Home => Piante e fiori => Piante d'appartamento e da giardino => Fatshedera
COME COLTIVARE E CURARE LE NOSTRE PIANTE
x FATSHEDERA
Fatshedera, coltivazione
Le xFatshedera sono molto diffuse e presenti delle nostre case grazie alla loro semplicità di coltivazione, alla bellezza del loro apparato vegetativo ed alla loro estrema adattabilità alle condizioni spesso non troppo facili della vita in appartamento.
CLASSIFICAZIONE BOTANICA


Regno
:
Plantae

Clado
: Angiosperme
Clado
: Eudicotiledoni
Clado
: Asteride
Ordine
:
Apiales

Famiglia
:
Araliaceae

Genere
: x
Fatshedera

Specie
:
Fatshedera lizei
CARATTERISTICHE GENERALI

Il genere xFatshedera della grande famiglia delle Araliaceae in realtà comprende un solo ibrido che nasce dall'incrocio tra la Fatsia e l' Hedera. In pratica abbiamo un solo ibrido intergenerico, selezionato in Francia, che è la Fatshedera lizei derivata dall'incrocio tra Fatsia japonica ‘Moseri’ (l'aralia d'appartamento) x Hedera helix ‘Hibernica’ (edera irlandese). L'ibrido ottenuto è una pianta a portamento arbustivo, che raggiunge quasi i 2 m di altezza con un diametro di oltre un metro.

Le foglie sono di consistenza coriacea, grandi, palmate, profondamente lobate.

I fiori sono di colore verde chiaro, riuniti in infiorescenze a grappolo, di scarso valore ornamentale e vengono prodotti in autunno ma non producono semi quindi sono sterile.

Esistono diversi ibridi tra i quali ricordiamo: Fatshedera lizei ‘Variegata’ che presenta foglie caratterizzate dai margini color giallo-crema (foto sotto).

fatshedera lizei
TECNICA COLTURALE

La xFatshedera è una pianta particolarmente adatta per chi ha poca pazienza con le piante ma non vuole rinunciare ad avere un angolo verde. Questa pianta infatti assomma le migliori caratteristiche dei suoi progenitori potendo vivere in appartamento resistendo al clima spesso caldo secco tipico del periodo invernale così come alle temperature intorno ai 6°C.

Ama la luce per cui è importante darle una buona esposizione, ma non il sole diretto.

Durante il periodo estivo, se possibile, spostate la Fatshedera all'aperto, in buona luce, anche in posizione leggermente ombreggiata.

Se si desidera avere una pianta a portamento cespuglioso allora è opportuno cimare, alla ripresa vegetativa, gli apici della pianta mentre se si desidera avere un portamento rampicante occorre lasciare la pianta libera di crescere come desidera (fissandola ad appositi sostegni) infatti in questo caso avremo una pianta che ha i fusti parzialmente eretti che tendono a ricadere come crescono.

Per pulire le foglie della xFatshedera o fate alla pianta una doccia, avendo l'accortezza di proteggere il terreno del vaso con una busta di plastica per evitare che si inzuppi d'acqua o usate un panno morbido bagnato. Non usate mai lucidanti fogliare (e scoraggiate questa pratica) in quanto sono estremamente dannosi per la pianta perchè otturano gli stomi e quindi impediscono le normali funzioni fisiologiche.

ANNAFFIATURA

La xFatshedera a partire dalla primavera e per tutta l'estate va annaffiata regolarmente in modo che il terreno rimanga sempre leggermente umido (non inzuppato). Durante gli altri periodi dell'anno le irrigazioni vanno sensibilmente ridotte annaffiando giusto il tanto da tenere appena appena umido il terreno (sempre però in relazione alla temperatura della casa dovuta al riscaldamento).

Durante il periodo estivo la pianta si avvantaggia di frequenti nebulizzazioni alle foglie così come durante il periodo invernale se il riscaldamento della casa è particolarmente caldo.

TIPO DI TERRENO - RINVASO

Le xFatshedera non sono piante particolarmente esigenti in fatto di terreno: un buon terriccio da giardino al quale si aggiunge un po' di sabbia per favorire il drenaggio dell'acqua di annaffiatura, sarà perfetto. Il rinvaso si effettua in primavera, ogni due anni.

CONCIMAZIONE

A partire dalla primavera e per tutta l'estate la xFatshedera si concima ogni 15 gg con un fertilizzante liquido diluito nell'acqua di irrigazione e dimezzando le dosi rispetto a quanto riportato nella confezione del fertilizzante.

E' opportuno usare un concime che oltre ad avere i macroelementi quali azoto (N), fosforo (P), potassio (K) contengano anche i cosiddetti microelementi, vale a dire quei composti di cui la pianta ha bisogno in minima quantità (ma ne ha pur sempre bisogno) quali il magnesio (Mg), il ferro (Fe), il manganese (Mn), il rame (Cu), lo zinco (Zn), il boro (B), il molibdeno (Mo), tutti importanti per una corretta ed equilibrata crescita della pianta.

POTATURA

Per poter avere un portamento cespuglioso della pianta è opportuno cimare in primavera gli apici vegetativi.

FIORITURA

L'epoca di fioritura è l'autunno ed i fiori della xFatshedera sono di colore verde chiaro, riuniti a grappoli, poco decorativi e sterili in quanto non producono semi.

MOLTIPLICAZIONE

La moltiplicazione avviene esclusivamente per talea.

MOLTIPLICAZIONE PER TALEA

Si prelevano delle talee lunghe 15-20 cm in primavera o in estate.

Le talee vanno tagliate immediatamente sotto il nodo scegliendole da piante robuste ed in buona salute. Si raccomanda di tagliare in senso obliquo in quanto ciò permette d'avere una maggiore superficie per la radicazione ed evita l'accumulo di acqua su questa superficie.

Moltiplicazione per talea: taglio della talea sotto il nodo
Moltiplicazione per talea - eliminazione foglie 
poste più  in basso
Moltiplicazione per talea: spolverare la parte basale con della polvere rizogena per favorire la radicazione
Moltiplicazione per talea: fare dei buchi nel terreno per la sistemazione delle talee
Moltiplicazione per talea: busta messa a cappuccio nel vaso per mantenere una temperatura costante e evitare l'eccessiva perdita di umidità

Le forbici che usate, oltre ad essere ben affilate (per evitare che i tessuti della pianta sfilaccino) devono essere ben pulite e disinfettate (preferibilmente alla fiamma) per evitare di infettare i tessuti. Dopo aver eliminato le foglie poste più in basso si sistemano in una composta formata da torba e sabbia in parti uguali facendo dei buchi con una matita, tanti quante sono le talee di xFatshedera da sistemare e compattando delicatamente il terriccio intorno alle talee.

La cassetta o il vaso si ricopre quindi con un foglio di plastica trasparente (o un sacchetto messo a cappuccio) dove avrete preventivamente sistemato dei bastoncini in modo che la plastica non entri a contatto con le talee. Il vaso si sistema in un luogo ombreggiato e ad una temperatura tra i 15-18°C avendo cura di tenere il terriccio sempre leggermente umido, annaffiando senza bagnare le talee in radicazione con acqua a temperatura ambiente. Ogni giorno si toglie la plastica per controllate l'umidità del terreno ed eliminare dalla plastica la condensa che si sarà sicuramente formata.

Una volta che iniziano a comparire i primi germogli, vuol dire che le talee hanno radicato. A quel punto si toglie la plastica e si sistema il vaso in una zona più luminosa, alla stessa temperatura e si aspetta che le talee si irrobustiscano. Una volta che saranno sufficientemente grandi, si trapiantano nel vaso definitivo e si trattano come le piante adulte.

PARASSITI E MALATTIE

Sono piante particolarmente resistenti alle malattie. Occasionalmente possono manifestare le seguenti fisiopatie/patologie

Le foglie perdono la screziatura

Se le foglie perdono la screziatura, vuol dire che c'è penuria di luce.
Rimedi: spostare la pianta in posizione più luminosa, ma non al sole diretto.

Le foglie tendono a scolorire

Se le foglie tendono a scolorire vuol dire che il terreno è asfittico.
Rimedi: eliminare le foglie danneggiate, arieggiare il terreno e farlo asciugare per bene per il futuro regolare meglio le annaffiature.

Macchie brune sulle foglie

Macchie brune sulle foglie soprattutto nella pagina inferiore potrebbero significare che siete in presenza di cocciniglie, cocciniglia bruna o cocciniglia farinosa. Per essere certi, osservatele con una lente di ingrandimento e confrontatele con le foto riportate, sono caratteristiche, non ci si può sbagliare. Inoltre se provate a toglierle con un'unghia, vengono via facilmente.

Cocciniglia bruna e cocciniglia farinosa sulla pianta

Rimedi: toglietele con un batuffolo di cotone imbevuto di alcool o se la pianta è grande potete lavarla con acqua e sapone neutro strofinando molto delicatamente con una spugna per rimuovere i parassiti, dopo di che la pianta va risciacquata per eliminare il sapone. Per le piante più grandi e piantate all'aperto, occorre usare degli antiparassitari specifici reperibili da un buon vivaista.

Trovapiante