elicriso.it - rivista sull'ambiente e sulla natura
martedì 16 settembre 2014
  Skip Navigation Links
   Elicriso offerto in  
Testo normale Testo grande Testo molto grande
Rubriche sulle piante
Come coltivare e curare le piante
Le nostre amiche orchidee
Piante medicinali
Piante aromatiche
Conoscere le piante: come vivono e come sono fatte
I fiori di Bach
Il linguaggio dei fiori e delle piante
Come le donne famose della storia si facevano belle con le piante
Piante carnivore
Piante allucinogene
Amanita muscaria
Cannabis
Coca
Papavero da oppio
Salvia divinorum
Prezzo sostante allucinogene
Piante tonificanti e afrodisiache
I principali nemici delle nostre piante
L'agronomo risponde
Epoca di raccolta e vendita della frutta italiana
Dizionario botanico
Rubriche sugli animali
Mammiferi
Uccelli
Rettili
Anfibi
Pesci
Echinodermi
Cefalopodi
Suoni emessi dagli animali
Altre rubriche
News ambientali
Geologia e ambiente
Clima e ambiente
Mitologia e ambiente
Agricoltura e ambiente
Geologia e biologia marina
Quando l'uomo diventerà un essere umano?
Energie rinnovabili
Diritto ambientale
Directory
La natura in cucina
Conservazione delle specie e dell'ambiente
Natura, usi, costumi del sud America
Arte e ambiente
Aree protette
Musica e ambiente
Tutto ciò che dobbiamo sapere sugli incendi
Quattro risate in compagnia ed altro
L'angolo della Sardina
Le nostre vignette
Video
Foto natura
Recensioni
Spazio aperto ai lettori
Pubblicazione foto dei nostri amici animali
Racconti di viaggio
Gli articoli dei lettori
Vecchi siti geologici
Forum
Il regno delle Orchidee
Il regno delle Orchidee
PIANTE ALLUCINOGENE
AMANITA MUSCARIA

L'A. muscaria è conosciuto da sempre come il fungo usato, fin dai tempi più antichi  nei riti sciamanici, per provocare allucinazioni.

"Questo articolo contiene informazioni che possono generare situazioni di pericolo e di danno in quanto tratta di sostanze allucinogene. I dati presenti hanno solo un fine informativo, non esortativo ed in alcun caso medico."

In questo articolo:
Classificazione botanica Caratteristiche generali Storia Principi attivi Come viene utilizzata Effetti Legislazione Curiosità
CLASSIFICAZIONE BOTANICA

Regno: Fungi
Divisione: Basidiomycota
Classe: Basidiomycetes
Ordine: Agaricales
Famiglia: Amanitaceae
Genere: Amanita
Specie: Amanita muscaria

CARATTERISTICHE GENERALI

La Amanita muscaria conosciuta anche come (Agaricus muscarius o Agaricus pseudo aurantiacus) il cui nome volgare è Ovulo maleficoOvolaccioCocc falsfungo dei pazzi, Moscaria o  fly agaric (per gli inglesi) è un fungo che appartiene alla classe dei Basidiomiceti ed alla famiglia delle Amanitaceae che comprende più di 10.000 specie con oltre un centinaio di generi. Nell'ordine delle Agaricales, il genere Amanita è sicuramente quello più studiato e conosciuto.

E' tra i funghi più diffusi e conosciuti questo dovuto anche al fatto che la sua presenza non passa inosservata data la vivacità dei suoi colori.  E' molto bello da vedersi potendo infatti trovare delle specie che possono raggiungere anche i 25 cm di altezza.

Il cappello (il corpo fruttifero del fungo)   si presenta carnoso ed allo stadio giovanile è chiuso ed a forma emisferica che, una volta maturo,  si apre assumendo la classica forma a fungo che tutti conosciamo. Al tatto rimane viscido di colore rosso molto vivo o aranciato o giallastro ricoperto normalmente da delle piccole vescicole  di solito bianche o tendenti al giallino che altro non sono che brandelli del velo (una sorta di protezione che si forma quando si sta sviluppando il fungo) di colore bianco che rimangono aderenti alla parte superiore del cappello.

 

Altri frammenti di velo li vediamo nella parte alta del gambo a formare una sorta di collare.

Il cappello è sorretto da un gambo, tipicamente cilindrico, per lo più pieno (cavo nella parte centrale) che rimane ingrossato nella parte bassa a formare una sorta di bulbo formando dei cerchi concentrici di colore bianco. 

Nella parte bassa presenta numerose lamelle, molto fitte,  bianche o leggermente giallastre che sviluppano l'imenio, la parte fertile del fungo dalla quale si formano le spore (i "semi" dei funghi per intendersi).

Se si taglia il fungo si nota che all'interno la polpa è bianca appena sotto la cuticola del cappello mentre più sotto rimane di colore giallastro con odore e sapore insignificanti.

Le spore  sono bianche ed il loro numero è quasi incalcolabile nell'ordine dei miliardi nel corso di un anno. 

Ci sono diverse varietà che differiscono tra loro per il diverso colore del cappello variando dal giallo più o meno intenso all'arancione.

Amanita muscaria varietà formosa

Amanita muscaria varietà alba

E' facile trovarla sia d'estate che in autunno nei boschi di conifere e di latifoglie anche se ha un gran numero di piante ospiti che vanno dal pino, al pioppo, all'abete, alla betulla. 

 

STORIA

La storia  si base sulle analisi linguistiche dei diversi popoli, soprattutto asiatici. Ha infatti una lunga reputazione come fungo usato nei riti sciamanici per provocare allucinazioni. 
  
Nelle zone del nord est della Siberia sono stati ritrovati numerosi geroglifici che risalgono al 1000-2000 a.C. con figure di uomini con i funghi messi a cappello. Si tratta della zona abitata dal popolo Chukchi (che abitano la penisola dei Chukchi all’estremità nordorientale dell'Asia tra il Pacifico e il Mare Artico dove lo stretto di Bering la separa dall’Alaska) che ancora usano la Amanita muscaria  come inebriante.

Nel Rig Veda (un antico testo sacro indù scritto in sanscrito) che risale al 500 a.C. si parla spesso di un inebriante chiamato "soma" che lo studioso Gordon Wasson nel 1968 ha attribuito alla Amanita muscaria. Confermato anche successivamente da numerosi studiosi anche se alcuni affermano che si tratti della Cannabis.

Recita uno degli inni:  "Abbiamo bevuto soma, siamo diventati immortali, abbiamo raggiunto la luce, abbiamo trovato la divinità. Che cosa può fare ora, il nemico per farci del male e che danni possono tramare i mortali? Si espande, Soma oh! La nostra vita per vivere. Queste splendide acque concedono molto, per vivere.  Come il fuoco si accende fregando così le acque si accendano! Questo ci aiuterà a trascendere la nostra visione e ad aumentare il nostro benessere!"

Per tutte queste ragioni si ritiene oggi che questo fungo  sia la prima pianta psicoattiva più antica che sia stata usata dall'uomo.  

Sono numerosi i popoli che ancora oggi hanno tramandato ed usano l'Amanita muscaria: i chikchi, i Lapponi (che attualmente occupa principalmente le terre a nord del Circolo Polare Artico), i Koriak (o Coriachi, di stirpe mongola che vivono nell’ estremo Nord della Kamchatka, ancora oggi popolata da gruppi di nomadi, cacciatori ed allevatori) ed altre popolazioni che gravitano nella zona dello stretto di Bering e della Siberia centrale vicino ai fiumi Ob e Yenisei. In pratica in tutto il vasto territorio della Siberia dove esiste la figura dello sciamano, si consuma ancora oggi questo fungo sia per le pratiche magiche che a scopo curativo. Anche nel continente americano ci sono notizie di due popolazioni, i Chippewa e i Dogrib, al confine tra gli Stati Uniti ed il Canada nella zona dei grandi laghi, che usano questo fungo  nei loro rituali sciamanici.


Si pensa che la diffusione dell'uso di questo fungo sia dovuto alla migrazione in tempi preistorici di popolazioni indoeuropee verso l'America dal Kazachistan alle steppe asiatiche, al nord della Germania e alle isole britanniche arrivando fino alla Francia ed all'Italia portando tra l'altro con se anche la conoscenza dell'uso del ferro e del bronzo.

I popoli  americani del Messico e del centro America associavano questo fungo con le forze sovrannaturali che controllavano il tempo anche se non c'è documentazione che li associ a pratiche magiche. Nella lingua maya-quiché degli indigeni guatemaltechi la Amanita muscaria era chiamata  kakulya (nome preispanico del dio dei lampi) mentre i maya di lingua tzetzal del Messico lo chiamavano yuy chauk  (fungo dei lampi). Non si sa da cosa sia derivato questo fatto anche se con il tempo venne associato a divinità più benefiche. 
Secondo alcuni studiosi sembra che l'Amanita muscaria fosse usata dai Vichinki prima delle loro scorrerie conferendo loro forza ed aggressività. Questo è stato dedotto dal fatto che un passaggio della mitologia nordica racconta come Odino fu perseguitato dai demoni e che dalla bocca di Sleipnir, il cavallo con sei zampe cadeva una schiuma rossa che si trasformava in funghi.

Altri che usavano l'A. muscaria erano i pescatori di salmoni clandestini scozzesi per dare maggiore resistenza. Bevevano una bibita a base di A. muscaria e wisky conosciuto come Cathy (usato anche oggi) in onore dell'imperatrice Caterina di Russia (foto a lato) che apprezzava molto questa bibita.


Con il tempo l'uso di questo fungo si perse e gli antropologi attribuiscono questo sia ai grandi cambiamenti sociali e culturali avvenuti nel Neolitico sia all'avvento del cristianesimo che ha combattuto da sempre l'uso delle sostanze psicoattive considerate riti pagani.    Praticamente solo quando l'Amanita muscaria venne assunta al ruolo di "pianta allucinogena" divenne un fungo velenoso.

PRINCIPI ATTIVI

Da questo fungo sono state isolate diverse sostanze:

Vanadio, (un elemento chimico con numero atomico 23 e simbolo "V" è un elemento raro, tenero e duttile) che fino ad oggi non è stato isolato in nessun altro rappresentante del regno vegetale; per lo più si trova nei minerali composto con altri elementi.

Muscarina, un alcaloide, scoperto nel 1869. Quando fu scoperta si pensava che fosse lei la responsabile delle proprietà allucinogene del fungo. In realtà successivamente si è scoperto che la sua azione è del tutto secondaria, ma è responsabile dei sintomi di nausea, vomito e visione offuscata. Tra l'altro è presente in quantità minime di circa 2,5 mg/kg. 

Atropina, un tropan-alcaloide, presente in diverse piante.

Bufotenina che è un principio attivo velenoso che principalmente viene secreto da alcune ghiandole cutanee dei rospi (specie Bufo bufo).

Ma le principali sostanze, isolate in laboratorio e responsabili degli effetti allucinogeni sono: l'Acido ibotenico, il Muscimolo ed in minor misura il Muscazone.

 

L'acido ibotenico non attraversa il sangue del cervello tal quale ma viene trasformato in parte in Muscimolo mentre la restante parte viene eliminata. L'azione viene quindi svolta dal Muscimolo che funziona come antirecettore GABA (gaba antagonista).  Si è visto che è particolarmente attivo nel cervelletto, nella corteccia cerebrale e nell'ippocampo.

Il Muscimolo, viene espulso tal quale dalle urine, senza essere metabolizzato e questo spiega l'usanza  testimoniata da vari scritti, di bere l'urina di chi ha mangiato questi funghi (per poter avere l'effetto allucinogeno) in quanto il Muscimolo passa attraverso i reni senza essere modificato per cui l'urina avrebbe lo stesso effetto dell'Amanita senza però gli effetti negativi di nausea e vomito provocati dalla Muscarina che non si ritrova nelle urine quindi in qualche modo viene metabolizzata. L'uso di bere l'urina a noi occidentali fa inorridire ma per i popoli nativi americani ed orientali era una cosa normale usarla come disinfettante e medicinale. Pertanto non deve apparire strano il fatto che bevessero l'urina di chi aveva ingerito l'Amanita muscaria.    

L'acido ibotenico diventa comunque naturalmente con il tempo Muscimolo, un composto più stabile. Questo fatto è legato alla tradizione per la quale gli indigeni siberiani lasciano seccare al sole o al fuoco il fungo in modo che i suoi effetti siano più potenti. Utilizzavano inoltre i funghi di dimensioni più piccole e con molte "macchiette bianche" in quanto si diceva che erano più potenti di quelli più grandi e di colore sbiadito.

E' stato accertato che la quantità di queste sostanze psicoattive è molto variabile a seconda del luogo di provenienza dell'Amanita. Ecco perchè gli effetti del fungo non sono sempre uguali.

 

COME VIENE UTILIZZATA

Tradizionalmente venivano usate secche in quanto fresche provocavano il vomito. Il loro effetto inizio circa 2-3 ore dopo l'assunzione e dura circa 6-8 ore.

Alcuni fumano l'amanita secca con effetto quasi istantaneo ma di breve durata.

E' impossibile dare indicazioni certe sulle dosi minime che possono essere tossiche in quanto varia da fungo a fungo e dalla zone dove è cresciuto. Solo un'esame chimico può dire la percentuale di principio attivo presente.

Si sa che koryak come i chukchis erano soliti far seccare questi  funghi in mazzi di tre che era considerata la dose media. Una volta asciugati e resi friabili li prendevano con un po' di acqua. Oppure venivano masticati direttamente.

La bibliografia su questo fungo è molto vasta. In ogni caso molti studiosi affermano che se viene mangiato tal quale, senza adeguata preparazione, è mortale, viceversa se trattato in maniera adeguata, considerando che le sue tossine sono solubili in acqua, può essere assunto senza problemi come avviene tutt'oggi in Giappone ed in alcune zone  nel sud della Francia e della Spagna dove consumano il fungo per i suoi effetti psicoattivi.

Si sconsiglia vivamente ogni tentativo di emulazione degli esempi sopra descritti, non essendone stati testati gli effetti collaterali: la maggioranza dei testi micologici ne sconsigliano qualsiasi tipo di utilizzo alimentare.

EFFETTI

A  livello fisico ha effetti stimolanti nei confronti del sistema parasimpatico provocando sudorazione, contrazione delle pupille, diminuzione del battito cardiaco ed aumento della peristalsi intestinale, nausea, disorientamento.  

Non sono stati segnalati danni fisici per un uso prolungato di questo fungo nè si sa che provoca dipendenza.

A bassi dosaggi  provoca una sensazione di ebbrezza, maggiore forza fisica con alterazione della vista vedendo gli oggetti di dimensioni diverse dal reale. Chi ha studiato gli effetti che provocano questi funghi ha appurato che i suoi effetti sono molto soggettivi e variano parecchio da persona a persona. 

 

LEGISLAZIONE

E' considerata legale in quasi tutti gli stati in quanto non è annoverata tra le sostanze psicoattive per cui può essere tranquillamente coltivata, venduta e posseduta. Un'eccezione è lo stato della Louisiana, negli Stati Uniti dove l’utilizzo di questo fungo non è legale se riferito all’uomo mentre è permesso il possesso e la coltivazione per scopi rigorosamente estetici, paesaggistici e decorativi.  

 

CURIOSITA' 

Il nome Amanita coniato da Persoon Christian Hendrik può derivare dal nome greco "amanitai = senza dettagli" o da "Amanus" un monte dell'antica provincia romana in Cilia a sud dell'attuale Turchia.   

Il nome Muscaria deriverebbe dal latino "muscarius= pertinente alle mosche" per il fatto che il suo succo mescolato al latte (o pezzetti di fungo lasciati a macerare) ha delle ottime proprietà moschicida (le mosche attirate dal latte lo bevono e muoino).

Alcuni studiosi hanno fatto osservare che questo fungo, considerato velenoso, "oggetto del maligno" sia in realtà sempre associato con immagini belle, soprattutto nei paesi mediterranei. Ad esempio, avete mai fatto caso come mai i bambini quando disegnano un fungo lo disegnano con il cappello rosso ed i puntini bianchi? Oppure, avete fatto caso che le case degli gnomi e della fate sono sempre rappresentate con il cappello rosso ed i puntini bianchi? In pratica è associato a figure magiche, quindi si può ricollegare alle sue origini sciamaniche che sono rimaste sopite ma pur presenti, nella cultura attuale.

Nella favola originale "Alice nel paese delle meraviglie" di Lewis Caroll illustrata Sir John Tenniel, quando Alice incontra il bruco, nel capitolo V, Alice si trova davanti un gigantesco fungo sulla cui sommità si trova un bruco con una pipa, quella tipica per fumare l'oppio,   che ascolta le lamentele di Alice per essere troppo piccola di statura ed il bruco alla fine le dice: "Un lato ti farà diventare più alta e l'altro ti farà diventare più bassa"  Ed Alice risponde: "Un lato di che cosa? E l'altro lato di che cosa?”
"Del fungo", disse il Bruco, come se Alice lo avesse interrogato ad alta voce e subito scomparve.

Questo può essere tranquillamente ricollegato al fatto che uno degli effetti dell'Amanita muscaria è quello di vedere le cose di dimensioni diverse da quello che in realtà sono (o molto grandi o molto piccole). E mangiando il fungo Alice cambia le sue dimensioni.

Fonti bibliografiche online

- Istituto superiore di sanità
- Las drogas tal qual
- Scientific Electronic Library Online (ISSN 1851-2372)

Vendita opere di Toru Iwaya
Dedicato a Pio Petrocchi
Contatti Perchè Elicriso Links Redazione Privacy
Copyright© 2000-2014 Elicriso.it - Note legali