Home => Come curare la nostra bellezza => Luffa: cos'è, benefici e proprietà

Luffa: cos'è, benefici e proprietà

La Luffa è una spugna vegetale ecologica ipoallergenica: parliamo delle sue proprietà e dei vantaggi nei suoi vari utilizzi.

Luffa:  cos'è, benefici e proprietàSpugna di luffa

Tu sei in: home come curare la nostra bellezza luffa: cos'è, benefici e proprietà

COS'E' LA LUFFA

La luffa, nota anche come spugna vegetale, è una pianta appartenente alla famiglia delle Cucurbitaceae (stessa famiglia delle zucchine, cetrioli, angurie, meloni ecc.) e la specie più utilizzata è la Luffa cylindrica o Luffa a Egyptiaca, che è una pianta rampicante erbacea annuale. Viene coltivata principalmente per i suoi frutti, che possono essere utilizzati come spugne naturali una volta essiccati e anche per altri impieghi industriali.

Piante di luffaPiante di luffa

A COSA SERVE LA LUFFA

La luffa, è una risorsa versatile e naturale con numerosi benefici per la pelle, la salute e l'ambiente. Sia che venga usata per la cura personale, per la pulizia domestica o come alimento, rappresenta un'ottima scelta ecologica e salutare.

Il principale uso è per l'igiene personale del corpo come pugna. Si usa sotto la doccia o durante un bagno risultando un eccellente esfoliante. Prima di essere usata va inumidita. Dopo di che si mette il sapone direttamente su di essa e si massaggia il corpo con movimenti circolari.

Ottima anche come esfoliante viso. In questo caso esistono versioni più delicate di spugne progettate specificamente per il viso, utili per rimuovere le cellule morte senza irritare la pelle.

Oltre ciò la luffa si usa per le pulizie casalinghe: si lavano le stoviglie come se fosse una spugna tradizionale in quanto pulisce in modo efficace soprattutto dove è necessaria un’azione energica.

E' eccellente anche come accessorio porta sapone o per cosmetici solidi, evitando in questo modo i fastidiosi ristagni d'acqua. Infatti, grazie alla sua struttura reticolata, lascia scolare i liquidi e mantiene il sapone sollevato dalla superficie del lavabo mantendolo pertanto asciutto.

La luffa ha anche altri utilizzi:

  • è usata come imballaggio realizzando pannelli, vassoi ecc.;
  • è usata a livello industriale come isolante termoacustico per realizzare pannelli fonoassorbenti e termoisolanti;
  • è usata come solette traspiranti per le calzature;
  • trova impiego anche per realizzare bambole, cappelli, giocattoli e altri oggetti decorativi;
  • è utilizzata come imbottitura per arredamenti e veicoli;
  • è impiegata come substrato per la coltivazione delle piante in vivaio o per le colture idroponiche o come compost per aerare il terreno e renderlo più permeabile;
  • si usa il latice che si ottiene incidendo il fusto della pianta per scopi officinali per realizzare saponi e cosmetici;
  • le sue foglie e i frutti contengono diverse sostanze (flavonoidi, carotenoidi ecc.) usate a scopo medicinale.

Insomma, è veramente una pianta dai mille usi e tante funzioni!

PROPRIETA' E VANTAGGI NELL'USARE LA LUFFA

Qualunque sia la ragione per la quale si usa, è una pianta che ha numerosi vantaggi:

  • è un prodotto completamente biodegradabile e compostabile degradandosi velocemente nell'ambiente;
  • è un ottimo prodotto per l'igiene personale soprattutto perchè è un eccellente esfoliante e non crea irritazione alla pelle in quanto ipoallergenica;
  • è leggermente abrasiva questo vuol dire che pulisce per bene le superfici senza graffiare;
  • è un prodotto ecosostenibile non danneggiando l'ambiente.

COME SI OTTIENE

Dato che la luffa è il frutto della pianta Luffa cylindrica, basta coltivare la pianta e aspettare che fiorisca, si impollini e quindi si lascia maturare il frutto. Vediamo nei particolari

Coltivazione: i semi si piantano in primavera, dopo l'ultima gelata, in un terreno ben drenato e ricco di sostanza organica. Assicurati che le piante ricevano molta luce solare e acqua regolarmente. Dato che sono piante rampicanti, assicura a ciascuna pianta un supporto al quale aggrapaprsi. Le piante fioriranno e produrranno frutti lunghi e cilindrici.

Raccolta dei frutti: i frutti di luffa devono essere lasciati maturare completamente sulla pianta. Questo processo richiede solitamente dai 2 ai 3 mesi. La maturazione è completa quando i frutti diventano marroni e la buccia inizia a staccarsi facilmente.

Preparazione della spugna: i frutti verdi immaturi possono essere usati come spugne se vengono essiccati all'aria per 2 o 3 settimane in un luogo caldo e asciutto. Questo trattamento farà diventare marrone la buccia del frutto, che potrà quindi essere facilmente rimossa. Bisogna fare attenzione a evitare i frutti verdi immaturi in cui la rete fibrosa non ha iniziato a svilupparsi, altrimenti il ​​frutto essiccato non sarà utilizzabile come spugna. Una volta asciutta, la luffa è pronta per essere utilizzata come spugna naturale.

Particolare spugna di luffaParticolare spugna di luffa

DOVE COMPRARLA

Le spugne di luffa è possibile trovarle nella sezione cosmetica e bagno dei grandi magazzini, nei supermercati, nelle farmacie, nelle erboristerie e nei negozi specializzati.

Un consiglio: comprate dei prodotti biologici, privi di residui chimici.

COME SI PULISCE LA SPUGNA

Può succedere che rimangano residui di sporco, di pelle o di cibo nella rete della spugna. In questo caso (ma è bene comunque farlo periodicamente) la spugna va lavata con un detersivo per i piatti o con uno sgrassatore e poi risciacquare per bene e lasciata asciugare per bene.

CONSIGLI PER L'ACQUISTO DELLA LUFFA

Quando acquisti la luffa, è utile tenere in considerazione alcuni fattori per assicurarti di ottenere un prodotto di buona qualità. Ecco alcuni consigli utili:

  • verifica che sia 100% naturale e biologica e non contenga pertanto additivi chimici o trattamenti artificiali;
  • scegli una luffa delle dimensioni e della forma adatte all'uso previsto. Le spugne più grandi sono ideali per il corpo, mentre quelle più piccole possono essere utilizzate per il viso o per la pulizia delle stoviglie;
  • osserva la trama che deve essere uniforme e avere una consistenza robusta ma non troppo rigida. Una buona luffa è abbastanza morbida da non graffiare la pelle, ma abbastanza dura da fornire un'esfoliazione efficace;
  • una luffa naturale dovrebbe avere un leggero odore vegetale. Se ha un odore chimico o sgradevole, potrebbe essere stata trattata con sostanze chimiche;
  • evita le luffe che sembrano umide o ammuffite;
  • acquista da venditori affidabili e con buone recensioni. Se acquisti online, controlla le recensioni dei prodotti per avere un'idea della qualità della luffa venduta;
  • evita le luffe eccessivamente economiche, poiché potrebbero essere di bassa qualità o trattate chimicamente;
  • preferisci una spugna confezionata in modo ecologico, con imballaggi riciclabili o biodegradabili.

QUANTO DURA UNA SPUGNA DI LUFFA?

Se fai della spugna di luffa un uso quotidiano, è opportuno dopo circa due mesi cambiarla soprattutto quando ti accorgi che si deforma o cambia colore.

Ricorda inoltre che quando la butti via, di metterla nell'organico (è un prodotto vegetale) e sarà pertanto riutilizzato per fare concime.

SI PUO' MANGIARE LA LUFFA?

Alcune varietà di luffa possono essere mangiate, ma solo quando i frutti sono giovani e immaturi. Le varietà commestibili di luffa, come la Luffa acutangula (luffa costoluta) e la Luffa aegyptiaca (luffa cilindrica), sono consumate in molte cucine asiatiche realizzando zuppe, stufati, ripienao semplicemente saltata in padella. Va evitato di mangiarla troppo matura, poiché dura e fibrosa. Attenzione a possibili allergie.

BIBLIOGRAFIA CONSULTATA

Approfondimenti consigliati

Trovapiante

--->

Dedicato a Fabio Petrocchi, un amico, un compagno, un uomo
Elicriso Home