elicriso.it - rivista sull'ambiente e sulla natura
giovedì 24 aprile 2014
  Skip Navigation Links
   Elicriso offerto in  
Testo normale Testo grande Testo molto grande
Skip Navigation LinksHome > Altre rubriche > Mitologia e ambiente > Mito di Dedalo e Icaro
Rubriche sulle piante
Come coltivare e curare le piante
Le nostre amiche orchidee
Piante medicinali
Piante aromatiche
Conoscere le piante: come vivono e come sono fatte
I fiori di Bach
Il linguaggio dei fiori e delle piante
Come le donne famose della storia si facevano belle con le piante
Piante carnivore
Piante allucinogene
Piante tonificanti e afrodisiache
I principali nemici delle nostre piante
L'agronomo risponde
Epoca di raccolta e vendita della frutta italiana
Dizionario botanico
Rubriche sugli animali
Mammiferi
Uccelli
Rettili
Anfibi
Pesci
Echinodermi
Cefalopodi
Suoni emessi dagli animali
Altre rubriche
News ambientali
Geologia e ambiente
Clima e ambiente
Mitologia e ambiente
Mito di Perseo
Mito di Narciso
Mito di Dafne
Mito di Aracne
Mito di Demetra e Persefone
Mito di Scilla e Cariddi
Mito di Io
Mito di Orfeo ed Euridice
Mito di Pan
Mito di Teseo ed Arianna, del Minotauro e Minosse
Mito di Dedalo e Icaro
Mito di Acheloo, Eracle e Deianira
Mito della nascita del mondo (regno di Urano e regno di Crono)
Mito della nascita del mondo (regno di Zeus)
Mito della nascita del primo uomo e della prima donna
Mito di Asclepio (Esculapio) il padre della medicina
Mito del diluvio universale
Mito della creazione dell'olivo e del cavallo
Mito di Sisifo
Mito di Mida
Mito di Edipo
Mito di Dioniso
L’ambiente pagano slavo-russo
Abbondanza
Ade
Afrodite
Apollo
Ares
Arpie
Artemide
Ate
Atena
Atlante
Centauri
Chimera
Chirone
Ciclopi
Crono
Demetra
Dioniso
Ecate
Efesto
Elios
Era
Erinni
Eris
Ermes
Eros
Estia
Gea
Metis
Ninfe
Oceano
Pan
Persefone
Pluto
Poseidone
Rea
Teti
Tifeo
Titani
Urano
Zeus
Bibliografia
Agricoltura e ambiente
Geologia e biologia marina
Quando l'uomo diventerà un essere umano?
Energie rinnovabili
Diritto ambientale
Directory
La natura in cucina
Conservazione delle specie e dell'ambiente
Natura, usi, costumi del sud America
Arte e ambiente
Aree protette
Musica e ambiente
Tutto ciò che dobbiamo sapere sugli incendi
Quattro risate in compagnia ed altro
L'angolo della Sardina
Le nostre vignette
Video
Foto natura
Recensioni
Spazio aperto ai lettori
Pubblicazione foto dei nostri amici animali
Racconti di viaggio
Gli articoli dei lettori
Vecchi siti geologici
Forum
Come coltivare e curare le nostre piante
Il regno delle Orchidee
MITOLOGIA E AMBIENTE
MITO DI

DEDALO E ICARO
Dedalo e Icaro - Antonio Canova - marmo, Venezia (Italia), Museo Correr
Antonio Canova (1757-1822), Dedalo e Icaro (1778-1779), marmo, Venezia (Italia), Museo Correr

Dedalo, figlio di Eupalamo (o di Eufemio o secondo altri di Mezione), era un uomo dall'ingegno straordinario tanto che si racconta che fosse stato allievo del dio Ermes o secondo altri della dea Atena. Godeva di una fama straordinaria in tutto il mondo conosciuto grazie alle sue abilità di architetto, scultore e inventore.

Abitava ad Atene, dove aveva un avviato laboratorio. Molti apprendisti lavoravano con lui e tra questi c'era anche suo nipote Acale (noto anche come Talo o Perdice), figlio della sorella. Acale, dimostrava una incredibile abilità già a soli dodici anni ed era così geniale che un giorno mentre era sulla spiaggia con i suoi compagni notò una lisca di pesce (secondo altri la mascella di un serpente) che gli diede l'idea per costruire una sega con il ferro. Furono sue l'invenzione del compasso per disegnare i cerchi; la ruota da vasaio e altre tanto che Dedalo, preoccupato dal fatto che il nipote stesse oscurando la sua fama, decise di ucciderlo.

Dedalo e Icaro - Pernice o Perdice

Una mattina si recò con Acale sull'Acropoli, sul tetto del Tempio di Atena e lo spinse giù.

La dea Atena, vista la scena, impietosita per Acale decise di sostenerlo in aria e lo trasformò in pernice da cui gli derivò il nome di Perdice.

Così Ovidio narra nelle Metamorfosi, VIII, 236-259: "Mentre Dedalo riponeva nella tomba il corpo dello sventurato Icaro, una loquace pernice, nascosta tra la sterpaglia fronzuta, lo scorse, e si rallegrò allo spettacolo sbattendo le ali e manifestando la sua allegrezza col canto.
Questo uccello, mai visto prima di allora, era divenuto tale da poco, perpetuo rimprovero per te, Dedalo.
La sorella infatti, ignara del destino, aveva affidato a costui, perchè lo istruisse, il proprio figlio (Acale), fanciullo di soli dodici anni, ma ben disposto ad apprendere.
Avendo osservato come erano disposte le spine nel dorso dei pesci, ne trasse il modello per incidere sul ferro affilato denti taglienti, inventando così la sega. (...) Dedalo spinto dall'invidia lo precipitò dalla rocca sacra a Minerva, fingendo una disgrazia. Ma Pallade, protettrice delle arti, ricoprendolo di penne durante la caduta lo sostenne e lo mutò in uccello,. Conservò ancora il suo nome, ma la vigoria del suo ingegno, un tempo pronto, passò nelle ali e nelle zampe.
Questo uccello non può infatti librare in alto il proprio corpo nè fare il nido tra i rami o su cime elevate; svolazza terra terra, deponendo le uova nelle siepi, e , memore dell'antica caduta, teme i voli troppo alti.
"

Dedalo tentò di far credere che Acate fosse caduto accidentalmente ma non fu creduto. Seguì un lungo processo e alla fine, considerata la sua fama, fu condannato all'esilio.

Si recò così a Creta, e si presentò al re Minosse, offrendogli i suoi servizi. Il re fu lieto di ospitarlo e iniziò ad affidargli diversi incarichi.

Dedalo in una scultura antica
Dedalo, scultura antica

In quel periodo Poseidone aveva inviato al re Minosse un toro bianco di incredibile bellezza affinchè gli fosse sacrificato questo perchè Minosse aveva pregato il dio del mare di inviargli un segno della predilezione che aveva nei suoi confronti rispetto ai suoi fratelli che volevano regnare con lui su Creta. Poseidone, esaudì la sua richiesta ma Minosse, colpito dalla bellezza del toro, non ebbe cuore di ucciderlo e in sua vece fece uccidere un altro toro. Poseidone, irato dall'affronto subito, fece innamorare follemente Pasifae, moglie di Minosse, del toro bianco. La donna, in preda all'amore più cieco, si rivolse a Dedalo affinchè le costruisse una vacca di legno nella quale potersi nascondere per avere il tanto desiderato amplesso. Dedalo, costruì una vacca tanto somigliante che il toro venne tratto in inganno e si unì a Persifae che si era nascosta all'interno della vacca.

Da questa unione nacque il Minotauro, essere con la testa di toro e il corpo di uomo. Re Minosse, spaventato e innorridito da quel bambino dall'aspetto tanto mostruoso, ordinò a Dedalo di costruire un labirinto tanto complesso, in modo che chi vi entrasse, non riuscisse più a ritrovare l'uscita e al suo interno imprigionò il Minotauro.

Poichè il Minotauro si cibava di carne umana, Minosse gli forniva periodicamente schiavi e fanciulli ateniesi (che la stessa città gli forniva come tributo in seguito a una disfatta).

In quel tempo arrivò a Creta l'eroe Teseo per combattere il Minotauro. Arianna, figlia del re Minosse e di Parsifae si innamorò del giovane e decise si aiutarlo nell'impresa chiedendo a Dedalo di indicarle un modo per uscire dal labirinto. Dedalo le fornì allora un gomitolo di lana che doveva essere svolto mano mano che ci si addentrava nel labirinto. Teseo quindi entrò, uccise il Minotauro e riuscì a uscirne grazie al gomitolo. Una volta fuori dal labirinto, fuggì con Arianna che poi abbandonò nell'isola di Nasso.

Teseo che uccide il Minotauro in un'anfora attica del V secolo a.C.
Teseo uccide il Monotauro, anfora attica V sec. a.C.
La caduta di Icaro, affresco pompeiano
La caduta di Icaro, affresco pompeiano

Quando Minosse scoprì che Teseo era riuscito nella sua impresa grazie all'aiuto di Dedalo, imprigionò nel labirinto lo stesso Dedalo assieme a suo figlio Icaro (1) che aveva avuto da Naucrate, una delle schiave di Minosse. Dedalo, dapprima si disperò ma dopo poco tempo ebbe un'idea geniale: costruire due paia di ali per fuggire via dal labirinto. Iniziò così a intrecciare delle penne saldando le più piccole con della cera.

Prima di decollare, Dedalo, ordinò a suo figlio di non volare nè troppo alto in quanto il calore del sole avrebbe sciolto la cera che teneva insieme gli intrecci, nè troppo basso in quanto le onde del mare potevano bagnare le ali appesantendole. Ma Icaro, una volta in volo, preso dall'ebbrezza per questa straordinaria esperienza non tenne conto dei consigli paterni e volò così in alto che la cera si sciolse e precitò in mare. Dedalo accortosi che il figlio non lo seguiva, ritornò indietro e l'unica cosa che vide furono delle piume che galleggiavano. Recuperato il corpo del figlio, Dedalo lo portò in un'isola vicina che chiamò Icaria, in onore di Icaro.

Così Ovidio narra nelle Metamorfosi, VIII, 183-235 : " (...) Dedalo, annoiato di Creta, e punto dalla nostalgia del luogo natio, non soffrì a lungo la prigionia impostagli,. "Possono precludermi il mare e la terra - disse - ma il cielo è certamente libero: andremo via per di là. Possieda pure Minosse tutto quanto desidera ma non sarà di sicuro padrone dell'aria" Volse allora la mente ad arti fino all'ora sconosciute, e rinnovellò la natura; dispose infatti secondo un dato ordine delle penne, poi, con del filo, fermò le parti di mezzo, fissò quindi con la cera le estremità inferiori e le piegò incurvandole lievemente così da imitare i veri uccelli. (...) Dopo aver dato l'ultimo ritocco al suo lavoro, l'artefice librò il proprio corpo sulle due ali, e restò sospeso nell'aria agitata. Poi istruì il figlio dicendogli: "tieni la via di mezzo o Icaro, ti raccomando; così se andrai basso l'onda appesantirà le penne, se troppo in alto, il sole le brucerà.. Vola tra l'una e l'altra: prendi la strada che io ti mostrerò". (...) E già avevano lasciato sulla sinistra l'isola di Samo, e sorpassate Delo e Paro; a destra era già Lebinto e Calimno feconda di miele.
La caduta di Icaro (1636-1638), olio su tela, Madrid (Spagna), Museo del Prado
Jacob Peter Gowy, da bozzetto di P. P. Rubens, La caduta di Icaro (1636-1638), olio su tela, Madrid (Spagna), Museo del Prado

Allorchè il giovinetto cominciò a godere dell'audace volo e abbandonò la sua guida; attratto dal desiderio del cielo, tenne un cammino più alto. La vicinanza del cielo ardente rammollì la cera profumata che teneva unite le penne, ed egli, battendo le braccia nude, privo di remeggio, non trovava non trovava appiglio che potesse sostenerlo nell'aria.. La sua bocca mentre invocava il nome del padre, fu chiusa dall'azzurro mare che da lui prese il nome ... il padre infelice ormai non più padre, disse: "Icaro" Icaro, dove sei? in quale luogo ti cercherò, Icaro?" Seguitava a chiamare "Icaro" ma quando vide le penne sparse sulle onde maledisse la sua arte. Poi allestì un sepolcro, dal nome dell'estinto, quella terra fu chiamata Icaria. "

Dopo aver seppellito il figlio Dedalo riprese a volare fino a quando decise di fermarsi a Cuma, in Italia, nei pressi di Napoli, dove costruì uno splendido tempio in onore del dio Apollo e ai piedi del quale depose le ali.

Minosse che non si dava pace per la fuga di Dedalo. Aveva allestito una grande flotta con la quale lo cercava ovunque portando con se una conchiglia di Tritone e un filo promettendo, in ogni luogo dove si fermava, una grossa ricompensa a colui che avesse saputo far passare il filo tra le spire della conchiglia. Minosse sapeva che nessuno sarebbe stato in grado di risolvere il problema, eccetto Dedalo.

Dedalo nel frattempo si era rifugiato a Camico in Sicilia, ospite del re Cocalo.

Minosse arrivato a Camico, propose il dilemma anche a Cocale che chiese aiuto a Dedalo. Dedalo, attaccò il filo a una formica e la introdusse nella conchiglia al cui capo estremo aveva posto una goccia di miele. Quando il re portò la conchiglia a Minosse, questi capì subito che l'artefice era Dedalo e pretese dal re che gli fosse consegnato. Ma sia il re che le sue figlie non volevano privarsi della compagnia di Dedalo perchè allietava le loro giornate costruendo incredibili balocchi. Fu così allora che mentre Minosse si faceva il bagno, le giovani principesse versarono acqua bollente nella vasca, uccidendolo. Esse poi giustificarono la sua morte attribuendola alla sua distrazione, dicendo che era caduto accidentalmente in una vasca di acqua bollente (2).

Il cadavere di Minosse fu quindi restituito ai cretesi dicendo che il re inciampando in un tappeto, era caduto in un calderone di acqua bollente. La leggenda vuole che Minosse per la sua integrità morale e la sua rettitudine fu assunto da Zeus come giudice supremo dell'Ade assieme al suo nemico Eaco e suo fratello Radamanto.

Dante nell'Inferno (V, 5-15) lo rappresenta in questo modo:

"Stavvi Minos, orribilmente, e ringhia,
Esamina le colpe nell'entrata,
Giudica e manda , secondo ch'avvinghia.
Dico che quando l'anima mal nata
Gli vien dinanzi, tutta si confessa;
E quel conoscitor delle peccata
Vede qual loco d'Inferno è da essa;
Cignesi con la coda tante volte,
Quantunque gradi vuol che giù sia messa.
Sempre, dinanzi a lui, ne stanno molte;
Vanno a vicenda ciascuna al giudizio;
Dicono e odono e poi son giù volte.
"

Dedalo e Icaro - Mito di Dedalo e Icaro
Gustave Doré (1832 – 1883), Minosse

Dedalo visse ancora diversi anni in Sicilia che la lasciò per unirsi a Iolao (3), nipote di Eracle, in Sardegna (Italia) dove continuò la sua professione. Le molte delle opere che contribuì a costruire furono chiamate costruzioni dedaliche o dedalea(4).


Note

(1) Secondo altri perchè aveva scoperto che aveva aiutato la moglie Pasifae ad accoppiarsi con il toro bianco.
(2) Un'altra versione vuole invece che fu Dedalo a passare un tubo sul tetto della stanza da bagno versandoci dentro dell'acqua bollente o della pece.
(3) Figlio di Ificle (fratellastro di Eracle) Iolao era nipote di Eracle. Aiutò lo zio nella lotta contro l'Idra di Lerna, fornendogli i tronchi infiammati con cui bruciare i colli del mostro affinchè non rinascesse la testa. Secondo alcuni partecipò anche alla spedizione degli argonauti e alla caccia del cinghiale Calidonio. Dopo la morte di Eracle, si alleò con Teseo nella lotta contro Euristeo poi migrò in Sardegna dove morì.
(4) Come ci hanno tramandato Pausania storico, geografo e erudito greco di metà del II sec. d.C. e Diodoro Siculo, storico greco di circa il 90 a.C.
Vendita opere di Toru Iwaya
Dedicato a Pio Petrocchi
Contatti Perchè Elicriso Links Redazione Privacy
Copyright© 2000-2014 Elicriso.it - Note legali