Home => Ambiente e natura => Geologia => Spazio ai lettori => Racconti di viaggio => Viaggio in Tunisia => Viaggio in Tunisia... Prosegue con pag. 6/23
RACCONTI DI VIAGGIO
TUNISIA
La terra dove la cultura si interseca con le oasi
testi di Antonietta Peroni
foto di Giovanni Camici
Pagine: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23
30 aprile 2014
: da Gafsa abbiamo raggiunto in un’ora Metlaoui, siamo andati alla stazione ferroviaria per sapere gli orari di partenza del Lezard Rouge, ma purtroppo la prossima partenza è per venerdì, quindi siamo tornati alla stazione degli autobus, per dirigerci a Tozeur. Da Metlaoui ci vogliono circa un’ora e mezza per raggiungerla, si attraversa un paesaggio desertico, circondato da palmeti e dal lago salato Chott el Jerid.
Tozeur panorama
Tozeur - Veduta panoramica
Arrivati in città, abbiamo alloggiato al Niffer Hotel, lasciati i bagagli, siamo andati a visitare le Palmeraie.
Tozeur  Irrigazione palmeraie
Tozeur - Irrigazione palmeraie
Tozeur  Irrigazione palmeraie
Tozeur - Irrigazione palmeraie
Tozeur  Irrigazione palmeraie
Tozeur - Irrigazione palmeraie
La visita si può compiere con carretti prettamente turistici, ma noi abbiamo preferito fare tutto il giro a piedi, così siamo riusciti a visitarla in lungo e in largo. In questa immensa oasi, con centinaia di migliaia di palme, dove il sole si affaccia tra le foglie, l'udito cattura il suono dell’acqua dei ruscelli, abbiamo camminato per circa due ore, passando per lo Zoo Le Paradis, che non abbiamo visitato. Qui ci siamo rifocillati e poi di nuovo in cammino verso la città.
Tozeur panorama
Tozeur - Zona vecchia
Tozeur panorama
Tozeur - I souk
In alcuni punti eravamo solo noi, luoghi non turisti, ma frequentati da gente del posto che si occupano delle palme o dell’orto che coltivano all’ombra di queste piante.
Nelle zone frequentate dai carretti, eravamo spesso avvicinati dal conducente che ci voleva offrire dell’acqua, poiché il caldo si faceva sentire! Tornati in città un po’ stanchi e stremati dal caldo, siamo andati a rilassarci un po’ nella medina, le abitazioni sono costruite in mattoni gialli e marrone, con disegni geometrici.
Tozeur la medina
Tozeur - La medina
Tozeur la medina
Tozeur - La medina
Tozeur la medina
Tozeur - La medina
Tozeur la medina
Tozeur - La medina
Tozeur la medina
Tozeur - La medina
Tozeur la medina
Tozeur - La medina - Finestre tipiche
Qui abbiamo scambiato due chiacchiere con gli abitanti del posto e poi ci siamo diretti al Belvedere, camminando per circa un’ora, sempre sotto il sole cuocente e con la bottiglia dell’acqua in mano!
Tozeur panorama
Tozeur - Belvedere
Tozeur panorama
Tozeur - Belvedere
Arrivati sul posto, lo scenario ci ha fatto dimenticare le nostre fatiche per raggiungerlo, il panorama è molto bello, palme, ruscelli, cascate e per finire si arriva al parco, dedicato al poeta tunisino Abu l-Qasim al-Shabbi. Qui ci sono delle rocce, dove ai lati è raffigurato il suo volto e intorno al parco sono riportati alcuni versi delle sue poesie. Siamo saliti su queste rocce e lo spettacolo da lassù è meraviglioso, si vede Tozeur circondata dal palmeto, dal Chott el Jerid e naturalmente il deserto. Dopo aver fatto le foto a volontà, siamo tornati lentamente verso il centro della città e per caso abbiamo visitato un edificio che ospita un’associazione culturale dedicata al poeta, dove sono esposte le sue foto, scene di vita e naturalmente le poesie.
Troverete altre fotografie del mio viaggio nelle pagine:
Pagine: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23

Questo racconto è stato cortesemente inviato da un nostro lettore. Se pensi che questo violi il Diritto d'autore o la Proprietà intellettuale o il Copyright preghiamo di avvisarci immediatamente scrivendo all'indirizzo scrivi@elicriso.it. Grazie

Se desideri pubblicare un tuo racconto di viaggio invialo a scrivi@elicriso.it
Trovapiante