elicriso.it - rivista sull'ambiente e sulla natura
mercoledì 26 novembre 2014
  Skip Navigation Links
   Elicriso offerto in  
Testo normale Testo grande Testo molto grande
Rubriche sulle piante
Come coltivare e curare le piante
Le amiche silenziose
Cure per le vacanze
Rinvaso
Abutilon
Acacia
Acalypha
Acanthus
Achimenes
Acorus
Actaea
Adiantum
Adromischus
Aeonium
Aechmea
Aeschynanthus
Agapanthus
Agave
Ageratum
Aglaonema
Albizia
Allamanda
Alocasia
Aloe
Alpinia
Alsobia
Amaryllis
Ananas
Anthurium
Antirrhinum
Aphelandra
Aporocactus
Aquilegia
Araucaria
Ardisia
Areca
Arisaema
Aristolochia
Asarum
Asparagus
Aspidistra
Asplenium
Aucuba
Azalea (Rhododendron)
Babiana
Bambù (subtribù Bambusine)
Bauhinia
Beaucarnea
Begonia
Beloperone
Bessera
Billbergia
Blechnum
Bouganville
Bouvardia
Bowiea
Bromeliaceae
Browallia
Brunfelsia
Caladium
Calatea (Calathea)
Calceolaria
Calendula
Calla (Zantedeschia)
Callisia
Callistemon
Camelia
Campanula
Campsis
Canna
Capelvenere
Casuarina
Catharanthus
Celosia
Cereus
Ceropegia
Chamaedorea
Chamaerops
Chlorophytum
Ciclamino (Cyclamen)
Cissus
Clerodendrum
Clivia
Clusia
Codonanthe
Coffea
Coleus
Columnea
Conophytum
Cordyline
Cotyledon
Crassula
Crossandra
Croton
Cryptanthus
Ctenanthe
Curcuma
Cycas
Cyrtomium
Cytisus
Davallia
Dieffenbachia
Dimorphotheca
Dionaea
Dipladenia
Dizygotheca
Doryanthes
Dracena (Dracaena)
Echeveria
Echinopsis
Echinocactus
Epiphyllum
Episcia
Erica
Eustoma
Exacum
Fatshedera
Fatsia
Felci
Fico d'india
Ficus
Filodendro (Philodendron)
Fittonia
Fucsia
Gardenia
Gelsomino
Geranio (Pelargonium)
Gerbera
Gloriosa
Grevillea
Gunnera
Guzmania
Gynura
Hardenbergia
Haworthia
Hedera
Hedychium
Helxine
Hemerocallis
Ibisco (Hibiscus)
Hippeastrum (Amarillo)
Hoffmannia
Hosta
Hoya
Hypoestes
Impatiens
Ipomoea
Iresine
Ixora
Jacaranda
Jacobinia
Kalanchoe
Kentia
Kohleria
Lampranthus
Lapageria
Leptospermum
Lithops
Lobelia
Mammillaria
Maranta
Medinilla
Murraya
Musa
Neoregelia
Nephrolepsis
Nertera
Nidularium
Oleandro (Nerium)
Orchidea
Ortensia (Hidrangea)
Pachira
Pachypodium
Pachystachys
Pandanus
Pandorea
Papiro (Cyperus)
Passiflora
Pellaea
Pellionia
Peperomia
Pereskia
Pervinca (Vinca)
Philesia
Piante grasse
Pitcairnia
Pilea
Pittosporo (Pittosporum)
Platycerium
Plectranthus
Plumbago
Plumeria
Polianthes
Polypodium
Polyscias
Polystichum
Pothos (Scindapsus)
Primula
Pteris
Quesnelia
Ravenea
Rebutia
Rechsteineria
Rhapis
Rhoeo
Rhoicissus
Ricino
Rose
Ruellia
Russelia
Sanchezia
Sansevieria
Saxifraga
Schefflera
Scirpus
Sedum
Selaginella
Senecio
Setcreasea
Skimmia
Sinningia
Solanum
Sparmannia
Spathiphyllum
Stapelia
Stella di Natale
Stephanotis
Strelitzia
Streptocarpus
Streptosolen
Stromanthe
Syngonium
Tagetes
Tetrastigma
Thunbergia
Tillandsia
Tolmiea
Torenia
Trachycarpus
Tradescantia
Tropaeolum
Urceolina
Vallota
Veltheimia
Tibouchina
Violetta africana (Saintpaulia)
Vriesea
Woodwardia
Xanthosoma
Yucca
Zamia
Zamioculcas
Zephyranthes
Le nostre amiche orchidee
Piante medicinali
Piante aromatiche
Conoscere le piante: come vivono e come sono fatte
I fiori di Bach
Il linguaggio dei fiori e delle piante
Come le donne famose della storia si facevano belle con le piante
Piante carnivore
Piante allucinogene
Piante tonificanti e afrodisiache
I principali nemici delle nostre piante
L'agronomo risponde
Epoca di raccolta e vendita della frutta italiana
Dizionario botanico
Rubriche sugli animali
Mammiferi
Uccelli
Rettili
Anfibi
Pesci
Echinodermi
Cefalopodi
Suoni emessi dagli animali
Altre rubriche
News ambientali
Geologia e ambiente
Clima e ambiente
Mitologia e ambiente
Agricoltura e ambiente
Geologia e biologia marina
Quando l'uomo diventerà un essere umano?
Energie rinnovabili
Diritto ambientale
Directory
La natura in cucina
Conservazione delle specie e dell'ambiente
Natura, usi, costumi del sud America
Arte e ambiente
Aree protette
Musica e ambiente
Tutto ciò che dobbiamo sapere sugli incendi
Quattro risate in compagnia ed altro
L'angolo della Sardina
Le nostre vignette
Video
Foto natura
Recensioni
Spazio aperto ai lettori
Pubblicazione foto dei nostri amici animali
Racconti di viaggio
Gli articoli dei lettori
Vecchi siti geologici
Forum
Toru Iwaya
Come coltivare e curare le nostre piante
COME COLTIVARE E CURARE LE PIANTE
AGAPANTHUS

L'Agapanthus  è una pianta particolarmente apprezzata non solo per le sue belle fioriture ma anche per il fogliame particolarmente decorativo.

Ibrido Headbourne
In questo articolo:
Classificazione botanica Caratteristiche generali Principali specie Tecnica colturale Annaffiatura Tipo di terreno - rinvaso Concimazione Fioritura Potatura Moltiplicazione Parassiti e malattie Curiosità
CLASSIFICAZIONE BOTANICA

Regno: Plantae
Subregno: Tracheobionta (piante vascolari)
Divisione: Magnoliophyta  (ex Angiospermae)
Classe: Liliopsida  (ex Monocotyledones)
Ordine: Liliales
Famiglia: Liliaceae
Genere: Agapanthus
Specie:  vedere il paragrafo "Principali specie"


CARATTERISTICHE GENERALI

Il genere Agapanthus comprende piante perenni, originarie del sud Africa, conosciute come "gigli africani" o "agapanto", molto facili da coltivare che producono spettacolari fioriture per tutto il periodo estivo. 

Sono piante provviste di radice rizomatosa e formano dei veri e propri cespugli con le loro foglie nastriformi, robuste, incurvate verso il basso. Esistono piante a foglia decidua e a foglia perenne che sono i più diffusi e conosciuti con foglie più larghe e lunghe dei precedenti e infiorescenze più grandi.  

I fiori dell'Agapanthus sono campanulati e riuniti in infiorescenze agli apici di lunghi steli fiorali, per lo più di colore blu più o meno intenso, spesso sfumati di viola anche se esistono varietà a fiori bianchi.    


PRINCIPALI SPECIE

Abbiamo numerose specie di Agapanthus che possono essere a foglia decidua o a foglia perenne ma ancor più numerosi sono gli ibridi che rendono il mondo degli Agapanthus estremamente variegato:

AGAPANTHUS CAMPANULATUS (a foglia decidua)

L'Agapanthus campanulatus è sicuramente la specie più conosciuta e diffusa con i suoi numerosissimi ibridi conosciuti con il nome di Headbourne per vie delle infiorescenze appariscenti. 

Tra le diverse specie è la pianta più robusta e di solito raggiunge un'altezza anche di un metro. Sono a foglia decidua nel senso che le foglie vengono perse durante la stagione invernale e la pianta sverna come rizoma.

E' una pianta che fiorisce nel periodo estivo.

AGAPANTHUS INAPERTUS (a foglia decidua)

L'Agapanthus inapertus è una specie decidua originaria del sud Africa con fiori di colore blu più o meno intenso che sbocciano durante il periodo estivo

AGAPANTHUS AFRICANUS (a foglia perenne)

L'Agapanthus africanus è anche conosciuto come Agapanthus umbellatus. E' una specie non molto diffusa, originaria del sud ovest della Provincia del Capo, abbastanza rara con fiori bianchi o più frequentemente blu scuro alti fino ad un metro che compaiono all'inizio dell'autunno.

AGAPANTHUS PRAECOX (a foglia perenne) 

L'Agapanthus praecox è una specie a foglie perenni che produce fiori di colore blu più o meno intenso.

TECNICA COLTURALE

In Italia gli Agapanthus più diffusi sono quelli a foglia perenne con foglie ed infiorescenze molto più grandi rispetto a quelli a foglia decidua.

E' importante sapere, al momento dell'acquisto, se si tratta di una specie a foglia decidua o perenne in modo da rendersi conto delle esigenze colturali della pianta per sistemarla nel modo giuso in quanto sono piante che non amano essere maneggiate.  

Le piante di Agapanthus a foglia decidua possono essere tenuti all'aperto tutto l'anno solo nelle zone dove le temperature non scendono sotto gli zero gradi centigradi che per periodi molto brevi. In questo caso basterà proteggere la terra con delle foglie o della torba per assicurare la sopravvivenza dei rizomi. Nel caso contrario allora occorre portare il vaso al riparo riponendolo in una zona buia della casa in un luogo riparato dal freddo. In entrambi i casi comunque le irrigazioni durante tali periodi deve essere estremamente limitate, giusto il tanto da non far seccare del tutto il terreno. Per cui se il vaso è tenuto all'aperto, proteggetelo anche con un foglio di plastica trasparente. 

Gli Agapanthus a foglia perenne possono invece essere tenuti all'aperto durante l'inverno solo nelle zone dove le gelate siano poco frequenti e durevoli. In caso contrario anche in questo caso è bene tenere gli Agapanthus in vaso e non in piena terra e riparati durante l'inverno. Solo nelle zone dove le temperature invernali non scendono al di sotto dei -2°C le piante possono essere tenute in piena terra. Al più si possono danneggiare le foglie che possono ingiallire e cadere ma i rizomi, riescono a resistere a queste temperature.

Sono piante che vengono vendute generalmente direttamente in vaso ed il trapianto deve essere effettuato in primavera  inoltrata. In considerazione del fatto che sono piante che non tollerano essere trapiantate sistematela ad una distanza di almeno 60 cm tra una pianta e l'altra per cultivar di medie dimensioni. In questo modo per almeno 3-4 anni potete non fare ulteriori trapianti.   

 

A partire dalla primavera, quando è scongiurato il rischio delle gelate primaverile, le piante di Agapanthus possono essere trapiantati all'aperto o si può togliere la protezione invernale.

I rizomi vanno posti nel terreno per buoni 8 cm di profondità sistemando un solo agapanto in un vaso di 20 cm di diametro e non più di 2 in un vaso di 25 cm di diametro in quanto occorre tenere conto che la piante accestisce abbondantemente.

Un buon terriccio può essere formato da una parte di terriccio fertile, una di torba ed una di sabbia in parti uguali avendo cura di sistemare sul fondo del vaso numerosi pezzi di coccio per favorire il drenaggio dell'acqua di irrigazione.

Fino al momento in cui non saranno comparsi i primi germogli, il vaso con la pianta va tenuto in un luogo riparato e va annaffiato con moderazione. Durante questo periodo è opportuno anche concimare ogni due/tre settimane usando un fertilizzante liquido diluito nell'acqua di irrigazione.

In genere posizioni soleggiate sono ottimali per la pianta di agapanto ma sarebbe preferibile che durante le ore più calde della giornata non arrivi il sole diretto.

ANNAFFIATURA

L'Agapanthus durante il periodo vegetativo, quindi a partire dalla primavera e per tutta l'estate, l'Agapanthus si annaffia con generosità ma evitando gli eccessi ed aspettando che il terriccio si asciughi tra una irrigazione ed un'altra.

Durante gli altri periodi le annaffiature vanno notevolmente diminuite, giusto il tanto da non fare seccare del tutto il terriccio.

TIPO DI TERRENO - RINVASO

Gli Agapanthus non sono piante che amano essere maneggiate per cui i rinvasi non vanno effettuati spesso ma solo quando si presenta una reale necessità perchè il vaso è diventato troppo piccolo per contenere la pianta.

CONCIMAZIONE

A partire dalla primavera si somministra alla pianta un fertilizzante liquido diluito nell'acqua di irrigazione ogni 2-3 settimane fino alla nascita dei nuovi germogli. 

FIORITURA

Per avere un'abbondante fioritura è importante fertilizzarela pianta  ogni due/tre settimane fino alla comparsa dei boccioli che per la maggior parte delle specie avviene durante il periodo estivo.

POTATURA

Sono piante che non si potano. Si eliminano solo le foglie ed i fiori che via via seccano per evitare che diventino veicolo di malattie parassitarie.

MOLTIPLICAZIONE

Gli Agapanthus si moltiplicazione per divisione della pianta che va fatta in marzo/aprile  oppure per seme ma in questo caso occorre tenere presente che occorreranno diversi anni prima che la pianta fiorisca.

PARASSITI E MALATTIE

Non sono piante particolarmente soggette a malattie ed i nemici più frequenti possono essere:

Chiocciole e lumache

Le chiocciole e le lumache danneggiano le parti verdi della pianta  divorando grandi pezzi di foglia.
Rimedi: se non si riesce ad individuarle per eliminarle meccanicamente, usate delle apposite esche avvelenate, facilmente reperibili da un buon vivaista.

CURIOSITA'

Quando si maneggiano le piante di Agapanthus è opportuno usare dei guanti in quanto contengono delle sostanze tossiche che potrebbero provocare irritazione della cute e delle mucose.

Vendita opere di Toru Iwaya
Dedicato a Pio Petrocchi
Contatti Perchè Elicriso Links Redazione Privacy
Copyright© 2000-2014 Elicriso.it - Note legali