Home => Piante e fiori => Piante d'appartamento e da giardino => Chamaerops
COME COLTIVARE E CURARE LE NOSTRE PIANTE
CHAMAEROPS
Chamaerops, scheda di coltivazione
Le Chamaerops sono delle palme, molto diffuse e conosciute, alcune delle quali crescono spontanee in Italia e si ritrovano normalmente nei litorali e nei giardini.
CLASSIFICAZIONE BOTANICA


Regno
:
Plantae

Clado
: Angiosperme
Clado
: Monocotiledoni
Clado
: Commelinidae
Ordine
:
Arecales

Famiglia
:
Arecaceae (o Palmae)

Genere
:
Chamaerops

Specie
: vedere il paragrafo «Principali specie»
CARATTERISTICHE GENERALI

Il genere Chamaerops appartiene alla famiglia delle Arecacea dove ritroviamo piante comunemente chiamate palme con due sole specie delle quali solo una, la Chamaerops humilis, cresce spontanea in Italia e si ritrova frequentemente nel sud Italia e nelle isole principali, dove vive soprattutto nelle zone costiere contribuendo alla costituzione della tipica macchia termoxerofila.

Sono piante sempreverdi, caratterizzate da un robusto apparato radicale, un fusto eretto (stipite), alla cui sommità si forma un ciuffo di foglie. Il fusto con il tempo forma alla base della pianta nuovi getti secondari, facendo sembrare la pianta formata da più fusti (portamento policormico).

Residuo delle foglie
foglia di Chamaerops

Le foglie sono di colore verde intenso, coriacee e hanno la particolarità che nascono intere e si sfrangiano con il tempo assumendo la tipica forma a ventaglio tanto che spesso rimangono i residui filamentosi sui bordi delle foglie

chamaerops frutti

Sono provviste di un peduncolo importante, spesso biconvesso, persistenti per diversi anni. In genere sono le foglie più esterne che cadono per prime anche se non si staccano del tutto ma hanno la base che si ripiega sul fusto lasciando dei residui fibrosi che persistono (le fibre marroni che vediamo nel fusto - foto sopra).

I fiori sono riuniti in infiorescenze a pannocchia e si formano alla base delle foglie, pendenti, formati da numerosi piccoli fiori di colore giallo-verdognoli, unisessuali o ermafroditi, generalmente su piante distinte.

I frutti sono delle bacche carnose che contengono al loro interno un solo seme legnoso.

PRINCIPALI SPECIE

Esistono solo 2 specie nel genere Chamaerops:

CHAMAEROPS HUMILIS

La specie Chamaerops humilis è l'unica che cresce spontanea in Italia un po' ovunque ed è anche molto apprezzata come pianta ornamentale e rimane di piccole dimensioni. Le infiorescenze sono a pannocchia e si formano alla base delle foglie. I frutti sono di forma ellittica e di colore rosso o giallo.

E' conosciuta con il nome di palma di san Pietro o palma nana.

Una varietà spesso coltivata è la Chamaerops humilis 'Dactylocarpa' che può raggiungere un'altezza di 6 m.

 Chamaerops humilis
CHAMAEROPS EXCELSA

Lo Chamaerops excelsa di solito viene classificata come Trachycarpus fortunei in quanto, quando fu introdotta in Europa dal Giappone, fu identificata come tale.

E' una pianta che si presta per essere coltivata sia in vaso che in piena terra raggiungendo in questo caso anche i 3,5 m di altezza mentre in vaso rimane di dimensioni molto più contenute non superando i 2 m di altezza.

Chamaerops excelsa chiamata anche Trachycarpus fortunei

Le foglie, portate da lunghi piccioli, si formano nella parte alta del fusto, sono a ventaglio, più grandi e più molli della C. humilis, con le punte che con il tempo diventano pendenti.

I fiori sono riuniti in infiorescenze a pannocchia, di colore giallo mentre i frutti sono delle bacche scure.

Sono piante dioiche vale a dire che ci sono "piante femminili" e "piante maschili" cioè piante che portano solo fiori maschili e piante che portano solo fiori femminili

Esistono diverse varietà tra le quali una varietà nana di dimensioni molto contenute.

TECNICA COLTURALE

Le Chamaerops non sono piante difficili da coltivare anche se hanno necessità di determinate condizioni climatiche per poter crescere al meglio.

Possono essere allevate sia in vaso che all'aperto nelle zone dove le estati sono abbastanza fresche e gli inverni miti.

Per pulire le foglie usate solo un panno morbido inumidito. Non usate mai lucidanti fogliari che otturano gli stomi delle piante impedendo le normali funzioni fisiologiche.

Nella coltivazione di queste palme occorre tenere presente che sono piante a crescita lenta.

ANNAFFIATURA

Il terreno deve rimanere sempre appena umido.

TIPO DI TERRENO - RINVASO

Il rinvaso nelle Chamaerops deve essere effettuato solo quanto il vaso è diventato troppo piccolo per contenere la pianta. Negli anni in cui non si effettua, rimuovere i i primi centimetri di terra e sostituirli con del terriccio fresco.

Per il rinvaso utilizzate un buon terriccio di foglie con della sabbia grossolana per favorire il drenaggio dell'acqua di irrigazione.

CONCIMAZIONE

Le Chamaerops si concimano una volta al mese e solo dalla primavera all'estate usando un concime liquido diluito nell'acqua di irrigazione dimezzando le dosi rispetto a quanto riportato nella confezione del fertilizzante.

E' opportuno usare un concime che oltre ad avere i macroelementi quali azoto (N), fosforo (P) e potassio (K) abbia anche i microelementi quali il quali il ferro (Fe), il manganese (Mn), il rame (Cu), lo zinco (Zn), il boro (B), il molibdeno (Mo), il magnesio (mg) tutti importanti per una corretta ed equilibrata crescita della pianta.

POTATURA

Le Chamaerops non si potano. Si asportano solo le foglie che si seccano, soprattutto quelle poste più in basso, per evitare che diventino veicolo di malattie parassitarie, tagliandole nel punto in cui partono dal fusto. Può succedere che la punta delle foglie si secchi a causa della bassa umidità ambientale. In questo caso non occorre eliminare le foglie ma semplicemente tagliare la punta avendo cura che l'attrezzo che usate per il taglio sia pulito e disinfettato (preferibilmente alla fiamma) per evitare di infettare i tessuti.

FIORITURA

La fioritura avviene nel periodo estivo con la produzione di infiorescenze a pannocchia molto appariscenti.

Fioritura Chamaerops

Nel caso delle specie dioiche per fruttificare e produrre i semi hanno necessità che avvenga l'impollinazione quindi che piante maschili siano vicine a piante femminili.

L'impollinazione in genere avviene a opera degli insetti.

MOLTIPLICAZIONE

La moltiplicazione avviene tramite i polloni che si formano alla base della pianta o per seme anche se molto lunga e laboriosa da attuarsi in casa.

MOLTIPLICAZIONE PER POLLONI

In primavera si possono asportare i polloni provvisti di due-tre foglie che si formano alla base della pianta e piantarli in vasi singoli di circa 15 cm di diametro, usando un terriccio così come indicato per le piante adulte.

I vasetti vanno tenuti a una temperatura intorno ai 10°C e si mantiene il terreno sempre leggermente umido. Tenetele in questa condizione per almeno due mesi, fino a quando le radici non si saranno ben sviluppate.

E' preferibile che il primo inverno siano tenute in serra fredda e se i polloni prelevati erano piccoli, teneteli anche un paio d'anni prima di piantarli all'aperto.

Moltiplicazione per polloni
Moltiplicazione per polloni
PARASSITI E MALATTIE

Non sono piante particolarmente soggette a malattie.

Le punte delle foglie si seccano

Questo sintomo, che non è una malattia ma una fisiopatia, è dovuto a un ambiente troppo secco.
Rimedi: le punte non ricresceranno più ma potrete tagliare la parte danneggiata, usando una forbice pulita e disinfettata, preferibilmente alla fiamma, per evitare che diventino veicolo di malattie parassitarie.

CURIOSITA'

Le palme sono piante molto antiche e la loro origine si fa risalire al Cretaceo, vale a dire a circa 145 milioni di anni fa, datate grazie ai numerosissimi fossili pervenuti fino a noi.

Il nome chamaerops deriva dal greco khamai «piccolo, prostrato» e rhops «arbusto, cespuglio» in riferimento al portamento contenuto della pianta.

La Chamaerops humilis ha i giovani germogli apicali commestibili e un tempo venivano usati lessati come verdura. Questo fatto ha contribuito non poco a ridurre la popolazione naturale di questa pianta nel territorio italiano. I frutti sono astringenti e ricchi di tannini. Le foglie per la loro fibrosità erano usate per la fabbricazione di scope, cesti, cappelli, ventagli, stuoie, funi, ecc. E' una pianta molto importante dal punto di vista forestale in quanto avendo un importante apparato radicale aiuta contro l'erosione e la desertificazione anche perchè ricaccia senza grossi problemi dopo un incendio.

Nell'orto botanico di Padova esiste una Chamaerops humilis piantata nel 1585 che è comunemente conosciuta come palma di Goethe in quanto Johann Wolfgang von Goethe (1749 - 1832)) durante un suo viaggio in Italia (1786) la vide e ne rimase affascinato tanto da dedicarle il saggio Metamorfosi delle piante (1790).
Trovapiante