Home => Animali del mondo => Fantasia e ambiente => Mitologia e ambiente => Erinni
MITOLOGIA E AMBIENTE
ERINNI
Erinni, divninità infernali
Erinni
Gustave Dorè, Illustrazione dell'Inferno di Dante, canto IX

Le Erinni nella mitologia greca erano delle divinità infernali figlie dell'Averno e di Gea (la terra) o secondo altri dell'Acheronte e della notte o secondo Esiodo nate dal sangue di Crono.

Il numero delle Erinni era variabile. Secondo Euripide erano tre Tesifone (la punitrice), Megera (l'odio), Aletto (il turbamento). Plutarco ne cita solo una Adrastia (il rimorso). In ogni caso le Erinni erano la personificazione della maledizione divina e del rimorso e punivano i colpevoli dei delitti di sangue specie quelli contro i famigliari e gli amici.

Si racconta che il quinto giorno di ogni mese lasciassero le loro dimore per recarsi sulla terra e punire i colpevoli accompagnate dal Terrore, dalla Rabbia e dal Pallore e una volta raggiunti i colpevoli gli rodevano il cuore. Secondo alcuni autori avevano anche il compito di ottenebrare la mente degli uomini e di condurli quindi al delitto e alla sventura.

Ma come tutte le divinità infernali non avevano solo un significato negativo infatti erano anche benevole nei confronti delle persone che si pentivano e allora venivano chiamate Eumenidi.

Le Erinni erano in genere rappresentate come delle donne con serpenti tra i capelli e con l'alito mefitico.

Nella mitologia romana erano identificate con le Furie.

Scrive Dante (Inferno, IX, 38-42)

«(...) Tre Furie infernal di sangue tinte,
Che membra femminili aveano, ed atto,
E con idre verdissime eran cinte;
Serpentelli e ceraste avean per crine,
Onde le fiere tempie erano avvinte (...)»

Trovapiante