elicriso.it - rivista sull'ambiente e sulla natura
mercoledì 30 luglio 2014
  Skip Navigation Links
   Elicriso offerto in  
Testo normale Testo grande Testo molto grande
Rubriche sulle piante
Come coltivare e curare le piante
Le amiche silenziose
Cure per le vacanze
Rinvaso
Abutilon
Acacia
Acalypha
Acanthus
Achimenes
Acorus
Actaea
Adiantum
Adromischus
Aeonium
Aechmea
Aeschynanthus
Agapanthus
Agave
Ageratum
Aglaonema
Albizia
Allamanda
Alocasia
Aloe
Alpinia
Alsobia
Amaryllis
Ananas
Anthurium
Antirrhinum
Aphelandra
Aporocactus
Aquilegia
Araucaria
Ardisia
Areca
Arisaema
Aristolochia
Asarum
Asparagus
Aspidistra
Asplenium
Aucuba
Azalea (Rhododendron)
Babiana
Bambù (subtribù Bambusine)
Bauhinia
Beaucarnea
Begonia
Beloperone
Bessera
Billbergia
Blechnum
Bouganville
Bouvardia
Bowiea
Bromeliaceae
Browallia
Brunfelsia
Caladium
Calatea (Calathea)
Calceolaria
Calendula
Calla (Zantedeschia)
Callisia
Callistemon
Camelia
Campanula
Campsis
Canna
Capelvenere
Casuarina
Catharanthus
Celosia
Cereus
Ceropegia
Chamaedorea
Chamaerops
Chlorophytum
Ciclamino (Cyclamen)
Cissus
Clerodendrum
Clivia
Clusia
Codonanthe
Coffea
Coleus
Columnea
Conophytum
Cordyline
Cotyledon
Crassula
Crossandra
Croton
Cryptanthus
Ctenanthe
Curcuma
Cycas
Cyrtomium
Cytisus
Davallia
Dieffenbachia
Dimorphotheca
Dionaea
Dipladenia
Dizygotheca
Doryanthes
Dracena (Dracaena)
Echeveria
Echinopsis
Echinocactus
Epiphyllum
Episcia
Erica
Eustoma
Exacum
Fatshedera
Fatsia
Felci
Fico d'india
Ficus
Filodendro (Philodendron)
Fittonia
Fucsia
Gardenia
Gelsomino
Geranio (Pelargonium)
Gerbera
Gloriosa
Grevillea
Gunnera
Guzmania
Gynura
Hardenbergia
Haworthia
Hedera
Hedychium
Helxine
Hemerocallis
Ibisco (Hibiscus)
Hippeastrum (Amarillo)
Hoffmannia
Hosta
Hoya
Hypoestes
Impatiens
Ipomoea
Iresine
Ixora
Jacaranda
Jacobinia
Kalanchoe
Kentia
Kohleria
Lampranthus
Lapageria
Leptospermum
Lithops
Lobelia
Mammillaria
Maranta
Medinilla
Murraya
Musa
Neoregelia
Nephrolepsis
Nertera
Nidularium
Oleandro (Nerium)
Orchidea
Ortensia (Hidrangea)
Pachira
Pachypodium
Pachystachys
Pandanus
Papiro (Cyperus)
Passiflora
Pellaea
Pellionia
Peperomia
Pereskia
Pervinca (Vinca)
Philesia
Piante grasse
Pitcairnia
Pilea
Pittosporo (Pittosporum)
Platycerium
Plectranthus
Plumbago
Plumeria
Polianthes
Polypodium
Polyscias
Polystichum
Pothos (Scindapsus)
Primula
Pteris
Quesnelia
Ravenea
Rebutia
Rechsteineria
Rhapis
Rhoeo
Rhoicissus
Ricino
Rose
Ruellia
Russelia
Sanchezia
Sansevieria
Saxifraga
Schefflera
Sedum
Selaginella
Senecio
Setcreasea
Skimmia
Sinningia
Solanum
Sparmannia
Spathiphyllum
Stapelia
Stella di Natale
Stephanotis
Strelitzia
Streptocarpus
Streptosolen
Stromanthe
Syngonium
Tagetes
Tetrastigma
Thunbergia
Tillandsia
Tolmiea
Trachycarpus
Tradescantia
Tropaeolum
Urceolina
Vallota
Veltheimia
Tibouchina
Violetta africana (Saintpaulia)
Vriesea
Woodwardia
Xanthosoma
Yucca
Zamia
Zamioculcas
Le nostre amiche orchidee
Piante medicinali
Piante aromatiche
Conoscere le piante: come vivono e come sono fatte
I fiori di Bach
Il linguaggio dei fiori e delle piante
Come le donne famose della storia si facevano belle con le piante
Piante carnivore
Piante allucinogene
Piante tonificanti e afrodisiache
I principali nemici delle nostre piante
L'agronomo risponde
Epoca di raccolta e vendita della frutta italiana
Dizionario botanico
Rubriche sugli animali
Mammiferi
Uccelli
Rettili
Anfibi
Pesci
Echinodermi
Cefalopodi
Suoni emessi dagli animali
Altre rubriche
News ambientali
Geologia e ambiente
Clima e ambiente
Mitologia e ambiente
Agricoltura e ambiente
Geologia e biologia marina
Quando l'uomo diventerà un essere umano?
Energie rinnovabili
Diritto ambientale
Directory
La natura in cucina
Conservazione delle specie e dell'ambiente
Natura, usi, costumi del sud America
Arte e ambiente
Aree protette
Musica e ambiente
Tutto ciò che dobbiamo sapere sugli incendi
Quattro risate in compagnia ed altro
L'angolo della Sardina
Le nostre vignette
Video
Foto natura
Recensioni
Spazio aperto ai lettori
Pubblicazione foto dei nostri amici animali
Racconti di viaggio
Gli articoli dei lettori
Vecchi siti geologici
Forum
Il regno delle Orchidee
Il regno delle Orchidee
COME COLTIVARE E CURARE LE PIANTE
BEGONIA


Alla famiglia delle Begoniaceae appartengono più di mille specie tutte originarie delle zone tropicali e subtropicali dei due emisferi e circa 10.000 cultivar ed ibridi. Questo genere rappresenta la quasi totalità della famiglia delle Begoniaceae.  
In questo articolo:
Classificazione botanica Caratteristiche generali Principali specie Tecnica colturale Annaffiatura Tipo di terreno - rinvaso Concimazione Potatura Moltiplicazione Parassiti e malattie Curiosità
CLASSIFICAZIONE BOTANICA

Famiglia: Begoniaceae
Genere: Begonia
Specie: vedere il paragrafo "Principali specie"

CARATTERISTICHE GENERALI

Alla famiglia delle Begoniaceae appartengono più di mille specie tutte originarie delle zone tropicali e subtropicali dei due emisferi e circa 10.000 cultivar ed ibridi. Questo genere rappresenta la quasi totalità della famiglia delle Begoniaceae.

Il genere Begonia è  suddiviso in tre grandi categorie a seconda del tipo di radice:

  • Begonie con radice rizomatosa: sono piante sempreverdi e la loro particolarità è la presenza di un rizoma al posto della radice vale a dire un fusto perenne sotterraneo funzionante come organo di riserva. Le foglie sono variamente colorate. I fusti sono striscianti ed i fiori sono poco appariscenti;

  • Begonie con radice tuberosa: sono piante caratterizzate dall'avere la radice formata da un grosso tubero nerastro. In genere sono piante annuali (ci sono anche le forme perenni) e producono fiori molto grandi, semplici o doppi e molto colorati.

  • Begonie con radice fascicolata: sono piante sempreverdi e la loro particolarità sono le radici fascicolate o affastellate (vale a dire le radici secondarie di primordine si accrescono tanto quanto la radice principale). Alcune Begonie di questo tipo sono arbustive altre hanno un andamento strisciante ma tutte producono fiori a pannocchia.

Le caratteristiche comuni di tutte e tre le categorie sono le foglie che crescono asimmetriche e alternate lungo il fusto carnoso e provvisto di grossi nodi ed il fatto che sono piante monoiche, vale a dire che i fiori maschili ed i fiori femminili sono sulla stessa pianta e diversi tra loro.

I fiori maschili sono di solito più appariscenti e formati da quattro tepali (nelle piante in cui non esiste la distinzione tra calice e corolla gli elementi che costituiscono il fiore sono detti tepali), di diverse dimensioni a due a due; i fiori femminili sono invece formati da quattro tepali uguali tra loro e con un ovario dal quale, una volta fecondato,  si origina un frutto che prende il nome di capsula a forma triangolare contenente molti semi di piccole dimensioni

PRINCIPALI SPECIE

Il genere Begonia è ricchissimo di specie e di ibridi, tra le quali ricordiamo

BEGONIE RIZOMATOSE

BEGONIA MASONIANA

La Begonia masoniana è originaria della Cina.

Presenta le foglie pelose, di colore verde scuro con delle strisce bruno - porpora che formano una croce.

Ha i fusti carnosi, rossi, e ricoperti da numerosi peli bianchi. Raramente fiorisce.

BEGONIA REX

La Begonia rex, è sicuramente la Begonia più conosciuta.

Il suo paese di origine è l'Assam (stato a nord est dell'India).

La sua particolarità sono le foglie, variamente colorate, ricoperte da una fine peluria che la rendono unica nel suo genere.

Fiorisce molto raramente da giugno a settembre producendo dei piccoli fiori bianchi di scarso effetto decorativo.

BEGONIA VERSICOLOR

La Begonia versicolor ha origine dalla Cina e presenta le foglie di un bel verde scuro con disegni argentati e bronzei.

BEGONIE TUBEROSE

BEGONIA CLARKEI

La Begonia clarkei, è originaria dell'America meridionale con fiori di colore rosa che sbocciano d'estate.

BEGONIA PEARCEI

La Begonia pearcei anche lei ha origine dall'America meridionale e la sua particolarità sono i suoi straordinari fiori che sbocciano d'estate.

BEGONIA SOCOTRANA

La Begonia socotrana è originaria dell'isola di Socotra (Oceano indiano) e raramente si trova in commercio ma merita di essere menzionata in quanto ha dato origine a numerosissimi ibridi a fioritura invernale quali le Begonie Lorena e le Begonie Hiemalis.

Sono begonie alte circa 40 cm con fiori molto larghi e molto colorati che sbocciano in pieno inverno.

BEGONIA EVANSIANA

La Begonia evansiana è originaria dell'Asia orientale.

Ha le foglie di colore verde molto intenso e produce dei piccoli fiori rosa, da giugno a settembre-ottobre.

BEGONIE FASCICOLATE

BEGONIA METALLICA

La Begonia metallica deve il suo nome al colore delle foglie di un bel verde metallico.

La sua origine è il Brasile

BEGONIA SEMPERFLORENS

La Begonia semperflorens è una pianta originaria del Brasile. Non raggiunge mai dimensioni ragguardevoli, al massimo 40-50 cm.

La sua particolarità sono i fiori, variamente colorati, bianchi, rossi o rosa. Fiorisce da giugno ad ottobre.

Questa Begonia è perenne ma viene di solito coltivata come pianta annuale.

BEGONIA VENOSA

La Begonia venosa è originaria del Brasile ed è una pianta succulenta.

I fiori sono bianchi e le foglie ed i fusti sono ricoperti ha una peluria biancastra.

TECNICA COLTURALE

BEGONIE RIZOMATOSE

La temperatura ottimale di coltivazione è intorno ai 15°C durante tutto l'arco dell'anno. Amano la luce intensa ma non il sole diretto. Durante l'inverno le temperature non devono essere al di sotto dei 13°C ma mantenute comunque in un ambiente fresco.


BEGONIE TUBEROSE

Hanno necessità di molta luce ma mai sole diretto. Se le temperature superano i 18°C è necessario creare intorno alla pianta un ambiente umido ponendo il vaso su uno strato di ghiaia dove sarà sempre presente un filo d'acqua.

In autunno- inverno, quando le foglie iniziano a cadere e la pianta si spoglia, si può lasciare il tubero nel vaso, all'asciutto (i tuberi possono anche essere tolti dal vaso e conservati in un luogo fresco, buio, asciutto, sotto uno strato di torba o di sabbia, pratica necessaria nel caso di tuberi di Begonia coltivata all'aperto) e ad una temperatura intorno ai 7-10 °C.

Ad marzo-aprile, si prende il tubero e si mette a dimora in un composto formato da torba e terra d'erica in modo d'avere un terreno leggermente acido e si pianta il tubero con la parte concava rivolta verso l'alto in modo da lasciare scoperte le gemme. ad una temperatura di 15 °C lasciando almeno 3 cm tra il bordo del vaso ed il tubero. I vasi si tengono al buio per qualche giorno quindi si portano gradatamente alla luce, fino ad arrivare alla luce intensa (ma mai sole diretto).

Una volta che nascono i primi germogli, si trasferiscono le giovani piantine in vasi con del terriccio torboso. In questo modo già a fine giugno si avrà la fioritura che dura in genere sino a settembre..


BEGONIE FASCICOLATE

La temperatura ottimale di coltivazione è intorno ai 15°C durante tutto l'arco dell'anno ma riescono a vivere anche temperature intorno ai 10°C.. Amano la luce intensa ma non il sole diretto. Quando le temperature superano i 20°C è necessario mettere la pianta all'ombra. L'ambiente di coltivazione deve essere ventilato ma senza correnti d'aria. Amano l'umidità pertanto è buona norma riporre il vaso su uno strato di ghiaia dove sarà sempre presente un filo d'acqua. Amano le nebulizzazioni ma facendo attenzione a non bagnare i fiori che altrimenti potrebbero macchiarsi.

Sia le foglie che i fiori devono essere subito asportati non appena appassiscono perchè altrimenti fanno marcire le foglie sane con le quali sono a contatto.

Alla fine di febbraio, se le radici hanno occupato tutto il terriccio a loro disposizione, è necessario potarla leggermente in modo da ridare vigore ed una forma più regolare alla pianta

 

Tutte le Begonie, indipendentemente dalla specie, richiedono un'umidità dell'aria abbastanza elevata ma allo stesso tempo non dovrà essere stagnante in quanto sono delle piante facilmente attaccabili dai funghi. Pertanto è buona norma mantenere si un ambiente umido ma allo stesso tempo garantire un ricambio dell'aria senza però creare delle correnti che sono molto nocive per questo genere.

ANNAFFIATURA

Le Begonie vanno annaffiate spesso a seconda della temperatura esterna avendo cura però di far asciugare il terriccio superficialmente tra un'innaffiatura e l'altra. Durante il periodo invernale le annaffiature vanno ridotte drasticamente e annaffiate solo quando la superficie del terriccio è asciutta.

Solo le Begonie tuberose necessitano di un quantitativo d'acqua inferiore. In autunno, quando le foglie cominciano a cadere, si sospendono le irrigazioni.

TIPO DI TERRENO - RINVASO

Le Begonie rizomatose e le fascicolate si rinvasano ogni anno ad aprile con un terriccio formato da tre parti di terriccio torboso ed una parte di sabbia grossolana. avendo cura, per assicurare un buon drenaggio, di mettere sul fondo del vaso dei pezzi di coccio. Per le tuberose, vedi quanto indicato sopra.

CONCIMAZIONE

Per la concimazione seguono tutte la stessa regola:

Durante l'inverno si sospendono le concimazioni mentre per tutta la primavera e l'estate si deve concimare regolarmente ogni 15 gg. con un titolo più elevato di Potassio.

Per quanto riguarda il tipo di concime da somministrare, in commercio ne esistono di tanti tipi ma è buona norma leggere l'etichetta che specifica la composizione. Per queste piante che producono una grande quantità di fiori, è preferibile usare concimi che abbiamo un titolo abbastanza elevato in Potassio (P). Accertatevi pertanto che oltre ad avere i cosiddetti "macroelementi" quali Azoto (N), Fosforo (P) e Potassio (K) e che tra questi il Potassio sia in "maggiore quantità" che abbia anche i "microelementi" quali  il Ferro (Fe), il Manganese (Mn), il Rame (Cu), lo Zinco (Zn), il Boro (B), il Molibdeno (Mo), tutti importanti per una corretta ed equilibrata crescita della pianta.

POTATURA

Di solito la Begonia non si pota. Vanno semplicemente eliminate le foglie che via via disseccano per evitare che diventino veicolo di malattie parassitarie. 

Abbiate cura che l'attrezzo che usate per il taglio sia pulito e disinfettato (preferibilmente alla fiamma) per evitare di infettare i tessuti.

MOLTIPLICAZIONE

BEGONIE RIZOMATOSE

Si possono moltiplicare per seme o per divisione del rizoma ma il metodo più diffuso è la moltiplicazione  mediante TALEE FOGLIARI (tipica moltiplicazione della Begonia rex e della Begonia masoniana)

Si prende una foglia sana e vigorosa e si divide in tante porzioni quadrate di circa 2-3 cm di lato.
Riponete le singole porzioni con la pagina inferiore rivolta verso il basso,  su un vassoio con torba e sabbia in parti uguali preventivamente inumidito. Fissate le singole porzioni con del filo di ferro in modo da farle aderire perfettamente al terriccio.

Per la Begonia masoniana che ha le foglie molto raggrinzite e quindi risulta difficile farle aderire perfettamente al terreno, è meglio mettere metà pezzetto di foglia direttamente nel terriccio in modo che la venatura più grossa sia interrata.

Il vassoio va ricoperto con della plastica trasparente o con del vetro. Il vassoio va messo in una zona luminosa ma non con luce troppo intensa e facendo in modo da mantenere un ambiente umido e ad una temperatura intorno ai 21 °C.

Dopo 5/6 settimane nasceranno le nuove piantine.

Appena nascono le nuove piantine, vanno immediatamente messe alla luce intensa ma non al sole diretto.

Quando saranno sufficientemente grandi da poter essere manipolate, le trapianterete facendo in ogni caso molta attenzione a non rovinare alcuna parte della pianta (sarebbe preferibile usare una forchetta per queste operazioni che infilerete al di sotto del terreno per prendere la piantina intera e metterla nel nuovo vaso) in un terriccio torboso.

 

BEGONIE TUBEROSE

Si moltiplicano per lo più per talea o per divisione dei tuberi. ad aprile quando nascono i primi germogli.

Le talee si prelevano dai getti basali, lunghe intorno ai 10 cm e preferibilmente prese con una piccola porzione di tubero e si piantano in un miscuglio costituito da sabbia e torba in parti uguali.. Si ripongono in un ambiente con temperature intorno ai 20°C.

I tuberi più grossi possono anche essere tagliati in porzioni in modo che ciascuna porzione abbia almeno un germoglio.

I tuberi più grossi possono anche essere tagliati in porzioni in modo che ciascuna porzione abbia almeno un germoglio.

BEGONIE FASCICOLATE

Si moltiplicano sia per talea di foglie e fusto che per semi.

Per quanto riguarda la MOLTIPLICAZIONE PER SEMI si effettua in gennaio - febbraio distribuendo i semi il più uniformemente possibile date le piccole dimensioni, in file parallele su un terriccio per semi. Dato che i semi sono piccoli, per interrarli leggermente, spingeteli sotto il terriccio usando un pezzo di legno piatto.

Sarebbe buona norma, per prevenire eventuali attacchi di funghi, somministrare con l'acqua di irrigazione anche un fungicida ad ampio spettro, nelle dosi indicate nella confezione.

Il vassoio che contiene i semi va tenuto all'ombra, ad una temperatura intorno ai 20 - 23°C e costantemente umido (usate uno spruzzatore per inumidire totalmente il terriccio) fino al momento della germinazione.

Il vassoio va ricoperto con un foglio di plastica trasparente che garantirà una buona temperatura ed eviterà un disseccamento troppo rapido del terriccio.

Una volta che i semi hanno germogliato, si toglie il telo di plastica, e mano a mano che le piantine crescono, si aumenta la quantità di luce (mai il sole diretto) , si riduce la temperatura intorno ai 18°C e si assicura una buona ventilazione. Tra tutte le piantine nate, sicuramente ci saranno quelle meno vigorose rispetto ad altre. Individuatele ed eliminatele in questo modo garantirete più spazio alle piantine più robuste.

Quando saranno sufficientemente grandi da poter essere manipolate, le trapianterete facendo in ogni caso molta attenzione a non rovinare alcuna parte della pianta (sarebbe preferibile usare una forchetta per queste operazioni che infilerete al di sotto del terreno per prendere la piantina intera e metterla nel nuovo vaso) in un terriccio torboso.

Si possono moltiplicare anche per talea di foglie e di fusto.

PARASSITI E MALATTIE

Foglie con evidenti bruciature

se le foglie presentano questo sintomo vuol dire che la pianta è stata esposta al sole diretto specialmente se si è spruzzata d'acqua quando era al sole.
Rimedi: sistemare la pianta in un luogo più idoneo, luminoso ma non con il sole diretto.

La pianta si affloscia:

questo è il classico sintomo da eccessiva annaffiatura o di una temperatura troppo elevata.
Rimedi: spostate la pianta in un luogo più fresco o lasciare asciugare la superficie del terriccio.

Muffa grigia sulla pagina superiore delle foglie e sui fiori

potrebbe trattarsi di un attacco di Botrytis cinerea, un fungo molto dannoso favorito da elevate umidità. Il fungo infetta sia le foglie, i fiori ma anche il il fusto dove si manifesta con lesioni di colore marrone scuro.
Rimedi: aumentare la ventilazione, evitando però di creare correnti d'aria e lasciare asciugare la pianta. Trattare poi con fungicidi specifici.

 
Presenza sulle foglie di una muffa bianca di aspetto polverulento dal tipico odore di fungo

questo è il classico sintomo da Mal bianco, in particolare di Oidium begoniae, un fungo molto dannoso favorito da elevate umidità e da temperature intorno ai 20-24°C. Il fungo manifesta dapprima delle macchie biancastre isolate che via via confluiscono formando delle macchie che necrotizzano a partire dalla parte centrale. Questo porta ad un accartocciamento delle foglie lungo la nervatura centrale e alla morte della foglia.
Rimedi: aumentare la ventilazione, evitando però di creare correnti d'aria e lasciare asciugare la pianta. Trattare poi con fungicidi specifici.

CURIOSITA'

Il nome del genere Begonia è stato dedicato a Michel Begon, governatore delle Antille, da parte di Charles Plumier, francescano che ha introdotto la Begonia in Europa.

Vendita opere di Toru Iwaya
Dedicato a Pio Petrocchi
Contatti Perchè Elicriso Links Redazione Privacy
Copyright© 2000-2014 Elicriso.it - Note legali