Home => Piante e fiori => Piante d'appartamento e da giardino => Tropaeolum
COME COLTIVARE E CURARE LE NOSTRE PIANTE
TROPAEOLUM
meglio conosciuto come

NASTURZIO
Tropaeolum, coltivazione e cura
Nota 1
I nasturzi, piccole piante diffusissime un po' ovunque per i loro caratteristici fiori dai colori sorprendenti.
CLASSIFICAZIONE BOTANICA

Regno
:
Plantae

Clado
: Angiosperme
Clado
: Eudicotiledoni
Clado
: Roside
Clado
: Euroside II
Ordine
:
Brassicales

Famiglia
:
Tropaeolaceae

Genere
:
Tropaeolum

Specie
: vedere il paragrafo «Principali specie»
CARATTERISTICHE GENERALI

Il genere Tropaeolum della famiglia delle Tropaeolaceae, comprende numerose specie conosciute comunemente come nasturzio. Si tratta piante, perenni o annuali, originarie delle zone meridioni dell'America, molto usate come piante ornamentali in tutto il mondo.

I nasturzi sono piante che possono avere un portamento eretto, rampicante o prostrato con foglie dalla caratteristica forma tondeggiante che producono dei fiori molto caratteristici, in genere portati da lunghi steli, per lo più imbutiformi, lunghi da 1,5 fino a 5 cm, di vari colori a seconda della specie.

PRINCIPALI SPECIE

Esistono circa novanta specie nel genere Tropaeolum tra le quali le più diffuse sono:

SPECIE ANNUALI
TROPAEOLUM MAJUS

La specie Tropaeolum majus, la più diffusa e conosciuta del genere, comprende piante annuali, tutte originarie dalla Bolivia alla Colombia. Si tratta di piante a portamento rampicamente o strisciante, con fusti sottili nei quali si sviluppano foglie rotondeggianti, caratteristiche, in quanto il picciolo si inserisce direttamente nella lamina fogliare anzichè nel margine fogliare.

Tropaeolum majus
Nota 1

Fiorisce durante il periodo estivo (giugno - ottobre) producendo fiori molto grandi (circa 5 cm) di colore variabile dal rosso, all'arancio, al giallo, caratteristici in quanto provvisti di sperone.

Di questa specie esistono numerose varietà e cultivars che si differenziano per il colore e la forma dei fiori e per la precocità di fioritura.

TROPAEOLUM PEREGRINUM

La Tropaeolum peregrinum (T. canariense o T. aduncum), originaria del Perù e dell'Ecuador, contrariamente alle altre specie del genere è un rmapicante annuale a portamento eretto.

Tropaeolum peregrinum

Presenta foglie a cinque lobi di colore verde chiaro e fiori di colore giallo, speronati e con i petali sfrangiati come ali d'uccello.

TROPAEOLUM POLYPHYLLUM

La Tropaeolum polyphyllum è una piccola pianta tuberosa originaria del Cile e dell'Argentina, perenne tuberosa che non supera i 20 cm di altezza con portamento strisciante. Fiorisce all'inizio dell'estate (giugno) producendo fiori di colore giallo, speronati e non più lunghi di 2 cm.

Tropaeolum polyphyllum

Non è una pianta adatta a essere allevata in vaso in quanto ha necessità di spazio e di una discreta profondità del terreno per svilupparsi al meglio.

TROPAEOLUM SPECIOSUM

La Tropaeolum speciosum è una pianta perenne, a foglie decidue, originaria del Cile, stolonifera, che si presenta con i fusti attorcigliati e lunghi e sottili rizomi.

Tropaeolum speciosum

I fiori sono prodotti in estate, sono solitari e di uno straordinario rosso brillante, portati da un lungo peduncolo e provvisti di sperone. In considerazione del fatto che ha un apparato radicale profondo, non è adatta a essere allevata in vaso perchè ha necessità di una discreta profondità del terreno.

TROPAEOLUM AZUREUM
Tropaeolum azureum

La Tropaeolum azureum è una specie a portamento rampicante che produce deliziosi fiori speronati di colore azzurro - violetto nella tarda primavera.

TROPAEOLUM PELTOPHORUM

La Tropaeolum peltophorum è una pianta originaria della Colombia, molto simile alla precedente dalla quale si differenzia per via dei fiori più piccoli e di colore giallo-rosso e per le foglie provviste di un picciolo molto più lungo e di colore tendente al grigio. Il periodo della fioritura è a partire dall'estate inoltrata e fino all'autunno inoltrato (luglio -ottobre).

TROPAEOLUM TUBEROSUM

La specie Tropaeolum tuberosum è una specie rampicante perenne, originaria della Bolivia, Colombia, Ecuador e Perù. E' provvista di radici tuberose con foglie lobate di colore verde tendente all'azzurro. Fiorisce in estate (agosto - settembre) e fino all'autunno producendo numerosi fiori di colore giallo o rosso, provvisti di sperone.

TROPAEOLUM TRICOLOR

La Tropaeolum tricolor (T. tricolorum) è una specie originaria della Bolivia e del Cile. E' tuberosa, rampicante e produce dei bellissimi fiori di colore variabile dal rosso, al viola al blu, con i margini screziati di verde dall'inverno all'inizio dell'estate.

TROPAEOLUM PENTAPHYLLUM

La Tropaeolum pentaphyllum è una specie rampicante che produce fiori di colore rosa con un frutto di colore viola scuro.

TECNICA COLTURALE

I nasturzi sono piante di non troppa difficile coltivazione, tutte per lo più allevate come annuali, anche le specie perenni.

Sono piante che è preferibile coltivarle in posizioni tali da non ricevere il sole nelle ore più calde della giornata.

I nasturzi non hanno problemi con le alte temperature mentre viceversa temono le gelate.

Se state allevando specie tuberose abbiate l'accortezza, per il periodo invernale, di togliere i tuberi dal terreno e conservarli in luogo asciutto e fresco fino alla primavera successiva.

In autunno, quando le foglie del nasturzio inizieranno a diventare gialle, occorre interrompere le irrigazioni in quanto questo sintomo è indice che la pianta sta entrando in riposo vegetativo. Sarà la pianta che vi segnalerà, in primavera, che è arrivato il momento di riprendere le annaffiature, con la ripresa vegetativa.

Tropaeolum majus
ANNAFFIATURA

A partire dalla primavera e per tutta l'estate annaffiare regolarmente in modo da mantenere il terreno sempre leggermente umido. In ogni caso non eccedere in quanto riescono a sopportare anche brevi periodi di siccità.

TIPO DI TERRENO - RINVASO

Per il rinvaso occorre considerare che se si utilizza un terreno troppo ricco di elementi nutritivi, si avrà un maggiore sviluppo della parte vegetativa rispetto a quella riproduttiva (fiori). Pertanto per poter avere una bella e rigogliosa fioritura è preferibile non utilizzare un terreno troppo fertile.

Occorre comunque tenere presente che sono piante che non amano il ristagno idrico pertanto abbiate cure che il terreno sia ben drenante.

CONCIMAZIONE

Durante il periodo di attiva crescita vegetativa (primavera -estate) del nasturzio occorre diluire nell'acqua di annaffiatura un buon fertilizzante da somministrare ogni due/tre settimane, dimezzando le dosi rispetto a quanto riportato nella confezione del fertilizzante.

E' opportuno usare un concime che oltre ad avere i macroelementi quali azoto (N), fosforo (P) e potassio (K) abbia anche i microelementi quali il ferro (Fe), il manganese (Mn), il rame (Cu), lo zinco (Zn), il boro (B), il molibdeno (Mo), tutti importanti per una corretta crescita della pianta.

POTATURA

Le Tropaeolum non si potano. Si eliminano solo le parti che via via seccano o si danneggiano per evitare che diventino veicolo di malattie parassitarie.

FIORITURA

L'epoca di fioritura è variabile a seconda della specie per cui si rimanda alle schede delle singole specie.

MOLTIPLICAZIONE

La moltiplicazione in genere viene effettuate per seme, direttamente a dimora lavorare il terreno in modo da eliminare la crosta superficiale e renderlo meno compatto e seminando a 2/3 cm di distanza tra la file e lungo le file. Se la specie che state seminando è rampicante, ricordatevi di piantare vicino al seme un palo al quale la piantina potrà abbarbicarsi mano mano che cresce.

Si possono anche fare dei semenzai, in appositi cassoni o vasi, utilizzando un miscuglio di torba e sabbia in parti uguali e a temperature abbastanza basse, intorno ai 10-13°C avendo cura di ricoprire i semi con circa 1 cm di sabbia. La germinazione dovrebbe avvenire nel giro di un mese. In questo caso abbiate cura di effettuare il trapianto quando siete sicuri che il pericolo gelate sia scongiurato in quanto le giovani piantine non sopravvivrebbero.

Nel caso di specie tuberose, si moltiplica per divisione dei tuberi.

PARASSITI E MALATTIE
Le piante fiorisce poco

Questo sintomo è da ricollegare al fatto che la pianta riceve troppo poco sole.
Rimedi: spostare la pianta in un luogo più soleggiato ma non nelle ore più calde della giornata.

Presenza di piccoli animaletti biancastri sulla pianta

Se notate dei piccoli insetti mobili di colore bianco-giallastro-verdastri siete quasi sicuramente in presenza di afidi o come comunemente sono chiamati pidocchi.
Osservateli con una lente di ingrandimento e confrontateli con la foto a lato, sono inconfondibili, non ci si può sbagliare.

Afidi delle piante

Rimedi: trattare la pianta con antiparassitari specifici facilmente reperibili da un buon vivaista. Si tratta in genere di prodotti sistemici, vale a dire che entrano nel circolo linfatico della pianta e quindi sono assorbiti durante la nutrizione degli insetti.

CURIOSITA'

I fiori, i frutti e le foglie della Tropaeolum majus sono commestibili e usati come insalata. I fiori ancora in bocciolo sono usati come sostituti dei capperi.

Note
(1) Immagine non soggetta a copyright per gentile concessione di Wouter Hagens

Trovapiante