Home => Piante e fiori => Piante d'appartamento e da giardino => Urceolina
COME COLTIVARE E CURARE LE NOSTRE PIANTE
URCEOLINA
Urceolina coltivazione
Nota 1
Sono delle deliziose piccole piante bulbose, non molto diffuse, che fioriscono per tutto il periodo estivo producendo dei piccoli fiori campanulati variamente colorati di arancio, rosso o giallo a seconda della specie.
CLASSIFICAZIONE BOTANICA


Regno
:
Plantae

Clado
: Angiosperme
Clado
: Monocotiledoni
Ordine
:
Asparagales

Famiglia
:
Amaryllidaceae

Genere
:
Urceolina

Specie
: vedere il paragrafo «Principali specie»
CARATTERISTICHE GENERALI

Il genere comprende delle piccole piante bulbose originarie della zona andina del Perù, abbastanza rare, della quale si conoscono solo cinque specie.

Urceolina pendula o Urceolina urceolata
Nota 2
PRINCIPALI SPECIE

Esistono diverse specie tra le quali ricordiamo:

URCEOLINA PENDULA (URCEOLINA URCEOLATA)

Questa piccola pianta è caratterizzata da foglie molto lunghe (anche 30 cm), lanceolate, di colore verde brillante, lucide.

urceolina pendula
Nota 1

Produce dei fiori penduli, campanulati che si sviluppano alla sommità di lunghi steli fiorali che portano ciascuno anche 10 fiori. I fiori sono di colore giallo intenso in genere con le parti più estremi di colore bianco o verde.

Fiorisce durante il periodo estivo.

URCEOLINA PERUVIANA

Questa specie produce dei deliziosi fiori di colore rosso, arancio o giallo oro, molto profumati, campanulati, portati da dei sottili piccioli che si formano lungo lo stelo fiorale. Le foglie sono lunghe circa 25 cm e si formano sempre prima della fioritura e muoiono quando questa inizia.

TECNICA COLTURALE

Non sono piante difficili da coltivare se si tieni conto che abbiamo a che fare con delle piante bulbose.

I bulbi si piantano all'inizio della primavera o singolarmente oppure in gruppi in un buon terriccio fertile. I bulbi si piantano a una distanza di circa 5 cm l'uno dall'altra appena al di sotto della superficie del terreno. Una volta piantati, a meno che la produzione dei polloni non sia abbondante, non c'è bisogno di effettuare il rinvaso ogni anno. Il vaso si colloca in un luogo fresco con temperature non superiori ai 18°C e in piena luce ma mai al sole diretto. Al termine della fioritura la pianta entra in riposo vegetativo per tutto l'autunno e l'inverno quindi, appena ha sfiorito, si lasciano morire gli steli fiorali e si tiene il vaso in un luogo con temperature intorno ai 10°C fino alla primavera successiva.

Durante l'inverno le temperature ottimali sono intorno ai 10-13°C.

ANNAFFIATURA

Da quando inizia a comparire la nuova vegetazione e per tutta la sua durata si annaffia in modo che il terreno rimanga sempre appena umido .

Quando la pianta ha sfiorito, si sospendono le irrigazioni per tutto l'autunno e l'inverno e si riprendono la primavera successiva.

TIPO DI TERRENO - RINVASO

Non sono piante che richiedono terreni particolari. Potete usare un buon terriccio fertile mescolato a della sabbia grossolana. Dato che non tollerano i ristagni idrici, abbiate cura di sistemare nel fondo del vaso dei pezzi di coccio in modo da assicurare un buon drenaggio dell'acqua di irrigazione.

CONCIMAZIONE

A partire dal momento in cui appaiono gli steli fiorali, iniziate a concimare ogni due settimane dimezzando le dosi rispetto a quanto riportato nella confezione.

E' preferibile usare un concime liquido equamente bilanciato in azoto (N), fosforo (P), potassio (K) contengano anche i microelementi, vale a dire quei composti di cui la pianta ha bisogno in minima quantità (ma ne ha pur sempre bisogno) quali il magnesio (Mg), il ferro (Fe), il manganese (Mn), il rame (Cu), lo zinco (Zn), il boro (B), il molibdeno (Mo), tutti importanti per una corretta ed equilibrata crescita della pianta.

FIORITURA

La fioritura avviene in genere durante il periodo estivo.

POTATURA

Sono piante che non si potano. Si asportano semplicemente le parti della pianta che via via disseccano per evitare che diventino veicolo di malattie parassitarie.

MOLTIPLICAZIONE

La moltiplicazione avviene normalmente tramite i polloni che si formano alla base della pianta oppure per semi.

MOLTIPLICAZIONE PER POLLONI

Al momento del rinvaso si prelevano i polloni che si sono formati alla base della pianta nel corso della stagione vegetativa e si trapiantano così come indicato al paragrafo Tecnica colturale. Fioriranno già l'anno seguente.

PARASSITI E MALATTIE

Non sono piante particolarmente soggette a malattie.

Macchie sulla pagina inferiore delle foglie

La cocciniglia farinosa può infettare la pianta. Per individuarla basta prendere una lente di ingrandimento e confrontarla con la foto al lato: sono inconfondibili. Inoltre se provate a toglierle con un'unghia, vengono via facilmente.

Cocciniglia farinosa

Rimedi: possono essere rimosse o meccanicamente mediante un batuffolo di cotone imbevuto di alcool oppure lavandola con un acqua e sapone neutro e strofinando molto delicatamente con una spugna per rimuovere i parassiti. Al termine ricordate di sciacquare la pianta per bene per eliminare il sapone. Se l'infestazione è particolarmente grave, potete usare degli antiparassitari specifici.

Presenza di piccoli insetti biancastri sulla pianta

Piccoli insetti biancastri un po' su tutta la pianta possono essere degli afidi. o come più comunemente sono chiamati pidocchi.

Afidi delle piante

Rimedi: bisogna trattare la pianta con antiparassitari specifici.

Note
1) La foto è tratta da International Bulb Society
2) Immagine non soggetta al diritto d'autore
Trovapiante