Home => L'agronomo risponde => Problemi orchidea => Quando tagliare lo stelo fiorale della mia Phalaenopsis e cosa sono le macchie che vedo sulla pianta
L'AGRONOMO RISPONDE SU COME COLTIVARE E CURARE LE PIANTE
DOMANDA SULLE ORCHIDEE
Quando tagliare lo stelo fiorale della mia Phalaenopsis e cosa sono le macchie che vedo sulla pianta
QUESITO DI GIULIA

Buonasera Dottoressa,

La contattiamo per chiederle come comportarci con la nostra Phalaenopsis, che è in nostro possesso da settembre 2016.

La teniamo dentro casa, vicino ad una finestra ma non esposta a luce diretta, e la innaffiamo ogni 5-6 giorni; è stata concimata solo con concime liquido e non sono mai stati effettuati trattamenti antiparassitari (non ci sono stati né insetti né parassiti, almeno finora).

Per quanto riguarda lo stato della pianta, le ultime foglie spuntate sono verdi e apparentemente sane. Ci sono molte foglie sotto di queste, alcune spezzate a seguito di una caduta della pianta (ovviamente non è caduta da sola). Abbiamo sempre tagliato gli steli a due nodi dalla radice su indicazione del fiorista, ma mia suocera (pensando di fare bene) ha tagliato un paio di steli alla radice un anno fa, quando le ho lasciato la pianta. L'ultima fioritura piena c'è stata a maggio 2020 (v. prima foto), una seconda con un paio di fiori più recentemente.

Phalaenopsis, come tagliare gli steli fiorali e presenza di puntini
Foto 1
Phalaenopsis, come tagliare gli steli fiorali e presenza di puntini
Foto 2
Phalaenopsis, come tagliare gli steli fiorali e presenza di puntini
Phalaenopsis, come tagliare gli steli fiorali e presenza di puntini

Per quanto riguarda i sintomi, negli ultimi giorni, dopo la caduta dell'ultimo fiore a inizio settimana, i due steli hanno cominciato a seccarsi. Sia sugli steli sia su una foglia ci sono puntini, che non aveva mai avuto prima d'ora.

Vorremmo chiederle come comportarci sia per quanto riguarda gli steli che si stanno seccando, sia per le foglie che sono spezzate o rovinate.

Grazie in anticipo e buona serata,

Giulia

AGRONOMO RISPONDE

Salve Giulia,

dalle foto inviate la Phalaenopsis sembra ben in salute con foglie turgide di un bel colore verde intenso e stessa cosa dicasi delle radici. Quindi complimenti per come viene curata.

Per prima cosa diciamo che la prima la regola su cosa tagliare in una Phalaenopsis è eliminare solo ed esclusivamente le parti secche. Pertanto, tutto ciò che è verde (quindi che la pianta ritiene ancora utile per il suo ciclo vitale), va lasciato. Normalmente infatti nei vecchi steli fiorali ancora verdi la pianta rifiorisce, risparmiandosi una enorme quantità di energia per riformare lo stelo. Pertanto, non sono assolutamente d'accordo con quanto ha consigliato il fioraio. Occorre infatti riflettere su una cosa: in natura non esiste il superfluo. Tutto ciò che gli animali (a parte l'uomo) e le piante fanno, è sempre essenziale alla loro sopravvivenza. Allora, se la pianta decide di non far seccare una sua parte, perchè noi dobbiamo pensare che ha torto?

Altro aspetto il taglio dello stelo fiorale a livello della radice: non è successo nulla di grave. La Phalaenopsis, quando deciderà di rifiorire, ne farà uno nuovo ma per il futuro, vale quello che ho scritto sopra.

Veniamo adesso alle "macchie" presenti sulla pianta. Da quello che intuisco dalla foto n.1, sembrerebbero cocciniglie. Se provando a passare un'unghia vengono via facilmente, si tratta di cocciniglia. In quel caso, a parte che si trovano su un ramo secco che va tagliato, se fossero presenti sulle parti verdi della pianta, possono essere eliminate passandoci sopra un batuffolo di cotone imbevuto di alcool.

Per quanto riguarda le macchie nere della foto n. 2 non si comprende dalla fotografia di cosa si tratta. Potrebbero derivare dalla caduta, potrebbero essere un fungo... vanno seguite e se aumentano mi riscriva.

Infine per quanto riguarda le foglie rotte in conseguenza della caduta, non c'è nulla da fare. Vanno lasciate dove sono. Con il tempo si seccheranno e solo allora potranno essere eliminate.

Spero di essere stata chiara, diversamente, sono qua.

Dott.ssa M. G. Davoli

Se desideri conoscere meglio questa pianta, consulta la scheda tecnica a lei dedicata:
La Phalaenopsis
Trovapiante