Home => Animali del mondo => Spazio ai lettori => Racconti di viaggio => Viaggio in Portogallo
RACCONTI DI VIAGGIO
Portogallo

Un giorno al Cabo de Roca
Portogallo, Viaggio in Portoballo, Cabo de Roca

Io e Rita dalla stazione Rossio prendiamo un comodo treno (a tariffa irrisoria) per Sintra, (circa 30 minuti), la pioggia intensa ci impedisce di visitare la città, prendiamo il pullman urbano per andare al Palacio Nacional, tra pioggia e nebbia riusciamo a vedere i caratteristici alti camini a cono, visitiamo le varie sale decorate e riccamente arredate, alle pareti antichi azulejos, anche provenienti dalla Spagna, che permettono di vederne l’evoluzione nel tempo, infatti, ve ne sono alcuni del XIV secolo, altri sono dei secoli successivi, alcune sale si visitano anche con il naso all’insù per vedere i soffitti a cassettoni decorati, in particolare le sala dei cigni e delle gazze.

Portogallo, Viaggio in Portoballo, Cabo de Roca

Con un bus proseguiamo con il giro degli altri siti notiamo il Palacio da Pena che vediamo solo dall’esterno.

Portogallo, Viaggio in Portoballo, Cabo de Roca

Poi bus per Cabo da Roca, il punto più occidentale del continente europeo, indicato da una pietra scolpita.

Portogallo, Viaggio in Portoballo, Cabo de Roca

Arriviamo che non piove, non c’è quasi nessuno, il panorama è magnifico, da film, onde alte e violente si infrangono sul costone del Cabo, 150 metri di roccia a picco sul mare, avvolto da una leggera nebbia fa un effetto molto suggestivo, ci sono anche un faro, un piccolo ufficio turistico con all’interno un comodo salotto per gli ospiti, passiamo sul bordo dello strapiombo protetti da un muretto, ci avviciniamo al faro, inizia a piovere a dirotto, il vento aumenta sempre di più, il tempo varia continuamente, si passa dal sole al buio, alle due del pomeriggio, è difficile reggersi in piedi, ad un certo punto pensavo che grandinasse, ma sono le gocce d’acqua che vengono spinte con violenza sul volto, tenendoci agli alberi andiamo verso il muretto del cabo, che vediamo avvolto dalla nebbia e dalle onde, cerchiamo poi di raggiungere l’ufficio turistico, è diventato quasi buio, mi volano via gli occhiali, che verranno poi raccolti vicino al muretto da un altro turista a circa 80-100 metri.

Portogallo, Viaggio in Portoballo, Cabo de Roca
Portogallo, Viaggio in Portoballo, Cabo de Roca

Rientriamo nell’ufficio del turismo, ci sediamo nel salotto, un poliziotto ci spiega che il vento di oggi è “medio” e che è in giugno che raggiunge il massimo, andiamo quindi nell’annesso bar per mangiare qualcosa.

Portogallo, Viaggio in Portoballo, Cabo de Roca
Portogallo, Viaggio in Portoballo, Cabo de Roca

Esperienza interessante, sono stato in altri capi, e posso dire che quando in luoghi come questi c’è sole e mare calmo si rimane delusi. Saliamo sul pullman per Cascais, poi treno per Lisbona.

febbraio 2012
Ferny Forner

Questo racconto è stato cortesemente inviato da un nostro lettore. Se pensi che questo violi il Diritto d'autore o la Proprietà intellettuale o il Copyright preghiamo di avvisarci immediatamente scrivendo all'indirizzo scrivi@elicriso.it. Grazie

Se desideri pubblicare un tuo racconto di viaggio invialo a scrivi@elicriso.it
Trovapiante