elicriso.it - rivista sull'ambiente e sulla natura
giovedì 18 dicembre 2014
  Skip Navigation Links
   Elicriso offerto in  
Testo normale Testo grande Testo molto grande
Rubriche sulle piante
Come coltivare e curare le piante
Le nostre amiche orchidee
Piante medicinali
Aceto di mele
Acetosa
Acetosella
Aglio
Agrimonia
Alchemilla
Alloro
Aloe
Ananas
Aneto
Angelica
Anice stellato
Anice verde
Aquilegia
Aristotelia
Asperula
Assenzio
Basilico
Biancospino
Borragine
Calendula
Camomilla comune
Camomilla romana
Capelvenere
Cappero
Cardo mariano
Castagno
Cedrina
Cicoria
Cipolla
Citronella
Corbezzolo
Cumino
Dragoncello
Drosera
Elicriso
Ginepro
Gramigna
Iperico
Issopo
Lavanda
Liquirizia
Luppolo
Maggiorana
Malva
Melissa
Menta
Mirto
Origano
Ortica
Papavero da oppio
Papavero selvatico
Parietaria
Pepe
Peperoncino
Piretro
Prezzemolo
Primula
Pungitopo
Ricino
Rodiola
Rosmarino
Rucola
Ruta
Salvia
Santoreggia
Senape
Tarassaco
Tiglio
Timo
Valeriana
Piante aromatiche
Conoscere le piante: come vivono e come sono fatte
I fiori di Bach
Il linguaggio dei fiori e delle piante
Come le donne famose della storia si facevano belle con le piante
Piante carnivore
Piante allucinogene
Piante tonificanti e afrodisiache
I principali nemici delle nostre piante
L'agronomo risponde
Epoca di raccolta e vendita della frutta italiana
Dizionario botanico
Rubriche sugli animali
Mammiferi
Uccelli
Rettili
Anfibi
Pesci
Echinodermi
Cefalopodi
Suoni emessi dagli animali
Altre rubriche
News ambientali
Geologia e ambiente
Clima e ambiente
Mitologia e ambiente
Agricoltura e ambiente
Geologia e biologia marina
Quando l'uomo diventerà un essere umano?
Energie rinnovabili
Diritto ambientale
Directory
La natura in cucina
Conservazione delle specie e dell'ambiente
Natura, usi, costumi del sud America
Arte e ambiente
Aree protette
Musica e ambiente
Tutto ciò che dobbiamo sapere sugli incendi
Quattro risate in compagnia ed altro
L'angolo della Sardina
Le nostre vignette
Video
Foto natura
Recensioni
Spazio aperto ai lettori
Pubblicazione foto dei nostri amici animali
Racconti di viaggio
Gli articoli dei lettori
Vecchi siti geologici
Forum
Il regno delle Orchidee
Come coltivare e curare le nostre piante
LE PIANTE MEDICINALI
GINEPRO

(Juniperus communis L.)
In questo articolo:
Caratteristiche generali Proprietà Parti utilizzate della pianta Come si utilizza Avvertenze Linguaggio dei fiori

CARATTERISTICHE GENERALI

Il Ginepro, nome scientifico Juniperus communis L., appartiene alla famiglia delle Cupressaceae ed è una pianta presente in tutta Europa fino ad un'altitudine di 2500 m.

Le sue bacche, molto conosciute per l'aroma che danno alle pietanze tanto d'avere dato il nome al genere, infatti la parola "Juneprus" deriva dal celtico che significa "acre".

Il Ginepro è una pianta arbustiva o piccolo albero che può raggiungere diversi metri di altezza con fusto ad andamento per lo più tortuoso, alle volte strisciante, corteccia rugosa di colore grigio-rossastro. Le foglie di un bel verde intenso sono aghiformi ed inserite a tre a tre. E' una pianta dioica (vale a dire ci sono piante che portano solo fiori femminili e piante che portano solo fiori maschili) ed i fiori sono giallastri quelli femminili e verdastri quelli maschili sempre poco visibili raggruppati alle ascelle delle foglie. Compaiono in primavera. I frutti sono delle bacche verdi il primo anno, nere-bluastre il secondo quando maturano, ricoperte da una fitta pruina e provviste di una fessura a forma di stella. Contengono 3 semi triangolari.

PROPRIETA'

il Ginepro contiene olio essenziale ricco di terpeni, acido ossalico, acido malico, resina, glucidi, acidi organici.

Le sue proprietà sono: carminativo, depurativo, diuretico, emmenagogo, rubefacente, balsamico, antireumatico, tonico.

PARTI UTILIZZATE DELLA PIANTA

Del Ginepro si utilizzano i rametti più teneri, i frutti raccolti in autunno e poi rapidamente essiccati in luoghi ventilati per evitare la formazione di muffe.

COME SI UTILIZZA

L'essenza e l'infuso di Ginepro si utilizzano per il meteorismo, i bruciori di stomaco e per problemi diuretici.

Le fumigazioni aiutano nelle malattie da raffreddamento.

Le frizioni con gli oli essenziali per i dolori reumatici.

I lavaggi per le irritazioni cutanee.

Viene utilizzato in cucina come aromatizzante e nell'industria dei liquori.

AVVERTENZE

Non si deve abusare con l'uso delle bacche di Ginepro in quanto possono arrecare problemi dati dal suo olio essenziale, ricco di terpeni.

LINGUAGGIO DEI FIORI E DELLE PIANTE

Vedi "Ginepro - Il linguaggio dei fiori e delle piante"

Vendita opere di Toru Iwaya
Dedicato a Pio Petrocchi
Contatti Perchè Elicriso Links Redazione Privacy
Copyright© 2000-2014 Elicriso.it - Note legali