Home => Piante e fiori => L'agronomo risponde => Problemi ficus => Problemi Ficus elastica di 51 anni

Problema ficus

Problemi Ficus elastica di 51 anni

Tu sei in: home agronomo risponde ficus con problemi problemi ficus elastica di 51 anni

QUESITO DI MOIRA

Buongiorno,

scrivo per avere dei consigli riguardo ad una pianta di ficus elastica che ha ben 51 anni o più (è stata regalata al matrimonio dei miei genitori).

Nel corso della sua lunga vita è stata potata solo un paio di volte. Attualmente è da molti anni sotto un portico chiuso a vetri, illuminato dal sole solo nel pomeriggio (e comunque la pianta e’ protetta dai raggi diretti perché ci sono tende in caso di necessità).

Negli scorsi anni lo mettevamo fuori in estate ma ora non possiamo più spostarlo. Il vaso è di plastica, diametro di 50 cm. Non viene rinvasato da almeno 10 anni credo, per non spezzare rami e foglie, è diventato troppo complicato per noi maneggiarlo. Viene fertilizzato (di rado) con concime liquido per piante verdi… e d’inverno lo innaffio poco, d’estate più frequentemente, anche perché sotto questo portico fa molto caldo.

Ho notato che almeno dall’estate scorsa non fa più foglie nuove (anche se in cima ai rami ci sono, ma sembra che non riescano a crescere) e le foglie più vecchie alla base dei rami ultimamente ingialliscono e cadono.

Alla base del tronco vicino alla terra ho notato come una patina bianca (forse calcare dell’acqua) e il terriccio odora un po’ di muffa… non posso rinvasarlo da sola.

Al momento ho smesso di innaffiarlo. Solo 3 o 4 foglie presentano segni di macchie, di cui allego qualche foto. Chiedo se gentilmente potete darmi qualche indicazione.

Grazie

Moira

Problemi con una pianta di Ficus elastica

Problemi con una pianta di Ficus elastica

Problemi con una pianta di Ficus elastica

AGRONOMO RISPONDE

Buongiorno Moira,

hai una bellissima pianta di Ficus elastica che ha diversi problemi dovuti a una cattiva tecnica di coltivazione.

Tanti anni che non viene rinvasata e soprattutto non viene cambiata la terra, è veramente tanto. In più mi dici che sei molto avara nel darle il concime... poverina, che cosa ti ha fatto di male?

La pianta sta infatti soffrendo di queste mancanze e te lo sta ampiamente dimostrando. Il fatto che abbia smesso di crescere è dovuto al fatto che non ha più nutrienti da dare alla nuova vegetazione e quei pochi che trova nella terra, li usa per sopravvivere. In più, dato che non sono sufficienti, ha iniziato a sacrificare le foglie più vecchie (quelle poste in basso) per recuperare qualche elemento nutritivo. Inoltre la patina biancastra che vedi altro non è che il calcare dell'acqua che a lungo andare si è accumulato.

Vediamo pertanto il da farsi. La cosa migliore per la pianta è cambiare vaso e terra quanto prima, usando un vaso appena più grande del precedente. Se non trovi nessuno che ti dia una mano per questa operazione, puoi al limite, togliere quanta più terra ti è possibile dalla superficie del terreno e sostituirla con del terriccio nuovo (cosa che in ogni caso ti consiglio di fare ogni anno). Ma ripeto, rinvasarla sarebbe la cosa migliore.

Visto che l'acqua della condotta è abbastanza calcare, se non è possibile usare un'acqua non calcarea, fai bollire l'acqua con qualche goccia di aceto, lasciala raffreddare e poi dalla alla pianta. In questo modo neutralizzi l'eccesso di calcare. Riprendi ad annaffiarla come sempre, poverina, perchè hai smesso? L'odore di muffa che senti è dovuto a un terreno ormai completamente denaturato che va assolutamente cambiato, ma se le togli l'acqua, la pianta morirà rapidamente.

Segui poi dei piani di concimazione regolari. Segui le indicazioni sia per quanto riguarda il terreno da usare che il concime nella scheda tecnica della pianta e la pianta dovrebbe riprendersi. Ma devi cambiare modo di gestirla altrimenti la perderai.

Quei segni sulle foglie non sono altro che delle mangiucchiature di qualche larvetta di passaggio. Niente di preoccupante.

Fammi sapere e se hai dei dubbi, riscrivimi.

MOIRA

Ringrazio tanto l’agronomo Maria Giovanna Davoli per la risposta precisa e veloce, cercherò di seguire i suoi consigli meglio che posso per salvare la pianta. Grazie.

Cordiali Saluti.

Moira

MOIRA

Buongiorno, vorrei contattare di nuovo l’agronomo che ha gentilmente risposto al mio precedente quesito: ho rinvasato la pianta di Ficus elastica, cambiando vaso e completamente il terriccio (ho messo il Compo sana universale con un po’ di argilla espansa sul fondo). Il vecchio terriccio era molto umido, duro e compatto come fango solidificato. Ho pulito meglio che potevo le radici (molto arrotolate sul fondo del precedente vaso) e ho rinvasato. Annaffiato una sola volta con acqua (non calcarea) e poco concime liquido per piante verdi. Purtroppo le foglie continuano a ingiallire e cadere. Ogni mattina ne trovo di nuove gialle e se continua così non ne rimarranno molte. Ho paura a innaffiarla troppo spesso... cosa posso fare?

La ringrazio anticipatamente per la risposta.

AGRONOMO RISPONDE

Buongiorno Moira,

adesso non devi fare più nulla. Devi solo annaffiare regolarmente con acqua non calcarea (puoi anche usare quella della bottiglia che usi per bere) e aspettare e senza dare concime, faresti un disastro. Il terreno è nuovo e la pianta ha quindi tanti minerali a cui attingere. Aggiungendo concime, sovrasaturi il terreno e lo rendi inospitale.

A questo punto devi avere pazienza.

La pianta si riprenderà? Nessuno può risponderti. Come hai visto da te, la situazione a livello radicale era disastrosa. Dobbiamo sperare che la pianta faccia nuove radici e nel frattempo viva con le radici sane che le sono rimaste. Per far questo, sacrifica delle foglie perchè non riesce a sopportare tutte le richieste di nutrimento dell'intera pianta. Lasciala fare. Dobbiamo solo aspettare e se nel frattempo fai anche ogni tanto una chiaccherata con lei (ci sono molto studi in merito che affermano che sia una cosa positiva) male non fa.

Fammi sapere e incrociamo le dita.

dott.ssa Maria Giovanna Davoli

 

Bibliografia consultata

I testi che usiamo per scrivere i nostri articoli sulle piante li puoi trovare a .

Approfondimenti consigliati

Trovapiante

Dedicato a Fabio Petrocchi, un amico, un compagno, un uomo
Elicriso Home