Home => Piante e fiori => Piante d'appartamento e da giardino => Pereskia
COME COLTIVARE E CURARE LE NOSTRE PIANTE
PERESKIA
Pereskia coltivazione e cura

Le Pereskia sono delle splendide cactaceae che però il più delle volte non sono riconosciute come tali in quanto ricordano più delle rose che dei cactus.

CLASSIFICAZIONE BOTANICA

Regno
:
Plantae

Clado
: Angiosperme
Clado
: Eudicotiledoni
Ordine
:
Caryophyllales

Famiglia
:
Cactaceae

Genere
:
Pereskia

Specie
: vedere il paragrafo «Principali specie»
CARATTERISTICHE GENERALI

Le piante del genere Pereskia appartengono alla grande famiglia delle Cactaceae, originarie dell'America centrale (Florida), del Messico, dell'America meridionale tropicale e delle Indie occidentali, specialmente delle zone costiere.

Molto spesso queste piante non sono riconosciute come succulente a causa del fatto che sono provviste di normali foglie e il loro aspetto non le ricorda. Infatti più che rassomigliare a un cactus, sono simili alle rose, in particolare alla rosa canina.

Sono piante a portamento arbustivo, eretto o rampicante, con fusti spinosi, foglie per lo più ovali, coriacee, picciolate e provviste di areole che portano ciuffi di robuste spine. I fiori sono grandi e spesso profumati e producono dei frutti commestibili.

Sono a rapida crescita.

Pereskia fiori
Pereskia frutto
PRINCIPALI SPECIE

Esistono una ventina di specie tra le quali ricordiamo:

PERESKIA ACULEATA

La Pereskia aculeata è un rampicante a rapido accrescimento.

Pereskia aculeata

Possiede delle vere e proprie foglie ovali, lucide, che portano sulla pagina inferiore dei piccoli uncini che servono come ancoraggio per i nuovi germogli. I fiori sono profumati e riuniti in grappoli, di color crema con stami di colore giallo-aranciato, molto belli.  I frutti sono delle bacche commestibili di colore giallino. Fiorisce in autunno.

PERESKIA GRANDIFOLIA

La Pereskia grandifolia (o Pereskia grandiflorus) chiamata anche rosa cactus, ha un portamento più arbustivo rispetto alla precedente ed è caratterizzata da steli provvisti di spine e grandi foglie di colore verde chiaro lunghe circa 15 cm.

Pereskia grandifolia

I fiori sono di colore rosa e fioriscono alla fine dell'estate.

TECNICA COLTURALE

Le Pereskia non sono piante di difficile coltivazione e possono essere allevate sia in appartamento che all'aperto, la dove le temperature lo consentono.

Amano la luce e il sole soprattutto durante la fase della fioritura. Se piantate all'aperto l'ideale è sistemarle in una posizione dove ricevano il sole, ma non nelle ore più calde della giornata che potrebbe bruciare le foglie.

Non hanno grossi problemi di temperatura massima ma la minima non deve scendere sotto i 5°C.

Sono piante che amano l'aria per cui se allevate in appartamento, assicurate un buon ricambio.

ANNAFFIATURA

Durante il periodo primaverile-estivo le annaffiature della Pereskia devono essere abbondanti ma senza lasciare il terreno fradicio inoltre è importante che in superficie sia asciutto prima di procedere con la successiva irrigazione. Durante il periodo autunno-invernale le irrigazioni vanno molto ridotte in modo d'avere il terreno quasi asciutto.

Evitare di lasciare acqua stagnante nel sottovaso in quanto i ristagni idrici non sono in alcun modo tollerati.

TIPO DI TERRENO - RINVASO

Si rinvasano quando il vaso è diventato troppo piccolo per contenere le radici, in primavera, utilizzando un terreno per cactaceae al quale è bene aggiungere un pochino di sabbia grossolana per favorire il drenaggio dell'acqua di irrigazione nella misura di 2:1 (2 parti di composta e 1 parte di sabbia o perlite).

Sistemate sul fondo del vaso dei pezzi di coccio in modo che la terra o le radici non ostruiscano il foro di drenaggio perchè i ristagni idrici non sono tollerati.

Quando il vaso, con i successivi rinvasi, avrà raggiunto le dimensioni di circa 30 cm, allora sarà sufficiente rimuovere i primi strati di terreno (2,5-5 cm) e sostituirlo con del terriccio fresco.

Personalmente consiglio sempre di usare dei vasi di terracotta e non di plastica in quanto permettono alla terra di respirare.

CONCIMAZIONE

Dalla primavera e per tutta l'estate la Pereskia va concimata una volta al mese con un concime liquido per cactus diluito nell'acqua di irrigazione diminuendo leggermente le dosi rispetto a quanto riportato nella confezione del fertilizzante.

A partire dall'autunno e per tutto l'inverno, sospendere le concimazioni.

FIORITURA

Il periodo di fioritura è variabile a seconda della specie ma sempre tra la primaverile e l'autunno.

Pereskia aculeata
POTATURA

Al momento del rinvaso in genere si provvede a fare una bella potatura per ridurre le dimensioni della pianta. Il taglio va fatto appena al di sopra dell'inserzione delle foglie nel fusto. Dato che la pianta fiorisce di solito nei rami dell'anno precedente, questi non devono essere potati per intero.

Abbiate cura che l'attrezzo che usate per il taglio sia pulito e disinfettato (preferibilmente alla fiamma) per evitare di infettare i tessuti.

MOLTIPLICAZIONE

La moltiplicazione delle Pereskia può avvenire per seme o per talea.

Se scegliete la moltiplicazione per seme tenete presente che ha con se lo svantaggio che, subentrando la variabilità genetica, non si è certi di avere delle piante uguali alla pianta madre. Pertanto se non siete certo della qualità del seme o desiderate avere una pianta precisa è preferibile fare la moltiplicazione per talea.

MOLTIPLICAZIONE PER TALEA

In primavera si ricavano dalle cime dei rami delle talee lunghe circa 10-13 cm. Si aspetta qualche giorno prima di proseguire per dare il tempo alla ferita del taglio di cicatrizzarsi e quindi si piantano in un terriccio per cactaceae mescolato con po' di sabbia.

Moltiplicazione per talea

Il vaso si tiene in un ambiente illuminato, ma non al sole diretto e a una temperatura intorno ai 18-24°C, mantenendo il terreno costantemente umido. Quando inizieranno a nascere i nuovi germogli vuol dire che la talea ha radicato. A quel punto la talea può essere trattata come una pianta adulta.

MOLTIPLICAZIONE PER SEMI

La moltiplicazione per semi si esegue all'inizio della primavera. Preparate un vassoio o un vaso con del terriccio per cactaceae che immergerete in acqua e lascerete sgrondare per bene. Dopo di che potete distribuire i semi in maniera uniforme sulla superficie del vassoio. Ricoprite il vassoio con un foglio di plastica trasparente o una lastra di vetro che garantirà una buona temperatura ed eviterà che il terriccio si asciughi troppo rapidamente. Rimuovete il foglio di plastica ogni giorno per controllare l'umidità (il terriccio deve essere sempre leggermente umido) del terreno e togliere la condensa che si forma sulla plastica o nel vetro.  Il vassoio va tenuto all'ombra, a una temperatura intorno ai 21°C fino al momento della germinazione.

Moltiplicazione per seme: uso di un nebulizzatore per inumidire il terreno
Moltiplicazione per seme: uso di un foglio di plastica trasparente per evitare che il terreno si secchi troppo rapidamente e per mantenere una umidità costante

Una volta che i semi hanno germogliato si toglie il telo di plastica o il vetro e si sistema il vassoio in una posizione più luminosa, mantenendo il terreno sempre appena umido. Quando le nuove piantine saranno sufficientemente grandi da essere manipolate si trapiantano nel vaso definitivo così come indicato per le piante adulte e si trattano come tali.

PARASSITI E MALATTIE

Non sono piante particolarmente soggette a malattie. Nel loro caso è più corretto parlare di fisiopatie vale a dire malattie causate da cattive tecniche di coltivazione.

Gli steli appaiono molli e scoloriti

Questo è il classico sintomo di un eccesso di acqua.
Rimedi: se tutta la pianta si presenta in questo modo, non c'è più niente da fare. Se invece sono solo alcuni rami, potete tentare di salvare la pianta. Togliete la pianta con tutto il pane di terra dal vaso e lasciatelo all'aria in modo che il terreno si asciughi rapidamente. Controllate le radici ed eliminate quelle marce tagliandole almeno 1 cm sopra la zona danneggiata con una forbice disinfettata, preferibilmente alla fiamma. La stessa cosa fate per i rami. Sulle superfici tagliate cospargete una polvere fungicida ad ampio spettro e quindi rinvasate con del nuovo terriccio. Aspettate almeno due settimane prima di annaffiare nuovamente. Per il futuro usate maggiore cautela nelle annaffiature.

Presenza di piccole macchie sulla pagina inferiore delle foglie

La presenza di macchie sulla pagina inferiore delle foglie potrebbero significare che siete in presenza della cocciniglia e in particolare della cocciniglia farinosa, un insetto. Per essere certi, usate una lente di ingrandimento e confrontatele con la foto al lato. Inoltre se provate a toglierle con un'unghia, vengono via facilmente.

Cocciniglia farinosa

Rimedi: toglietele con un batuffolo di cotone imbevuto di alcool o se la pianta è in vaso, potete lavarla con un acqua e sapone strofinando delicatamente con una spugna per rimuovere i parassiti, dopo di che risciacquate molto bene per eliminare il sapone. Per le piante più grandi e piantate all'aperto, usate degli antiparassitari specifici.

Foglie che iniziano a ingiallire e compaiono delle piccole macchie gialle e marron

Se le foglie manifestano questi sintomi molto probabilmente è in corso un attacco di ragnetto rosso, un acaro molto fastidioso. Se osservate con attenzione noterete anche delle sottili ragnatele, soprattutto nella pagina inferiore delle foglie.

Acari delle piante

Rimedi: aumentare l'umidità dell'ambiente in quanto questi acari prosperano in ambienti secchi. Se l'infezione è particolarmente grave, usate insetticidi specifici.

CURIOSITA'

Il genere Pereskia è sicuramente uno dei più importanti della famiglia delle cactacee in quanto, date le sue particolari caratteristiche, si interpone tra le piante con foglie e le piante succulente.

La Pereskia aureiflora è menzionata tra le specie minacciate di estinzione (Endangered, EN) nella RED list, perché le popolazioni di questa pianta sono diminuite almeno il 50% nelle ultime tre generazioni (una generazione è di 20 anni) a causa della conversione e il degrado del suo habitat a causa della deforestazione per scopi agricoli e minerari.

Trovapiante