Home => Piante e fiori => Piante d'appartamento e da giardino => Tibouchina
COME COLTIVARE E CURARE LE NOSTRE PIANTE
TIBOUCHINA
Tibouchina coltivazione e cura
CLASSIFICAZIONE BOTANICA


Regno
:
Plantae

Clado
: Angiosperme
Clado
: Eudicotiledoni
Clado
: Euroside
Ordine
:
Myrtales

Famiglia
:
Melastomataceae

Genere
:
Tibouchina

Specie
: vedere il paragrafo «Principali specie»
CARATTERISTICHE GENERALI

Il genere comprende piante per lo più sempreverdi e arbustive originarie del sud America soprattutto del Brasile e delle regioni circostanti. In natura sono dei veri e propri arbusti che raggiungono i 4-5 m di altezza mentre se allevate in vaso e in appartamento non superano 1,20 m di altezza.

La pianta si presenta con i fusti semilegnosi, foglie di un bel colore verde intenso, di grandi dimensioni, ovali e cuoiose. I fiori sono molto appariscenti, variamente colorati e decorativi.

PRINCIPALI SPECIE

Esistono circa 200 specie tra le quali però la più diffusa e coltivata è solo la

TIBOUCHINA SEMIDECANDRA (T. URVILLEANA)

La pianta è originaria del Brasile. Presenta fusti legnosi o semilegnosi, quadrangolari, dai quali si sviluppano i rami che portano foglie vellutate, ovali-lanceolate, di colore verde intenso, con nervature evidenti in rilievo, lunghe circa 8 cm. I fiori si formano alle estremità dei rami, dall'estate fino all'autunno inoltrato, abbastanza grandi (circa 8 cm), di colore rosso-violaceo e sono abbastanza durevoli.

TIBOUCHINA SEMIDECANDRA (T. URVILLEANA)
TECNICA COLTURALE

Queste piante crescono molto bene in appartamento con temperature intorno ai 24°C e non devono scendere sotto i 13°C.

Amano la luce ma non il sole diretto e gli ambienti ventilati ma attenzione alle correnti d'aria, soprattutto fredde, che non gradite.

ANNAFFIATURA

Durante il periodo primaverile- estivo si annaffiano regolarmente in modo che il terriccio sia sempre costantemente umido facendo attenzione a non lasciare ristagni nel sottovaso che non sono tollerati. Durante il periodo autunno-invernale le annaffiature si diminuiscono in modo che il terreno sia solo appena umido.

Sottovaso con acqua per mantenere intorno alla pianta un ambiente umido

Dato che è una pianta che ama gli ambienti umidi durante la stagione più calda fare delle frequenti nebulizzazioni alle foglie. E' inoltre opportuno sistemarla sopra un sottovaso con dell'argilla espansa o altro materiale dove sarà sempre presente un filo d'acqua che evaporando garantirà un ambiente umido facendo attenzione che il fondo del vaso non entri mai a contatto con l'acqua.

TIPO DI TERRENO - RINVASO

La pianta occorre rinvasarla ogni anno alla fine dell'inverno-inizio primavera utilizzando un terriccio fertile a base di torba e aggiungendo un po' di sabbia grossolana per favorire il drenaggio dell'acqua di annaffiatura.

Per questa pianta è il caso di affermare che cresce proporzionalmente al vaso: maggiori sono le dimensioni del vaso, maggiore sarà lo sviluppo della pianta per cui se si desiderano delle piante di grandi dimensioni occorre ogni anno, aumentare le dimensioni del vaso. Questo fino a un massimo di circa 30 cm di diametro. Dopo di che ogni anno si rimuove lo strato superficiale per circa 3-5 cm e si sostituisce con del terriccio fresco.

Al momento del rinvaso, è opportuno sistemare anche dei tutori lungo la circonferenza del vaso ai quali andranno ancorati i rami della pianta per avere uno sviluppo armonico.

CONCIMAZIONE

Con l'acqua di irrigazione per tutto il periodo primaverile - estivo si somministra un concime liquido ogni 3-4 settimane.

E' preferibile usare un concime che oltre ad avere i macroelementi quali azoto (N), fosforo (P), potassio (K) contengano anche i microelementi, vale a dire quei composti di cui la pianta ha bisogno in minima quantità (ma ne ha pur sempre bisogno) quali il magnesio (Mg), il ferro (Fe), il manganese (Mn), il rame (Cu), lo zinco (Zn), il boro (B), il molibdeno (Mo), tutti fondamentali per una equilibrata crescita della pianta.

Diminuite leggermente le dosi rispetto a quanto riportato nella confezione.

FIORITURA

E' una pianta che fiorisce durante il periodo estivo e fino all'autunno inoltrato.

I fiori durano abbastanza a lungo.

Tibouchina pianta d'appartamento
POTATURA

Le piante vanno potate subito dopo la fioritura oppure all'inizio della primavera, prima della ripresa vegetativa per avere una pianta cespugliosa.

MOLTIPLICAZIONE TIBOUCHINA

La moltiplicazione avviene per talea.

MOLTIPLICAZIONE PER TALEA DI FUSTO RADICATA IN TERRA

In primavere o all'inizio dell'estate si prelevano dalla pianta madre delle talee lunghe 10-15 cm tagliando subito sotto il nodo e in maniera obliqua. Tagliate con un coltello affilato per evitare la sfilacciatura dei tessuti, pulito e disinfettato.

Vengono quindi rimosse le foglie che si trovano più in basso e si consiglia di trattare la superficie tagliata con degli ormoni rizogeni per favorire la radicazione. Quindi si sistemano le talee in un terriccio formato da torba e sabbia grossa in parti uguali.

Moltiplicazione per talea: taglio della talea sotto il nodo
Moltiplicazione per talea: busta messa a cappuccio nel vaso per mantenere una temperatura costante e evitare l'eccessiva perdita di 
    umidità

Sistemate il vaso con la talea in una zona con temperature intorno a 21-24°C e ombreggiata e all'interno di un cappuccio di plastica trasparente per mantenere il calore e l'umidità costanti. Per fare questo potete usare dei bastoncini che posizionerete nel terreno per tenere la plastica lontana dalla talea.

Quotidianamente si toglie la plastica e si controlla l'umidità del terreno (deve essere sempre umido, non inzuppato) e si elimina eventuale condensa che si è formata sulla plastica. In genere occorre circa un mesetto per la radicazione. Quando compariranno i nuovi germogli, significa che la talea ha radicato. A quel punto si toglie la plastica, si lascia la pianta nella stessa posizione (alla stessa temperatura) e si annaffia con più moderazione. Solo dopo un altro mesetto le talee possono essere piantate nel vaso definitivo con un terriccio così come indicato per le piante adulte, si cimano gli apici vegetativi per favorire lo sviluppo di nuovi rami e si trattano come le piante adulte.

PARASSITI E MALATTIE
foglie cadono senza apparente ragione

Possono essere diverse le cause che provocano la caduta delle foglie tutte dovute a una cattiva tecnica di coltivazione: temperature troppo basse, la pianta è rimasta asciutta per troppo tempo o è stata annaffiata troppo.
Rimedi: confrontate come avete allevate la pianta sinora con le indicazioni riportate nella presente scheda e regolatevi di conseguenza.

La pianta non fiorisce

Questo sintomo potrebbe essere associato, oltre che ai fattori indicati precedentemente anche a una scarsa illuminazione.
Rimedi: occorre spostare subito la pianta in un luogo dove riceva luce abbondante ma non il sole diretto.

Foglie che ingialliscono e presentano piccole macchie di colore giallo-marrone

Questo sintomo denota il più delle volte la presenza del ragnetto rosso, un acaro. E' possibile anche trovare, soprattutto nella pagina inferiore delle foglie delle sottili ragnatele.

Acari delle piante

Rimedi: mantenere l'ambiente intorno alla pianta maggiormente umido aumentando le nebulizzazioni in quanto l'umidità è il peggior nemico di questo parassita. Solo in caso di infestazioni gravi occorre intervenire con antiparassitari specifici.

Trovapiante