Home => Animali del mondo => Spazio ai lettori => Gli articoli dei lettori => Mi presento: sono l'Uranio naturale
GLI ARTICOLI DEI NOSTRI LETTORI
Mi presento sono l'Uranio naturale

Da qualche mese sono sulla bocca di tutti, quasi come se mi avessero scoperto solo ora e di me vien detto di tutto, di buono e di brutto.

Ma io esisto da più di quattro miliardi di anni (secolo più, secolo meno) e mi meraviglio di tanto scalpore!

Vi siete mai chiesti perché il cuore della Terra ha una temperatura così alta? In parte è dovuto all’enorme energia che libero, insieme ai miei figli, nel decadere in altri elementi più stabili fino ad arrivare a trasformarmi nel comunissimo piombo!

E poi sono ovunque: grazie al mio carattere molto “socievole”, mi combino con quasi tutti gli altri elementi naturali formando sali, ossidi e minerali (più di 150 quelli noti) infatti in piccole quantità faccio parte di tante rocce della crosta terrestre e sono in continuo movimento tra loro e poi mi trasferisco con facilità dal mondo minerale a quello biologico.

A chi mi accusa indiscriminatamente di essere un tipo troppo “focoso”, radioattivo esattamente, vorrei precisare una cosa: sono composto da tre parti diverse con pesi diversi, una di 238 unità atomiche, un’altra di 235 e l’ultima di 234, ma viste le percentuali in abbondanza possiamo approssimare dicendo che sono composto quasi del tutto dal 238 con tracce di 235, ed è quest’ultimo ad essere molto radioattivo, tanto che viene utilizzato nel settore energetico come combustibile nucleare sia nel civile che nel militare. Quindi la mia ricchezza energetica è custodita nel 235, e quando me ne privano rimango per lo più costituito dal 238, venendo così denominato uranio impoverito.

In questo stato la mia radioattività diminuisce (non scompare!), ma è molto inferiore a quella emessa per esempio dal radon22 o dal potassio40 dei quali stranamente ancora non se ne parla (ma arriverà anche il loro turno!), che contribuiscono insieme ai raggi cosmici ed altri ancora, a costituire quello che viene chiamato “radiazioni naturale di fondo”.

In ogni caso quel po` che rilascio è schermato facilmente, tanto che nell’ industria civile esistono centinaia di brevetti che ne fanno uso, dalle chiglie delle navi alle freccette da gioco o alle mazze da golf!

Quel che più mi preoccupa è invece l’abuso nel settore militare come anima dei proiettili e simili: disperso così nell’ambiente (dopo i bombardamenti) risulto pericoloso per le popolazioni che ritornano a vivere in quei luoghi e non solo per loro ma anche per l’ambiente, con i suoi delicati ecosistemi, e per le falde acquifere che possono trasportarmi anche lontano dalle zone strettamente interessate.

Per non parlare del mio aspetto tossico come metallo pesante: sono pericolosissimo se ingerito o inalato e in tal caso esplico anche la mia radioattività dall’interno del corpo umano causando danni spesso irreversibili.

Spero che chi abbia pianificato questo uso bellico abbia pensato anche alle bonifiche urgenti e necessarie da fare in quelle aree, e non pensasse che il trascorrer del tempo aggiusti tutte le cose, perchè io vivo per altri miliardi di anni, ma di questo non fatemene una colpa.

Nevio

Se desideri pubblicare un articolo invialo a scrivi@elicriso.it

Nota
Questo articolo è state inviato da un nostro lettore. Se pensi che questo violi il Diritto d'autore o la Proprietà intellettuale o il Copyright preghiamo di avvisarci immediatamente scrivendo all'indirizzo scrivi@elicriso.it . Grazie

Trovapiante