elicriso.it - rivista sull'ambiente e sulla natura
sabato 30 agosto 2014
  Skip Navigation Links
   Elicriso offerto in  
Testo normale Testo grande Testo molto grande
Rubriche sulle piante
Come coltivare e curare le piante
Le amiche silenziose
Cure per le vacanze
Rinvaso
Abutilon
Acacia
Acalypha
Acanthus
Achimenes
Acorus
Actaea
Adiantum
Adromischus
Aeonium
Aechmea
Aeschynanthus
Agapanthus
Agave
Ageratum
Aglaonema
Albizia
Allamanda
Alocasia
Aloe
Alpinia
Alsobia
Amaryllis
Ananas
Anthurium
Antirrhinum
Aphelandra
Aporocactus
Aquilegia
Araucaria
Ardisia
Areca
Arisaema
Aristolochia
Asarum
Asparagus
Aspidistra
Asplenium
Aucuba
Azalea (Rhododendron)
Babiana
Bambù (subtribù Bambusine)
Bauhinia
Beaucarnea
Begonia
Beloperone
Bessera
Billbergia
Blechnum
Bouganville
Bouvardia
Bowiea
Bromeliaceae
Browallia
Brunfelsia
Caladium
Calatea (Calathea)
Calceolaria
Calendula
Calla (Zantedeschia)
Callisia
Callistemon
Camelia
Campanula
Campsis
Canna
Capelvenere
Casuarina
Catharanthus
Celosia
Cereus
Ceropegia
Chamaedorea
Chamaerops
Chlorophytum
Ciclamino (Cyclamen)
Cissus
Clerodendrum
Clivia
Clusia
Codonanthe
Coffea
Coleus
Columnea
Conophytum
Cordyline
Cotyledon
Crassula
Crossandra
Croton
Cryptanthus
Ctenanthe
Curcuma
Cycas
Cyrtomium
Cytisus
Davallia
Dieffenbachia
Dimorphotheca
Dionaea
Dipladenia
Dizygotheca
Doryanthes
Dracena (Dracaena)
Echeveria
Echinopsis
Echinocactus
Epiphyllum
Episcia
Erica
Eustoma
Exacum
Fatshedera
Fatsia
Felci
Fico d'india
Ficus
Filodendro (Philodendron)
Fittonia
Fucsia
Gardenia
Gelsomino
Geranio (Pelargonium)
Gerbera
Gloriosa
Grevillea
Gunnera
Guzmania
Gynura
Hardenbergia
Haworthia
Hedera
Hedychium
Helxine
Hemerocallis
Ibisco (Hibiscus)
Hippeastrum (Amarillo)
Hoffmannia
Hosta
Hoya
Hypoestes
Impatiens
Ipomoea
Iresine
Ixora
Jacaranda
Jacobinia
Kalanchoe
Kentia
Kohleria
Lampranthus
Lapageria
Leptospermum
Lithops
Lobelia
Mammillaria
Maranta
Medinilla
Murraya
Musa
Neoregelia
Nephrolepsis
Nertera
Nidularium
Oleandro (Nerium)
Orchidea
Ortensia (Hidrangea)
Pachira
Pachypodium
Pachystachys
Pandanus
Papiro (Cyperus)
Passiflora
Pellaea
Pellionia
Peperomia
Pereskia
Pervinca (Vinca)
Philesia
Piante grasse
Pitcairnia
Pilea
Pittosporo (Pittosporum)
Platycerium
Plectranthus
Plumbago
Plumeria
Polianthes
Polypodium
Polyscias
Polystichum
Pothos (Scindapsus)
Primula
Pteris
Quesnelia
Ravenea
Rebutia
Rechsteineria
Rhapis
Rhoeo
Rhoicissus
Ricino
Rose
Ruellia
Russelia
Sanchezia
Sansevieria
Saxifraga
Schefflera
Sedum
Selaginella
Senecio
Setcreasea
Skimmia
Sinningia
Solanum
Sparmannia
Spathiphyllum
Stapelia
Stella di Natale
Stephanotis
Strelitzia
Streptocarpus
Streptosolen
Stromanthe
Syngonium
Tagetes
Tetrastigma
Thunbergia
Tillandsia
Tolmiea
Trachycarpus
Tradescantia
Tropaeolum
Urceolina
Vallota
Veltheimia
Tibouchina
Violetta africana (Saintpaulia)
Vriesea
Woodwardia
Xanthosoma
Yucca
Zamia
Zamioculcas
Le nostre amiche orchidee
Piante medicinali
Piante aromatiche
Conoscere le piante: come vivono e come sono fatte
I fiori di Bach
Il linguaggio dei fiori e delle piante
Come le donne famose della storia si facevano belle con le piante
Piante carnivore
Piante allucinogene
Piante tonificanti e afrodisiache
I principali nemici delle nostre piante
L'agronomo risponde
Epoca di raccolta e vendita della frutta italiana
Dizionario botanico
Rubriche sugli animali
Mammiferi
Uccelli
Rettili
Anfibi
Pesci
Echinodermi
Cefalopodi
Suoni emessi dagli animali
Altre rubriche
News ambientali
Geologia e ambiente
Clima e ambiente
Mitologia e ambiente
Agricoltura e ambiente
Geologia e biologia marina
Quando l'uomo diventerà un essere umano?
Energie rinnovabili
Diritto ambientale
Directory
La natura in cucina
Conservazione delle specie e dell'ambiente
Natura, usi, costumi del sud America
Arte e ambiente
Aree protette
Musica e ambiente
Tutto ciò che dobbiamo sapere sugli incendi
Quattro risate in compagnia ed altro
L'angolo della Sardina
Le nostre vignette
Video
Foto natura
Recensioni
Spazio aperto ai lettori
Pubblicazione foto dei nostri amici animali
Racconti di viaggio
Gli articoli dei lettori
Vecchi siti geologici
Forum
Il regno delle Orchidee
Come coltivare e curare le nostre piante
COME COLTIVARE E CURARE LE PIANTE
FICUS


La parola Ficus in latino significa "fico" che comprende però oltre alla famosa ed apprezzata pianta da frutto anche una serie incredibile di piante ornamentali, molto diffuse ed apprezzate per la bellezza del loro fogliame che le rende particolarmente decorative. 
In questo articolo:
Classificazione botanica Caratteristiche generali Principali specie Tecnica colturale Annaffiatura Tipo di terreno - rinvaso Concimazione Potatura Moltiplicazione Parassiti e malattie Curiosità Linguaggio dei fiori e delle piante
CLASSIFICAZIONE BOTANICA


Regno: Plantae
Subregno: Tracheobionta
Divisione: Magnoliophyta (ex Angiospermae)
Classe: Magnoliopsida (ex Dicotyledones)
Ordine: Urticales
Famiglia: Moraceae
Genere: Ficus
Specie: vedere il paragrafo "Principali specie"

 

CARATTERISTICHE GENERALI

Il genere Ficus appartiene alla famiglia delle Moracee e comprende più di 800 specie di piante sempreverdi sparse su tutti i continenti, originarie dell'Asia e dell'Africa.

Benchè offrano un'ampia scelta tra alberi, arbusti e rampicanti adatti alle situazioni ambientali più diverse, le caratteristiche comuni a questo genere sono costituite dalle foglie, che sono semplici, con margine lineare e a volte lobato; dai fiori e quindi dai frutti raccolti in particolari infiorescenze denominate siconi. Il sicono, ad esempio nel fico domestico (Ficus carica) è formato da un tegumento piuttosto consistente che al suo interno contiene i fiori (solo maschili o solo femminili o di ambedue i tipi), dopo la fecondazione si trasformano in piccoli frutticini che contengono i semi.

Una caratteristica comune a tutte le diverse specie di ficus è quella di possedere in tutte le loro parti un latice che fuoriesce facilmente in seguito ad incisione.

PRINCIPALI SPECIE

Tra le numerose specie esistenti, citiamo quelle che maggiormente interessano come specie ornamentale.

FICUS ELASTICA (FICUS INDIANO)

Il Ficus elastica è originario dell' India ed è la specie ornamentale più conosciuta, soprattutto in Europa.

Come pianta d'appartamento ha un modesto sviluppo, mentre nel suo habitat naturale può raggiungere dimensioni colossali.

Il tronco produce numerose radici pensili , che dopo aver toccato il suolo si interrano e svolgono la funzione di fusti ausiliari. Le foglie sono grandi, ovate e terminano a punta e di consistenza coriacea provviste di un robusto picciolo; la lamina, di un bel verde scuro lucido, presenta le due metà disposte ad angolo rispetto alla nervatura centrale; il germoglio è di colore rosso o rosa e diventa verde man mano che si sviluppa.

E' una pianta che si presta bene ad essere allevata in appartamento, tollera gli ambienti secchi grazie alla spessa cuticola delle sue foglie e non ha particolari esigenze per cui può essere coltivata con successo anche dai neofiti.

FICUS LIRATA (O PANDURATA)

Il Ficus lirata è originaria dell' Africa tropicale occidentale.

E' una splendida pianta caratterizzata da grandi foglie a forma di violino con la parte estrema della foglia molto più larga della parte basale lunghe fino a 60 cm e larghe 25 cm, di colore verde scuro lucido, coriacee,  con nervature e pieghe giallastra e con i bordi ondulati. 

Nei suoi luoghi d'origine il Ficus lyrata è un vero e proprio albero, molto imponente, mentre in vaso ha uno sviluppo piuttosto modesto (al massimo raggiunge un metro e mezzo d'altezza).

Può essere allevata con successo in appartamento.

FICUS BENJAMINA

Il Ficus benjamina proviene dall'Asia sud-orientale dove può raggiungere i 25-30 m d' altezza; anche in allevamento ha un notevole sviluppo, arrivando anche a 5 m e può essere allevata con successo in appartamento.

Possiede una chioma caratteristica perché i suoi rami si sviluppano in forma disordinata, a pennacchi; sopporta però bene le potature per cui si presta molto come pianta ornamentale.

Le foglie sono piccole, ovate, appuntite all' estremità, di colore verde intenso, esistono anche delle varietà con foglie striate color crema come la starlinght.

FICUS DIVERSIFOLIA

La pianta di Ficus diversifolia è una pianta arbustiva originaria della Malesia e dell'India dove raggiunge dimensioni non superiori ai 2,5 m di altezza.

Le foglie sono ovali, verde scuro nella pagina superiore e verde più chiaro tendente al rossiccio su quella inferiore e presentano la punta più o meno arrotondata.

Non è molto diffusa in quanto la sua richiesta molto scarsa è difficile trovarla nei fiorai e nei vivai.

FICUS PETIOLARIS

Il Ficus petiolaris è simile al Palmeri ed è originario del Messico.

E' una pianta che non raggiunge mai grandi dimensioni in quanto molto raramente raggiunge il metro di altezza.

Nei suoi luoghi di origine è una pianta rustica che cresce in mezzo alle rocce.

I fiori ed i frutti molto raramente appaiono nelle piante d'appartamento.

FICUS  PALMERI

Il Ficus palmeri è originaria della California, è l’unica specie di ficus con portamento suffruticoso (cioè un alberello ramificato di circa 3,5 m d’altezza, con tronco succulento); i rami sono coperti da una peluria vellutata, così come anche le foglie, in maggior misura nella pagina inferiore; queste ultime sono spesse, cuoriformi e di colore verde scuro.

FICUS DELTOIDES

Il Ficus deltoides è originaria della Malesia e prende il nome dalla forma delle foglie, a forma di lettera "delta" dell'alfabeto greco.  E' una pianta che può essere allevata senza problemi in appartamento.

FICUS PUMILA (o FICUS REPENS o FICUS STIPULATA)

Il Ficus pumila è un rampicante originario dell'Asia orientale e dell'Australia con foglie cordate verde scuro; sviluppa molte radici aeree per aderire alla superficie a cui si attacca; per questo motivo si può coltivare con successo in cesti aerei o utilizzare come copertura vegetale in giardini interni o anche in appartamento. Le varietà più reperibili sul mercato sono la "minima", con foglie di massimo 1 cm e la "variegata" le cui foglie sono piacevolmente marmorizzate in verde o crema.

FICUS TOLIMENSIS e il FICUS PURPUREA

Il Ficus tolimensis ed il Ficus purpurea sono piante originarie dell?Asia orientale che in particolare dei microclimi caldo-umidi delle nostre regioni meridionali e potrebbero prosperare all?aperto. Necessitano però di ampi spazi in quanto hanno la caratteristica di sviluppare possenti radici superficiali che abbracciano il terreno.

FICUS RETUSA 

Il Ficus retusa è originario dell'Asia tropicale, della Malesia, Filippine fino ad arrivare alle Hawaii. In natura si sviluppa come un vero e proprio albero, simile al Ficus benjamina. Presenta foglie coriacee e lunghe fino a 10 cm di un gradevole colore verde intenso, picciolate.

Merita una menzione il FICUS RELIGIOSA che pur non essendo una pianta da appartamento in India è considerata sacra ed è chiamato anche "albero dell'illuminazione" (vedi linguaggio dei fiori e delle piante). 

E' un albero che raggiunge anche i 20 m di altezza ed è originario della Thailandia e del Vietnam. Le foglie sono cuoriformi, provviste di un lungo picciolo con la punta molto acuminata.

TECNICA COLTURALE

Essendo per la maggior parte piante di origine tropicale o subtropicale, vivono bene in ambienti molto luminosi ma non gradiscono la luce diretta del sole. Solo il Ficus lyrata richiede una minore intensità luminosa.

In genere amano il caldo e non soffrono se la temperatura raggiunge i 30°C; solo il Ficus elastica non gradisce temperature superiori ai 24°C.

Quando è possibile sarebbe opportuno, d' estate, trasferirla all' aperto, in un luogo riparato dalle correnti d' aria e non al sole diretto ma in un luogo ombreggiato. I vostri Ficus vi ringrazieranno.

ANNAFFIATURA

Nel periodo estivo si innaffia circa due volte alla settimana, mentre in quello autunno-invernale è sufficiente bagnare ogni 10-15 gg.

Sono piante che temono il secco, per cui sarà opportuno nebulizzare le foglie ogni 20-25 gg circa con acqua leggermente tiepida e possibilemente non calcarea che potrebbe lasciare fastidiosi depositi sulle foglie. In ogni caso non usare mai acqua troppo fredda ed evitare che ristagni nel sottovaso per evitare la marcescenza delle radici.

Per garantire una buona umidità si può sistemare il vaso su di un sottovaso dove avrete sistemato dell'argilla espansa dove sarà costantemente presente un filo d'acqua che evaporando garantirà un ambiente umido al vostro Ficus.

TIPO DI TERRENO - RINVASO

Il ficus si rinvasa in primavera e solo quando la pianta mostra di soffrire in un vaso diventato troppo piccolo (le radici fuoriescono dal foro di fondo).

Il terriccio deve avere come caratteristica primaria quella di essere soffice, poroso e ben drenato e con ph=6 quindi leggermente acido. Si può utilizzare un terriccio torboso, di cui almeno una parte su quattro è bene che sia costituita da terriccio di foglie.

E' molto importante assicurare un buon drenaggio in quanto i Ficus non tollerano in alcun modo i ristagni idrici. Abbiate l'accortezza pertanto di sistemare sul fondo del vaso del materiale grossolano quale ghiaia, argilla espansa e pezzi di coccio che garantiranno il rapido sgrondo delle acque in eccesso.

E' bene ricordarsi di non tagliare mai le radici aeree (ad esempio del Ficus elastica) e di sorreggere sempre il fusto con dei tutori, meglio se di bambù.

Personalmente consiglio sempre dei vasi di terracotta in quanto consentono alla terra di respirare.

CONCIMAZIONE

Per il ficus si usa un concime liquido, opportunamente diluito nell' acqua d' irrigazione, ogni 15 gg in primavera- estate ed una volta ogni 2 mesi in autunno-inverno.

Per tutte le piante verdi, vale a dire per quelle piante che sviluppano molte foglie, è preferibile usare concimi che abbiamo un titolo abbastanza elevato in Azoto (N) che favorisce appunto lo sviluppo delle parti verdi. Accertatevi pertanto che oltre ad avere i cosiddetti "macroelementi" quali Azoto (N), Fosforo (P) e Potassio (K) e che tra questi l'Azoto sia in "maggiore quantità" che abbia anche i "microelementi" quali il Ferro (Fe), il Manganese (Mn), il Rame (Cu), lo Zinco (Zn), il Boro (B), il Molibdeno (Mo), tutti importanti per una corretta ed equilibrata crescita della pianta.

Un consiglio: diminuite leggermente le dosi rispetto a quelle riportate nella confezione in quanto sono sempre esagerate e tra l'altro, se rinvasate con un buon terriccio ogni 2 anni, darete alla vostra pianta una buona scorta di base di elementi nutritivi.

POTATURA

Nel Ficus possiamo attuare la cimatura dei giovani germogli che permette di avere delle piante più fitte in quanto stimola lo sviluppo dei getti laterali. Questa operazione deve essere effettuata in primavera alla ripresa vegetativa della pianta.

La potatura vera e propria, effettuate direttamente sui rami, è preferibile attuarla verso la fine dell'inverno, se si vuole ridurre le dimensioni di una pianta diventata troppo grande. E' preferibile farla in questo periodo  in quanto si ha una minore fuoriuscita di latice.   

Abbiate cura che l'attrezzo che usate per il taglio sia pulito e disinfettato (preferibilmente alla fiamma) per evitare di infettare i tessuti e di tamponare subito le ferite con del carbone di modo da evitare la fuoriuscita del latice.

MOLTIPLICAZIONE

La moltiplicazione del ficus può avvenire o mediante talea apicale oppure mediante talea di foglia con porzione di fusto.   

MOLTIPLICAZIONE PER TALEA

Le talee apicali si prelevano con 4-6 foglie tra la primavera e l'estate (tra aprile ed agosto)  tagliandolo appena sotto il nodo (da esso si svilupperanno le radici) e lunghe circa 10 cm (un pochino più lunghe nel caso del Ficus lyrata o del Ficus elastica). Stessa cosa nel caso delle talee di foglie con porzioni di fusto. 

Si raccomanda di tagliare con una lametta o con un coltello affilato per evitare le sfilacciature dei tessuti avendo cura che l'attrezzo che si usa per il taglio sia pulito e disinfettato (preferibilmente alla fiamma).

Prima di metterle a radicare si fa coagulare il latice che fuoriesce dalla ferita lasciandole all'aria per 24 ore e trattandole con polvere di carbone.

Dopo aver eliminato le foglie poste più in basso, si immerge la parte tagliata in una polvere rizogena per favorire la radicazione.

Nel caso del Ficus con foglie cuoiose, è opportuno che quest'ultime vengano arrotolate e fermate con un elastico per ridurre la traspirazione. 

Successivamente si sistemano le talee di ficus in una composta formata da una parte di torba ed una di sabbia grossolana. Si fanno dei buchi con una matita, tanti quante sono le talee e si sistemano come indicato nella foto. Avere cura successivamente di compattare delicatamente il terriccio.

La cassetta o il vaso si ricoprono con un foglio di plastica trasparente (o un sacchetto messo a cappuccio) e si colloca all'ombra e ad una temperatura intorno ai 18°C per il Ficus benjamina e leggermente più alte (21-24°C) per il Ficus elastica e il Ficus lyrata .

Il terriccio va tenuto sempre leggermente umido (annaffiare sempre senza bagnare le piantine in radicazione con acqua a temperatura ambiente). Ogni giorno si toglie la plastica per controllare l'umidità del terreno ed eliminare dalla plastica la condensa.

La pratica di coprire con la plastica è indicata qualora la talea si realizza in aprile - maggio. Già nel mese di giugno occorre eliminare il telo di plastica in quanto non necessario perchè si avrebbero temperature troppo elevate in questa "mini serra " che si è creata.  

Una volta che iniziano a comparire i primi germogli, vuol dire che la talea di ficus ha radicato. A quel punto si toglie la plastica e si colloca il vaso in una zona più luminosa, alla stessa temperatura e si aspetta che le talee si irrobustiscano.

Una volta che sono diventate sufficientemente grandi ed hanno prodotto nuovi getti vigorosi, si trapiantano nel vaso definitivo utilizzando un terriccio così come indicato per le piante adulte e si trattano come tali.

Non disturbare le talee fino a quando non avranno messo i nuovi getti.

PARASSITI E MALATTIE

Caduta delle foglie

La caduta delle foglie può avere diverse cause: una cattiva esposizione vale a dire la pianta riceve poca luce; la pianta è stata esposta a correnti d'aria fredda; la pianta non riceve sufficiente acqua (questo soprattutto nel F. benjamina) che provoca di conseguenza una eccessiva concentrazione salina nel substrato che crea un ambiente poco adatto alla vita della pianta.
Rimedi: fate un'analisi di come state allevando la pianta e regolatevi  di conseguenza.

Le foglie si afflosciano

Se le foglie si afflosciano è sintomo di eccessive annaffiature.
Rimedi: regolarsi di conseguenza.

Ingiallimento delle foglie

Anche le foglie ingiallite  dipendono dalle eccessive annaffiature.
Rimedi: controllate il terreno, se troppo bagnato, fatelo asciugare e per il futuro regolate meglio  le irrigazioni.

Le foglie si accartocciano nel F. repens 

Se le foglie si accartocciano, questo soprattutto nel F. repens vuol dire che il terreno non è mantenuto costantemente umido.
Rimedi: regolare meglio le annaffiatura anche se difficilmente la pianta, se sottoposta a questo stress, potrà riacquistare la sua originaria bellezza.

Macchie necrotiche sulle foglie del Ficus elastica

La presenza di queste macchie su questa specie si pensava un tempo che fossero dovute ad una carenza di Potassio mentre oggi si è appurato che sono dovute ad uno stress idrico.
Rimedi: è opportuno annaffiare con maggiore regolarità e posizionare la pianta in una posizione meno luminosa.

Foglie parzialmente secche

Se si notano porzioni di foglie secche o ustionate, vuol dire che sono state esposte al sole diretto.
Rimedi: controllare la loro posizione e spostarle immediatamente.

Macchie brune sulla pagina inferiore delle foglie

Macchie brune sulla pagina inferiore delle foglie potrebbero significare che siete in presenza di  Cocciniglia ed in particolare della Cocciniglia bruna. Per essere certi, si consiglia di fare uso di una lente di ingrandimento e si osservano. Confrontatele con la foto al lato. Sono caratteristiche, non ci si può sbagliare. Inoltre se provate a toglierle con un'unghia, vengono via facilmente.
Rimedi: toglietele con un batuffolo di cotone imbevuto di alcool o se la pianta è grande ed in vaso, potete lavarla con un acqua e sapone neutro strofinando molto delicatamente con una spugna per rimuovere i parassiti, dopo di che la pianta va risciacquata molto bene per eliminare tutto il sapone. Per le piante più grandi e piantate all'aperto, potete usare degli antiparassitari specifici reperibili da un buon vivaista.

Macchie sulla pagina inferiore delle foglie

Macchie sulla pagina inferiore delle foglie potrebbero significare che siete in presenza di  Cocciniglia ed in particolare della Cocciniglia farinosa. Per essere certi, si consiglia di fare uso di una lente di ingrandimento e si osservano. Confrontatele con la foto al lato. Sono caratteristiche, non ci si può sbagliare. Inoltre se provate a toglierle con un'unghia, vengono via facilmente.
Rimedi: toglietele con un batuffolo di cotone imbevuto di alcool o se la pianta è grande ed in vaso, potete lavarla con un acqua e sapone neutro strofinando molto delicatamente con una spugna per rimuovere i parassiti, dopo di che la pianta va risciacquata molto bene per eliminare tutto il sapone. Per le piante più grandi e piantate all'aperto, potete usare degli antiparassitari specifici reperibili da un buon vivaista.

Foglie che iniziano ad ingiallire, appaiono macchiettate di giallo e marrone

Se le foglie iniziano ad ingiallire e successivamente a queste manifestazioni si accartocciano, assumono un aspetto quasi polverulento e cadono. Osservando attentamente si notano anche delle sottili ragnatele soprattutto nella pagina inferiore delle foglie. Con questa sintomatologia siamo molto probalbilmente in presenza di un attacco di ragnetto rosso, un acaro molto fastidioso e dannoso.

Rimedi: aumentare la frequenza delle nebulizzazioni alla chioma (la mancanza di umidità favorisce la loro prolificazione) ed eventualmente, solo nel caso di infestazioni particolarmente gravi, usare un insetticida specifico. Se la pianta non è particolarmente grande, si può anche provare a pulire le foglie per eliminare meccanicamente il parassita usando un batuffolo di cotone bagnato e insaponato. Dopo di che la pianta va risciacquata molto bene per eliminare tutto il sapone.

CURIOSITA'

Specie del genere Ficus vengono anche chiamate "necat-plantas" (piante assassine, dal latino "necare=uccidere" perché i loro semi a volte germinano sul tronco di altri alberi e sviluppandosi producono delle grosse radici aeree che arrivano al terreno fissandosi in esso; in questo modo l' albero ospite finisce con l' essere completamente avvolto e a poco a poco muore soffocato.

Nella foto a lato, possiamo vedere un Ficus foretusa (ficus della Malesia) che ha già quasi completamente avvolto la sua vittima, la quale tenta ancora di sopravvivere sviluppando sottili rami e rade foglie (di colore più chiaro al centro); a completare la vicenda della lotta i due alberi, si sviluppano sui loro tronchi anche piante di Filodendro dalle grandi foglie frastagliate all' altezza della biforcazione dei rami.

Ed ecco inoltre un video incredibile di un Ficus benjamina che da solo ha creato un bosco!

 

LINGUAGGIO DEI FIORI E DELLE PIANTE

Vedi "Ficus religiosa - Il linguaggio dei fiori e delle piante"

Fonti bibliografiche

Vendita opere di Toru Iwaya
Dedicato a Pio Petrocchi
Contatti Perchè Elicriso Links Redazione Privacy
Copyright© 2000-2014 Elicriso.it - Note legali