elicriso.it - rivista sull'ambiente e sulla natura
venerdì 25 luglio 2014
  Skip Navigation Links
   Elicriso offerto in  
Testo normale Testo grande Testo molto grande
Rubriche sulle piante
Come coltivare e curare le piante
Le nostre amiche orchidee
Piante medicinali
Piante aromatiche
Aglio
Alloro
Angelica
Basilico
Borragine
Camomilla comune
Camomilla romana
Cannella
Cappero
Chiodi di garofano
Cipolla
Citronella
Coriandolo
Erba cipollina
Issopo
Lavanda
Maggiorana
Menta
Origano
Paprika
Pepe
Pepe di Cayenna
Peperoncino
Prezzemolo
Rosmarino
Salvia
Tabasco
Tiglio
Timo
Vaniglia
Zafferano
Zenzero
Conoscere le piante: come vivono e come sono fatte
I fiori di Bach
Il linguaggio dei fiori e delle piante
Come le donne famose della storia si facevano belle con le piante
Piante carnivore
Piante allucinogene
Piante tonificanti e afrodisiache
I principali nemici delle nostre piante
L'agronomo risponde
Epoca di raccolta e vendita della frutta italiana
Dizionario botanico
Rubriche sugli animali
Mammiferi
Uccelli
Rettili
Anfibi
Pesci
Echinodermi
Cefalopodi
Suoni emessi dagli animali
Altre rubriche
News ambientali
Geologia e ambiente
Clima e ambiente
Mitologia e ambiente
Agricoltura e ambiente
Geologia e biologia marina
Quando l'uomo diventerà un essere umano?
Energie rinnovabili
Diritto ambientale
Directory
La natura in cucina
Conservazione delle specie e dell'ambiente
Natura, usi, costumi del sud America
Arte e ambiente
Aree protette
Musica e ambiente
Tutto ciò che dobbiamo sapere sugli incendi
Quattro risate in compagnia ed altro
L'angolo della Sardina
Le nostre vignette
Video
Foto natura
Recensioni
Spazio aperto ai lettori
Pubblicazione foto dei nostri amici animali
Racconti di viaggio
Gli articoli dei lettori
Vecchi siti geologici
Forum
Il regno delle Orchidee
Il regno delle Orchidee
LE PIANTE AROMATICHE
BORRAGINE

(Borago officinalis)




La Borragine, è tra le piante selvatiche, la più utilizzata in cucina, in genere cotta, con un gusto che ricorda il cetriolo. 

Attenzione: il Ministero della salute con un recente decreto ha stabilito che fiore, foglia e pianta erbacea con fiori della Borrago officinalis sono da considerare degli estratti vegetali non ammessi negli integratori alimentari.

In questo articolo:
Classificazione botanica Caratteristiche generali Tecnica colturale Fioritura Proprietà aromatiche Raccolta e conservazione Proprietà medicinali Uso in cucina Curiosità Linguaggio dei fiori e delle piante
CLASSIFICAZIONE BOTANICA

Regno: Plantae
Sottoregno: Tracheobionta (piante vascolari)
Divisione: Magnoliophyta (ex Angiospermae)
Classe: Magnoliopsida (ex Dicotyledones)
Subclasse: Asteridae
Ordine:  Lamiales    
Famiglia: Boraginaceae
Genere: Borago
Specie: Borago officinalis

CARATTERISTICHE GENERALI DELLA BORRAGINE

La borragine (o boragine, borrago o borago), il cui nome scientifico è Borago officinalis appartiene alla famiglia delle Boraginaceae. E' una pianta molto comune che si ritrova ovunque con i suoi magnifici fiori blu dagli stami quasi neri: nei prati incolti, nei bordi delle strade, lungo i muretti, nei giardini, tra le macerie, ecc. fino a 1000 m di altitudine. Si suppone che sia originaria del Medio Oriente ma oramai è naturalizzata in quasi tutto il mondo.

L'etimologia del suo nome è incerta. Alcuni suppongono che derivi dall'arabo "abou = padre" e da "rash = sudore" cioè "padre del sudore" per via delle sue proprietà sudorifere. Altri suppongono che derivi dal latino "borra = tessuto di lana ruvida" per via dei peli che ricoprono tutta la pianta. Altri sostengono che sia derivato dal celtico "barrach = uomo coraggioso" in quanto i guerrieri di questo antico popolo erano soliti bere il vino con la borragine prima di una battaglia in quanto credevano che desse coraggio.

In ogni caso è certo che il nome italiano "Boragine" deriva dal latino "Borago".

La borragine è una pianta erbacea, annuale con portamento eretto, fusto spesso, che arriva sino ad un'altezza di 50-70 cm e cavo nel suo interno, molto ramificato e ricoperto di peli rigidi lunghi da 1 a 3 mm, con radice fittonante.

Le foglie della borragine sono alterne, ovali, dure, di colore verde scuro, con i margini ondulati, ricoperte da una densa peluria che le conferiscono un aspetto vellutato, quelle basali sono provviste di picciolo, quelle caulinari, vale a dire quelle che si trovano più in alto, sono sessili (prive di picciolo) e inguainanti.

I fiori di borragine sono ermafroditi, di uno straordinario colore blu- violetto, peduncolati, a forma di stella e disposti a grappolo.

Sono formati da 5 petali saldati alla base con colorazione bianca e gli stami neri sono inseriti sul tubo della corolla e portano un cornetto dietro l'antera sicché con l'avvicinarsi degli stami contro lo stilo questi chiudono quasi l'accesso al fondo della corolla nascondendo l'ovario. I sepali sono di colore bruno - rossiccio o verde

I frutti della Borragine sono degli acheni contenenti dei semi di dimensioni di circa 6 mm di lunghezza.

TECNICA COLTURALE DELLA BORRAGINE

La borragine è una pianta che non richiede alcun tipo di cura ed è molto facile da coltivare. Cresce ovunque preferendo i terreni asciutti, sciolti ed esposti in pieno sole. Vive tranquillamente in terreni con ph che vanno da 5 a 8.

La borragine può essere seminata in primavera direttamente in giardino, nell'orto o in grandi vasi e senza problemi si propaga da sola tanto che se un anno l'avete seminata, state certi che l'anno successivo comparirà da sola tanto da dover essere tenuta sotto controllo. La borragine si può seminare anche in autunno in questo caso la produzione sarà anticipata e le piante saranno più grandi.

FIORITURA DELLA BORRAGINE 

La borragine fiorisce da maggio a settembre ed i semi maturano da luglio ad ottobre.

PROPRIETA' AROMATICHE DELLA BORRAGINE

Le foglie di borragine hanno un sapore che ricorda il cetriolo ed è tra le piante selvatiche la più utilizzata in cucina.

RACCOLTA E CONSERVAZIONE DELLA BORRAGINE 

Della borragine a scopo alimentare si utilizzano le foglie raccolte in primavera  e si utilizzano fresche. Dopo la fioritura di utilizzano solo le foglioline più giovani. Possono essere utilizzati anche i fiori.

Se si vuole usare la borragine per i suoi principi attivi va consumata fresca per cui va raccolta quando serve perchè con l'essiccazione le sue proprietà diminuiscono sensibilmente.  

PROPRIETA'  MEDICINALI DELLA BORRAGINE 

Vedi: "Le piante medicinali: la Borragine"

USO IN CUCINA DELLA BORRAGINE 

La borragine è una piante selvatica molto utilizzata in cucina. Si utilizzano le foglie, in genere dopo la bollitura, per eliminare la peluria.

Le foglie sono ottime fritte con la pastella oppure utilizzate per riempire ravioli e tortellini o semplicemente tritate e fatte a frittata.

Possono inoltre essere usate per aromatizzare le varie pietanza con il loro sapore asprigno che ricorda vagamente il cetriolo.

I fiori di borragine sono commestibili e possono essere usati come guarnizione di diversi piatti. Si possono congelare all'interno di cubetti di ghiaccio per dare una nota di colore alle bevande estive.

I fiori di borragine possono essere usati per colorare l'aceto.

La pianta di borragine contiene in piccola quantità di pirrolizidina (l'olio dei semi ne è privo), un alcaloide che può causare problemi al fegato se si mangia in quantità esagerata anche se è preferibile che le persone con problemi al fegato evitino di mangiarla.

CURIOSITA' SULLA BORRAGINE 

Gli antichi romani ed i medici della Scuola medica salernitana consideravano la borragine un eccellente rimedio contro la malinconia.

I francesi e gli inglesi la coltivavano come un ortaggio e ne ricavavano una bevanda fresca estiva.

La borragine è una pianta che fornisce un nettare molto gradevole e molto ricercata dalle api che ricavano un miele con un aroma particolarmente gradevole.

E' uno dei componenti fondamentali del "preboggion" il mazzetto di erbe aromatiche tipico della cucina ligure.

LINGUAGGIO DEI FIORI E DELLE PIANTE

Vedi "Borragine - Il linguaggio dei fiori e delle piante"

Vendita opere di Toru Iwaya
Dedicato a Pio Petrocchi
Contatti Perchè Elicriso Links Redazione Privacy
Copyright© 2000-2014 Elicriso.it - Note legali