elicriso.it - rivista sull'ambiente e sulla natura
mercoledì 22 ottobre 2014
  Skip Navigation Links
   Elicriso offerto in  
Testo normale Testo grande Testo molto grande
Rubriche sulle piante
Come coltivare e curare le piante
Le amiche silenziose
Cure per le vacanze
Rinvaso
Abutilon
Acacia
Acalypha
Acanthus
Achimenes
Acorus
Actaea
Adiantum
Adromischus
Aeonium
Aechmea
Aeschynanthus
Agapanthus
Agave
Ageratum
Aglaonema
Albizia
Allamanda
Alocasia
Aloe
Alpinia
Alsobia
Amaryllis
Ananas
Anthurium
Antirrhinum
Aphelandra
Aporocactus
Aquilegia
Araucaria
Ardisia
Areca
Arisaema
Aristolochia
Asarum
Asparagus
Aspidistra
Asplenium
Aucuba
Azalea (Rhododendron)
Babiana
Bambù (subtribù Bambusine)
Bauhinia
Beaucarnea
Begonia
Beloperone
Bessera
Billbergia
Blechnum
Bouganville
Bouvardia
Bowiea
Bromeliaceae
Browallia
Brunfelsia
Caladium
Calatea (Calathea)
Calceolaria
Calendula
Calla (Zantedeschia)
Callisia
Callistemon
Camelia
Campanula
Campsis
Canna
Capelvenere
Casuarina
Catharanthus
Celosia
Cereus
Ceropegia
Chamaedorea
Chamaerops
Chlorophytum
Ciclamino (Cyclamen)
Cissus
Clerodendrum
Clivia
Clusia
Codonanthe
Coffea
Coleus
Columnea
Conophytum
Cordyline
Cotyledon
Crassula
Crossandra
Croton
Cryptanthus
Ctenanthe
Curcuma
Cycas
Cyrtomium
Cytisus
Davallia
Dieffenbachia
Dimorphotheca
Dionaea
Dipladenia
Dizygotheca
Doryanthes
Dracena (Dracaena)
Echeveria
Echinopsis
Echinocactus
Epiphyllum
Episcia
Erica
Eustoma
Exacum
Fatshedera
Fatsia
Felci
Fico d'india
Ficus
Filodendro (Philodendron)
Fittonia
Fucsia
Gardenia
Gelsomino
Geranio (Pelargonium)
Gerbera
Gloriosa
Grevillea
Gunnera
Guzmania
Gynura
Hardenbergia
Haworthia
Hedera
Hedychium
Helxine
Hemerocallis
Ibisco (Hibiscus)
Hippeastrum (Amarillo)
Hoffmannia
Hosta
Hoya
Hypoestes
Impatiens
Ipomoea
Iresine
Ixora
Jacaranda
Jacobinia
Kalanchoe
Kentia
Kohleria
Lampranthus
Lapageria
Leptospermum
Lithops
Lobelia
Mammillaria
Maranta
Medinilla
Murraya
Musa
Neoregelia
Nephrolepsis
Nertera
Nidularium
Oleandro (Nerium)
Orchidea
Ortensia (Hidrangea)
Pachira
Pachypodium
Pachystachys
Pandanus
Papiro (Cyperus)
Passiflora
Pellaea
Pellionia
Peperomia
Pereskia
Pervinca (Vinca)
Philesia
Piante grasse
Pitcairnia
Pilea
Pittosporo (Pittosporum)
Platycerium
Plectranthus
Plumbago
Plumeria
Polianthes
Polypodium
Polyscias
Polystichum
Pothos (Scindapsus)
Primula
Pteris
Quesnelia
Ravenea
Rebutia
Rechsteineria
Rhapis
Rhoeo
Rhoicissus
Ricino
Rose
Ruellia
Russelia
Sanchezia
Sansevieria
Saxifraga
Schefflera
Sedum
Selaginella
Senecio
Setcreasea
Skimmia
Sinningia
Solanum
Sparmannia
Spathiphyllum
Stapelia
Stella di Natale
Stephanotis
Strelitzia
Streptocarpus
Streptosolen
Stromanthe
Syngonium
Tagetes
Tetrastigma
Thunbergia
Tillandsia
Tolmiea
Trachycarpus
Tradescantia
Tropaeolum
Urceolina
Vallota
Veltheimia
Tibouchina
Violetta africana (Saintpaulia)
Vriesea
Woodwardia
Xanthosoma
Yucca
Zamia
Zamioculcas
Le nostre amiche orchidee
Piante medicinali
Piante aromatiche
Conoscere le piante: come vivono e come sono fatte
I fiori di Bach
Il linguaggio dei fiori e delle piante
Come le donne famose della storia si facevano belle con le piante
Piante carnivore
Piante allucinogene
Piante tonificanti e afrodisiache
I principali nemici delle nostre piante
L'agronomo risponde
Epoca di raccolta e vendita della frutta italiana
Dizionario botanico
Rubriche sugli animali
Mammiferi
Uccelli
Rettili
Anfibi
Pesci
Echinodermi
Cefalopodi
Suoni emessi dagli animali
Altre rubriche
News ambientali
Geologia e ambiente
Clima e ambiente
Mitologia e ambiente
Agricoltura e ambiente
Geologia e biologia marina
Quando l'uomo diventerà un essere umano?
Energie rinnovabili
Diritto ambientale
Directory
La natura in cucina
Conservazione delle specie e dell'ambiente
Natura, usi, costumi del sud America
Arte e ambiente
Aree protette
Musica e ambiente
Tutto ciò che dobbiamo sapere sugli incendi
Quattro risate in compagnia ed altro
L'angolo della Sardina
Le nostre vignette
Video
Foto natura
Recensioni
Spazio aperto ai lettori
Pubblicazione foto dei nostri amici animali
Racconti di viaggio
Gli articoli dei lettori
Vecchi siti geologici
Forum
Come coltivare e curare le nostre piante
Toru Iwaya
COME COLTIVARE E CURARE LE PIANTE
ANTHURIUM

L'anthurium (o come spesso viene chiamato, l'Anturio) appartiene alla famiglia delle Araceae ed è originaria delle zone tropicali e sub tropicali del  Sud America.
In questo articolo:
Classificazione botanica Caratteristiche generali Principali specie Tecnica colturale Annaffiatura Tipo di terreno - rinvaso Concimazione Fioritura Potatura Moltiplicazione Parassiti e malattie Curiosità Linguaggio dei fiori e delle piante
CLASSIFICAZIONE BOTANICA

Famiglia: Araceae
Genere: Anthurium
Specie: vedere il paragrafo "Principali specie"



CARATTERISTICHE GENERALI

La caratteristica dell'anthurium sono i fiori, che in realtà sono un'infiorescenza suddivisa in due parti: una parte detta spata colorata in maniera vivace, lucida che deriva da foglie trasformate e cresce attorno ad una infiorescenza a spiga detta spadice di forma cilindrica con fiori ermafroditi e sessili.


PRINCIPALI SPECIE

Esistono numerose specie di anthurium tra le quali ricordiamo

ANTHURIUM SCHERZERIANUM

La specie più coltivata è senza dubbio l'Anthurium scherzerianum, con spate lunghe, lucide e con colorazioni che vanno dal rosso, al giallo all'arancione. Le foglie sono lunghe e molto flessibili portate da piccoli piccioli.

L'A. scherzerianum è una pianta originaria delle foreste del Guatemala e del Costarica dove cresce in luoghi molto ombreggiati.

L'impollinazione del fiore nei luoghi di origine viene effettuata dalle lumache o da piccoli insetti.

ANTHURIUM CRYSTALLINUM

L'Anthurium crystallinum, ha delle foglie molto grandi, vellutate verdi con nervature argentee.

Le spate sono verdi e strette.

ANTHURIUM VEITCHII

L'Anthurium veitchii, ha foglie molto grandi di colore verde azzurro che possono arrivare anche a misurare 90 cm, cuoriformi con nervature infossate e spate di colore giallo - verdi. ... un vero e proprio capolavoro della natura.

ANTHURIUM ANDREANUM

L'Anthurium andreanum, ha foglie dritte di un bel verde intenso, cuoriformi e leggermente carnose. Le spate sono cerose e rosse abbastanza grandi e con uno spadice bianco/giallo/verdastro.

Di questa specie esistono numerose varietà tra le quali la varietà Anthurium andreanum Album con spate quasi tonde e bianche e spadice bianco alla base, rosa/rosso nella parte centrale e giallo nella parte apicale; la varietà Anthurium andreanum Giganteum con spata rossa-rosa ed uno spadice giallo/bianco; la varietà "Guatemala" con spadici gialli e spate cremisi.

TECNICA COLTURALE

L'anthurium, essendo una pianta originaria delle zone tropicali, necessita di condizioni di allevamento molto "estreme" vale a dire, ambiente molto umido, temperature elevate e terreni leggeri e ricchi di nutrimento.

Durante l'estate vegetano molto bene a temperature di 23-25°C circondata da un ambiente umido mentre d'inverno le temperature non devono scendere sotto i 15°C. Attenzione agli sbalzi di temperatura che non sono molto graditi.

Sono piante semiepifite richiedono perciò un substrato molto grossolano, ricco di sostanza organica e con un ph compreso tra 5 e 6.

La sistemazione ideale dell'anthurium è la penombra luminosa, mai in piena luce o al sole diretto e lontano da possibili correnti d'aria.

Nelle nostre case la fioritura avviene di solito una volta l'anno durante il periodo estivo e dura circa due mesi;. ma se le condizioni di allevamento sono ottimali (temperatura costante intorno ai 21/27°C e umidità intorno al 70%) può fiorire tutto l'anno.

I fiori dell'anthurium vanno spesso sorretti con dei tutori perchè il loro peso potrebbe piegare lo stelo.

Le foglie vanno periodicamente pulite dalla polvere con uno straccio morbido bagnato d'acqua. Non usare MAI lucidanti fogliari che otturano gli stomi della pianta impedendole le normali funzioni fisiologiche. 

ANNAFFIATURA

L'anthurium va annaffiato abbondantemente ma senza eccedere facendo in modo che la terra non rimanga mai asciutta. E' buona norma posare il vaso della pianta in un sottovaso dove avrete collocato dell'argilla espansa o del ghiaino o qualunque altra cosa (vedi foto sopra Anthurium andreanum) che consenta di avere  un po' d'acqua e contemporaneamente non avere le radici della pianta a diretto contatto con l'acqua. Questa tecnica consente di mantenere un ambiente umido intorno alla pianta e contemporaneamente non far marcire le radici.

Durante i periodi più caldi, abbiate cura di spruzzare la pianta di anthurium con acqua due volte al giorno, la mattina e la sera (evitate sempre le ore più calde). Questa operazione va sospesa durante la fioritura.

TIPO DI TERRENO - RINVASO

L'anthurium si rinvasa in genere ogni due anni in marzo usando 3 parti di torba, 1 di sfagno tritato e mescolato con pezzetti di carbone di legno. Il terreno deve essere leggermente acido.

Non usare vasi troppo grandi.

Sulla parte superiore del vaso è buona norma avere un piccolo strato di muschio, che aiuta a mantenere umide le radici superficiali dell'anthurium.

 

CONCIMAZIONE

L'anthurium va concimato con fertilizzanti liquidi da aprile fino a settembre ogni due settimane. Durante il periodo autunnale ed invernale le concimazioni vanno sospese.

Utilizzate un concime che oltre ad avere i cosiddetti "macroelementi" quali Azoto (N), Fosforo (P) e Potassio (K) abbia anche  i "microelementi" quali  il Magnesio (Mg), il Ferro (Fe), il Manganese (Mn), il Rame (Cu), lo Zinco (Zn), il Boro (B), il Molibdeno (Mo), tutti importanti per una corretta ed equilibrata crescita della pianta.

Un consiglio: diminuite leggermente le dosi rispetto a quelle riportate nella confezione; se inserite un buon terriccio e rinvasate ogni 2 anni, darete alla vostra pianta una buona scorta di base di elementi nutritivi.

 

FIORITURA

Nelle nostre case la fioritura dell'anthurium avviene di solito una volta l'anno durante il periodo estivo e dura circa due mesi ma se le condizioni di allevamento sono ottimali (temperatura costante intorno ai 21/27°C e umidità intorno al 70%) può fiorire tutto l'anno.

I fiori dell'anthurium vanno spesso sorretti con dei tutori perchè il loro peso potrebbe piegare lo stelo.

 

Se la pianta, come accennavamo prima, gode di buona salute e trova le condizioni ideali, i fiori possono anche fruttificare

Quelle protuberanze che si vedono nello spadice sono i fiori fecondati che stanno formando il frutto.

Ora vi voglio raccontare la mia personale esperienza sulle foto che trovate in questa pagina dell'A. andreanum. Ciò che sta scritto sopra ovviamente è tutto vero, nel senso che le condizioni ottimali di fioritura sono quelle descritte sopra, ma partendo dal presupposto che ogni pianta è un individuo a se stante (come ciascuna persona è unica) bè vi devo dire che il mio Anthurium, adesso, nel mese di dicembre, con temperature che oscillano tra i 10-14°C è in piena fioritura e sta anche emettendo una nuova foglia. Guardate un po' la foto sotto.

 

Nella foto si vede la vecchia fioritura ed i due nuovi germogli fiorali assieme alla nuova fogliolina.

POTATURA

Di solito l'anthurium non si pota. Vanno semplicemente eliminate le foglie basali che via via disseccano per evitare che diventino veicolo di malattie parassitarie. 

Abbiate cura che l'attrezzo che usate per il taglio sia pulito e disinfettato (preferibilmente alla fiamma) per evitare di infettare i tessuti.

MOLTIPLICAZIONE

La pianta può essere riprodotta per seme o propagata vegetativamente per divisione delle piante adulte. Data la delicatezza della pianta e la necessità che queste operazioni si svolgano in ambienti particolari, non si consiglia di effettuarla nella propria casa.

PARASSITI E MALATTIE

Foglie ingiallite ed appassite

può essere provocato dalle correnti d'aria o dalle eccessive o scarse  annaffiature.
Rimedi: spostare la pianta di anthurium in un luogo più idoneo e regolare le annaffiature.

La pianta non fiorisce o i fiori non aprono

questo è un sintomo tipico di una scarsa concimazione.
Rimedi: provvedere come indicato del paragrafo "Concimazioni".

Macchie sulla pagina inferiore delle foglie

potrebbe trattarsi di Cocciniglia ed in particolare della Cocciniglia farinosa. Per essere certi, si consiglia di fare uso di una lente di ingrandimento e si osservano. Confrontatele con la foto al lato. Sono caratteristiche, non ci si può sbagliare. Inoltre se provate a toglierle con un'unghia, vengono via facilmente.
Rimedi: toglietele con un batuffolo di cotone imbevuto di alcool o se la pianta è grande ed in vaso, potete lavarla con un acqua e sapone neutro strofinando molto delicatamente con una spugna per rimuovere i parassiti, dopo di che la pianta va risciacquata molto bene per eliminare tutto il sapone.  Per le piante  più grandi e piantate all'aperto, potete usare degli antiparassitari specifici reperibili da un buon vivaista.

Presenza di piccoli animaletti biancastri sulla pianta

se notate queste cose siete in presenza di afidi o come comunemente sono chiamati "pidocchi".
Rimedi: trattare la pianta di anthurium con antiparassitari specifici facilmente reperibili da un buon vivaista.

CURIOSITA'

L'anthurium se trova le condizioni adatte dura molti anni in appartamento.

Gli anthurium sono stati introdotti in Europa verso la fine del 1800.

Il nome "anthurium" deriva dal greco "Anthos = fiore" e "Urà= coda" con allusione alla forma dello spadice.

LINGUAGGIO DEI FIORI E DELLE PIANTE

Vedi "Anthurium - Il linguaggio dei fiori e delle piante"

Vendita opere di Toru Iwaya
Dedicato a Pio Petrocchi
Contatti Perchè Elicriso Links Redazione Privacy
Copyright© 2000-2014 Elicriso.it - Note legali