Home => Agricoltura e ambiente => La forza dei piccoli grandi passi: la transumanza ieri e oggi => La forza dei piccoli grandi passi: la transumanza ieri e oggi - Pag. 2

La forza dei piccoli grandi passi: la transumanza ieri e oggi

Tu sei in: home agricoltura e ambiente la transumanza ieri e oggi La forza dei piccoli grandi passi
Pagine: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7

GLOSSARIO SUI TRATTURI

  • Allistamento: antica tassa imposta sugli animali grossi in proporzione diretta alla distanza dei luoghi d'origine dalla Puglia
  • Bracci: vie di comunicazione tra più tratturelli
  • Capomassa: capo di un gruppo di pastori con terreno a pascolo in comune
  • Ciavarra e ciavarro: agnella e agnello di un anno
  • Compassatori: agrimensori incaricati della misura di pascoli e fondi
  • Compasso: misura di pascoli e fondi e relativo strumento
  • Disordine: coltivazione di una superficie minore o maggiore di quella presa in fitto. Coltivazione abusiva di terre destinate a pascolo o di porzioni di tratturi
  • Dispensazione: distribuzione di erbaggi straordinari insoliti
  • Erbacci straordinari insoliti: pascoli di proprietà privata su cui la Dogana aveva diritto di prelazione nell'affitto del pascolo invernale
  • Erbacci straordinari soliti: pascoli aggiuntivi alle locazioni e sottoposti allo stesso vincolo sin dal 1447
  • Erba statonica: pscolo estivo, dall'8 maggio al 29 settembre
  • Erba vernotica: pascolo invernale, dal 30 settembre al 7 maggio
  • Fellata: pecora di due anni Fida: importo dell'affitto annuale che i pastori pagavano alla Dogana per ogni capo di bestiame piccolo o grande che scendeva d'inverno ai pascoli fiscali di Puglia. Veniva valutato in modo diverso nei vari sistemi di gestione del Tavoliere
  • Locati: pastori situati con le relative greggi nei pascoli fiscali di Puglia dietro pagamento di un affitto annuo detto fida
  • Locazione: grande estensione di terreno fiscale in cui durante l'inverno sostavano le pecore
  • Locazione generale: pascolo per pastori del Regno o stranieri
  • Locazione particolare: superficie riservata al bestiame di feudatari e grandi proprietari
  • Massaro di pecore: capo dei pastori di un armento piuttosto numeroso; tutelava gli interessi del padrone ed era abilitato ad effettuare pagamenti
  • Masseria armentizia: allevamento di pecore, buoi, vacche, cavalli, porci
  • Mezzana: appezzamento di terreno adibito a pascolo die buoi destinati alla lavorzione della terra; aveva l'estensione di un quinto della superficie coltivata
  • Mezzanella: appezzamento di terreno adibito a pascolo unito alle terre a coltura per il sostentamento degli animali da lavoro; corrispondeva a meno di un quinto della superficie coltivata
  • Morra: gregge di ovini di numero non inferiore a 200-250 capi
  • Musciali: tascoli riservati alle pecore mosce
  • Passata: autorizzazione concessa ai pastori per consentire loro di raggiungere con le greggi le locazioni e poste assegnate e successivamente, scaduto il termine di affitto, di uscirne per ritornare alla residenza abituale
  • Pastoricchio: giovame scapolo con mansioni di guardiania alle dipendenze dei pastori Pecore carpagne: pecore dalla lana ruvida
  • Pecore gentili: pecore dalla lana sottile
  • Pecore insolite: pecore che non scendevano in Puglia tutti gli anni
  • Pecore mosce: pecore dalla lana lunga e grossa per materassi
  • Pecore pagliarole: pecore che restavano in Abruzzo e trascorrevano l'inverno nei pagliai
  • Pecore professate: pecore rilevate al Doganiere con il sistema della professazione
  • Pecore solite: pecore che scendevano in Puglia ogni anno
  • Pesatori di lana: incaricato dalla Dogana provvedeva a pesare la lana che i pastori depositavano nei fondaci a Foggia
    Pezza: piccolo appezzamento di terreno sia a pascolo che a coltura
  • Portata o terra di portata: terreno coltivato con sitema tradizionale di rotazione quinquennale con due anni di coltivazione a cereali e due a riposo; nei due anni di riposo era lasciato a pascolo delle greggi Possedibile: numero di pecore che potevano essere contenute in una posta o locazione
  • Posta: porzione di locazione, riparata dal vento, posta a solatìo, in leggera pendenza, ove gli ovini passavano la notte o i giorni più freddi
  • Posta fissa: posta che veniva assegnata, per ragioni speciali, sempre agli stessi greggi
  • Posta frattosa: posta con macchie di arbusti (fratte)
  • Postaioli: rappresentanti eletti a tutelare gli interessi dei pastori riuniti in una posta
  • Professazione: fu il sistema che sostituì l'altro della numerazione dei capi di bestiame, prescritto da Alfonso I D'Aragona, e fu introdotto nel 1533 dal Doganiere Ferrante di Sangro. Mentre col sistema della numerazione la fida corrispondeva al numero dei capi da immettere nei pascoli doganali, con la professazione (dichiarazione) era consentito chiedere pascolo per un numero di animali maggiore di quello reale, e pagando una fida più alta si ottenevano maggiori erbaggi Reintegra - Misurazione dei terreni del Tavoliere eseguita da personale qualificato (regi agrimensori o compassatori) allo scopo di eliminare eventuali occupazioni abusive
  • Riposi autunnali: vaste estensioni di pascolo ove il bestiame sostava in attesa dell'assegnazione della locazione o posta. I riposi funzionavano anche da posti di controllo e di blocco delle greggi per la conta dei capi e quindi la riscossione della fida
  • Riposi laterali: estensioni di pascolo poste a fianco dei tratturi per consentire la sosta delle greggi durante il cammino
  • Rivela: dichiarazione del numero di pecore che il locato, vigendo il sistema della professazione, intendeva immettere nel Tavoliere
  • Saldo: terreno incolto adibito soltanto ad uso di pascolo
  • Specorare: cessare dall'attività di allevatore di pecore per mortalità di animali o per vendita del gregge
  • Sterpe: pecore e vacche che non davano latte
  • Terre in perpetuum: fondi di origine privata dei quali fin dal secolo XV la Dogana con contratto si assicurò in perpetuo gli erbaggi
  • Terreni azionali: terreni a pascolo o a coltura appartenenti a luoghi pii
  • Terre salde a coltura: terreni che un tempo destinati a pascolo venivano fittati per coltura
  • Tratturo: via erbosa che serviva per la trasmigrazione delle greggi, in origine calles pubblicae, mentre i privilegi di cui godevano i pastori furono chiamati Tractoria nei codici di Giustiniano e Teodosio. Così anche queste vie assunsero la denominazione di tractoria, indi tracturi per alterazione fonetica dialettale
  • Zurracchio: capretto di un anno
  • Zurro: caprone

BIBLIOGRAFIA

  • Cialdea D. (2007a), Introduzione. In: Cialdea D. (ed:), Il Molise terra di transito. I tratturi come modello di sviluppo del territorio: Campobasso Arti Grafiche La Regione. 9-17
  • Cialdea D. (2007b), Individuazione di un tratturo-campione: descrizione del suo attraversamento nelle diverse realtà della regione Molise In: Cialdea D. (ed:), Il Molise 17terra di transito, I tratturi come modello di sviluppo del territorio: Campobasso: Arti Grafiche La Regione. 51-107
  • Cialdea D. (2007c), Le tipologie di coinvolgimento del territorio intorno al tratturo Pescasseroli-Candela. In: Cialdea D. (ed:), Il Molise terra di transito. I tratturi come modello di sviluppo del territorio: Campobasso: Arti Grafiche La Regione. 19-50
  • Archivio di Stato di Chieti Ricostruzioni cinematografiche, come il documentario 'Le Transumanze d’Europa' realizzato dai registi Anna Cavasinni e Fabrizio Franceschelli dell’Associazione Territori Link. www.leviedeitratturi.com
Pagine: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7
Trovapiante