elicriso.it - rivista sull'ambiente e sulla natura
martedì 30 settembre 2014
  Skip Navigation Links
   Elicriso offerto in  
Testo normale Testo grande Testo molto grande
Rubriche sulle piante
Come coltivare e curare le piante
Le nostre amiche orchidee
Piante medicinali
Piante aromatiche
Aglio
Alloro
Angelica
Basilico
Borragine
Camomilla comune
Camomilla romana
Cannella
Cappero
Chiodi di garofano
Cipolla
Citronella
Coriandolo
Erba cipollina
Issopo
Lavanda
Maggiorana
Menta
Origano
Paprika
Pepe
Pepe di Cayenna
Peperoncino
Prezzemolo
Rosmarino
Salvia
Tabasco
Tiglio
Timo
Vaniglia
Zafferano
Zenzero
Conoscere le piante: come vivono e come sono fatte
I fiori di Bach
Il linguaggio dei fiori e delle piante
Come le donne famose della storia si facevano belle con le piante
Piante carnivore
Piante allucinogene
Piante tonificanti e afrodisiache
I principali nemici delle nostre piante
L'agronomo risponde
Epoca di raccolta e vendita della frutta italiana
Dizionario botanico
Rubriche sugli animali
Mammiferi
Uccelli
Rettili
Anfibi
Pesci
Echinodermi
Cefalopodi
Suoni emessi dagli animali
Altre rubriche
News ambientali
Geologia e ambiente
Clima e ambiente
Mitologia e ambiente
Agricoltura e ambiente
Geologia e biologia marina
Quando l'uomo diventerà un essere umano?
Energie rinnovabili
Diritto ambientale
Directory
La natura in cucina
Conservazione delle specie e dell'ambiente
Natura, usi, costumi del sud America
Arte e ambiente
Aree protette
Musica e ambiente
Tutto ciò che dobbiamo sapere sugli incendi
Quattro risate in compagnia ed altro
L'angolo della Sardina
Le nostre vignette
Video
Foto natura
Recensioni
Spazio aperto ai lettori
Pubblicazione foto dei nostri amici animali
Racconti di viaggio
Gli articoli dei lettori
Vecchi siti geologici
Forum
Toru Iwaya
Come coltivare e curare le nostre piante
LE PIANTE AROMATICHE
LAVANDA

La lavanda è una pianta molto rustica, che ben si adatta alle diverse situazioni pedo-climatiche e cresce spontanea nell'Italia meridionale e la ritroviamo nei terreni aridi e sassosi a formare dei bellissimi cespugli.
In questo articolo:
Classificazione botanica Caratteristiche generali Principali specie Tecnica colturale Annaffiatura Tipo di terreno - rinvaso Concimazione Fioritura Potatura Moltiplicazione Parassiti e malattie Raccolta e conservazione Proprietà aromatiche Proprietà medicinali Uso in cucina Curiosità Linguaggio dei fiori e delle piante Lalavanda vista con gli occhi di un'artista
CLASSIFICAZIONE BOTANICA

Regno: Plantae
Sottoregno: Tracheobionta (piante vascolari)
Divisione: Magnoliophyta (ex Angiospermae)
Classe: Magnoliopsida (ex Dicotyledones)
Subclasse: Asteridae
Ordine:  Lamiales   
Famiglia: Lamiaceae (ex Labiatae)
Genere: Lavandula
Specie: vedere il paragrafo "Principali specie"

CARATTERISTICHE GENERALI DELLA LAVANDA

Il genere Lavandula appartiene alla famiglia delle Lamiaceae e comprende una trentina di specie originarie dei Paesi del Mediterraneo.

Il nome generico "lavanda" con il quale siamo abituati a chiamare queste piante è stato recepito letteralmente nella lingua italiana dal gerundio latino "lavare" (che deve essere lavato) per alludere al fatto che questa specie era molto utilizzata nell'antichità (soprattutto nel Medioevo) per detergere il corpo.

La lavanda è una pianta molto rustica, che ben si adatta alle diverse situazioni pedo-climatiche e cresce spontanea nell'Italia meridionale e la ritroviamo nei terreni aridi e sassosi a formare dei bellissimi cespugli.

Sono piante perenni, sempreverdi di piccole dimensioni raggiungendo infatti al massimo un'altezza di un metro. Le foglie sono lineari, lanceolate, strette, di un caratteristico colore verde-grigio.

Le infiorescenze, portate da lunghi steli, sono delle spighe. Ciascuna spiga contiene un numero variabile di fiori molto profumati e con aroma variabiale a seconda della specie.

Il frutto della lavanda è un achenio che contiene al suo interno un solo seme.

PRINCIPALI SPECIE

Esistono numerose specie di Lavanda  tra le quali ricordiamo

LAVANDULA SPICA o LAVANDULA OFFICINALIS

La lavandula officinalis o spica è sicuramente una delle piante più insolite e particolari della nostra flora. Originaria dei Paesi del Mediterraneo è una pianta a portamento eretto che arriva anche ad un metro di altezza.

I rami sono quadrangolari provvisti di foglie lineri di colore grigio-verde.

I fiori si formano d'estate portati da delle infiorescenze terminali lunghe fino a 10 cm, di colore azzurro-grigiastro e molto profumati.

Tutte le parti verdi della pianta sono ricoperte da una fitta peluria.

LAVANDULA STOECHAS

La Lavandula stoechas abbonda soprattutto nei terreni silicei, caratterizzata dall'avere i fiori che si formano lungo le spighe fiorali con alla sommità un ciuffo di bratteee viola che persistono anche dopo la caduta dei fiori.

I fiori sono molto profumati e si formano a partire dalla primavera e per tutta l'estate.

Le foglie sono molto strette e lineari e ricoperte da una fitta peluria.

LAVANDULA LATIFOLIA

La Lavandula latifolia è più grande come specie rispetto alle altre, con le foglie verdi ricoperte da una fitta peluria e fiori di colore azzurro pallido con un aroma canforato.

Non è molto diffusa allo stato spontaneo ed il suo profumo è meno apprezzato rispetto alle altre specie.

LAVANDULA ANGUSTIFOLIA

La Lavandula angustifolia è una pianta originaria dei paesi del  Mediterraneo ed è una pianta particolarmente adatta a formare siepi basse o bordure di viali.

Ha le foglie tipiche della specie solo più strette e di un verde più intenso. 

I  fiori sono portati da spighe lunghe fino a 6 cm di colore azzurro, molto profumati che si schiudono d'estate. 

Di questa specie esistono in commercio numerosissime varietà con i fiori variamente colorati dal rosso, al bianco, al blu.

LAVANDULA DENTATA

La lavandula dentata tipica dei Paesi che si affacciano sul Mar Mediterraneo presenta foglie opposte, pelose con i margini dentati e con le foglie che si presentano verdi sulla pagina superiore e grigiastre sulla pagina inferiore.

I fiori vengono prodotti d'estate e sono di colore blu-violetto.

Esistono numerosi ibridi, chiamati "Lavandini", maggiormente coltivati rispetto alle specie pure in quanto hanno degli alti rendimenti in oli essenziali perchè di maggiore sviluppo vegetativo e con steli ed infiorescenze molto più grandi. Tra questi ricordiamo:

Lavandula hybrida, ibrido naturale e sterile di Lavanda officinalis x Lavandula spica molto utilizzato per la produzione di oli essenziali.

TECNICA COLTURALE DELLA LAVANDA

La lavanda è una specie rustica ma le esigenze ambientali sono leggermente differenti a seconda delle diverse specie ad esempio la Lavandula angustifolia è molto più resistente al freddo rispetto alle altre specie. Sono in ogni caso piante che vivono in pieno sole e non hanno particolari esigenze.

ANNAFFIATURA DELLA LAVANDA

La lavanda non gradisce terreni particolarmente umidi per cui tra un'irrigazione e l'altra è opportuno attendere che il terreno si sia asciugato.

TIPO DI TERRENO - RINVASO DELLA LAVANDA

La lavanda prediligono terreni ben drenati, in quanto non tollerano i ristagni idrici. I terreni non devono essere particolarmente fertili nè acidi o tendenzialmente acidi. Preferiscono terreni argillosi e si adattano bene ai terreni alcalini.

CONCIMAZIONE DELLA LAVANDA

E' bene eseguire delle concimazioni bilanciate all'inizio della primavera.

FIORITURA DELLA LAVANDA

L'epoca di fioritura della lavanda è variabile da specie a specie e va dalla primavera all'estate. I fiori sono riuniti in infiorescenze a spiga, portate da lunghi steli. Ciascuna spiga contiene un numero variabile di fiori molto profumati e con aroma variabiale a seconda della specie.

POTATURA DELLA LAVANDA

La lavanda, quando termina la fioritura deve essere potata per eliminare tutti gli steli fioriferi e per cimare le piante.

Le piante un po' debilitate e poco compatte possono essere sottoposte ad una potatura più drastica, in modo da lasciare solo pochi cm di stelo. In questo modo la pianta di lavanda crescerà più rigogliosa e rinvigorita stimolando lo sviluppo di nuovi germogli.

Abbiate cura che l'attrezzo che usate per il taglio sia pulito e disinfettato (preferibilmente alla fiamma) per evitare di infettare i tessuti.

MOLTIPLICAZIONE DELLA LAVANDA

La Lavanda si propaga per talea.

MOLTIPLICAZIONE PER TALEA

Quando termina la fioritura della lavanda, alla fine dell'estate, si possono prelevare dai rami non fioriferi di un anno, delle talee lunghe circa 10-15 cm con una parte legnosa.

Si raccomanda di tagliare con una lametta o con un coltello affilato per evitare le sfilacciature dei tessuti avendo cura che l'attrezzo che si usa per il taglio sia pulito e disinfettato (preferibilmente alla fiamma) per evitare di infettare i tessuti. 

Dopo aver eliminato le foglie poste più in basso, si immerge la parte tagliata in una polvere rizogena per favorire la radicazione.

Successivamente si sistemano le talee in una composta formata da una parte di torba ed una di sabbia grossolana. Si fanno dei buchi con una matita, tanti quante sono le talee e si sistemano come indicato nella foto. Avere cura successivamente di compattare delicatamente il terriccio.

La cassetta o il vaso si ricoprono con un foglio di plastica trasparente (o un sacchetto messo a cappuccio) avendo cura di tenere il terriccio sempre leggermente umido (annaffiare sempre senza bagnare la piantina in radicazione con acqua a temperatura ambiente). Ogni giorno togliete la plastica, controllate l'umidità del terreno ed eliminate dalla plastica la condensa.

Una volta che iniziano a comparire i primi germogli , vuol dire che la talea ha radicato. A quel punto si toglie la plastica e si trasferiscono, in piccoli vasi di terracotta (se le avete fatte radicare in cassette), che si collocano in un luogo al riparo dal freddo e dalle correnti d'aria e in buona luce. 

Le nuove piantine di lavanda si pianteranno nella primavera successiva

PARASSITI E MALATTIE DELLA LAVANDA

Macchie chiare sulle foglie

Questo sintomo potrebbe significare che nella vostra lavanda c'è in corso un attacco di Septoria spp. un fungo particolarmente dannoso.
Rimedi: si può combattere, eliminando le parti infette, arieggiando l'ambiente e diminuendo l'umidità. Se è molto diffusa si può ricorrere a trattamenti con fungicidi specifici facilmente reperibili da un buon vivaista.

Marciumi radicali e basali

I marciumi radicali e basali possono essere provocati da diverse specie di funghi: Rosellinia spp, Armillaria spp, Phytophtora spp. Le piante colpite manifestano un accrescimento stentato, le foglie assumono una colorazione grigio-giallastra. In questa patologia le radici primarie risultano vistosamente imbrunite.
Rimedi: la lotta si basa sulla disinfestazione del terreno e con specifici trattamenti.

Macchie giallastre, distorsione degli apici vegetativi e sviluppo stentato della pianta

si potrebbe trattare di un attacco virale non infrequente in queste piante causato da AMV virus del mosaico del'Erba medica.
Rimedi: non esistono rimedi.

PROPRIETA'  AROMATICHE DELLA LAVANDA 

I responsabili del caratteristico profumo della lavanda sono gli oli essenziali di lavanda prodotti da ghiandole, localizzate in tutte le parti verdi della pianta (fiori, foglie e gambi) ma particolarmente concentrati nei fiori.

Questi componenti sono presenti in maniera variabile nelle diverse specie di Lavandula ma quello più profumato si ottiene dalle specie Lavandula angustifolia e Lavandula Stoechas.

RACCOLTA E CONSERVAZIONE DELLA LAVANDA

I fiori di lavanda si raccolgono in epoche diverse a seconda del loro utilizzo: per uso erboristico si raccolgono all'inizio della fioritura mentre per l'industria cosmetica e per la profumeria nel periodo di massima fioritura.

Dopo la raccolta che deve essere fatta raccogliendo l'infiorescenza con tutto il fusto, si fanno seccare in mazzi appesi a testa in giù, in luoghi ventilati ed ombrosi in quanto il sole scolorirebbe i fiori. Quando sono secchi si separa la spiga dal gambo e si conservano i fiori o in sacchetti di tela o in ciotole per profumare la casa.

I fiori della Lavanda mantengono a lungo il loro profumo tanto che vengono normalmente conservati in sacchetti di mussola o tela per profumare la biancheria.

I fiori freschi vengono invece utilizzati per estrarre gli oli essenziali.

PROPRIETA'  MEDICINALI DELLA LAVANDA 

Vedi: "Le piante medicinali: la Lavanda"

USO IN CUCINA DELLA LAVANDA

Normalmente la lavanda è poco usata per scopi alimentari. Viene però usata per aromatizzare il vino bianco e l'aceto, per preparare gelatine, per aromatizzare i dolci.

Molto particolare e profumato è il miele di lavanda molto adatto per curare le affezioni broncopolmonari.

CURIOSITA' 

La lavanda è stata ed è l'elemento base per la preparazione dei pot-pourri per profumare la casa fin dal lontano 1700.

Nell'antichità la lavanda era usata non solo per il suo profumo e per l'igiene personale ma anche come disinfettante: nel Medioevo e fino al 1700 si cospargevano e si strofinavano i pavimenti utilizzando la lavanda come disinfettante.

La spiga è considerata un amuleto contro le disgrazie ed i demoni e si dice che sia anche un talismano per portare prosperità e fecondità. La lavanda è l'essenza astrale del segno zodiacale dell'Ariete.

LINGUAGGIO DEI FIORI E DELLE PIANTE

Vedi "Lavanda - Il linguaggio dei fiori e delle piante"

 

LA LAVANDA VISTA CON GLI OCCHI DI UN'ARTISTA

I colori, i profumi, i suoni sono tutto ciò che può far bene all'anima, perchè è vita. In un contesto quotidiano la serenità è visibile a tutti, ma pochi riescono a percepirne l'essenza.

Opera e pensieri di Elisa Caserini 

Vendita opere di Toru Iwaya
Dedicato a Pio Petrocchi
Contatti Perchè Elicriso Links Redazione Privacy
Copyright© 2000-2014 Elicriso.it - Note legali