elicriso.it - rivista sull'ambiente e sulla natura
lunedì 22 dicembre 2014
  Skip Navigation Links
   Elicriso offerto in  
Testo normale Testo grande Testo molto grande
Rubriche sulle piante
Come coltivare e curare le piante
Le nostre amiche orchidee
Piante medicinali
Aceto di mele
Acetosa
Acetosella
Aglio
Agrimonia
Alchemilla
Alloro
Aloe
Ananas
Aneto
Angelica
Anice stellato
Anice verde
Aquilegia
Aristotelia
Asperula
Assenzio
Basilico
Biancospino
Borragine
Calendula
Camomilla comune
Camomilla romana
Capelvenere
Cappero
Cardo mariano
Castagno
Cedrina
Cicoria
Cipolla
Citronella
Corbezzolo
Cumino
Dragoncello
Drosera
Elicriso
Ginepro
Gramigna
Iperico
Issopo
Lavanda
Liquirizia
Luppolo
Maggiorana
Malva
Melissa
Menta
Mirto
Origano
Ortica
Papavero da oppio
Papavero selvatico
Parietaria
Pepe
Peperoncino
Piretro
Prezzemolo
Primula
Pungitopo
Ricino
Rodiola
Rosmarino
Rucola
Ruta
Salvia
Santoreggia
Senape
Tarassaco
Tiglio
Timo
Valeriana
Piante aromatiche
Conoscere le piante: come vivono e come sono fatte
I fiori di Bach
Il linguaggio dei fiori e delle piante
Come le donne famose della storia si facevano belle con le piante
Piante carnivore
Piante allucinogene
Piante tonificanti e afrodisiache
I principali nemici delle nostre piante
L'agronomo risponde
Epoca di raccolta e vendita della frutta italiana
Dizionario botanico
Rubriche sugli animali
Mammiferi
Uccelli
Rettili
Anfibi
Pesci
Echinodermi
Cefalopodi
Suoni emessi dagli animali
Altre rubriche
News ambientali
Geologia e ambiente
Clima e ambiente
Mitologia e ambiente
Agricoltura e ambiente
Geologia e biologia marina
Quando l'uomo diventerà un essere umano?
Energie rinnovabili
Diritto ambientale
Directory
La natura in cucina
Conservazione delle specie e dell'ambiente
Natura, usi, costumi del sud America
Arte e ambiente
Aree protette
Musica e ambiente
Tutto ciò che dobbiamo sapere sugli incendi
Quattro risate in compagnia ed altro
L'angolo della Sardina
Le nostre vignette
Video
Foto natura
Recensioni
Spazio aperto ai lettori
Pubblicazione foto dei nostri amici animali
Racconti di viaggio
Gli articoli dei lettori
Vecchi siti geologici
Forum
Il regno delle Orchidee
Toru Iwaya
LE PIANTE MEDICINALI
CORBEZZOLO

(Arbutus unedo)
In questo articolo:
Caratteristiche generali Proprietà Parti utilizzate della pianta Come si utilizza Curiosità Avvertenze Linguaggio dei fiori e delle piante

CARATTERISTICHE GENERALI

Il corbezzolo, nome scientifico Arbutus unedo, appartiene alla famiglia delle Ericaceae diffuso in tutte le regioni a clima mediterraneo e non solo. Si ritrova infatti anche alle Canarie, in Marocco ed in Irlanda.

Si tratta di una pianta arbustiva sempreverde che può diventare un vero e proprio albero alto anche 10 m. I rami presentano la corteccia rossastra e le foglie sono ovali con i margini seghettati, di colore verde scuro e coriacee.

Fiorisce in autunno avanzato producendo dei fiori bianchi riuniti in grappoli dai quali si orginano i frutti l'anno sucessivo. Infatti nella pianta sono presenti contemporaneamente i fiori dell'annata in corso con  i frutti derivati dai fiori dell'anno precedente.

I frutti che sono delle bacche globose, di colore rosso vivo a maturità e commestibile che contengono al loro interno dai 4 ai 6 semi ovali lanceolati di colore scuro.   

PROPRIETA' CORBEZZOLO

Le proprietà del corbezzolo sono da ricercare soprattutto nelle foglie. I frutti, i fiori e le radici hanno anche loro proprietà curative anche se in maniera meno accentuata.

Le foglie contengono varie sostanze: derivati fenolici quali l'arbutoside o arbutina e la monotropeina, unedoside, asperuloside, geniposide, ecc. tutti derivati fenolici; numerosi tannini; resine; steroli e gomme.

Il frutto contiene per circa il 10-20% zuccheri, pectine, arbutina, triterpeni, luppolo, vari steroli, pigmenti, flavonoidi, vitamine, ecc.

I suoi utilizzi a scopi terapeutici sono molteplici: astringente ed antidiarroico; antinfiammatoria nei confronti del fegato, delle vie biliari e di tutto l'apparato circolatorio; antispasmodico dell'apparato digerente e delle vie biliari; diuretico, antisettico e antinfiammatorio delle vie urinarie.

Le foglie e la corteccia, data la grande quantità di tannini che contengono vengono usate per la concia delle pelli.

Anche il miele di corbezzolo ha delle ottime proprietà infatti ha proprietà balsamiche, antispasmodiche, antisettiche e diuretiche. 

PARTI UTILIZZATE DELLA PIANTA

Le parti utilizzate del corbezzolo sono principalmente le foglie, quelle dell'anno che sono portate dai rami terminali più giovani e possono essere raccolta in qualunque periodo anche se d'estate presentano il massimo delle proprietà balsamiche.

I frutti vanno invece raccolti maturi, quindi a novembre-dicembre come le radici.    

COME SI UTILIZZA IL CORBEZZOLO

Le foglie una volta raccolte vanno essicate in ambienti bui e caldi e conservate in sacchetti di carta in luoghi bui ed asciutti.

Il decotto della radice può essere usato nell'artesclerosi.

L'infuso delle foglie per le affezioni delle vie urinarie, dei reni, nei casi di febbre e diarrea e per tutte le altre indicazioni.

Il decotto di foglie come astringente usato come tonico sulla pelle.

CURIOSITA'

Il suo nome "arbutus unedo" deriverebbe probabilmente dal celtico. Infatti "ar" in celtico vuol dire "acerbo, astringente" mentre "unedo" è il nome che veniva usato nell'antichità che probabilmente deriverebbe dalle tre parole latine "unu tantum edo" "ne mangio uno soltanto" per indicare che non bisognava esagerare e cedere in tentazione data la gradevolezza dei suoi frutti che se mangiati in quantità eccessiva davano senso di nausea e stitichezza.   

AVVERTENZE SUL CORBEZZOLO

Con le foglie ed i frutti del corbezzolo non si deve eccedere perchè in quantità eccessive possono provocare stitichezza.

LINGUAGGIO DEI FIORI E DELLE PIANTE

Vedi "Corbezzolo - Il linguaggio dei fiori e delle piante"

Vendita opere di Toru Iwaya
Dedicato a Pio Petrocchi
Contatti Perchè Elicriso Links Redazione Privacy
Copyright© 2000-2014 Elicriso.it - Note legali