elicriso.it - rivista sull'ambiente e sulla natura
venerdì 24 ottobre 2014
  Skip Navigation Links
   Elicriso offerto in  
Testo normale Testo grande Testo molto grande
Rubriche sulle piante
Come coltivare e curare le piante
Le amiche silenziose
Cure per le vacanze
Rinvaso
Abutilon
Acacia
Acalypha
Acanthus
Achimenes
Acorus
Actaea
Adiantum
Adromischus
Aeonium
Aechmea
Aeschynanthus
Agapanthus
Agave
Ageratum
Aglaonema
Albizia
Allamanda
Alocasia
Aloe
Alpinia
Alsobia
Amaryllis
Ananas
Anthurium
Antirrhinum
Aphelandra
Aporocactus
Aquilegia
Araucaria
Ardisia
Areca
Arisaema
Aristolochia
Asarum
Asparagus
Aspidistra
Asplenium
Aucuba
Azalea (Rhododendron)
Babiana
Bambù (subtribù Bambusine)
Bauhinia
Beaucarnea
Begonia
Beloperone
Bessera
Billbergia
Blechnum
Bouganville
Bouvardia
Bowiea
Bromeliaceae
Browallia
Brunfelsia
Caladium
Calatea (Calathea)
Calceolaria
Calendula
Calla (Zantedeschia)
Callisia
Callistemon
Camelia
Campanula
Campsis
Canna
Capelvenere
Casuarina
Catharanthus
Celosia
Cereus
Ceropegia
Chamaedorea
Chamaerops
Chlorophytum
Ciclamino (Cyclamen)
Cissus
Clerodendrum
Clivia
Clusia
Codonanthe
Coffea
Coleus
Columnea
Conophytum
Cordyline
Cotyledon
Crassula
Crossandra
Croton
Cryptanthus
Ctenanthe
Curcuma
Cycas
Cyrtomium
Cytisus
Davallia
Dieffenbachia
Dimorphotheca
Dionaea
Dipladenia
Dizygotheca
Doryanthes
Dracena (Dracaena)
Echeveria
Echinopsis
Echinocactus
Epiphyllum
Episcia
Erica
Eustoma
Exacum
Fatshedera
Fatsia
Felci
Fico d'india
Ficus
Filodendro (Philodendron)
Fittonia
Fucsia
Gardenia
Gelsomino
Geranio (Pelargonium)
Gerbera
Gloriosa
Grevillea
Gunnera
Guzmania
Gynura
Hardenbergia
Haworthia
Hedera
Hedychium
Helxine
Hemerocallis
Ibisco (Hibiscus)
Hippeastrum (Amarillo)
Hoffmannia
Hosta
Hoya
Hypoestes
Impatiens
Ipomoea
Iresine
Ixora
Jacaranda
Jacobinia
Kalanchoe
Kentia
Kohleria
Lampranthus
Lapageria
Leptospermum
Lithops
Lobelia
Mammillaria
Maranta
Medinilla
Murraya
Musa
Neoregelia
Nephrolepsis
Nertera
Nidularium
Oleandro (Nerium)
Orchidea
Ortensia (Hidrangea)
Pachira
Pachypodium
Pachystachys
Pandanus
Papiro (Cyperus)
Passiflora
Pellaea
Pellionia
Peperomia
Pereskia
Pervinca (Vinca)
Philesia
Piante grasse
Pitcairnia
Pilea
Pittosporo (Pittosporum)
Platycerium
Plectranthus
Plumbago
Plumeria
Polianthes
Polypodium
Polyscias
Polystichum
Pothos (Scindapsus)
Primula
Pteris
Quesnelia
Ravenea
Rebutia
Rechsteineria
Rhapis
Rhoeo
Rhoicissus
Ricino
Rose
Ruellia
Russelia
Sanchezia
Sansevieria
Saxifraga
Schefflera
Sedum
Selaginella
Senecio
Setcreasea
Skimmia
Sinningia
Solanum
Sparmannia
Spathiphyllum
Stapelia
Stella di Natale
Stephanotis
Strelitzia
Streptocarpus
Streptosolen
Stromanthe
Syngonium
Tagetes
Tetrastigma
Thunbergia
Tillandsia
Tolmiea
Trachycarpus
Tradescantia
Tropaeolum
Urceolina
Vallota
Veltheimia
Tibouchina
Violetta africana (Saintpaulia)
Vriesea
Woodwardia
Xanthosoma
Yucca
Zamia
Zamioculcas
Le nostre amiche orchidee
Piante medicinali
Piante aromatiche
Conoscere le piante: come vivono e come sono fatte
I fiori di Bach
Il linguaggio dei fiori e delle piante
Come le donne famose della storia si facevano belle con le piante
Piante carnivore
Piante allucinogene
Piante tonificanti e afrodisiache
I principali nemici delle nostre piante
L'agronomo risponde
Epoca di raccolta e vendita della frutta italiana
Dizionario botanico
Rubriche sugli animali
Mammiferi
Uccelli
Rettili
Anfibi
Pesci
Echinodermi
Cefalopodi
Suoni emessi dagli animali
Altre rubriche
News ambientali
Geologia e ambiente
Clima e ambiente
Mitologia e ambiente
Agricoltura e ambiente
Geologia e biologia marina
Quando l'uomo diventerà un essere umano?
Energie rinnovabili
Diritto ambientale
Directory
La natura in cucina
Conservazione delle specie e dell'ambiente
Natura, usi, costumi del sud America
Arte e ambiente
Aree protette
Musica e ambiente
Tutto ciò che dobbiamo sapere sugli incendi
Quattro risate in compagnia ed altro
L'angolo della Sardina
Le nostre vignette
Video
Foto natura
Recensioni
Spazio aperto ai lettori
Pubblicazione foto dei nostri amici animali
Racconti di viaggio
Gli articoli dei lettori
Vecchi siti geologici
Forum
Come coltivare e curare le nostre piante
Toru Iwaya
COME COLTIVARE E CURARE LE PIANTE
DRACAENA o DRACENA

meglio nota come

TRONCHETTO DELLA FELICITA'


 
In questo articolo:
Classificazione botanica Caratteristiche generali Principali specie Tecnica colturale Annaffiatura Tipo di terreno - rinvaso Concimazione Fioritura Potatura Moltiplicazione Parassiti e malattie Curiosità
CLASSIFICAZIONE BOTANICA

Famiglia: Liliaceae (o Ruscaceae)
Genere: Dracaena
Specie: vedere il paragrafo "Principali specie"

CARATTERISTICHE GENERALI

La Dracaena o Dracena, meglio nota come "Tronchetto della felicità" appartiene alla famiglia delle Liliaceae, ed una delle specie più presenti nelle nostre case oltre che per la bellezza delle sue fronde anche per la sua longevità e semplicità di coltivazione.

Sono piante originarie dell'Africa tropicale e dell'Asia.

PRINCIPALI SPECIE

Esistono numerose specie di dracaena tra le quali ricordiamo:

DRACAENA DEREMENSIS

La Dracaena deremensis originaria di Derema, nell'Africa orientale (tipica delle foreste di Usambara in Tanzania), è una pianta che non raggiunge mai dimensioni notevoli. Infatti può arrivare al massimo fino a un metro e mezzo. Presenta foglie affusolate striate di bianco, ricadenti verso il basso, portate da dei fusti rigidi.

Esistono diverse varietà tra le quali ricordiamo la Dracaena deremensis varietà Bausei con foglie provviste da venature centrali bianche e la Dracaena deremensis varietà Warneckii con due bande chiare ai lati della foglie ed una banda centrale bianca.

 
Dracaena deremensis varietà Bausei
 
Dracaena deremensis varietà Warneckii
DRACAENA DRACO

La Dracaena Draco è originaria delle Canarie ed è una pianta che raggiunge dimensioni ragguardevoli ed è molto longeva.

Le foglie sono di colore verde tendente all'azzurro e spesso carnose.

DRACAENA FRAGRANS

La Dracaena fragrans presenta un fusto spoglio e legnoso ed unico che porta alla sommità un ciuffo di foglie striate di giallo, pendenti verso il basso.

Questa dracena è meglio conosciuta come TRONCHETTO DELLA FELICITA'. Il "Tronchetto della felicità " è una talea che, messa in un vaso, nell'arco di tre mesi sviluppa foglie e radici e molto spesso accade che perdano la variegatura dando il tipico "Tronchetto della felicità" che conosciamo.

Produce dei fiori molto profumati ma raramente presenti nella coltivazione in vaso.

Di questa specie è nota soprattutto la varietà Dracaena fragrans massangeana, conosciuta anche come "Pianta della felicità" o "Lucky bamboo" (foto al lato destro).

DRACAENA GODSEFFIANA (DRACAENZA SURCULOSA)

La Dracaena godseffiana è sicuramente la più caratteristica. Le foglie infatti sono corte, verdi e macchiettate di bianco, ad andamento cespuglioso. Può raggiungere anche i due metri di altezza.

Contrariamente alle specie del suo genere è una pianta che ama l'ombra.

DRACAENA MARGINATA

La Dracaena marginata è una pianta originaria del Madagascar. Una delle sue caratteristiche è che crescendo, man mano che il fusto si allunga e cadono le foglie più basse, queste lasciano delle tacche che costituiscono un grazioso elemento decorativo. Un'altra caratteristica è dovuta al fatto che le foglie, si sviluppano anche nella parte basale: questo è dovuto al fatto che gemme dormienti che si trovano sotto la superficie del terreno germogliano. Questo si verifica quando la pianta viene tenuta in pieno sole in quanto si ha un migliore trasporto dei prodotti della fotosintesi clorofilliana.

E' provvista di fusti sottili e slanciati che portano dei ciuffi di foglie molto sottili.

La varietà Dracaena marginata Tricolor ha la particolarità di avere le foglie con una striatura color crema.

DRACAENA SANDERIANA

La Dracaena sanderiana è originaria dell'Africa tropicale (Congo). Presenta foglie striate di bianco e disposte a rosetta portate da un fusto sottile. E' una pianta arbustiva che non supera il metro e mezzo di altezza.

TECNICA COLTURALE

La dracena essendo una pianta originaria dei climi caldi non ama il freddo infatti vive bene in ambienti caldi ed umidi a temperature intorno ai 26°C. Sotto i 15°C la pianta inizia a soffrire.

Non ama il sole diretto ma necessita di molta luce.

Nelle regioni a clima temperato le dracena possono essere tenute all'aperto tutto l'anno lontano però dalle correnti d'aria.

Per pulire le foglie utilizzate un panno umido. Si sconsigliano vivamente i lucidanti fogliari.

ANNAFFIATURA

La dracena richiede un terriccio costantemente umido ma senza ristagni d'acqua. Pertanto durante il periodo primaverile - estivo, va annaffiata spesso. Poichè ama gli ambienti umidi ha necessità di quotidiane nebulizzazioni sulle foglie.

Viceversa, durante il periodo autunno - invernale, si annaffia giusto il tanto da non far seccare il terriccio.

TIPO DI TERRENO - RINVASO

La dracena si rinvasa in genere ogni due anni, in primavera ma, se trova le condizioni ambientali ideali, è possibile che sia necessario rinvasare ogni anno in quanto è una pianta a rapido accrescimento. Inoltre è una pianta che ama spazio per le sue radici.

Si usa un terriccio torboso e poichè è una pianta che non ama in alcun modo i ristagni dell'acqua è buona abitudine disporre sul fondo del vaso dei pezzetti di coccio, in modo da favorire il drenaggio.

CONCIMAZIONE

Durante tutto il periodo primaverile ed estivo, la dracena va concimata ogni settimana con un concime liquido somministrato assieme all'acqua di irrigazione in quantità minime (1/3 di quello indicato nelle confezioni). Durante il periodo autunno-invernale si devono sospendere le concimazioni.

Per quanto riguarda il tipo di concime da somministrare, in commercio ne esistono di tanti tipi ma è buona norma leggere l'etichetta che specifica la composizione. Per la dracena, è preferibile usare concimi che abbiamo un titolo abbastanza elevato sia di Azoto (N) che di Potassio che favoriscono maggiormente lo sviluppo di questa pianta. Accertatevi pertanto che oltre ad avere i cosiddetti "macroelementi" quali Azoto (N), Fosforo (P) e Potassio (K) e che tra questi l'Azoto ed il Potassio siano in "maggiore quantità" che abbia anche i "microelementi" quali il Ferro (Fe), il Manganese (Mn), il Rame (Cu), lo Zinco (Zn), il Boro (B), il Molibdeno (Mo), tutti importanti per una corretta ed equilibrata crescita della vostra dracena.

FIORITURA

Le dracaena sono apprezzate per la bellezza delle loro foglie, verdi o variamente colorate e per i loro fiori bianco-panna che sbocciano nel periodo estivo anche se molto raramente fioriscono quando sono coltivate in vaso.

POTATURA

La dracaena non si pota. Vanno semplicemente eliminate le foglie che via via disseccano per evitare che diventino veicolo di malattie parassitarie.

Abbiate cura che l'attrezzo che usate per il taglio sia pulito e disinfettato (preferibilmente alla fiamma) per evitare di infettare i tessuti.

MOLTIPLICAZIONE

La dracena si può moltiplicare per talee apicali del fusto.

Dalla pianta madre, in primavera, si preleva da un ramo laterale una porzione di fusto lungo almeno 10 cm. Vanno tolte tutte le foglie vecchie.

Si tratta la base con ormoni rizogeni in polvere (si trovano nei negozi specializzati) per favorire la radicazione e si pianta la talea in un terriccio per semi a base di torba e sabbia.

Il vaso con la talea di dracena deve essere piccolo, non più di 7 cm e vaso e talea vanno chiusi con della plastica trasparente. Usate dei bastoncini che sistemerete nel terriccio per tenere la plastica lontana dalla talea.

Collocate il vaso in una posizione dove ci sia luce abbondante ma non sole diretto e una temperatura intorno ai 20-24°C. Ogni giorno aprite l'involucro e controllate il grado di umidità del terriccio e fate un modo che sia sempre umido ed eliminate eventuale condensa presente nella plastica.

Quando inizieranno a comparire le nuove foglioline, vuol dire la taleadi dracena  ha radicato. A quel punto si toglie l'involucro di plastica e si coltiva la piantina come una pianta adulta di dracena che trapianterete in un vaso più grande.

PARASSITI E MALATTIE

Le foglie si presentano avvizzite

molto spesso sintomo è associato a diversi fattori, tutti legati ad una cattiva tecnica di coltivazione. Infatti sia un eccesso di acqua che di umidità o basse temperature possono provocare questa patologia.
Rimedi: è necessario tastate il terreno per verificare il suo stato. Se è troppo asciutto, provvedere; se troppo umido sospendere le irrigazioni fino a quando il terriccio non si asciugherà e poi riprendere con moderazione. Se non vi trovate di fronte all'una o l'altra situazione, spostate la pianta in un luogo più caldo.

Macchie brune sulla pagina inferiore delle foglie

potrebbe trattarsi di Cocciniglia ed in particolare della Cocciniglia bruna. Per essere certi, si consiglia di fare uso di una lente di ingrandimento e si osservano. Confrontatele con la foto al lato. Sono caratteristiche, non ci si può sbagliare. Inoltre se provate a toglierle con un'unghia, vengono via facilmente.
Rimedi: toglietele con un batuffolo di cotone imbevuto di alcool o se la pianta è grande ed in vaso, potete lavarla con un acqua e sapone neutro strofinando molto delicatamente con una spugna per rimuovere i parassiti, dopo di che la pianta va risciacquata molto bene per eliminare tutto il sapone.  Per le dracena più grandi e piantate all'aperto, potete usare degli antiparassitari specifici reperibili da un buon vivaista.

Foglie con macchie necrotiche presenti sia ai bordi che al centro della foglia di colore bianco-grigiastre al centro circondate da un alone marrone

se le foglie appaiono con questa sintomatologia la vostra dracena ha un attacco fungino, ed in particolare un attacco di Colletotrichum sp., malattia è meglio nota come "Antracnosi".
Rimedi: bisogna intervenire chimicamente con prodotti a base di Ditiocarbammati o Benzimidazoli.
In ogni caso per la prevenzione (come a tutte le malattie fungine) è importante non avere un ambiente eccessivamente umido.
(Foto di un attacco di Antracnosi su Pungitopo - Ruscus - uguale a quella che si manifesta su dracena)

Foglie con evidenti macchie necrotiche con contorno giallastro

se le foglie presentano questo sintomo è molto probabile che la vostra dracena sia affetta da un patologia fungina ed in particolare, per la dracena, dal Fusarium sp. in genere in concomitanza di clima caldo e troppo umido.

Le macchie hanno un aspetto dapprima circolare ed oleoso e sono circondate da un alone giallo successivamente tendono ad allungarsi assumendo una consistenza cartacea.

Rimedi: per prima cosa sono preventivi. Poichè l'eccessiva umidità associata ad alte temperature sono il clima ideale per questi patogeni, regolarsi di conseguenza.

Una volta che l'attacco è in corso è necessario fare dei trattamenti a base di Ditiocarbammati o Benzimidazolici che troverete nei negozi specializzati.


Presenza di piccoli animaletti biancastri sulla pianta

se notate queste cose siete in presenza di afidi o come comunemente sono chiamati "pidocchi".
Rimedi: trattare la dracena con antiparassitari specifici facilmente reperibili da un buon vivaista.

CURIOSITA'

Il nome "Dracaena" deriva dal greco "drakaina = drago" riferendoci alla Dracaena draco. Questo albero infatti, dalla popolazione locale delle isole Canarie, i Guanci, era considerato un drago e gli attribuivano proprietà magiche (perchè dotato di diverse capacità terapeutiche). Tale credenza era dovuta al fatto che la linfa, rapprendendosi, diventa rossa (il sangue del drago).

La dracena pianta era conosciuta già nell'antica Roma, infatti la linfa veniva usata come colorante e successivamente nel medioevo, dagli alchimisti per le sue proprietà terapeutiche.

Vendita opere di Toru Iwaya
Dedicato a Pio Petrocchi
Contatti Perchè Elicriso Links Redazione Privacy
Copyright© 2000-2014 Elicriso.it - Note legali