elicriso.it - rivista sull'ambiente e sulla natura
sabato 19 aprile 2014
  Skip Navigation Links
   Elicriso offerto in  
Testo normale Testo grande Testo molto grande
Rubriche sulle piante
Come coltivare e curare le piante
Le amiche silenziose
Cure per le vacanze
Rinvaso
Abutilon
Acacia
Acalypha
Acanthus
Achimenes
Acorus
Actaea
Adiantum
Adromischus
Aeonium
Aechmea
Aeschynanthus
Agapanthus
Agave
Ageratum
Aglaonema
Albizia
Allamanda
Alocasia
Aloe
Alpinia
Alsobia
Amaryllis
Ananas
Anthurium
Antirrhinum
Aphelandra
Aporocactus
Aquilegia
Araucaria
Ardisia
Areca
Arisaema
Aristolochia
Asarum
Asparagus
Aspidistra
Asplenium
Aucuba
Azalea (Rhododendron)
Babiana
Bambù (subtribù Bambusine)
Bauhinia
Beaucarnea
Begonia
Beloperone
Bessera
Billbergia
Blechnum
Bouganville
Bouvardia
Bowiea
Bromeliaceae
Browallia
Brunfelsia
Caladium
Calatea (Calathea)
Calceolaria
Calendula
Calla (Zantedeschia)
Callisia
Callistemon
Camelia
Campanula
Campsis
Canna
Capelvenere
Casuarina
Catharanthus
Celosia
Cereus
Ceropegia
Chamaedorea
Chamaerops
Chlorophytum
Ciclamino (Cyclamen)
Cissus
Clerodendrum
Clivia
Clusia
Codonanthe
Coffea
Coleus
Columnea
Conophytum
Cordyline
Cotyledon
Crassula
Crossandra
Croton
Cryptanthus
Ctenanthe
Curcuma
Cycas
Cyrtomium
Cytisus
Davallia
Dieffenbachia
Dimorphotheca
Dionaea
Dipladenia
Dizygotheca
Doryanthes
Dracena (Dracaena)
Echeveria
Echinopsis
Echinocactus
Epiphyllum
Episcia
Erica
Eustoma
Exacum
Fatshedera
Fatsia
Felci
Fico d'india
Ficus
Filodendro (Philodendron)
Fittonia
Fucsia
Gardenia
Gelsomino
Geranio (Pelargonium)
Gerbera
Gloriosa
Grevillea
Gunnera
Guzmania
Gynura
Hardenbergia
Haworthia
Hedera
Hedychium
Helxine
Hemerocallis
Ibisco (Hibiscus)
Hippeastrum (Amarillo)
Hoffmannia
Hosta
Hoya
Hypoestes
Impatiens
Ipomoea
Iresine
Ixora
Jacaranda
Jacobinia
Kalanchoe
Kentia
Kohleria
Lampranthus
Lapageria
Leptospermum
Lithops
Lobelia
Mammillaria
Maranta
Medinilla
Murraya
Musa
Neoregelia
Nephrolepsis
Nertera
Nidularium
Oleandro (Nerium)
Orchidea
Ortensia (Hidrangea)
Pachira
Pachypodium
Pachystachys
Pandanus
Papiro (Cyperus)
Passiflora
Pellaea
Pellionia
Peperomia
Pereskia
Pervinca (Vinca)
Philesia
Piante grasse
Pitcairnia
Pilea
Pittosporo (Pittosporum)
Platycerium
Plectranthus
Plumbago
Plumeria
Polianthes
Polypodium
Polyscias
Polystichum
Pothos (Scindapsus)
Primula
Pteris
Quesnelia
Ravenea
Rebutia
Rechsteineria
Rhapis
Rhoeo
Rhoicissus
Ricino
Rose
Ruellia
Russelia
Sanchezia
Sansevieria
Saxifraga
Schefflera
Sedum
Selaginella
Senecio
Setcreasea
Skimmia
Sinningia
Solanum
Sparmannia
Spathiphyllum
Stapelia
Stella di Natale
Stephanotis
Strelitzia
Streptocarpus
Streptosolen
Stromanthe
Syngonium
Tagetes
Tetrastigma
Thunbergia
Tillandsia
Tolmiea
Trachycarpus
Tradescantia
Tropaeolum
Urceolina
Vallota
Veltheimia
Tibouchina
Violetta africana (Saintpaulia)
Vriesea
Woodwardia
Xanthosoma
Yucca
Zamia
Zamioculcas
Le nostre amiche orchidee
Piante medicinali
Piante aromatiche
Conoscere le piante: come vivono e come sono fatte
I fiori di Bach
Il linguaggio dei fiori e delle piante
Come le donne famose della storia si facevano belle con le piante
Piante carnivore
Piante allucinogene
Piante tonificanti e afrodisiache
I principali nemici delle nostre piante
L'agronomo risponde
Epoca di raccolta e vendita della frutta italiana
Dizionario botanico
Rubriche sugli animali
Mammiferi
Uccelli
Rettili
Anfibi
Pesci
Echinodermi
Cefalopodi
Suoni emessi dagli animali
Altre rubriche
News ambientali
Geologia e ambiente
Clima e ambiente
Mitologia e ambiente
Agricoltura e ambiente
Geologia e biologia marina
Quando l'uomo diventerà un essere umano?
Energie rinnovabili
Diritto ambientale
Directory
La natura in cucina
Conservazione delle specie e dell'ambiente
Natura, usi, costumi del sud America
Arte e ambiente
Aree protette
Musica e ambiente
Tutto ciò che dobbiamo sapere sugli incendi
Quattro risate in compagnia ed altro
L'angolo della Sardina
Le nostre vignette
Video
Foto natura
Recensioni
Spazio aperto ai lettori
Pubblicazione foto dei nostri amici animali
Racconti di viaggio
Gli articoli dei lettori
Vecchi siti geologici
Forum
Toru Iwaya
Come coltivare e curare le nostre piante
COME COLTIVARE E CURARE LE PIANTE
ALOE


Il genere Aloe appartiene alla famiglia delle Aloeaceae è comprende numerosissime specie originarie dell'Africa, del Madagascar e dell'Arabia.
In questo articolo:
Classificazione botanica Caratteristiche generali Principali specie Tecnica colturale Annaffiatura Tipo di terreno - rinvaso Concimazione Fioritura Potatura Moltiplicazione Parassiti e malattie Proprietà terapeutiche Curiosità
CLASSIFICAZIONE BOTANICA 

Regno: Plantae
Subregno: Tracheobionta
Divisione: Magnoliophyta
Classe: Liliopsida
Subclasse: Liliidae
Famiglia: Aloeaceae
Genere: Aloe
Specie: vedere il paragrafo "Principali specie"

CARATTERISTICHE GENERALI

Le piante appartenenti a questo genere sono tutte originarie delle zone aride e semiaride dell'Africa, del Madagascar e dell'Arabia. Si tratta di piante succulente, vale a dire piante che possiedono tessuti in grado di immagazzinare grandi quantità d'acqua.

La maggior parte di queste piante hanno necessità di essere allevate all'aperto, soprattutto in considerazione del fatto che diventano molto grandi per cui sarebbero sacrificate in un vaso. Le vediamo spesso lungo i litorali nelle zone a clima temperato assieme all'agave, coltivate non solo per la loro resistenza ma anche per le splendide fioriture (foto al lato A. arborescens).

Sono piante sempreverdi di cui alcune sono acauli (prive di fusto) con le foglie disposte a rosetta, altre con il fusto alto, semplice o ramificato.

Fiorisce dalla primavera all'autunno a seconda della specie e delle varietà. I fiori si formano alla sommità di un lungo stelo, che può essere semplice, ramificato o a grappolo e la pianta non muore dopo la fioritura a differenza di quanto avviene con l'agave. I fiori sono riuniti in infiorescenze ad ombrella, pendenti, tubolari, di colore tendente al rosso, all'arancio o al giallo.

Sono piante autosterili vale a dire che i fiori maschili e femminili della stessa pianta non possono incrociarsi tra loro o con piante della stessa varietà, occorrono piante di diverse varietà per poter ottenere dei semi fertili.  Si riproducono pertanto per impollinazione incrociata.

Una caratteristica di queste piante è che nel parenchima delle foglie è presente un succo aromatico, molto amaro che a contatto con l'aria si indurisce ed è insolubile in alcool molto usato per le sue proprietà terapeutiche.


PRINCIPALI SPECIE 

Il genere Aloe annovera numerose specie tra le quali ricordiamo

ALOE VARIEGATA

Questa specie è caratterizzata da foglie coriacee, di colore bel verde scuro, screziate di bianco, lunghe e dritte e con la nervatura centrale molto evidente che corre longitudinalmente lungo tutta la foglia.

Fiorisce all'inizio della primavera (marzo-aprile) producendo una vistosa infiorescenza a grappolo lunga anche 30 cm formata formata da numerosi fiori di colore rosa-rosso.

E' una specie che viene frequentemente allevata in vaso.

Aloe barbadensis  o Aloe vera

La specie barbadensis è quella che viene chiamata A. vera, molto conosciuta per le sue proprietà terapeutiche.Si utilizza la parte interna mucillaginosa in gelatina o in polvere dopo l'essiccazione.

Le foglie sono di colore verde-grigio, screziate, carnose e raggiungono anche i 50 cm di lunghezza.

Forma una infiorescenza formata da numerosi fiori gialli. Il fusto è pressochè assente.




Nota 1
ALOE VERA VARIETA' CHINENSIS

L'A. vera varietà chinensis è anche lei molto apprezzata per le sue proprietà curative.

Le foglie sono di colore verde-bluastro con marcate spine biancastre. I fiori, raccolti in infiorescenze tipiche della specie, sono di colore arancione e sbocciano in primavera.

ALOE ARBORESCENS

L'A. arborescens, originaria di Capo di Buona Speranza, ha le foglie disposte a rosetta in modo sparso con i margini dentati.

E' una pianta che si sviluppa considerevolmente superando anche i due metri di altezza, pertanto solo le piante giovani possono essere coltivate in vaso ed in appartamento.

L'A. arborescens fiorisce nella tarda primavera e produce fiori di colore rosso disposti in grappoli molto densi sulle ramificazioni dello stelo fiorale. Al contrario della vera, il fusto in questa specie è ben visibile.

Dell'A.  arborescens esistono numerosissime varietà tra le quali ricordiamo: la varietà natalensis che fiorisce a metà dicembre con dei fiori di uno splendido colore rosso scuro e la varietà ucriae che fiorisce in gennaio - febbraio con fiori di colore rosso vivo.

Aloe aristata

L'A. aristata ha le foglie disposte a rosetta di un bel colore verde intenso ricoperte da dei tubercoli bianchi disposti in file ordinate lungo tutta la foglia.

L' aristata fiorisce nella tarda primavera formando un lungo fusto fiorifero di circa 30 cm che porta numerosi fiori di colore rosso-arancio.

Aloe ciliaris

L'A. ciliaris ha la particolarità rispetto alle altre specie di avere un portamento rampicante o strisciante. E' una pianta che in natura può raggiungere notevoli dimensioni, anche 5 metri di altezza.

Fiorisce in tarda primavera, inizio estate e produce dei fiori di colore rosso vivo.

E' una specie molto fiorifera e che si adatta alla coltivazione in vaso.

Aloe ferox

L'A. ferox originaria anch'essa di Capo di Buona Speranza ha un fusto semplice, molto eretto e molto robusto.

Le foglie sono disposte a rosetta all'estremità del fusto, carnose, rigide, spinose e possono raggiungere il metro di lunghezza.

I fiori della ferox  sono di colore giallo, molto densi e compaiono a marzo.

Aloe humilis

L'A. humilis al contrario delle piante del suo genere è molto piccola di dimensioni, la più piccola.

Le foglie sono di un bel colore verde-azzurro, spinose.

I fiori sono di colore giallo.

Aloe striata

L'A. striata, originaria del Sud Africa, ha un tronco molto breve, raramente ramificato, le foglie disposte a rosetta, lanceolate lunghe anche 50 cm e larghe 10-15 cm molto carnose e ricoperte da una leggera pruina.
Le infiorescenze sono molto appariscenti e possono misurare anche un metro portanti numerosi fiori disposti ad ombrella di colore rosa. Fiorisce tra marzo ed aprile.

Aloe abyssinica

L'A. abyssinica originaria dell'Abissinia e dell'Eritrea ha delle foglie carnose molto lunghe terminanti a punta e con la pagina superiore concava e l'inferiore convessa con i margini rossastri e dentellati.  Fiorisce a fine inverno, inizio primavera ed i fiori sono di un bel colore giallo intenso disposti a grappoli su steli ramificati.

TECNICA COLTURALE

L'Aloe è una pianta che ha necessità di clima miti per poter crescere. Infatti vive bene all'aperto nelle zone a clima temperato-caldo mentre nelle zone più fresche deve essere portata al riparo dal freddo invernale in quanto non tollera temperature al di sotto di 5-8°C. Se ciò accade possono crearsi marciumi radicali specialmente se questo è accompagnato da eccessive annaffiature. Le temperature ideali di crescita sono intorno ai 20-24°C.

Sono piante, per la loro stessa natura, in grado di tollerare la siccità mentre non tollerano in alcun modo i ristagni idrici. Infatti nei loro habitat naturali crescono sempre nei pendii ben drenati e mai a fondo valle o nei luoghi dove potrebbero esserci dei ristagni d'acqua.

 

ANNAFFIATURA

Nel periodo primaverile - estivo  l'Aloe va annaffiata con moderazione e avendo cura di non bagnare le foglie in modo da evitare che l'acqua possa depositarsi tra le foglie che potrebbe portare a pericolosi marciumi.

La tecnica è quella di annaffiare abbondantemente e lasciare asciugare il terreno fino alla successiva irrigazione.

Al sopraggiungere dell'autunno - inverno le annaffiature vanno via via diminuite fino alla totale sospensione per tutto l'inverno. Con la primavera si riprendono gradatamente le annaffiature.

Qualora venga allevata per scopi terapeutici è bene non irrigare 8-10 giorni prima della raccolta affinchè i principi attivi siano più concentrati.

TIPO DI TERRENO - RINVASO 

L'Aloe si rinvasa ogni anno, in primavera aumentando via via le dimensioni del vaso. Non avendo un apparato radicale particolarmente profondo, è preferibile scegliere un vaso più largo che profondo e con adeguati fori di drenaggio in quanto non ama i ristagni idrici e sistemare sul fondo del vaso della ghiaia o dei pezzi di coccio.

Sono piante che non sono particolarmente esigenti in fatto di terreni ma prediligono terreni prevalentemente sabbiosi che favoriscono lo sgrondo rapido delle acqua in eccesso e leggermente acidi.

CONCIMAZIONE 

Si concima una volta al mese a partire dalla primavera e per tutta l'estate utilizzando dei fertilizzanti liquidi diluiti nell'acqua di annaffiatura dimunuendo leggermente le dosi rispetto a quanto riportato nella confezione.

Per quanto riguarda il tipo di concime scegliete un fertilizzante che oltre ad avere i cosiddetti "macroelementi" quali Azoto (N), Fosforo (P) e Potassio (K), abbia anche i "microelementi" quali il Ferro (Fe), il Manganese (Mn), il Rame (Cu), lo Zinco (Zn), il Boro (B), il Molibdeno (Mo), tutti importanti per una equilibrata crescita della pianta. 

FIORITURA 

L'Aloe sviluppa i fiori dalla primavera all'autunno a seconda della specie e delle varietà che si formano sulla sommità di un lungo stelo, semplice o ramificato o a grappolo e la pianta non muore dopo la fioritura a differenza dell'Agave.

Producono infiorescenze ad ombrella, pendenti, tubolari. I fiori sono di solito di colore tendente al rosso, all'arancio o al giallo.

Sono piante autosterili si riproducono pertanto per impollinazione incrociata.

POTATURA

L'Al0e di solito non si pota. Vanno semplicemente eliminate le foglie basali che via via disseccano per evitare che diventino veicolo di malattie parassitarie. 

Abbiate l'accortezza di pulire e disinfettare la lama che usate per tagliare per evitare di infettare i tessuti. 


MOLTIPLICAZIONE
 

La moltiplicazione dell'Aloe avviene per seme o per polloni. In considerazione del fatto che, come abbiamo detto che sono piante autosterili (i fiori maschili ed i fiori  femminili di una stessa pianta non possono incrociarsi di tra loro o con piante appartenenti alla stessa varietà), bisogna avere piante di varietà diverse per poter avere dei semi fertili.

Moltiplicazione per polloni.

In tarda primavera, si prelevano dalla base della pianta i polloni che normalmente si formano. Vanno recisi con un coltello affilato, pulito e disinfettato e lasciati all'aria per due-tre giorni per favorire la fuoriuscita del latice che impedirebbe la radicazione. Dopo di che vengono posti in una composta formata da sabbia. Questa si tiene costantemente umida. Non appena avranno attecchito può essere rinvasata e trattata come le piante adulte.

 

PARASSITI E MALATTIE

Foglie con perdita di screziature:

Se le foglie presentano questo sintomo e diventano completamente verdi, vuol dire che l'illuminazione è scarsa.
Rimedi: bisogna spostare la pianta in un luogo più luminoso.

Foglie che ingialliscono ed  appaiono macchiettate di giallo e marrone

Successivamente le foglie si accartocciano  e cadono. Osservando attentamente si notano anche delle sottili ragnatele soprattutto nella pagina inferiore delle foglie. Con questa sintomatologia siamo molto probabilmente in presenza di un attacco di ragnetto rosso, un acaro molto dannoso.

Rimedi: è necessario aumentare l'umidità dell'ambiente circostante alla pianta in quanto l'umidità è il suo peggior nemico. Solo nel caso di infestazioni particolarmente gravi, usare un acaricida specifico.

PROPRIETA' TERAPEUTICHE 

Vedi "Aloe: Le piante medicinali"

CURIOSITA'

L'etimologia di questa parola non è molto chiara. Potrebbe derivare da una parola di origine orientale (araba probabilmente) che significa "amaro" o dal greco " àls-alòs "  che significa "sale", per ricordare il suo sapore amaro simile a quello dell'acqua di mare. Qualunque sia la sua etimologia è certo che è una pianta conosciuta fin dai tempi più antichi per le sue molteplici capacità terapeutiche. Le prime testimonianze sono state ritrovate su una tavoletta di argilla ritrovata a Nippur nei pressi di Bagdad e datata 2.200 a.C.  

E' una pianta molto antica, conosciuta fin dall'antichità per le sue proprietà terapeutiche e conosciuta come la pianta dell'immortalità.

Le prime testimonianze della sua presenza sono state ritrovate su una tavoletta di argilla ritrovata a Nippur nei pressi di Bagdad e datata 2.200 a.C.

Nella cultura Assiro-Babilonese, da numerose testimonianze, è certo che il suo succo (chiamato Sibaru o Siburo) veniva utilizzato da chi aveva problemi digestivi.

Nell'antico Egitto era utilizzata tra le sostanze per l'imbalsamazione ed era molto coltivata per uso terapeutico. Ancora oggi in Egitto, questa pianta piantata davanti alla porta di casa è considerato un modo per assicurarsi una lunga vita e felicità

Anche la Bibbia la cita più volte: "Anche Nicodemo quello che da principio era andato di notte da Gesù, venne portando una mistura di mirra e d'aloe, quasi cento libbre" (Giovanni, cap. 19, vers. 39) o "Mirra, Aloe e Cassia olezzano le tue vesti" (Salmi, cap. 45, vers. 9).

Nel Papiro di Ebers (datato all'incirca 1500 a.C - foto al lato) sono elencate le innumerevoli proprietà di questa pianta.

Ne parla Ippocrate (460-337 a.C.) nei suoi innumerevoli libri di medicina elogiandone le sue proprietà antinfiammatorie, rigeneranti e antisettiche. Ne parla Discoride (20-70 d.C.) nel "De materia medica" elencando le sue proprietà cicatrizzanti, antifiammatorie e per le infezioni cutanee.

Anche nella cultura orientale l'uso di questa pianta è molto antico: la medicina tibetana e quella Ayurvedica la usano tutt'oggi per i loro preparati.

I primi studi scientifici su questa pianta iniziarono in Europa intorno al 1850 ad opera di due inglesi ma fecero un grosso balzo in avanti solo nel 1930 grazie ad approfonditi studi russi ed americani. Ma è solo nel 1940 e successivamente nel 1959, quando il Ministero della sanità americano dichiarò ufficialmente le capacità curative di questa pianta nel caso di ustioni. Da allora gli studi sono molto attivi in tutto il mondo.

L'A. dichotoma, la più diffusa della Namibia e del Sud Africa, oltre ad essere una pianta di notevoli dimensioni, viene utilizzata dall'uccello tessitore per costruirci il suo nido, molto particolare, formato da fibre vegetali che sono intrecciate ad arte per costruire un nido quasi completamente chiuso per impedirne l'accesso sia ai predatori che possono salire da terra, sia a quelli che si calano dall'alto.

Fonti bibliografiche online

(en) National center for Complementary and Alternative Medicine

Note

(1)Photo by Hillebrand Steve, courtesy of U.S. Fish and Wildlife Service 

Fonti bibliografiche

Vendita opere di Toru Iwaya
Dedicato a Pio Petrocchi
Contatti Perchè Elicriso Links Redazione Privacy
Copyright© 2000-2014 Elicriso.it - Note legali