elicriso.it - rivista sull'ambiente e sulla natura
martedì 16 settembre 2014
  Skip Navigation Links
   Elicriso offerto in  
Testo normale Testo grande Testo molto grande
Rubriche sulle piante
Come coltivare e curare le piante
Le amiche silenziose
Cure per le vacanze
Rinvaso
Abutilon
Acacia
Acalypha
Acanthus
Achimenes
Acorus
Actaea
Adiantum
Adromischus
Aeonium
Aechmea
Aeschynanthus
Agapanthus
Agave
Ageratum
Aglaonema
Albizia
Allamanda
Alocasia
Aloe
Alpinia
Alsobia
Amaryllis
Ananas
Anthurium
Antirrhinum
Aphelandra
Aporocactus
Aquilegia
Araucaria
Ardisia
Areca
Arisaema
Aristolochia
Asarum
Asparagus
Aspidistra
Asplenium
Aucuba
Azalea (Rhododendron)
Babiana
Bambù (subtribù Bambusine)
Bauhinia
Beaucarnea
Begonia
Beloperone
Bessera
Billbergia
Blechnum
Bouganville
Bouvardia
Bowiea
Bromeliaceae
Browallia
Brunfelsia
Caladium
Calatea (Calathea)
Calceolaria
Calendula
Calla (Zantedeschia)
Callisia
Callistemon
Camelia
Campanula
Campsis
Canna
Capelvenere
Casuarina
Catharanthus
Celosia
Cereus
Ceropegia
Chamaedorea
Chamaerops
Chlorophytum
Ciclamino (Cyclamen)
Cissus
Clerodendrum
Clivia
Clusia
Codonanthe
Coffea
Coleus
Columnea
Conophytum
Cordyline
Cotyledon
Crassula
Crossandra
Croton
Cryptanthus
Ctenanthe
Curcuma
Cycas
Cyrtomium
Cytisus
Davallia
Dieffenbachia
Dimorphotheca
Dionaea
Dipladenia
Dizygotheca
Doryanthes
Dracena (Dracaena)
Echeveria
Echinopsis
Echinocactus
Epiphyllum
Episcia
Erica
Eustoma
Exacum
Fatshedera
Fatsia
Felci
Fico d'india
Ficus
Filodendro (Philodendron)
Fittonia
Fucsia
Gardenia
Gelsomino
Geranio (Pelargonium)
Gerbera
Gloriosa
Grevillea
Gunnera
Guzmania
Gynura
Hardenbergia
Haworthia
Hedera
Hedychium
Helxine
Hemerocallis
Ibisco (Hibiscus)
Hippeastrum (Amarillo)
Hoffmannia
Hosta
Hoya
Hypoestes
Impatiens
Ipomoea
Iresine
Ixora
Jacaranda
Jacobinia
Kalanchoe
Kentia
Kohleria
Lampranthus
Lapageria
Leptospermum
Lithops
Lobelia
Mammillaria
Maranta
Medinilla
Murraya
Musa
Neoregelia
Nephrolepsis
Nertera
Nidularium
Oleandro (Nerium)
Orchidea
Ortensia (Hidrangea)
Pachira
Pachypodium
Pachystachys
Pandanus
Papiro (Cyperus)
Passiflora
Pellaea
Pellionia
Peperomia
Pereskia
Pervinca (Vinca)
Philesia
Piante grasse
Pitcairnia
Pilea
Pittosporo (Pittosporum)
Platycerium
Plectranthus
Plumbago
Plumeria
Polianthes
Polypodium
Polyscias
Polystichum
Pothos (Scindapsus)
Primula
Pteris
Quesnelia
Ravenea
Rebutia
Rechsteineria
Rhapis
Rhoeo
Rhoicissus
Ricino
Rose
Ruellia
Russelia
Sanchezia
Sansevieria
Saxifraga
Schefflera
Sedum
Selaginella
Senecio
Setcreasea
Skimmia
Sinningia
Solanum
Sparmannia
Spathiphyllum
Stapelia
Stella di Natale
Stephanotis
Strelitzia
Streptocarpus
Streptosolen
Stromanthe
Syngonium
Tagetes
Tetrastigma
Thunbergia
Tillandsia
Tolmiea
Trachycarpus
Tradescantia
Tropaeolum
Urceolina
Vallota
Veltheimia
Tibouchina
Violetta africana (Saintpaulia)
Vriesea
Woodwardia
Xanthosoma
Yucca
Zamia
Zamioculcas
Le nostre amiche orchidee
Piante medicinali
Piante aromatiche
Conoscere le piante: come vivono e come sono fatte
I fiori di Bach
Il linguaggio dei fiori e delle piante
Come le donne famose della storia si facevano belle con le piante
Piante carnivore
Piante allucinogene
Piante tonificanti e afrodisiache
I principali nemici delle nostre piante
L'agronomo risponde
Epoca di raccolta e vendita della frutta italiana
Dizionario botanico
Rubriche sugli animali
Mammiferi
Uccelli
Rettili
Anfibi
Pesci
Echinodermi
Cefalopodi
Suoni emessi dagli animali
Altre rubriche
News ambientali
Geologia e ambiente
Clima e ambiente
Mitologia e ambiente
Agricoltura e ambiente
Geologia e biologia marina
Quando l'uomo diventerà un essere umano?
Energie rinnovabili
Diritto ambientale
Directory
La natura in cucina
Conservazione delle specie e dell'ambiente
Natura, usi, costumi del sud America
Arte e ambiente
Aree protette
Musica e ambiente
Tutto ciò che dobbiamo sapere sugli incendi
Quattro risate in compagnia ed altro
L'angolo della Sardina
Le nostre vignette
Video
Foto natura
Recensioni
Spazio aperto ai lettori
Pubblicazione foto dei nostri amici animali
Racconti di viaggio
Gli articoli dei lettori
Vecchi siti geologici
Forum
Il regno delle Orchidee
Come coltivare e curare le nostre piante
COME COLTIVARE E CURARE LE PIANTE
Thunbergia
(o Tunbergia)



Si tratta di piante per lo più a portamento arbustivo, a rapida crescita, molto decorative che possono essere coltivate sia in casa che all'aperto, nelle regioni a climi temperati.
fiore di thunbergia grandiflora
In questo articolo:
Classificazione botanica Caratteristiche generali Principali specie Tecnica colturale Annaffiatura Tipo di terreno - rinvaso Concimazione Fioritura Potatura Moltiplicazione Parassiti e malattie Curiosità
CLASSIFICAZIONE BOTANICA

Regno
:
Plantae

Clado
: Angiosperme
Clado
: Eudicotiledoni
Clado
: Asteride
Clado
: Euroside I
Ordine
:
Lamiales

Famiglia
:
Acanthaceae

Genere
:
Thunbergia

Specie
: vedere il paragrafo “Principali specie”

CARATTERISTICHE GENERALI

Il genere Thunbergia (conosciuto anche come Tunbergia) comprende piante rampicanti sempreverdi appartenenti alla famiglia delle Acanthaceae originarie di diversi paesi dell'Africa e dell'Asia. Nell'Africa meridionale ritroviamo 11 specie localizzate ai margini dei boschi o comunque in aerali aperti.

fiore di thunbergia spp.

Abbiamo in questo genere diverse specie molto conosciute ed apprezzate come piante per ornare giardini e terrazze e per decorare graticci. Possono essere allevate anche in appartamento sia come piante ricadenti in cesti sospesi che come rampicanti.

Le foglie sono semplici ed opposte, con o senza picciolo o come nel caso della T. alata, con il picciolo alato.

I fiori sono grandi, variamente colorati a seconda della specie e della varietà, caratterizzati da una corolla tubulosa costituita da cinque petali. Possono essere singoli o riuniti in grappoli.

Il frutto è una capsula globosa che contiene al suo interno diversi semi.

PRINCIPALI SPECIE

Il genere comprende circa 200 specie tra le quali ricordiamo:

Thunbergia grandiflora

E' una pianta nativa dell'India settentrionale ed è un rampicante sempreverde che può raggiungere i 5 m di altezza, caratterizzato da fiori lunghi dai 5 agli 8 cm, di colore azzurro-lavanda con la gola bianca.

I fiori sono riuniti in infiorescenze terminali e compaiono durante il periodo estivo.

thunbergia grandiflora
thunbergia alata

Thunbergia alata

E' una pianta originaria dell'Africa tropicale, rampicante perenne ma più spesso allevata come annuale. E' una specie che si sviluppa molto in altezza raggiungendo i 3 m ed oltre. Le foglie sono di bel colore verde intenso, lunghe 8 cm, a forma quasi triangolare o ovali che crescono appaiate lungo i fusti. I fiori sono imbutiformi, lunghi 5 cm di colore giallo-aranciato con la parte centrale marrone o rosso.

Questa specie ha numerosi ibridi tra i quali ricordiamo l'ibrido Suzie con i fiori di colore bianco o arancione- gialli con il centro scuro.

Thunbergia erecta

Si tratta di un arbusto sempreverde spesso strisciante originario dell'Africa tropicale. E' caratterizzata da fiori solitari di colore azzurro-viola con la gola di colore giallo.

Sono piante che non raggiungono notevoli dimensioni infatti non superano di 2 m di altezza.

Fioriscono nel periodo primaverile-estivo.
thunbergia erecta

Thunbergia fragrans

E' una specie originaria dell'India ed è caratterizzata da foglie cuoriformi, lucide con i margini lievemente dentati. I fiori, che compaiono durante il periodo estivo, sono di colore bianco e larghi circa 3 cm.

Thunbergia coccinea

E' una pianta originaria dell'India e della Birmania. E' caratterizzata da fiori di colore rosso con la parte centrale della corolla di colore giallo-arancio riuniti in grappoli penduli. Fiorisce a partire dall'inverno e fino alla primavera.

Thunbergia gregorii o gibsonii

E' una specie perenne (ma coltivata come annuale) sempreverde rampicante a base legnosa, originaria del sud Africa ed è caratterizzata da fiori di colore aranciato larghi 4 cm che sbocciano durante il periodo estivo.

Thunbergia laurifolia

Specie originaria dell'India è caratterizzata da fiori imbutiformi, solitari o riuniti in racemi, con petali di colore azzurro con la gola di colore bianco-crema, molto simile alla grandiflora dalla quale differisce per il fatto che le foglie sono ovali-lanceolate, intere, mentre nella grandiflora sono più larghe alla base e più appuntite. Anche i semi sono differenti: nella laurifolia sono ellittici mentre nella grandiflora sono più rotondeggianti con una protuberanza lunga circa i 2/3 della lunghezza del seme.

TECNICA COLTURALE

Non sono piante di difficile coltivazione.

Temperature intorno ai 21-24°C sono ottimali. Possono anche sopportare temperature superiori ma in questo caso occorre che l'ambiente sia ben ventilato. D'inverno le temperature non devono scendere sotto i 10°C; l'ottimale è intorno ai 16°C.

Sono piante che amano la luce ma è preferibile che non siano al sole diretto. Pertanto se sono allevate all'aperto, sistematele in posizione dove durante le ore più calde della giornata non ricevano il sole diretto.

ANNAFFIATURA

Durante il periodo primaverile - estivo va annaffiata in modo da mantenere il terreno costantemente umido. A partire dall'autunno e per tutto l'inverno le irrigazioni vanno diminuite in modo che il terreno sia appena umido.

Non lasciare ristagni idrici nel sottovaso che non sono tollerati.

TIPO DI TERRENO - RINVASO

Le piante si rinvasano ogni anno in primavera utilizzando dei vasi via via di dimensioni leggermente superiori al precedente fino ad un massimo di 20 cm di diametro. Dopo di che ogni anno si rimuovono i primi 2-5 cm di terreno che va sostituito con del terriccio nuovo.

Se la pianta è allevata in panieri sospesi, prima del rinvaso, occorre foderare il vaso con dello sfagno o altro materiale poroso. Se invece si desidera allevarla come rampicante, al momento del rinvaso si sistemano nel terreno dei tutori sui quali ancorare la pianta.

CONCIMAZIONE

Le concimazioni si effettuano a partire dalla primavera e per tutta l'estate utilizzando un concime liquido diluito nell'acqua di irrigazione ogni due settimane diminuendo le dosi rispetto a quanto indicato nella confezione. Durante gli altri periodi le concimazioni vanno sospese.

Si può utilizzare un buon concime liquido equamente bilanciato in azoto (N), fosoforo (P) e potassio (K) e che contenga anche i microelementi quali il magnesio (Mg), il ferro (Fe), il manganese (Mn), il rame (Cu), lo zinco (Zn), il boro (B), il molibdeno (Mo), tutti importanti per una corretta ed equilibrata crescita della pianta.

FIORITURA

La maggior parte delle specie sono a fioritura estiva.

Non appena i fiori iniziano ad appassire vanno rimossi prima che formino i semi per due ragioni: la prima è che la pianta dirotterebbe le sue energie nella formazione dei semi e rovinerebbe il suo aspetto, secondariamente perchè si abbrevierebbe la durata della fioritura.

POTATURA

Le piante giovani vanno cimate per favorire la ramificazione ed avere una pianta più compatta. Le piante adulte, in primavera possono essere potate per accorciare i rami cresciuti troppo o troppo disordinatamente.

Abbiate l'accortezza di pulire e disinfettare, possibilmente alla fiamma gli attrezzi che utlizzate, per evitare di infettare i tessuti.

MOLTIPLICAZIONE

La moltiplicazione può avvenire per seme nel caso della T. alata e T. gregorii o per talea nel caso della T. grandiflora.

MOLTIPLICAZIONE PER TALEA (T. grandiflora)

In primavera si prelevano talee lunghe 8-10 cm dalle estremità degli steli tagliando subito sotto il nodo, con un taglio obliquo, al fine di avere una maggiore superficie per la radicazione ed evitare l'accumulo di acqua sulla superficie tagliata. Si eliminano le foglie poste più in basso.

Usare un coltello ben affilato per evitare di sfilacciare i tessuti e che sia pulito e disinfettato (preferibilmente alla fiamma) per evitare di infettare i tessuti.

Moltiplicazione per talea

Cospargere la parte tagliata con una polvere rizogena per stimolare la radicazione e sistemate le talee così preparate in un terriccio formato per una parte terreno fertile ed una di sabbia grossolana.

Fate dei buchi con una matita e sistemate le talee compattando delicatamente il terriccio.

nuova talea apicale talea apicale

Il vaso si ricopre con un cappuccio di plastica trasparente sistemando dei bastoncini per fare in modo che la plastica non sia a contatto con la talea. Collocate il vaso all'ombra con temperature intorno ai 24-27°C. Ogni giorno togliete la plastica e controllate che il terreno sia costantemente umido ed eliminate eventuale condensa che si è formate nella plastica.

Una volta che iniziano a comparire i primi germogli vuol dire che le talee hanno radicato. A questo punto le talee si possono trapiantare in piccoli vasetti utilizzando un terreno così come indicato per le piante adulte e si trattano come tali. Ricordatevi, se desiderate allevare la pianta come rampicante, di sistemare dei tutori al momento del rinvaso nel quale, mano mano che pianta cresce, ancorare gli steli.
talea

MOLTIPLICAZIONE PER SEMI (T. alata e T. gregorii)

I semi si piantano alla fine dell'inverno-inizio della primavera in file parallele su un terriccio per semi. Dato che i semi sono piccoli, per interrarli leggermente, spingeteli sotto il terriccio usando un pezzo di legno piatto. Per prevenire eventuali attacchi di funghi, somministrare con l'acqua di irrigazione anche un fungicida ad ampio spettro, nelle dosi indicate nella confezione.

moltiplicazione per seme

Il vassoio che contiene i semi va tenuto all'ombra, ad una temperatura intorno ai 18-24°C e costantemente umido (usate uno spruzzatore per inumidire totalmente il terriccio) fino al momento della germinazione. Il vassoio va ricoperto con un foglio di plastica trasparente o con una lastra di vetro che garantirà una temperatura costante ed eviterà che il terreno si secchi troppo rapidamente.

moltiplicazione per seme 2
Dopo circa una settimana i semi germinano. A quel punto si toglie il telo di plastica e quando le neo piantine avranno emesso almeno tre foglioline e sono alte circa 12-15 cm si piantano in vasetti singoli di 8 cm di diametro usando un terriccio così come indicato per le piante adulte e si trattano come tali.
moltiplicazione per seme3

PARASSITI E MALATTIE

La piante perde le foglie senza apparente ragione

Questo sintomo è indice di temperature troppo basse.
Rimedi: spostare la pianta in un luogo più idoneo.

Le piante perdono colore e cadono

Questo sintomo è indice di troppe annaffiature.
Rimedi: controllare per prima cosa le radici perchè le eccessive irrigazioni possono farle marcire. Nel caso troviate delle radici che al tatto risultano molli eliminatele e cospargete le superficie di taglio con un fungicida ad ampio spettro e rinvasate. Per il futuro, regolate meglio le annaffiature.

La foglie appaiono come bruciate

Questo sintomo è indice che la pianta è stata esposta al sole diretto.
Rimedi: eliminate le foglie danneggiate e spostate la pianta in un luogo più idoneo.


Afidi delle piante
Presenza di piccoli animaletti biancastri sulla pianta

Probabilmente si tratta di afidi o come comunemente sono chiamati "pidocchi". Osservandoli con una lente di ingrandimento si riconoscono molto facilmente.
Rimedi: trattare la pianta con antiparassitari specifici facilmente reperibili da un buon vivaista.


Acari delle piante
Le foglie ingialliscono e si notano delle piccole macchie di colore giallo-marrone

Talvolta la pianta può subire anche ad attacchi di ragnetto rosso, un acaro. Osservando soprattutto la pagina inferiore delle foglie si possono vedere anche delle sottili ragnatele.
Rimedi: aumentare l'umidità ambientale intorno alla pianta in quanto il clima secco è il miglior alleato di questo parassita. Solo nel caso di gravi infestazioni intervenire con acaricidi specifici.

CURIOSITA'

Il nome Thunbergia è dedicato a Carl Peter Thunberg (1743 - 1828), botanico svedese allievo di Linneo.

Secondo il CRC for Australian Weed Management and the Commonwealth Department of the Environment and Heritage la T. laurifolia (ed in minor misura anche T. grandiflora) sta invadendo la foresta pluviale tropicale australiana con gravi danni nei confronti del resto della vegetazione formando delle vere e proprie foreste impenetrabili. Entrambe le specie (comprese anche le T. annua e la T. fragrans (pur non presenti ancora nel territorio) sono state dichiarate erbe infestanti e pertanto in tutto il paese è vietato importare qualunque altre specie appartenente al genere Thunbergia per evitare l'aggravamento della situazione a meno che siano sottoposte ad apposite quarantene atte a garantire che non siano o che i semi non contengano T. laurifolia.

Vendita opere di Toru Iwaya
Dedicato a Pio Petrocchi
Contatti Perchè Elicriso Links Redazione Privacy
Copyright© 2000-2014 Elicriso.it - Note legali