanno in appartamento, si può potare a settembre lasciando massimo due gemme per ramo e collocandola in un ambiente freddo (va benissimo in un terrazzo coperto).

Si deve partire dal presupposto che quasi tutte le ortensie fioriscono dalla gemma apicale (ad eccezione della Hidrangea Paniculata e Hidrangea arborescens che fioriscono sui rami nuovi quindi si possono potare in primavera e delle ortensie rampicanti che non vanno potate) pertanto vale la regola che più getti saranno emessi, più infiorescenze ci saranno e bisogna stare attenti a non tagliare i rami prima della fioritura (questo provocherebbe l'emissione di gemme laterali che produrranno fiori l'anno successivo) ma dopo.

Le parti da tagliare sono ovviamente i fiori ed i rami secchi tagliando sopra la prima coppia di gemme.

Non si taglieranno i rami cresciuti nell'anno facilmente riconoscibili perchè presentano alla sommità una gemma.

Potatura ortensia

COLORE DEI FIORI - TIPO DI TERRENO

Il colore dei fiori dell'ortensia è influenzato dalla reazione del terreno. Le varietà a fiori rosa diventano azzurre se vengono coltivate in terreni acidi (ph 4,5) mentre le varietà a fiori azzurri diventano rosa in terreni alcalini (ph 7,5 e oltre). Nei valori intermedi (tra ph 4,5 e 7,5) il colore assumerà colorazioni intermedie dal blu intenso, al blu chiaro, all'azzurro, al rosa, al rosa intenso.

Ortensia a fiori rossi Ortensia a fiori blu Ortensia a fiori viola

A partire dalle cultivar rosa per ottenere fiori blu si apporta Alluminio al terriccio e con una concimazione ricca di K2O e povera in P2O5 che provoca la precipitazione dei fosfati di alluminio. In pratica si effettuano 5-7 irrigazioni da luglio a settembre con 5-10 gr di solfato di alluminio per litro d'acqua.

MOLTIPLICAZIONE

Le ortensie di propagano per talea.

Quando termina la fioritura, si possono prelevare delle talee apicali da rami fioriferi, lunghe circa 10-15 cm.

Si raccomanda di tagliare con una lametta o con un coltello affilato per evitare le sfilacciature dei tessuti. Abbiate cura che l'attrezzo che usate per il taglio sia pulito e disinfettato (preferibilmente alla fiamma) per evitare di infettare i tessuti.

Moltiplicazione dell'Ortensia per talea

Moltiplicazione dell'Ortensia per talea apicale

Dopo aver eliminato le foglie poste più in basso, si immergere la parte tagliata in una polvere rizogena per favorire la radicazione.

Successivamente si sistemano le talee delle vostre ortensie in una composta formata da una parte di terriccio fertile, una di sabbia grossolana.

Fate dei buchi con una matita, tanti quante sono le talee fogliari e sistematele come indicato nella foto. Abbiate cura successivamente di compattare delicatamente il terriccio.

Moltiplicazione Ortensia

Talea Ortensia

La cassetta o il vaso si ricoprono con un foglio di plastica trasparente (o un sacchetto messo a cappuccio) avendo cura di tenere il terriccio sempre leggermente umido (annaffiare sempre senza bagnare la piantina in radicazione con acqua a temperatura ambiente e non calcarea). Ogni giorno togliete la plastica, controllate l'umidità del terreno ed eliminate dalla plastica la condensa.

Una volta che iniziano a comparire i primi germogli (dopo circa 40 gg), vuol dire che la talea di ortensia ha radicato. A quel punto si toglie la plastica e si trasferiscono, con lo stesso tipo di terriccio, in piccoli vasi di terracotta (se le avete fatte radicare in cassette) di 10 cm di diametro, che si collocano all'aperto e all'ombra, ma al riparo dal freddo e dalle correnti d'aria.

Moltiplicazione per talea

moltiplicazione

Si rinvasa in vasi più grandi nella primavera successiva e si dovrà aspettare ancora un anno prima di trasferirle in casa.

PARASSITI E MALATTIE

Foglie che diventano marroni lungo i margini e tendono ad arricciarsi

Questa sintomatologia è indice di annaffiature insufficienti.
Rimedi: regolare le annaffiature.

Ingiallimento più o meno diffuso tra le nervature delle foglie accompagnato da scarso sviluppo e clorosi dei germogli

In genere è dovuto ad un eccesso di calcare nel terreno, che a sua volta impedisce la corretta assimilazione del ferro e del manganese (componenti fondamentali della clorofilla, il pigmento verde delle foglie).
Rimedi: è opportuno utilizzare dei terricci leggermente acidi (ricchi di torba) e acqua non calcarea; è utile somministrare anche del solfato di ferro e manganese o anche dei composti chelanti (che permettono l'assimilazione del ferro) come il Sequestrene.

Scarso sviluppo della pianta accompagnato da ulcerazioni del fusto, da ipertrofie sulle nervature centrali delle foglie e da un'irregolarità nella fioritura

E' possibile che l'ortensia sia infestata da nematodi (fitofagi di aspetto vermiforme, lunghi pochi millimetri che vivono nel terreno).
Rimedi: si consiglia in questo caso di sostituire il terriccio se la pianta è in vaso, dopo aver accuratamente ripulito le radici. Se invece la pianta è coltivata all'aperto si può usare un nematocida granulare, insetticida che si trova comunemente in commercio.

Macchie giallo rossastre sulle parti verdi della pianta che in seguito si ricoprono di muffa bianca

Si tratta del cosiddetto "mal bianco" (Erysiphe polygoni) la cui efflorescenza biancastra si manifesta sulle foglie nella pagina inferiore mentre su quella superiore può rimanere verde o diventare leggermente rossastra. La malattia può interessare tutte le parti verdi della pianta di ortensia ed i giovani germogli colpiti appaiono deformati.
Rimedi: se l'infestazione è molto estesa, si combatte con trattamenti a base di zolfo o altri fungicidi in caso di forte infestazione. Se questa è invece scarsa e limitata a poche zone, è sufficiente eliminare prontamente la parte colpita.

Mal bianco su ortensia

Macchie chiare con alone bruno sui petali, sui boccioli e sui peduncoli fiorali che successivamente si ricoprono di muffa grigia

Si tratta della cosiddetta "muffa grigia" (Botrytis cinerea) molto caratteristica. I suoi attacchi sono favoriti da ambienti troppo umidi.
Rimedi: si può agevolmente combattere, eliminando le parti infette, arieggiando l'ambiente e diminuendo l'umidità. Se è molto diffusa si può ricorrere a trattamenti con fungicidi specifici facilmente reperibili da un buon vivaista.

Infestazioni di botrytis su ortensia

Tacche necrotiche su foglie, piccioli e germogli che poi si disseccano e si lacerano

Questa sintomatologia può essere causata da diversi agenti fungini quali Ascochyta sp., Cercospora sp., Phyllosticta sp., Septoria sp. Le parti colpite presentano macchie fogliari tondeggianti di diametro variabile da 1 a 5 cm. Le parti colpite presentano le foglie ingiallite e secche. Questi funghi sono favoriti da elevata umidità, da concimazioni squilibrate e da una eccessiva densità colturale.
Rimedi: eliminare le parti infette dell'ortensia, arieggiando l'ambiente e diminuendo l'umidità e trattando con fungicidi specifici facilmente reperibili da un buon vivaista.

(foto di attacco di Ascochyta sp. su Campanula)

Infezione da cercospora
Foglie che iniziano ad ingiallire, appaiono macchiettate di giallo e marrone

Se le foglie iniziano ad ingiallire e successivamente a queste manifestazioni si accartocciano, assumono un aspetto quasi polverulento e cadono. Osservando attentamente si notano anche delle sottili ragnatele soprattutto nella pagina inferiore delle foglie. Con questa sintomatologia siamo molto probabilmente in presenza di un attacco di ragnetto rosso, un acaro molto fastidioso e dannoso.

Rimedi: aumentare la frequenza delle nebulizzazioni alla chioma (la mancanza di umidità favorisce la loro prolificazione) ed eventualmente, solo nel caso di infestazioni particolarmente gravi, usare un insetticida specifico. Se la pianta di ortensia non è particolarmente grande, si può anche provare a pulire le foglie per eliminare meccanicamente il parassita usando un batuffolo di cotone bagnato e insaponato. Dopo di che la pianta va risciacquata molto bene per eliminare tutto il sapone.

Infezioni di acari Infestazione da acaro
Presenza di piccoli animaletti biancastri sulla pianta

Se notate dei piccoli insettini mobili di colore bianco-giallastro-verdastri siete quasi sicuramente in presenza di afidi o come comunemente sono chiamati "pidocchi". Osservateli con una lente di ingrandimento e confrontateli con la foto a lato, sono inconfondibili, non ci si può sbagliare.
Rimedi: trattare la pianta di ortensia con antiparassitari specifici facilmente reperibili da un buon vivaista.

Afidi sull'ortensia

CURIOSITA'

Le diverse varietà di ortensie che oggi troviamo in commercio sono state ottenute da una specie coltivata in Giappone l'Hydrangea Macrophylla introdotta in Europa nel 1790.

Vendita opere di Toru Iwaya
Dedicato a Pio Petrocchi
Contatti Perchè Elicriso Links Redazione Privacy
Copyright© 2000-2014 Elicriso.it - Note legali