elicriso.it - rivista sull'ambiente e sulla natura
giovedì 30 ottobre 2014
  Skip Navigation Links
   Elicriso offerto in  
Testo normale Testo grande Testo molto grande
Rubriche sulle piante
Come coltivare e curare le piante
Le amiche silenziose
Cure per le vacanze
Rinvaso
Abutilon
Acacia
Acalypha
Acanthus
Achimenes
Acorus
Actaea
Adiantum
Adromischus
Aeonium
Aechmea
Aeschynanthus
Agapanthus
Agave
Ageratum
Aglaonema
Albizia
Allamanda
Alocasia
Aloe
Alpinia
Alsobia
Amaryllis
Ananas
Anthurium
Antirrhinum
Aphelandra
Aporocactus
Aquilegia
Araucaria
Ardisia
Areca
Arisaema
Aristolochia
Asarum
Asparagus
Aspidistra
Asplenium
Aucuba
Azalea (Rhododendron)
Babiana
Bambù (subtribù Bambusine)
Bauhinia
Beaucarnea
Begonia
Beloperone
Bessera
Billbergia
Blechnum
Bouganville
Bouvardia
Bowiea
Bromeliaceae
Browallia
Brunfelsia
Caladium
Calatea (Calathea)
Calceolaria
Calendula
Calla (Zantedeschia)
Callisia
Callistemon
Camelia
Campanula
Campsis
Canna
Capelvenere
Casuarina
Catharanthus
Celosia
Cereus
Ceropegia
Chamaedorea
Chamaerops
Chlorophytum
Ciclamino (Cyclamen)
Cissus
Clerodendrum
Clivia
Clusia
Codonanthe
Coffea
Coleus
Columnea
Conophytum
Cordyline
Cotyledon
Crassula
Crossandra
Croton
Cryptanthus
Ctenanthe
Curcuma
Cycas
Cyrtomium
Cytisus
Davallia
Dieffenbachia
Dimorphotheca
Dionaea
Dipladenia
Dizygotheca
Doryanthes
Dracena (Dracaena)
Echeveria
Echinopsis
Echinocactus
Epiphyllum
Episcia
Erica
Eustoma
Exacum
Fatshedera
Fatsia
Felci
Fico d'india
Ficus
Filodendro (Philodendron)
Fittonia
Fucsia
Gardenia
Gelsomino
Geranio (Pelargonium)
Gerbera
Gloriosa
Grevillea
Gunnera
Guzmania
Gynura
Hardenbergia
Haworthia
Hedera
Hedychium
Helxine
Hemerocallis
Ibisco (Hibiscus)
Hippeastrum (Amarillo)
Hoffmannia
Hosta
Hoya
Hypoestes
Impatiens
Ipomoea
Iresine
Ixora
Jacaranda
Jacobinia
Kalanchoe
Kentia
Kohleria
Lampranthus
Lapageria
Leptospermum
Lithops
Lobelia
Mammillaria
Maranta
Medinilla
Murraya
Musa
Neoregelia
Nephrolepsis
Nertera
Nidularium
Oleandro (Nerium)
Orchidea
Ortensia (Hidrangea)
Pachira
Pachypodium
Pachystachys
Pandanus
Papiro (Cyperus)
Passiflora
Pellaea
Pellionia
Peperomia
Pereskia
Pervinca (Vinca)
Philesia
Piante grasse
Pitcairnia
Pilea
Pittosporo (Pittosporum)
Platycerium
Plectranthus
Plumbago
Plumeria
Polianthes
Polypodium
Polyscias
Polystichum
Pothos (Scindapsus)
Primula
Pteris
Quesnelia
Ravenea
Rebutia
Rechsteineria
Rhapis
Rhoeo
Rhoicissus
Ricino
Rose
Ruellia
Russelia
Sanchezia
Sansevieria
Saxifraga
Schefflera
Sedum
Selaginella
Senecio
Setcreasea
Skimmia
Sinningia
Solanum
Sparmannia
Spathiphyllum
Stapelia
Stella di Natale
Stephanotis
Strelitzia
Streptocarpus
Streptosolen
Stromanthe
Syngonium
Tagetes
Tetrastigma
Thunbergia
Tillandsia
Tolmiea
Trachycarpus
Tradescantia
Tropaeolum
Urceolina
Vallota
Veltheimia
Tibouchina
Violetta africana (Saintpaulia)
Vriesea
Woodwardia
Xanthosoma
Yucca
Zamia
Zamioculcas
Le nostre amiche orchidee
Piante medicinali
Piante aromatiche
Conoscere le piante: come vivono e come sono fatte
I fiori di Bach
Il linguaggio dei fiori e delle piante
Come le donne famose della storia si facevano belle con le piante
Piante carnivore
Piante allucinogene
Piante tonificanti e afrodisiache
I principali nemici delle nostre piante
L'agronomo risponde
Epoca di raccolta e vendita della frutta italiana
Dizionario botanico
Rubriche sugli animali
Mammiferi
Uccelli
Rettili
Anfibi
Pesci
Echinodermi
Cefalopodi
Suoni emessi dagli animali
Altre rubriche
News ambientali
Geologia e ambiente
Clima e ambiente
Mitologia e ambiente
Agricoltura e ambiente
Geologia e biologia marina
Quando l'uomo diventerà un essere umano?
Energie rinnovabili
Diritto ambientale
Directory
La natura in cucina
Conservazione delle specie e dell'ambiente
Natura, usi, costumi del sud America
Arte e ambiente
Aree protette
Musica e ambiente
Tutto ciò che dobbiamo sapere sugli incendi
Quattro risate in compagnia ed altro
L'angolo della Sardina
Le nostre vignette
Video
Foto natura
Recensioni
Spazio aperto ai lettori
Pubblicazione foto dei nostri amici animali
Racconti di viaggio
Gli articoli dei lettori
Vecchi siti geologici
Forum
Toru Iwaya
Toru Iwaya
COME COLTIVARE E CURARE LE PIANTE

SCINDAPSUS

ovvero

POTHOS  o  POTOS

Il genere Scindapsus (o come comunemente viene chiamato Pothos) comprede delle simpatiche piante sempreverdi, rampicanti che possono essere allevate in cesti sospesi per rallegrare le nostre case. 
In questo articolo:
Classificazione botanica Caratteristiche generali Principali specie Tecnica colturale Annaffiatura Tipo di terreno - rinvaso Concimazione Fioritura Potatura Moltiplicazione Parassiti e malattie Curiosità
CLASSIFICAZIONE BOTANICA

Famiglia: Araceae
Genere: Scindapsus (o Epipremnun)
Specie: vedere il paragrafo "Principali specie"

CARATTERISTICHE GENERALI

Il genere Scindapsus (o Epipremnun), meglio noto come Pothos o Potos, appartiene alla famiglia delle Araceae ed è originario delle isole Salomone. Comprende specie e varietà sempreverdi, molto apprezzate soprattutto per la loro facilità di coltivazione.

I Pothos, sono vegetali rampicanti che possono essere coltivati sia come piante ricadenti che come rampicanti se dotate di opportuno tutore.

Il Pothos sono provvisti di radici aeree che si sviluppano ai nodi dei fusti, foglie di un bel colore verde intenso, coriacee, lucide che presentano spesso delle screziature bianche, gialle o argentate.

Sono piante rampicanti che possono svilupparsi per diversi metri sia in altezza che in lunghezza. Qualora si desideri svilupparle in altezza è bene sistemare un tutore oppure si può lasciare la pianta pendere da un cestino sospeso

PRINCIPALI SPECIE

Esistono circa 40 specie di Pothos tra le quali ricordiamo:

SCINDAPSUS AUREUS (sinonimo POTHOS AUREUS o EPIPREMNUN AUREUM)

Il Scindapsus aureus presenta foglie lucide, ovali, verde scuro con striature gialle. E' provvista di radici aeree carnose con le quali si arrampica sulla pianta ospite. Allo stato selvatico la pianta di Scindapsus aureus raggiunge anche i sei metri di altezza mentre in casa non si sviluppa oltre il metro e mezzo.

Ha fiori piccolissimi ma raramente fiorisce in casa.

Esistono numerose varietà che differiscono tra loro per le diverse screziature delle foglie.

Può essere allevata sia come pianta ricadente che avvolta in un tutore.

SCINDAPSUS PICTUS (sinonimo SCINDAPSUS ARGYRAEA o POTHOS ARGYRAEUS o EPIPREMNUN PICTUM).

Il Scindapsus pictus è originario del Borneo e di Giava è un rampicante con steli lunghi fino a due metri e mezzo che risultano verdi da giovani ma che diventano rossastri con l'età adulta.

Le foglie sono appuntite e di colore verde opaco da giovane che successivamente assumono una tonalità bluastra con screziature biancastre argentate.

TECNICA COLTURALE

I Pothos sono piante che si adattano facilmente a tutti gli ambienti. Non hanno particolari esigente climatiche tanto che le temperature possono oscillare tra i 13 ed i 27 °C. Temono però le correnti d'aria fredda dalle quali vanno accuratamente protetti, specialmente durante la stagione fredda.

Amano la luce che favorisce la variegatura delle foglie ma non i raggi diretti del sole. Una scarsa luminosità farà perdere la screziatura delle foglie.

Per pulire le foglie del Pothos abbiate l'accortezza di farle periodicamente delle "docce". Il modo più semplice è porre la pianta dentro la vasca da bagno e piegando la pianta in modo che l'acqua non arrivi al terreno, pulire le foglie con il getto della doccia e lasciare poi sgrondare ed asciugare le foglie.

ANNAFFIATURA

Nel periodo primaverile - estivo la pianta del Pothos va annaffiata abbondantemente avendo però l'accortezza di aspettare che il terreno sia asciutto prima della successiva irrigazione. Nel periodo autunno/invernale si segue la stessa regola.

E' buona norma procurare umidità alla pianta con frequenti nebulizzazione alla chioma con acqua a temperatura ambiente (tre-quattro volte la settimana nel periodo estivo) e sempre di mattina, per evitare che le gocce d'acqua, concentrando la luce del sole, provochino delle scottature. Nel periodo invernale vanno ridotte in proporzione alla temperatura.

Per garantire una buona umidità dell'ambiente nel quale si trova la pianta del Potos si può sistemare il vaso su un sottovaso dove avrete sistemato dell'argilla espansa dove sarà costantemente presente un filo d'acqua che evaporando garantirà un ambiente umido al vostro Pothos. Attenzione che il vaso non sia a diretto contatto con l'acqua.

TIPO DI TERRENO - RINVASO

Il Pothos si rinvasa ogni anno a marxo - aprile senza però eccedere con le dimensioni del vaso perchè in questo modo la pianta favorirebbe lo sviluppo dell'apparato radicale a scapito di quello aereo. In genere si procede al rinvaso quando la terra inizia ad essere insufficiente in relazione allo sviluppo delle radici vale a dire quando quest'ultime iniziano a fuoriuscire dal vaso.

Si utilizza una composta a reazione acida formata da due parti di torba ed una di sabbia fine oppure da un miscuglio di terriccio di foglie, torba e sabbia fine in parti uguali.

Sul fondo del vaso (che raccomando sempre sia di terracotta e non di plastica per favorire la respirazione della terra) disponete uno strato drenante o di cocci o di argilla espansa.

Se si intende far crescere il Pothos in altezza e non a cespuglio, è al momento del rinvaso si colloca un tutore muscoso o di altro tipo.

CONCIMAZIONE

E' preferibile concimare il Pothos una volta al mese con concimi liquidi diluiti nell'acqua di annaffiatura.

Per quanto riguarda il tipo di concime da somministrare, in commercio ne esistono di tanti tipi ma è buona norma leggere l'etichetta che specifica la composizione.

Per tutte le piante verdi, vale a dire per quelle piante che sviluppano molte foglie, è preferibile usare concimi che abbiamo un titolo abbastanza elevato in Azoto (N) che favorisce appunto lo sviluppo delle parti verdi. Accertatevi pertanto che oltre ad avere i cosiddetti "macroelementi" quali Azoto (N), Fosforo (P) e Potassio (K) e che tra questi l'Azoto sia in "maggiore quantità" che abbia anche i "microelementi" quali il Ferro (Fe), il Manganese (Mn), il Rame (Cu), lo Zinco (Zn), il Boro (B), il Molibdeno (Mo), tutti importanti per una corretta ed equilibrata crescita della pianta.

Diminuite leggermente le dosi rispetto a quanto riportato nella confezione. 

FIORITURA

In appartamento il Pothos non fiorisce.

POTATURA

Il Pothos di solito non si pota ma si può attuare la cimatura degli apici vegetativi nei mesi di maggio e giugno nel caso si desideri avere uno sviluppo compatto e cespuglioso.

MOLTIPLICAZIONE

Il Potos può essere riprodotto tramite talee di fusto (radicata in terra o in acqua) o per divisione della pianta.

MOLTIPLICAZIONE PER TALEA DI FUSTO RADICATA IN TERRA

Verso marzo - aprile, si prelevano le cime dei fusti lunghe dai 15 ai 20 cm tagliandole con un coltello affilato per evitare la sfilacciatura dei tessuti, pulito e disinfettato.

Si rimuovono le due foglie più basse e si tratta la base del fusto tagliato, con ormoni che favoriscano la radicazione (si trovano da un buon vivaista) e si interrano in una composta formata da due parti di torba ed una di sabbia fine.

Si infila la talea di Potos fino all'altezza delle foglie tagliate, sostenendola con un fil di ferro e si compatta delicatamente la terra intorno

Si pone il vaso in una zona non troppo luminosa e dovo è possibile avere una temperatura costante di circa 21°C. Si chiude il vaso (diametro massimo 7 cm) con della plastica trasparente per garantire calore ed umidità. Usate dei bastoncini che sistemerete nel terriccio per tenere la plastica lontana dalla talea.

Ogni giorno aprite l'involucro e controllate il grado di umidità del terriccio e fate un modo che sia sempre umido ed eliminate eventuale condensa che si è addensata nella plastica.

Quando inizieranno a comparire i nuovi germogli di Potos, vuol dire che la talea ha radicato a quel punto, trapiantatela in una composta così come indicato per le piante adulte e trattatela come tale.

MOLTIPLICAZIONE PER TALEA DI FUSTO RADICATA IN ACQUA

Il Pothos radica bene anche in acqua. Prelevate una talea apicale di fusto e sistematela in un recipiente colmo d'acqua. Quando la talea avrà ben radicato, rinvasatela delicatamente in un vaso di piccole dimensioni con il terriccio indicato per le piante adulte.

MOLTIPLICAZIONE PER DIVISIONE DELLA PIANTA

Altro modo di moltiplicare il Pothos è quello di dividere le radici con i relativi steli al momento della rinvasatura. Con l'aiuto di un coltello affilato, pulito e disinfettato, si divide la pianta in due o più porzioni a seconda delle sue dimensioni quindi le singole porzioni si rinvasano come se fossero singole piante adulte.

PARASSITI E MALATTIE

Foglie con macchie brune seguite da ingiallimento e caduta delle foglie

Vuol dire che la pianta è stata soggetta a correnti d'aria, oppure a temperature troppo basse oppure è stata irrigata eccessivamente.
Rimedi: si tolgono le foglie colpite, si trasferisce la pianta di potos in un luogo più caldo e si riducono le irrigazioni.

Fusto che marcisce in prossimità del terreno

Vuol dire che la pianta di potos riceve troppa acqua.
Rimedi: eliminate le parti danneggiate, lasciate asciugare il terreno dopo di che regolate le irrigazioni di conseguenza.

Foglie con perdita di screziature

Se le foglie presentano questo sintomo e diventano completamente verdi, vuol dire che l'illuminazione è scarsa.
Rimedi: bisogna spostare la pianta in un luogo più luminoso (non sole diretto).

Foglie che iniziano ad ingiallire, appaiono macchiettate di giallo e marrone

Se le foglie iniziano ad ingiallire e successivamente a queste manifestazioni si accartocciano, assumono un aspetto quasi polverulento e cadono. Si possono notare anche delle sottili ragnatele soprattutto nella pagina inferiore delle foglie. Con questi sintomi siamo probalbilmente in presenza di un attacco di ragnetto rosso, un acaro molto fastidioso.

Rimedi: aumentare le nebulizzazioni alla chioma in quanto la mancanza di umidità favorisce il lor sviluppo,  ed eventualmente, solo nel caso di infestazioni gravi, usare un insetticida specifico. Se la pianta non è molto grande, si può anche provare a pulire le foglie per eliminare meccanicamente il parassita usando un batuffolo di cotone insaponato. Dopo di che risciacquate il Potos molto bene per eliminare il sapone.

CURIOSITA'

Il nome del genere "Scindapsus" deriva dal greco "skindapsos = non identificato" per indicare una specie con un portamento simile all'edera ma che non era edera.

Il nome che comunemente in passato si dava a queste piante "Pothos", in realtà è errato in quanto si riferisce a piante che non sono più coltivate. Oramai però questo nome le identifica pertanto i floricoltori continuano ad adottare questa terminologia.

Vendita opere di Toru Iwaya
Dedicato a Pio Petrocchi
Contatti Perchè Elicriso Links Redazione Privacy
Copyright© 2000-2014 Elicriso.it - Note legali