elicriso.it - rivista sull'ambiente e sulla natura
giovedì 24 aprile 2014
  Skip Navigation Links
   Elicriso offerto in  
Testo normale Testo grande Testo molto grande
Rubriche sulle piante
Come coltivare e curare le piante
Le nostre amiche orchidee
Piante medicinali
Piante aromatiche
Conoscere le piante: come vivono e come sono fatte
I fiori di Bach
Il linguaggio dei fiori e delle piante
Come le donne famose della storia si facevano belle con le piante
Piante carnivore
Piante allucinogene
Piante tonificanti e afrodisiache
I principali nemici delle nostre piante
Acari
Afidi
Aleurodidi
Cocciniglie
L'agronomo risponde
Epoca di raccolta e vendita della frutta italiana
Dizionario botanico
Rubriche sugli animali
Mammiferi
Uccelli
Rettili
Anfibi
Pesci
Echinodermi
Cefalopodi
Suoni emessi dagli animali
Altre rubriche
News ambientali
Geologia e ambiente
Clima e ambiente
Mitologia e ambiente
Agricoltura e ambiente
Geologia e biologia marina
Quando l'uomo diventerà un essere umano?
Energie rinnovabili
Diritto ambientale
Directory
La natura in cucina
Conservazione delle specie e dell'ambiente
Natura, usi, costumi del sud America
Arte e ambiente
Aree protette
Musica e ambiente
Tutto ciò che dobbiamo sapere sugli incendi
Quattro risate in compagnia ed altro
L'angolo della Sardina
Le nostre vignette
Video
Foto natura
Recensioni
Spazio aperto ai lettori
Pubblicazione foto dei nostri amici animali
Racconti di viaggio
Gli articoli dei lettori
Vecchi siti geologici
Forum
Il regno delle Orchidee
Il regno delle Orchidee
I PRINCIPALI NEMICI DELLE NOSTRE PIANTE
COCCINIGLIE

Pagine 1 - 2

In questo articolo:
Classificazione Caratteristiche generali Riproduzione Condizioni per lo sviluppo Sintomi sulle piante Principali specie Lotta Controllo biologico

PRINCIPALI SPECIE

Parleremo solo delle famiglie più note e diffuse tra le nostre piante.

1) Famiglia Margarodidae

Sono cocciniglie molto primitiva, restano mobili in tutti gli stadi della loro vita e sono polifaghe. In questa famiglia ricordiamo il genere Icerya (Pericerya) che sono per lo più individui ermafroditi dall'aspetto femminile che ritroviamo più frequentemente negli agrumi, in alcune leguminose ed in varie piante ornamentali.

Sono per lo più ermafroditi, hanno un aspetto caratteristico inconfondibile (vedi foto a lato).

Compiono 2-3 generazioni all'anno.

I danni causati sono quelli tipici della specie con in più la produzione di abbondante melata .

2) Famiglia Pseudococcidae

Sono molto numerose le specie che appartengono a questa famiglia delle cosidette "cocciniglie farinose" per la caratteristica polvere cerosa che ricopre il loro corpo.

Sono di piccole dimensioni (2-3 mm di lunghezza) e con forma nelle femmine ovale ed appiattita mentre i maschi sono più piccoli.

Sono dotati di zampe per cui sono mobili.

Molte specie producono ovisacchi formati da numerosi filamenti cerosi e quando le femmine sono numerose, sulla parte colpita si forma quasi un tappeto fioccoso.

Tra le specie più comuni di questa famiglia ricordiamo il genere Planococcus che attaccano diversi tipi di piante quali gli Agrumi, la Vite, il Fico e numerose piante ornamentali.

3) Famiglia Coccidae o Lecanidae

Questa specie può raggiungere anche i 5 mm di lunghezza e sono per lo più immobili possedendo infatti delle zampe estremamente ridotte.

Il corpo delle femmine è per lo più convesso. Il dorso è ricoperto da un tegumento e spesso ricoperto di cera.

I maschi sono più piccoli delle femmine e sono dotati di ali.

Tra le specie più rappresentative ritroviamo il genere Saissetia che ritroviamo in numerose piante quali l'Olivo, gli Agrumi, e numerose piante ornamentali.

Ricordiamo anche il genere Eulecanium che ritroviamo in numerose piante quali il Kaki, la Vite, il Susino, l'Olmo, il Prunus, il Ribes, nelle piante ornamentali e in diverse piante erbacee.

 

 

4) Famiglia Diaspididae

Sono cocciniglie molto piccole e per lo più immobili. Le femmine hanno corpo appiattito e il dorso è protetto da uno scudetto più o meno tondeggiante o piriforme di seta o di cera. I maschi possiedono le zampe e spesso anche le ali.

Una loro caratteristica è che non producono melata anche perchè gli escrementi sono utilizzati per produrre lo scudetto che le protegge.

In questa famiglia esistono due sottofamiglie tra cui ricordiamo la più importante sottofamiglia dei Diaspidinae dove ritroviamo i generi: 


Mytilococcus

Parlatoria

LOTTA ALLE COCCINIGLIE

Nel caso di infezione purtroppo frequenti nelle piante d'appartamento, si sconsiglia la lotta chimica in quanto spesso gli insetticidi da utilizzare sono velenosi per l'uomo ed inoltre perchè possono essere tenuti sotto controllo armandosi di un po' di pazienza, un batuffolo di cotone e dell'alcool. Imbevete di alcool il batuffolo di cotone e ad uno ad uno eliminateli, vengono via facilmente. La pianta va tenuto sotto controllo e devono essere eliminati ogni qualvolta si ripresentano.

Nel caso di infestazioni nei giardini o in pieno campo, occorre intervenire chimicamente. I trattamenti vanno eseguiti sui soggetti giovani in quanto gli adulti sono per lo più invulnerabili in quanto protetti dai loro scudetti.

In ogni caso i principi attivi possono essere diversi a seconda della specie contro la quale si vuole intervenire e più o meno specifici. Infatti è fondamentale individuare esattamente la specie contro la quale si vuole intervenire ed agire in base sia ai fattori climatici ed allo stadio di sviluppo della pianta.

CONTROLLO BIOLOGICO DELLE COCCINIGLIE

Questi insetti sono controllati in natura sia da fattori naturali: piogge abbondanti che le lava via, forti insolazioni che fanno morire le giovani cocciniglie (neanide) non ancora ben protette dallo scudetto che da predatori/parassiti quali i coleotteri coccinellidi, gli Imenotteri e altri microorganismi quali alcuni funghi.

PAGINE 1 - 2

Fonti bibliografiche

Vendita opere di Toru Iwaya
Dedicato a Pio Petrocchi
Contatti Perchè Elicriso Links Redazione Privacy
Copyright© 2000-2014 Elicriso.it - Note legali