elicriso.it - rivista sull'ambiente e sulla natura
giovedì 24 aprile 2014
  Skip Navigation Links
   Elicriso offerto in  
Testo normale Testo grande Testo molto grande
Rubriche sulle piante
Come coltivare e curare le piante
Le nostre amiche orchidee
Piante medicinali
Aceto di mele
Acetosa
Acetosella
Aglio
Agrimonia
Alchemilla
Alloro
Aloe
Ananas
Aneto
Angelica
Anice stellato
Anice verde
Aquilegia
Aristotelia
Asperula
Assenzio
Basilico
Biancospino
Borragine
Calendula
Camomilla comune
Camomilla romana
Capelvenere
Cappero
Cardo mariano
Castagno
Cedrina
Cicoria
Cipolla
Citronella
Corbezzolo
Cumino
Dragoncello
Drosera
Elicriso
Ginepro
Gramigna
Iperico
Issopo
Lavanda
Liquirizia
Luppolo
Maggiorana
Malva
Melissa
Menta
Mirto
Origano
Ortica
Papavero da oppio
Papavero selvatico
Parietaria
Pepe
Peperoncino
Piretro
Prezzemolo
Primula
Pungitopo
Ricino
Rodiola
Rosmarino
Rucola
Ruta
Salvia
Santoreggia
Senape
Tarassaco
Tiglio
Timo
Valeriana
Piante aromatiche
Conoscere le piante: come vivono e come sono fatte
I fiori di Bach
Il linguaggio dei fiori e delle piante
Come le donne famose della storia si facevano belle con le piante
Piante carnivore
Piante allucinogene
Piante tonificanti e afrodisiache
I principali nemici delle nostre piante
L'agronomo risponde
Epoca di raccolta e vendita della frutta italiana
Dizionario botanico
Rubriche sugli animali
Mammiferi
Uccelli
Rettili
Anfibi
Pesci
Echinodermi
Cefalopodi
Suoni emessi dagli animali
Altre rubriche
News ambientali
Geologia e ambiente
Clima e ambiente
Mitologia e ambiente
Agricoltura e ambiente
Geologia e biologia marina
Quando l'uomo diventerà un essere umano?
Energie rinnovabili
Diritto ambientale
Directory
La natura in cucina
Conservazione delle specie e dell'ambiente
Natura, usi, costumi del sud America
Arte e ambiente
Aree protette
Musica e ambiente
Tutto ciò che dobbiamo sapere sugli incendi
Quattro risate in compagnia ed altro
L'angolo della Sardina
Le nostre vignette
Video
Foto natura
Recensioni
Spazio aperto ai lettori
Pubblicazione foto dei nostri amici animali
Racconti di viaggio
Gli articoli dei lettori
Vecchi siti geologici
Forum
Toru Iwaya
Il regno delle Orchidee
LE PIANTE MEDICINALI
ORTICA

(Urtica spp.)
In questo articolo:
Caratteristiche generali Proprietà Parti utilizzate della pianta Come si utilizza Curiosità Avvertenze Linguaggio dei fiori

CARATTERISTICHE GENERALI

Il genere Ortica appartiene alla famiglia delle Urticaceae e raggruppa piante erbacee annuali o perenni, alte dai 50 ai 150 cm che nascono spontanee ovunque (è una pianta praticamente cosmopolita) fino a circa 2500 m s.l.m. soprattutto vicino alle case dove ci sono detriti di sostanze organiche, vale a dire terreni molto azotati.

La radice è rizomatosa, strisciante, provvista di numerose radichette.  Il fusto è eretto a sezione quadrangolare.

Le foglie sono ovali-cuoriformi, opposte, provviste di picciolo con i margini dentati e ricoperte da numerosi peli urticanti.

I fiori sono piccoli e poco appariscenti, di colore verdastro, riuniti in lunghe spighette che compaiono da giugno ad ottobre.

Il frutto è un achenio che contiene un solo seme.

Tutta la pianta è ricoperta da una fitta peluria urticante.

Dell'ortica esistono numerose specie tra le quali ricordiamo le più importanti:

URTICA DIOICA

L'Urtica dioica, pianta perenne, come dice il nome stesso è una pianta dioica vale a dire che ci sono piante che portano solo fiori femminili e piante che portano solo fiori maschili. A prima vista si riconoscono facilmente in quanto nelle "piante femminili" i fiori sono riuniti in spighe pendule mentre nelle "piante maschili" i fiori sono riuniti in spighe erette (oltre ovviamente ai diversi organi di riproduzione facilmente riconoscibili).

URTICA URENS

L'Urtica urens ha le stesse caratteristiche del genere. A differenza dll'Ortica dioica è una pianta annuale, è di dimensioni inferiori ed è monoica vale a dire che porta nello stesso individuo sia fiori femminili che fiori maschili ed è molto più urticante.

Esiste una specie chiamata Ortica bianca che in realtà non è un'ortica anche se viene spesso scambiata per essa. Si tratta del LAMIUM ALBUM, appartenente alla famiglia delle Labiatae e che si riconosce molto facilmente in quanto possiede i fiori bianchi caratteristici della famiglia con il grande petalo superiore a forma di barchetta capovolta e per il colore verde chiarissimo delle foglie. L'Ortica bianca pur essendo una pianta ricoperta di peli, non è urticante e non possiede le proprietà terapeutiche del genere Urtica anzi se ne sconsiglia l'uso in quanto pare che contenga amine.

PROPRIETA'

L'ortica è tra le piante selvatiche sicuramente la più apprezzata.  Sia l'Urtica dioica che l'Urtica urens sono utilizzate per le loro proprietà.

E' una pianta ricca di vitamina C, clorofilla, sali minerali (silicio, ferro, calcio, manganese e potassio), carotene, acido formico, acido gallico, acido folico, tannino, istamina, acetilcolina.

Grazie ai suoi componenti l'ortica è una pianta emostatica, antireumatica, cicatrizzante, vasocostrittrice e antiflogistica.

PARTI UTILIZZATE DELLA PIANTA

Dell'ortica si utilizzano tutte le parti della pianta, finchè è giovane,  eccetto i semi.

Le foglie possono essere raccolte tutto l'anno, meglio se in primavera - estate.

Il rizoma e le radici vanno raccolti in autunno.

Per raccogliere l'ortica bisogna munirsi di guanti in quanto i suoi peli urticanti penetrano molto facilmente nella pelle dando una sensazione di prurito che però scompare dopo pochi minuti senza ulteriori effetti collaterali. L'ortica perde le sue capacità urticanti dopo circa 24 ore dalla raccolta o con la bollitura.

Dopo la raccolta tutte le parti della pianta di ortica vanno essiccate molto rapidamente in luoghi caldi e bui in modo che perdano rapidamente l'acqua.

COME SI UTILIZZA

L'ortica può essere usata come decotto, come succo, come infuso, sciroppo o semplicemente cruda come disintossicante, depuratore e tonico dell'organismo aiutando ad eliminare gli acidi urici, nelle affezioni intestinali, per l'artrite, per l'anemia. Ha inoltre un forte potere emostatico e antiemorragico e astringente intestinale.

Utilizzando esternamente il succo fresco combatte la perdita dei capelli e rinforza il cuoio capelluto. E' molto efficace in caso di seborrea, forfora, acne ed eczema.

Cataplasmi delle foglie di ortica sbollentate e tritate sono ottime per le irritazioni cutanee e per le ferite in quanto ha un effetto cicatrizzante.

Combatte efficacemente la pelle grassa.

Previa bollitura viene usate per le minestre ed i risotti o le frittate. Si può utilizzare come sostitutivo in tutte quelle pietanza che utilizzano spinaci perchè ha un gusto astringente e leggermente acidulo, molto gradevole.

Dell'ortica non devono essere consumati o comunque utilizzati i semi.

CURIOSITA'

Il nome ortica deriva dal latino "urere = bruciare" in riferimento ai suoi peli urticanti.

L'ortica essendo molto ricca di sali minerali e clorofilla è un ottimo fertilizzante per le piante d'appartamento che potranno essere annaffiate con l'acqua nella quale sono state lasciate a macerare per circa 7 gg delle foglie di ortica (500 gr per 5 litri d'acqua).

In molte tradizioni popolari che si ritrovano in tutta l'Europa centrale, si crede che una pianta di Ortica allontani i fulmini se gettate nel focolare.

In passato con l'ortica si usava flagellare le parti doloranti del corpo affette da dolori reumatici perchè stimolava benefiche reazioni. Questo non deve stupire se si pensa che i reumatismi vengono curati anche con la puntura delle api.

Altre credenze popolari sostengono che portare con se una pianta di ortica allontani influssi negativi e quindi si sarebbe al riparo dai malefici.

L'Ortica, considerando la sua ricchezza di principi attivi è un'ottima pianta foraggera per gli animali.

In passato dai fusti delle piante di Ortica si ricavavano fibre tessili praticamente indistruttibili, simili alla canapa. Questa pratica è ancora diffusa in alcune popolazioni della Siberia occidentale. Inoltre è un'ottimo colorante per i tessuti delicati quali la lana: le foglie tingono di verde mentre le radici di giallo.

L'ortica, pur essendo considerata una pianta infestante, esplica numerosi effetti benefici sulle piante che le sono vicine, in particolare verso le piante aromatiche nelle quali fa aumentare il contenuto in oli essenziali.

L'Ortica ha anche un'azione insetticida: facendo macerare le foglie per circa 12 ore in acqua si ottiene un buon aficida.

A livello industriale l'ortica viene utilizzata per estrarre la clorofilla della quale è ricchissima.

AVVERTENZE

Se inavvertitamente si tocca qualunque parte della pianta di ortica, si ha una forte sensazione di bruciore dovuta all'istamina, all'acetilcolina e all'acido formico tutte sostanze contenute nei peli che appena vengono toccati si rompono iniettando le sostanze urticanti.

E' meglio non sfregarsi ma aspettare qualche minuto ed il prurito passa da solo senza ulteriori effetti collaterali. Si può però trovare immediato sollievo passando del bicarbonato umido o del succo di acetosa.

Attenzione a non consumare i semi.

LINGUAGGIO DEI FIORI E DELLE PIANTE

Vedi "Ortica - Il linguaggio dei fiori e delle piante"

Vendita opere di Toru Iwaya
Dedicato a Pio Petrocchi
Contatti Perchè Elicriso Links Redazione Privacy
Copyright© 2000-2014 Elicriso.it - Note legali