elicriso.it - rivista sull'ambiente e sulla natura
mercoledì 3 settembre 2014
  Skip Navigation Links
   Elicriso offerto in  
Testo normale Testo grande Testo molto grande
Rubriche sulle piante
Come coltivare e curare le piante
Le nostre amiche orchidee
Piante medicinali
Piante aromatiche
Aglio
Alloro
Angelica
Basilico
Borragine
Camomilla comune
Camomilla romana
Cannella
Cappero
Chiodi di garofano
Cipolla
Citronella
Coriandolo
Erba cipollina
Issopo
Lavanda
Maggiorana
Menta
Origano
Paprika
Pepe
Pepe di Cayenna
Peperoncino
Prezzemolo
Rosmarino
Salvia
Tabasco
Tiglio
Timo
Vaniglia
Zafferano
Zenzero
Conoscere le piante: come vivono e come sono fatte
I fiori di Bach
Il linguaggio dei fiori e delle piante
Come le donne famose della storia si facevano belle con le piante
Piante carnivore
Piante allucinogene
Piante tonificanti e afrodisiache
I principali nemici delle nostre piante
L'agronomo risponde
Epoca di raccolta e vendita della frutta italiana
Dizionario botanico
Rubriche sugli animali
Mammiferi
Uccelli
Rettili
Anfibi
Pesci
Echinodermi
Cefalopodi
Suoni emessi dagli animali
Altre rubriche
News ambientali
Geologia e ambiente
Clima e ambiente
Mitologia e ambiente
Agricoltura e ambiente
Geologia e biologia marina
Quando l'uomo diventerà un essere umano?
Energie rinnovabili
Diritto ambientale
Directory
La natura in cucina
Conservazione delle specie e dell'ambiente
Natura, usi, costumi del sud America
Arte e ambiente
Aree protette
Musica e ambiente
Tutto ciò che dobbiamo sapere sugli incendi
Quattro risate in compagnia ed altro
L'angolo della Sardina
Le nostre vignette
Video
Foto natura
Recensioni
Spazio aperto ai lettori
Pubblicazione foto dei nostri amici animali
Racconti di viaggio
Gli articoli dei lettori
Vecchi siti geologici
Forum
Il regno delle Orchidee
Il regno delle Orchidee
LE PIANTE AROMATICHE
BASILICO



Lo straordinario basilico, noto in tutto il mondo, è una pianta originaria dell'Asia tropicale che attraverso il Medio Oriente si è diffusa in Europa, in particolare in Italia e nel sud della Francia e da questi paesi in tutta l'Europa. In America iniziò a diffondersi con le prime spedizioni in quanto, essendo considerata una pianta medicinale, accompagnava sempre i viaggiatori.
Basilico coltivazione e cura
In questo articolo:
Classificazione botanica Caratteristiche generali Principali specie Tecnica colturale Annaffiatura Tipo di terreno - rinvaso Concimazione Fioritura Potatura Moltiplicazione Parassiti e malattie Proprietà aromatiche Raccolta e conservazione Proprietà medicinali Uso in cucina Curiosità Linguaggio dei fiori e delle piante
CLASSIFICAZIONE BOTANICA

Regno
:
Plantae

Clado
: Angiosperme
Clado
: Eudicotiledoni
Clado
: Asteride
Ordine
:
Lamiales

Famiglia
:
Lamiaceae

Genere
:
Ocimum

Specie
: vedere il paragrafo “Principali specie”

Caratteristiche generali

Il mitico Basilico appartiene al genere Ocimum ed alla famiglia delle Labiatae.

Il suo nome deriva dal greco basilikos «pianta regale» nome attribuito per la sua bontà come erba aromatica.

E' una pianta annuale erbacea che presenta i fusti eretti che può raggiungere un'altezza di 60 cm.

Le foglie del Basilico sono provviste di picciolo, ovali lanceolate, di dimensioni molto variabili a seconda della specie così come il colore che varia dal verde intenso al verde cupo al viola o al porpora a seconda delle varietà. Le foglie sono ricche di oli essenziali che conferiscono il caratteristico aroma.

Dettaglio fiore di basilico

I fiori di Ocimum normalmente sono bianchi o rosei riuniti in spighe, bilabiati con il labello superiore lobato.

Fiorisce da giugno fino a tutto agosto.

PRINCIPALI SPECIE

Nel genere Ocimun ritroviamo numerose specie ma quella più coltivata in tutte le parti del mondo è l'Ocimum basilicum.

OCIMUM BASILICUM

L'Ocimum basilicum è sicuramente la specie più coltivata e diffusa della quale esistono diverse varietà:

Ocimum basilicum
  • Ocimum basilicum var. cinnamon, originaria del Messico con i fiori di colore rosa-malva e gli steli di colore bruno. Le foglie di colore verde oliva - marrone, lucenti, con un sapore ed aroma molto speziato che ricorda la cannella;
  • Ocimum basilicum var. dark opal simile alla precedente e con un sapore molto speziato;
  • Ocimum basilicum var. minimum che è il basilico greco, ha un portamento cespuglioso compatto con foglie molto piccole, verdi ed ovali. L?aroma è di media intensità. E' una varietà che si adatta meglio ai climi freddi;
  • Ocimum basilicum var. purple ruffles con steli rosso scuro e foglie piegate lungo la nervatura centrale. Molto aromatico;
  • Ocimum basilicum var. crispum con grandi foglie dalla superficie increspata e dal profumo intenso;
  • Ocimum basilicum var. anise che ha una delicata fragranza di anice.

Tecniche di coltivazione

Le temperature ottimali di coltivazione sono tra i 20 - 25°C ma con un buon tenore di umidità tollera anche temperature più alte. E' una pianta che cresce in pieno sole e può essere coltivata egregiamente sia in vaso che in piena terra. Temperature al di sotto dei 10 °C non sono ben tollerate.

Annaffiature

Il basilico Va annaffiato generosamente ma facendo attenzione ai ristagni idrici che non sono graditi.

Tipo di terreno - rinvaso

Il rinvaso va effettuato al momento della messa a dimora delle giovani piantine, in primavera.

Non è una pianta particolarmente esigente in fatto di terreni, l'importante è che sia un terreno fertile, a ph neutro e ben drenante in quanto non ama i ristagni idrici.

Considerando che sono piante che devono essere annaffiate molto generosamente e che non tollerano i ristagni idrici, utilizzare dei vasi di terracotta che permettono al terreno di respirare.

Concimazione

Se si è usato o è stato trapiantato in un buon terriccio fertile non necessita di concimazioni per la durata del suo ciclo vegetativo.

Fioritura

Il basilico fiorisce da giugno fino a tutto agosto-settembre.

Potatura

Alle piantine vanno regolarmente cimati gli apici vegetativi per consentire una crescita più rigogliosa. Essendo una pianta annuale con la fioritura e la conseguente fruttificazione termina il suo ciclo colturale quindi per allungare la sua durata si eliminano i fiori. Se tutto ciò viene fatto regolarmente e se il tempo rimane mite, le piantine possono durare sino al mese di dicembre.

Moltiplicazione

La moltiplicazione del basilico avviene per seme.

MOLTIPLICAZIONE PER SEMI

Si effettua in marzo - aprile distribuendo i semi in file parallele su un terriccio per semi. Per interrarli in maniera uniforme potete spingeteli sotto il terriccio usando un pezzo di legno piatto. I semi sono di piccole dimensioni quindi non vanno interrati profondamente.

Il vassoio che contiene i semi va tenuto all'ombra, ad una temperatura intorno ai 20°C e costantemente umido (usate uno spruzzatore per inumidire totalmente il terriccio) fino al momento della germinazione.

Per mantenere la temperatura costante se il tempo non è ancora stabile il vassoio va ricoperto con un foglio di plastica trasparente che garantirà una buona temperatura ed eviterà un disseccamento troppo rapido del terriccio. Spruzzare l'acqua nella composta ogni volta che il substrato è sul punto di asciugarsi.

Multiplicación por semillas

Ogni giorno si toglie la plastica per controllare l'umidità del terreno ed eliminare dalla plastica la condensa.

Una volta che i semi di basilico hanno germogliato si toglie il telo di plastica e via via che le piantine crescono, si aumenta la quantità di luce (mai il sole diretto), e si assicurerà una buona ventilazione. Tra tutte le piantine nate, sicuramente ci saranno quelle meno vigorose rispetto ad altre che vanno eliminate in modo da dare più spazio alle piantine più robuste.

Multiplicación por semillas



Le giovani piantine nasceranno dopo 8-15 gg dalla semina. Quando avranno emesso almeno quattro foglie vanno prelevate delicatamente con un piccolo panetto di terra e quindi messe a dimora definitivamente in gruppi di 3 o 4 piantine per vaso. In genere dalla semina alla piantina adulta passa poco più di un mese.

Multiplicación por semillas

Multiplicación por semillas

Se la semina viene fatta in un orto è preferibile aspettare ed effettuarla tra aprile e maggio vale a dire quando si è certi che non vi saranno più gelate notturne che potrebbero compromettere la germinazione dei semi di basilico.

Multiplicación por semillas

PARASSITI E MALATTIE

Il basilico può essere soggetto a diverse malattie sulle quali non ci soffermeremo considerando il suo uso culinario. Si sconsigliano infatti i trattamenti chimici. E' preferibile rinnovare le piantine, considerando il loro basso costo.

Proprietà aromatiche

Il responsabile dell'aroma è l'olio essenziale che è costituito, tra l'altro, da: eugenolo, estragolo, linalolo, cineolo, metil eugenoli che a seconda della maggiore o minore quantità di uno di questi componenti si ha un basilico più o meno profumato o con aromi particolari.

RACCOLTA E CONSERVAZIONE

Le foglie di basilico si raccolgono gradualmente, quando necessitano tagliandole con tutto il picciolo.

Le foglie sono normalmente utilizzate per il consumo allo stato fresco. Possono però essere conservate in vari modi: introducendole dentro barattolini di vetro ricoperte da un buon olio di oliva oppure congelate.

Se le foglie si lasciano seccare perdono il loro aroma.

Proprietà medicinali

Vedi: "Le piante medicinali: il Basilico"

Uso in cucina

In quasi tutti i paesi del mondo viene utilizzato in cucina per l'aroma delle sue foglie per insaporire le pietanza.

Curiosità

Il basilico era conosciuto fin dall'antichità oltre che per il suo aroma anche per le sue proprietà medicinali tanto che lo stesso Plinio il Vecchio lo cita nei suoi testi come pianta dalle capacità afrodisiache.

Merita di essere citato un delizioso sonetto in romanesco di Aldo Fabrizi sul basilico che sintetizza egregiamente le sue qualità:

A parte che er basilico c'incanta
perchp profuma mejo de le rose,
cià certe doti medicamentose
che in tanti mali so' 'na mano santa.

Abbasta 'na tisana de 'sta pianta
che mar de testa, coliche ventose,
gastriti, digestioni faticose
e malattie de petto le strapianta.

Pe' via de 'sti miracoli che ho detto,
io ciò 'na farmacia sur terrazzioni,
aperta giorno e notte in un vasetto.

Dentro c'è 'no speziale sempre all'opera,
che nun pretenne modulo e bollino
e nun c'è mai pericolo che sciopera.

In india è pochissimo utilizzato in cucina e viene coltivato un tipo particolare chiamato TULSI O TULASI (che è l'Ocimum sanctum «basilico santo») che vuol dire "incomparabile" del quale gli Indù hanno molto rispetto.

E' considerata infatti una pianta sacra nella quale viene identificata Lakshmi, sposa di Vishnù, dea della bellezza e dell'armonia che viene invocata per proteggere il corpo ma soprattutto per concedere figli a chi li desidera. Inoltre si crede che apra le porte dei cieli e per questo motivo ad una persona morente si pone una foglia di basilico sul petto e dopo la morte si lava la testa con acqua contenente semi di lino e basilico.

E' molto utilizzato nella medicina ayurveda come un elisir di lunga vita ed utilizzato per numerose patologie.

Tulsi o talasi, Ocimumi sanctum

LINGUAGGIO DEI FIORI E DELLE PIANTE

Vedi "Basilico - Il linguaggio dei fiori e delle piante"

Vendita opere di Toru Iwaya
Dedicato a Pio Petrocchi
Contatti Perchè Elicriso Links Redazione Privacy
Copyright© 2000-2014 Elicriso.it - Note legali