Home => Piante e fiori => Piante d'appartamento e da giardino => Hosta
COME COLTIVARE E CURARE LE NOSTRE PIANTE
HOSTA
Hosta, coltivazione e cura

Le Hosta sono delle bellissime piante erbacee sempreverdi che possono essere allevate con successo sia in piena terra che in vaso, di grande valore decorativo.

CLASSIFICAZIONE BOTANICA


Regno
:
Plantae

Clado
: Angiosperme
Clado
: Monocotiledoni
Ordine
:
Asparagales

Famiglia
:
Agavaceae

Genere
:
Hosta

Specie
: vedere il paragrafo «Principali specie»
CARATTERISTICHE GENERALI

Il genere Hosta, appartenente alla famiglia delle Agavaceae, comprende piante erbacee perenni, rustiche, originarie del Giappone e della Cina.

Nonostante le poche specie (circa quaranta) il genere Hosta annovera una quantità enorme di cultivars che consentono di avere un campionario di possibilità morfologiche e adattative veramente grandi. Esistono infatti varietà che hanno foglie piccolissime, altre foglie che superano i 50 cm di lunghezza oltre ciò i loro colori possono essere molto vari. In ogni caso, in linea generale, sono piante molto decorative sia per il fogliame molto appariscente che per i fiori imbutiformi riuniti in infiorescenze a racemo portate da lunghi steli, di colore variabile dal bianco, al viola, all'azzurro che spiccano al di sopra della folta massa di foglie.

Si solito è una pianta allevata come tappezzante per adornare giardini e bordure ed è deliziosa se allevata ai piedi degli alberi ma può essere coltivata con successo anche in appartamento.

PRINCIPALI SPECIE

Sono circa quaranta le specie appartenenti al genere Hosta tra le quali ricordiamo:

HOSTA FORTUNEI

La Hosta fortunei è una pianta caratterizzata da foglie molto grandi, lungamente picciolate, di forma ovale con la base a forma di cuore e la lamina corrugata, di colore verde variamente screziate.

I fiori sono di colore lillà riuniti in racemi. E' una pianta originaria del Giappone che cresce fino a 60-70 cm di altezza.

Esistono numerose cultivars tra le quali ricordiamo: la ‘Albopicta’ con foglie di colore giallo e bordi verdi; la ‘Albomarginata’ con il bordo delle foglie di colore crema che diventano bianchi con l'età; ‘Aureo-marginata’ con foglie con evidenti nervature e irregolarmente macchiate di giallo; la ‘Gigantea’ chiamata così perché è una pianta che raggiunge il metro di altezza; la ‘Marginata’ con le foglie dai margini argentati e numerose altre.

HOSTA PLANTAGINEA

La specie Hosta plantaginea ha foglie ovali, molto grandi (possono raggiungere una larghezza di 45 cm) con fiori di colore bianco molto profumati che sbocciano durante il periodo estivo.

Esistono diverse cultivars tra le quali ricordiamo: la varietàGrandiflora’ pianta molto apprezzata perchè i fiori sono particolarmente grandi rispetto agli standard della specie; la ‘Honeybells’ che è quella che meglio sopporta l'esposizione al sole diretto anche per mezza giornata.

HOSTA SIEBOLDIANA

La Hosta sieboldiana (o Hosta glauca) è originaria del Giappone ed è una pianta che può raggiungere i 50 cm di altezza con foglie ovali e fiori di colore lillà molto chiaro. Fiorisce verso la fine della primavera - inizio estate.

HOSTA ALBOMARGINATA

La Hosta albomarginata è una pianta originaria del Giappone che non supera i 40 cm di altezza con foglie di un bel colore verde intenso con i margini variegati di bianco e i fiori colore lillà con venature violacee. Fiorisce all'inizio dell'estate.

HOSTA CRISPULA

La Hosta crispula è una pianta originaria del Giappone ed è una pianta che non supera i 60 cm di altezza. Presenta foglie di colore verde scuro con i bordi bianchi e fiori di colore lillà tendente al rosso. Fiorisce nel periodo estivo.

Vi sono poi numerose specie che si differenziano completamente dagli standard del genere per foglie di piccole dimensioni quali:

H. gracillima, H. decorata, H. tardiflora, H. tokudama, H. lancifolia, H. longipes e H. minor
.

TECNICA COLTURALE

La Hosta è una pianta abbastanza semplice da allevare e non richiede cure particolari. Non sono piante a crescita particolarmente rapida e prima che possano raggiungere l'altezza tipica della loro specie possono passare anche diversi anni.

La quantità di luce di cui hanno bisogno è estremamente variabile. In linea di massima possiamo affermare che è una pianta che ha necessità di una buona illuminazione, anche il sole diretto ma solo un paio d'ore la mattina presto (importante per avere delle belle e abbondanti fioriture) perchè se si tratta di una pianta a foglia variegata, ha bisogno di maggiore ombreggiatura in quanto diversamente perderebbe la screziatura. Inoltre, una quantità di sole eccessiva può far bruciare le aree chiare delle foglie variegate e far perdere la brillantezza alle foglie glauche (quelle ricoperte da polvere bianca o cerosa). Queste affermazioni, valide da un punto di vista generale, devono fare i conti con le numerosissime varietà che questo grande genere ha perchè esistono ormai numerose specie di Hosta che possono vivere anche al sole diretto senza problemi. Pertanto se acquistate una pianta di Hosta, accertatevi di quale specie e varietà si tratta per sapere bene come deve essere allevata riguardo l'illuminazione.

ANNAFFIATURA

Durante tutto il periodo primaverile estivo la pianta di Hosta va annaffiata molto generosamente senza però fare ristagnare l'acqua sottovaso in quanto non tollera in alcun modo i ristagni idrici. Con l'arrivo dell'autunno e durante tutto l'inverno le irrigazioni devono essere drasticamente ridotte, giusto il tanto da mantenere il terriccio appena umido.

TIPO DI TERRENO - RINVASO

Pur essendo delle piante rustiche le Hosta richiedono un terreno particolarmente curato. Un buon substrato potrebbe essere formato da un terzo di torba o di foglie secche, un terzo di terra da giardino, un terzo di sabbia. Infatti la particolarità che deve avere il terreno è che deve consentire un buon drenaggio e allo stesso tempo trattenere l'umidità.

Il rinvaso non si effettua spesso, ogni tre-quattro anni che potrebbe coincidere con il momento in cui si moltiplica la pianta per divisione dei cespi.

CONCIMAZIONE

Se la pianta di Hosta viene regolarmente rinvasata non richiede grandi quantità di concime. Una volta al mese a partire dalla primavera e per tutta l'estate, diminuendo leggermente le dosi rispetto a quanto riportato nella confezione del concime. A partire dal mese di settembre e per tutto l'autunno e l'inverno le concimazioni vanno sospese.

FIORITURA

Le fioriture della Hosta sono molto belle e abbondanti. In genere, nelle specie maggiormente coltivate a fine ornamentale, i fiori sbocciano all'inizio dell'estate e proseguono fino all'autunno sulla sommità di lunghi steli fiorali che si ergono al di sopra delle foglie.

I fiori appena appassiti vanno subito eliminati dalla pianta.

POTATURA

La pianta di Hosta non si pota. Vanno solo eliminate le parti della pianta che via via seccano per evitare che diventino veicolo di malattie parassitarie.

MOLTIPLICAZIONE

La moltiplicazione della Hosta avviene per divisione dei cespi.

MOLTIPLICAZIONE PER DIVISIONE DEI CESPI DELLA PIANTA

In primavera, ogni tre-quattro anni la pianta può essere divisa semplicemente in due o tre porzioni piantando ciascuna porzione in vasi separati. Usate un terriccio così come indicato al paragrafo "rinvaso".

PARASSITI E MALATTIE

Non sono piante soggette a malattie l'unico nemico sono le lumache che mangiano le foglie. Possono essere eliminate usando esche avvelenate.

CURIOSITA'

La Hosta è una specie soggetta a un grande lavorio da parte degli ibridatori per ottenere piante che abbiano: le foglie sempre più colorate, siano di più piccole dimensioni e i fiori più grandi e appariscenti.

Le foglie di Hosta sono spesso usate come reciso per adornare i mazzi di fiori.

Sono piante molto longeve che possono durare anche quaranta anni.

Trovapiante